Punto di svolta


di Luciano Lago

Il discorso del presidente Vladimir Putin del 30 Settembre 2022 segna un punto di svolta fondamentale nel conflitto fra Russia e occidente e questo è un fatto indubitabile.
Non a caso il discorso è stato tenuto proprio nel momento in cui si è verificato il nuovo e gravissimo atto di guerra attuato dagli Stati Uniti e Gran Bretagna contro la Russia con il sabotaggio esplosivo dei Gasdotti russi della Gazprom nel Mar Baltico. Indipendentemente da chi siano gli esecutori, è chiaro che i mandanti dell’operazione sono a Washington ed a Londra e sono gli stessi che (Viktoria Nuland e Joe Biden ), pochi mesi prima, avevano minacciato e promesso di porre fine al gasdotto Nord Stream con qualsiasi mezzo.
Con la proclamazione dei nuovi territori annessi alla Federazione Russa, il discorso di Putin del 30 settembre segna il punto definitivo di rottura con gli USA, con la UE e con l’Occidente collettivo.
Da questo momento la Russia si prepara ad una guerra a tutto campo con gli USA e con la NATO e, se le forze militari di questi organismi tenteranno di aggredire o colpire i territori della Federazione Russa o le loro popolazioni, Mosca si riserva di utilizzare tutte le armi a sua disposizione incluse quelle nucleari, come prescritto dalla dottrina militare russa.
Le finzioni delle truppe NATO (con le mostrine cambiate) e dei mezzi della NATO che operano al lato delle forze ucraine sono cadute e la realtà è stata descritta e smascherata: la NATO sta combattendo contro la Russia in Ucraina e gli Stati Uniti ed i paesi della NATO sono parte in conflitto.
Questo è foriero di conseguenze molto importanti e già descritte negli ammonimenti di Putin e di altri esponenti della dirigenza russa circa la reazione della Russia a queste violazioni della integrità del territorio russo.

paracadutisti russi

Tale drammatica escalation accade mentre mentre la Russia procede alla mobilitazione di parte dei riservisti per un possibile conflitto contro la NATO e la stessa NATO continua ad accumulare forze negli Stati baltici e in Polonia per un attacco in Ucraina. Inoltre, gli attacchi al gasdotto Nord Stream dimostrano che gli occidentali intendono dare battaglia.

Sembra certo che gli ucraini, sospinti dalla NATO, tenteranno un nuovo contrattacco sul Donbass e quindi ci sarà un inasprimento del conflitto che potrebbe trasformarsi in guerra aperta. In quel caso ci saranno attacchi massicci ai centri di comando ucraini con nuove armi e, se la NATO interviene, i Russi dovranno attaccare i centri di comando e le basi della NATO nei paesi dell’Allenza Atlantica. A quel punto il conflitto sarà generale e sarà l’Europa il primo campo di battaglia con tutte le conseguenze nefaste che questo comporta.

Come ci hanno portato a tutto questo?

Sono state l’incredibile leggerezza e servilismo dei leaders europei, i vari Macron, gli Schulz, Draghi, Sanchez e compagnia cantante che si sono accodati a tutte le decisioni di Washington senza manifestare un minimo dissenso o un sussulto di autonomia per rivendicare un ruolo di mediazione dell’Europa nel conflitto che si avvicinava sempre di più. Ricordiamoci della inconcludenza della Francia e della Germania che avrebbero dovuto essere garanti nel far rispettare gli accordi di Minsk (sabotati dagli USA) e che invece si sono dimostrati colpevolmente imbelli nel farli rispettare, in particolare dal burattino di Washington, Zelensky che non ha mai voluto sedersi al tavolo con i rappresentanti delle Repubbliche secessioniste

. Dopo otto anni di guerra civile, di bombardamenti, di vessazioni contro la popolazione russa del Donbass, Putin ha deciso di saltare il fosso e intervenire nel Febbraio di quest’anno, quando si profilava l’offensiva Ucraina e NATO contro Donetsk e Lugansk ed il possibile massacro della popolazione russa. Lo ha fatto tardi o lo ha fatto male, si può criticare quanto si vuole ma, quando la Russia ha fiutato il pericolo dell’ennesima provocazione della NATO, che stava già installando segretamente basi militari in Ucraina, le forze russe hanno varcato il confine.

Mentre i media asserviti e prostituiti al sistema atlantista inveiscono contro il nuovo Hitler, il nuovo “male assoluto”, falsificando informazioni e notizie, come nel loro solito, le verità iniziano ad emergere.

