Pushilin ha risposto alla promessa di Putin di non abbandonare il Donbass

placeholder

MOSCA, 14 febbraio – RIA Novosti. Il capo dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha commentato le parole di Vladimir Putin , che, in un incontro con i redattori dei media russi, ha promesso – “non importa cosa avvenga” – ma noi non lasceremo solo il Donbass .

“Non abbiamo mai avuto motivo di ammettere l’idea che la Russia ci avrebbe lasciati soli con difficoltà e problemi”, ha detto Pushilin alla stazione radio Moscow Says .
Il capo della DPR ha affermato che la repubblica sente costantemente il sostegno della Russia e ha espresso la sua disponibilità a sostenere i valori comuni.
“Abbiamo formulato la posizione dei nostri cittadini nella dottrina ideologica, che non a caso viene chiamata” Donbass russo “, ha aggiunto, sottolineando che la regione è sempre stata storicamente e mentalmente russa.
Come ha sottolineato Pushilin, gli eventi del 2014 e degli anni successivi hanno determinato in modo inequivocabile il percorso dello sviluppo della repubblica.
Dobbiamo stare insieme alla Russia”, ha detto il politico.
Pushilin ha parlato a favore del rafforzamento della cooperazione con Mosca e ha definito il Donbass parte della “Grande Russia”.

Repubblica di Donetsk

Gli accordi di Minsk per risolvere la situazione nell’Ucraina orientale prevedono un cessate il fuoco, il ritiro delle armi pesanti dalla linea di contatto e una riforma costituzionale, i cui elementi chiave dovrebbero essere il decentramento e l’adozione di una legge sullo status speciale di alcune aree di Regioni di Donetsk e Luhansk .
Tuttavia, i politici ucraini stanno ritardando l’attuazione degli accordi e avanzando idee che li contraddicono. Il capo dell’ufficio del presidente ucraino Andriy Yermak ha definito “impraticabili” gli accordi di Minsk. Il leader ucraino Volodymyr Zelenskiy aveva precedentemente minacciato che Kiev si sarebbe ritirata unilateralmente.

Denis Pushilin presidente eletto Donetsk


Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha chiesto all’Ucraina di smettere di sabotare gli accordi di Minsk e di condurre un dialogo diretto con Donetsk e Luhansk.

Il presidente Vladimir Putin, a sua volta, ha promesso che il paese non abbandonerà il Donbass, qualunque cosa accada. Ha anche sottolineato che prima di prendere qualsiasi decisione, è necessario pensare alle sue conseguenze.

Fonte: Ria Novosti.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus