Putin afferma che la NATO, usando tutto il suo potenziale contro la Russia, si propone di raggiungere obiettivi militari


Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha promesso di raggiungere gli obiettivi della “operazione militare speciale” del paese in Ucraina, anche se il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy è partito per gli Stati Uniti per fare pressioni per ulteriori armi.

In un discorso all’incontro annuale con i suoi capi della difesa, Putin ha affermato che Mosca raggiungerà tutti gli obiettivi della sua operazione militare in Ucraina, salutando i leader militari come “eroi”.

Il presidente russo ha affermato che l’alleanza militare della NATO sta usando tutte le sue capacità contro la Russia e ha esortato i capi della difesa a utilizzare la loro esperienza maturata negli ultimi dieci mesi in Ucraina e anche in Siria.
Ha detto che le perdite sul campo di battaglia in Ucraina sono state “una tragedia comune” e che continua a vedere gli ucraini come una “nazione fraterna”.

In modo pertinente, la Russia ha lanciato l’operazione in Ucraina alla fine di febbraio, in seguito alla mancata attuazione da parte di Kiev dei termini degli accordi di Minsk e al riconoscimento da parte di Mosca delle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk (dove le forze ucraine si apprestavano ad attaccare).

All’epoca, il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato che uno degli obiettivi di quella che aveva definito una “operazione militare speciale” era la “de-nazificazione” dell’Ucraina.

Mercoledì Putin ha affermato che i nemici della Russia vogliono vedere il paese disintegrarsi, aggiungendo che il suo paese è stato costretto a lanciare l’azione militare a causa delle “provocazioni” occidentali.
Putin si è impegnato a dare alle forze armate russe qualsiasi cosa chiedano per sostenere l’operazione militare in Ucraina, dove i combattimenti continuano a intensificarsi grazie al sostegno militare occidentale a Kiev.

Putin ha anche aggiunto che il ministero della Difesa deve accettare le critiche alle sue azioni durante la “operazione militare speciale” in Ucraina e che la recente campagna di mobilitazione ha evidenziato problemi specifici.
Nelle sue osservazioni, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che le forze russe stanno distruggendo il potenziale militare dell’Ucraina e ha accusato l’Occidente di cercare di “prolungare” il conflitto a tutti i costi.

Shoigu ha ammesso che la campagna di mobilitazione, che ha richiamato 300.000 riservisti nelle forze armate, si è rivelata una dura prova per il Paese e l’esercito, ma ha affermato che questa ha rafforzato le capacità di combattimento della Russia.

Il ministro ha proposto di aumentare la fascia di età per il servizio militare obbligatorio per coprire i cittadini di età compresa tra 21 e 30 anni, poiché ha affermato che le forzedell’esercito russo continueranno a combattere in Ucraina il prossimo anno.

Nel frattempo, il Cremlino ha avvertito che un aumento della fornitura di armi statunitensi all’Ucraina non farà che aggravare il conflitto prolungato e “non è di buon auspicio” per l’Ucraina.

Dmitry Peskov.

“Le forniture di armi (da parte degli Stati Uniti) continuano, l’assortimento di armi fornite si sta espandendo. Tutto ciò, ovviamente, porta ad un aggravamento del conflitto e, di fatto, non fa ben sperare per l’Ucraina”, ha detto mercoledì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

I commenti di Peskov sono stati la prima reazione ufficiale russa alla notizia che il presidente ucraino Zelenskyy si stava recando a Washington per un incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Tale viaggio segna la prima volta che Zelenskyj lascia il paese dall’inizio della guerra a febbraio.

Lo stesso Peskov ha anche affermato che Putin non ha intenzione di incontrare il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) Rafael Grossi, che dovrebbe visitare la Russia giovedì,
Secondo quanto riferito, Grossi è in visita in Russia per discutere di una zona di sicurezza attorno alla centrale elettrica di Zaporizhzhia che si trova nel territorio controllato dalla Russia.

Vedi anche: LA RUSSIA SOTTO ATTACCO È PRONTA A DICHIARARE UNA NUOVA “GUERRA PATRIOTTICA”

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 21:54h, 21 Dicembre Rispondi

    Gli USA ormai si saranno rassegnati a non poter spolpare la Russia, ma mantengono vivo il conflitto, e ricevono il guitto, per spolpare l’Europa con la complicità di gente come Von der Leyen e con le loro truppe di occupazione in Germania e in Italia

Inserisci un Commento