La svolta di oggi è ormai epocale: pace o guerra in Europa e le responsabilità dei piccoli uomini, politici imbelli e servili venduti al padrone di oltre Atlantico, sono chiare e evidenti per tutti. Putin è comunque al comando del suo popolo per affrontare la sfida mentre gli europei, se gli andrà bene, dovranno come minimo congelare nelle loro case in attesa di tempi migliori e sapranno chi sono i responsabili.

16 Commenti
  • natalino
    Inserito alle 20:45h, 30 Settembre Rispondi

    La Germania si sta sfilando dal coro sanzionatorio e probabilmente in futuro avrá un atteggiamento piú equilibrato anche e soprattutto sugli eventuali coinvolgimenti militari nella fiction del suonatore di piano con il pene.
    Il price-kap non ha molto spazio per vedere la luce e anche se é molto amato dal nostro kap de kazz er drago pescivendolo de noantri ci da giá l’idea di quello che accadrá in futuro.
    La Germania sta semplicemente dicendo che il problema del Gas ma anche di altri, dopo il regalo del sabotaggio al Nord Stream, ogni stato lo risolverá da solo.. Questo da l’idea che anche altre posizioni finora comuni, in futuro saranno individuali. Non a caso gli alemanni si rifiutano di fornire carri armati ed altri armamenti agli ukro-nazi
    Questo era prevedibile, visto che chi reclama l’azione comune sono quelli che non possono calmierare le loro bollette a causa dell’enorme debito (sto parlando forse dell’Italia?). E anche se er drago pescivendolo de noantri ci dice che siamo in una botte di ferro, rimane il problema che dentro la botte vi é poca roba commestibile.
    Il guaio peró é che anche la Meloni mi sembra seguire la stessa linea di er drago.
    Questa posizione ci immergerá in un mare di guai che dovremo gestire individualmente come stato e permetterá di sdoganare il comportamento e la gestione incapace e irresponsabile del pescivendolo che secondo me merita la galera per tradimento del popolo italiano).

    • Paolo Mora
      Inserito alle 21:47h, 30 Settembre Rispondi

      Sta di fatto che i governanti italiani violando l’art. 111 della Costituzione nazionale hanno messo in pericolo la Sicurezza del popolo italiano; quelli europei a Bruxelles hanno messo in pericolo la sicurezza dei popoli dell’Unione europea.
      Roba da Corte Marziale che mi auguro un giorno li possa giudicare e condannare

    • Nessuno
      Inserito alle 13:15h, 01 Ottobre Rispondi

      La Germania (ammesso che si stia muovendo) si è mossa tardi, troppo tardi. Quanto alla Meloni, come tutti i fascisti, sono sempre stati il manganello della classe imprenditoriale (e non mi riferisco alle pm imprese), tirato fuori quando non si può più nascondere l’asservimento ai loro interessi della classe politica tutta.

  • Paolo Mora
    Inserito alle 21:44h, 30 Settembre Rispondi

    Sta di fatto che i governanti italiani violando l’art. 111 della Costituzione nazionale hanno messo in pericolo la Sicurezza del popolo italiano; quelli europei a Bruxelles hanno messo in pericolo la sicurezza dei popoli dell’Unione europea.
    Roba da Corte Marziale che mi auguro un giorno li possa giudicare e condannare.

  • luther
    Inserito alle 22:53h, 30 Settembre Rispondi

    Cosa potevamo aspettarci, come occidente, dopo tutte le nefandezze che abbiamo commesso contro un popolo i cui leader hanno avuto una pazienza infernale fino ad ora? Ci prepariamo imperterriti a muovere guerra contro chi ha fatto l’impossibile per evitare il peggio. E questo perché siamo stati e ancora siamo governati, da una classe politica di individui che in un’altro tempo, sarebbero stati chiamati con il loro vero nome:traditori. Il loro tratto distintivo è una incosciente quanto dannosa leccaculaggine verso i poteri forti mai vista nella storia. Cosa potevamo aspettarci? Quello che, a questo punto, pare inevitabile:la guerra. Ed è quello che avremo. Putin non si fermerà oltre l’atlantico lo sanno bene, come lo sanno alcuni politici europei (pochi) come la Merkel che sta cercando disperatamente di correggere i guai di Scholz, riaccendere il dialogo. Ma non sembrano esserci cambiamenti di sorta all’orizzonte , niente. E così, ci avviamo incoscientemente verso l’inferno su un’autostrada di bugie e propaganda che ci ha instupiditi tutti ma che ormai non riguardano più i russi, le loro ragioni stanno altrove e sono ben più solide di quelle sbandierate in occidente. I cattivi siamo noi, gli ipocriti siamo noi, e siamo anche traditori, facciamocene una ragione!

  • stefano
    Inserito alle 02:41h, 01 Ottobre Rispondi

    nel 2014 quando qualcuno diceva che la russia sarebbe dovuta intervenire in ucraina per contrastare il golpe nazista, non mancava mai il solito sapientone che ridacchiava e diceva che la russia non era potuta intervenire perchè non era pronta nè militarmente (nota: l’esercito ucraino era praticamente circondato e distrutto e nel 2015 l’esercito russo, invece, era tanto poco pronto da intervenire in siria!) nè economicamente (da allora ad oggi è un mistero cosa sia cambiato nell’economia russa da metterla invece meglio al riparo dalle sanzioni e quant’altro! boh!).
    Nel 2022 quando qualcuno diceva che la cosiddetta OMS era un semi suicidio perchè la russia avrebbe dovuto decapitare il nazismo ucraino non tanto nel donbass stesso ma nei centri di potere nazista (Kiev, karkov, leopoli e simili) e avrebbe dovuto occupare l’intera ucraina o quanto meno i suoi centri vitali, non mancava il solito sapientone che ridacchiando di nuovo veniva a dirci con senso di compatimento che i russi non erano come gli yanke coi loro bombardamenti a tappeto ma erano più civili e preoccupati di non causare troppo vittime tra i civili considerati peraltro come “popolo fraterno”…. insomma quel sapientone trovava sempre una giustificazione per le strategie di Putin e del suo entourage e chi invece le criticava o era da considerare uno stupido oppure addirittura un troll nemico dei russi.
    Oggi Putin ha preso finalmente atto del fallimento delle sue passate e attuali (intendo fino a ieri) strategie e ha finalmente lanciato il guanto di sfida all’intero occidente capitalista, colonialista e razzista al punto che da oggi i comandanti militari, in caso di aggressione a qualunque parte del territorio russo, potranno usare anche le atomiche (per il momento “tattiche”) in caso di grave pericolo per la russia….il concetto non è molto chiaro perchè aggressioni al territorio russo ce ne sono già state ma nessun generale russo si è sognato di premere il bottone nucleare, tuttavia rappresenta almeno un progresso importante della strategia russa (sempre se sarà applicato effettivamente !) ….Putin c’ ha messo ben 7 mesi per arrivare a una decisione che avrebbe dovuto prendere già un mese dopo l’inizio dell’operazione (OMS) perchè era chiaro come il sole che il drogato manipolato da Washington non avrebbe mai potuto intavolare dei negoziati! Se quindi Putin fin da subito avesse agito come adesso sembra che abbia finalmente intenzione di agire, probabilmente la questione ucraina sarebbe già stata archiviata da tempo e avrebbe potuto dedicarsi ad altro…..invece ha spettato 7 mesi e il risultato è che probabilmente di civili ne moriranno molti di più di quanto temeva anche il sapientone di cui ho parlato all’inizio , e non solo per il possibile uso quantomeno del nucleare tattico ma anche e soprattutto perchè se 7 mesi a era improbabile che la Nato intervenisse, oggi questo intervento Nato è invece nell’agenda politica dei criminali nato-usa.-ue e nazisti vari. In conclusione, la responsabilità di ulteriori e più gravi distruzioni e morti non è solo dei criminali della nato ecc ma, se posso dirlo, anche dello stupido Putin e del suo entourage….P,s, parlo di stupidità di Putin ma in realtà Putin ha fatto scelte suggerite dai circoli capitalistici dominanti in russia e che vedono in prima fila la gazprom e quant’altre industrie che hanno sempre coltivato il sogno di un approccio amichevole con l’occidente….non per niente i loro dirigenti o “padroni” – e lo stesso Putin – sono gli eredi del fu golpista Eltsin burattino in mano della Cia!

  • Jail To Valerio
    Inserito alle 09:08h, 01 Ottobre Rispondi

    La svolta sarebbe denazificare i bandera followers anche in italia si annidano nelle istituzioni nei giornali on line sono un sottoprodotto di scarto di scoregge di bide!

  • Lorenzo
    Inserito alle 09:13h, 01 Ottobre Rispondi

    I russi hanno già perso questa guerra di armi convenzionali, lo sanno bene. Si attaccano disperatamente al referendum-farsa di annessione di territori che non controllano e allo spauracchio dell’arma nucleare perchè è l’unica che può scuotere davvero le coscienze, ma temo che rimarranno inascoltati e la nato e ucraini andranno avanti imperterriti con le controffensive. La storia giudicherà Putin, di certo è l’unico uomo che in tempi recenti ha avuto il coraggio di sfidare lo strapotere egemonico dell’occidente e per questo pagherà un altissimo prezzo.

    • LUCA
      Inserito alle 11:17h, 01 Ottobre Rispondi

      Lo hai letto sul ” Corriere” ? Quello che il SECONDO giorno di guerra ha scritto in prima pagina che i Russi avevano perso 10.000 uomini? ( che per inciso sono i caduti durante la decennale guerra contro l’ Afghanistan)
      Lo hai letto sulla Stampa o la Repubblica che i Russi hanno perso una guerra con l’ Ucraina, quando quest’ ultima ha perso metà del suo esercito attuale ( 100..000 uomini), l’ aviazione, la flotta navale, il sistema missilistico, l’ artiglieria campale.
      Prima di ritirarsi dai territori russofoni, che governavano con il pungo di ferro soffocando ogni forma di decentramento ( folle il divieto di usare la lingua madre), l’ esercito ucraino ha disseminato il territorio di mine anti uomo, condannando a morte la popolazione senza una colossale opera di sminamento e continua a bombardare la popolazione con missili Nato .
      Come pensi che la popolazione accoglierebbe il ritorno dell’esercito ucraino , ritorno impossibile perché l’ Ucraina non ha nessuna possibilità di sconfiggere militarmente la Russia, neppure con il sostegno dei mezzi Nato.? In Italia la censura ha superato i livelli dell’ istituto luce durante la II ww…

      • Tacabanda1964
        Inserito alle 02:08h, 02 Ottobre Rispondi

        Luca gli italiani sono un popolo di dementi ,ignoranti teledipendenti deficenti se sono antichi oppure internetdipendenti -deficenti se sono giovani e moderni !
        Perciò gli italiani credono a qualsiasi balla o falsa notizia che sia scritta sui giornali o diffusa da radio -televisioni oppure dalla rete internet !
        P.S.
        Se ti guardi Luca con attenzione qualche vecchio film Italico degli anni 50-60 scoprirai che il Corriere della Sera , il Giornale la Stampa la Repubblica l” Osservatore Romano ,Secolo d” Italia eccetera erano tutti stupidi giornali italiani che diffondevano notizie false a favore del regime destroso italiano e a favore degli USA !

      • Lorenzo
        Inserito alle 16:58h, 02 Ottobre Rispondi

        Sarà che l’esercito ucraino ha perso 100000 uomini ma vedo che nelle zone di karkiv e kherson i russi, per loro stessa ammissione, hanno battuto in ritirata lasciando immensi territori. Gli ucraini possono contare su rifornimenti continui di equipaggiamento moderno e migliore di quello russo da parte della nato. È questione di tempo e i russi dovranno sedere al tavolo delle trattative da sconfitti. Molti hanno ancora il mito dell’armata Rossa, ma quello è finito nel 1991, gli occidentali lo sanno bene

    • Nessuno
      Inserito alle 13:19h, 01 Ottobre Rispondi

      …caro sig. Lorenzo, era il settembre del 1942 ed Adolf Hitler con il suo stato maggiore era arrivato alle stesse conclusioni.

      • Lorenzo
        Inserito alle 17:01h, 02 Ottobre Rispondi

        All’epoca i russi combattevano disperatamente per la loro sopravvivenza e potevano contare su immensi aiuti economici e militari da parte degli occidentali, gli stessi che ora aiutano gli ucraini

  • Stefano
    Inserito alle 12:20h, 01 Ottobre Rispondi

    Siete dei fascisti travestiti… Non fate altro che cancellare commenti che non gradite solo perché non alzano inni a chi probabilmente vi paga… Aff… O

  • francesca
    Inserito alle 17:15h, 01 Ottobre Rispondi

    Se un cervello è rattrappito al caldo, figuriamoci al gelo. Gli europei si ritroveranno con le stalattiti , ma la maggior parte delle persone non ne comprenderà il motivo.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 16:56h, 02 Ottobre Rispondi

    Nostri infami governanti venduti hanno consapevolmente messo in pericolo incolumità di italiani…dovranno essere processati per alto tradimento…devono essere impiccati tutti quanti…no hanno attenuanti…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento