Psiphon, lo strumento tecnologico della CIA creato per alimentare e aiutare le proteste in tutto il mondo


di Kit Klarenberg

Da quando a metà settembre sono scoppiate in Iran rivolte sostenute da stranieri, i media occidentali hanno spesso attirato l’attenzione sul ruolo di Psiphon, un’app per smartphone che consente agli utenti di aggirare le restrizioni sui siti Web e le risorse online per aiutare i piantagrane a organizzare e coordinare le proprie attività, inviare e ricevere messaggi da e verso il mondo esterno.

Il processo è stato aiutato dal fatto che Psiphon ha goduto di innumerevoli pubblicità gratuita su media altamente influenti, e quindi gli iraniani, così come altri residenti dell’Asia occidentale, saranno stati senza dubbio incoraggiati a scaricare questo software.

Tuttavia, nessuna fonte mainstream ha finora riconosciuto le origini spettrali di Psiphon, per non parlare degli scopi malevoli che serve e degli scopi sinistri per i quali può essere utilizzato dai suoi sponsor nella comunità dell’intelligence statunitense.

Psiphon è stato lanciato nel 2009. Destinato a supportare elementi antigovernativi nei paesi che l’azienda considera ” nemici di Internet “, la risorsa utilizza una combinazione di comunicazioni sicure e tecnologie di jamming, tra cui VPN, proxy Web e protocolli SSH (secure shell), che consentono agli utenti di configurare i propri server privati ​​che il proprio governo non può monitorare.

Durante la sua esistenza, Psiphon è stato finanziato e distribuito da varie organizzazioni vicine allo spionaggio.

Ad esempio, è stato promosso per diversi anni da ASL19, fondata nel 2013 dall’espatriato iraniano Ali Bangi per capitalizzare il vasto flusso di finanziamenti statunitensi per iniziative di ” libertà di Internet ” sulla scia della primavera araba.

Un’indagine del New York Times del giugno 2011 sulla spinta di Washington per la ” libertà di Internet ” ha concluso che tutte queste società servono a ” dispiegare sistemi di Internet e telefoni cellulari ‘ombra’ che i dissidenti possono utilizzare per comunicare oltre la portata dei governi in paesi come l’Iran, la Siria , e Libia . »

La vicinanza di Bangi al governo degli Stati Uniti è diventata molto chiara quando nel 2016 ha partecipato alla celebrazione annuale di Nowruz alla Casa Bianca, una celebrazione di apprezzamento per gli attivisti del ” cambio di regime

Queste apparizioni di alto profilo, insieme al suo status di regolare alle conferenze tecnologiche e agli eventi sui diritti digitali, hanno consolidato il suo posto come ” rock star ” all’interno della comunità della diaspora iraniana.

Bangi è stato comunque costretto a dimettersi dalla ASL19 nel 2018, dopo essere finito in tribunale in Canada con l’accusa di violenza sessuale e reclusione forzata.

Un profilo pubblicato dalla rivista del settore tecnologico The Verge ha affermato di aver incoraggiato una cultura dell’uso di droghe, sessismo, molestie e intimidazioni diffuse all’interno dell’organizzazione, con le dipendenti donne come obiettivo peculiare della sua ira. In diverse occasioni è stato aggressivo e persino violento nei confronti del personale.

Con Bangi e ASL19 fuori dai giochi, nel 2019 Psiphon ha iniziato a ricevere milioni dall’Open Technology Fund, istituito sette anni prima da Radio Free Asia , a sua volta fondata dalla US Central Intelligence Agency (CIA) nel 1948 dopo essere stata ufficialmente autorizzata a impegnarsi in ” operazioni segrete “, tra cui propaganda, guerra economica, sabotaggio, sovversione e ” assistenza ai movimenti di resistenza clandestini “.

Nel 2007, il sito web della CIA ha classificato Radio Free Asia e altre iniziative di ” guerra psicologica ” come Radio Free Europe e Voice of America tra le ” campagne di azione segreta più lunghe e di maggior successo ” che siano mai state organizzate.

Oggi, Radio Free Asia è una risorsa dell’Agenzia statunitense per i media mondiali, finanziata dal Congresso degli Stati Uniti per centinaia di milioni di dollari ogni anno. Il suo amministratore delegato ha riconosciuto che le priorità dell’organizzazione ” riflettono gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti “.

L’Open Technology Fund (OTF) è una delle tante iniziative nate dalla campagna di Washington per la ” libertà di Internet “.

Gli individui intimamente coinvolti nella realizzazione di questo desiderio non hanno illusioni sul vero scopo che servono. Nel febbraio 2015, Jillian York, membro del comitato consultivo dell’OTF, ha affermato di ritenere ” fondamentalmente ” che la ” libertà di Internet ” fosse ” al centro delle agende del cambio di regime “.

Essendo l’OTF una piattaforma di ” guerra psicologica ” creata dall’intelligence statunitense, illumina un obiettivo chiave di Psiphon; garantire che i cittadini dei paesi nel mirino degli ” sforzi di cambio di regime ” guidati dagli Stati Uniti possano continuare ad accedere alla propaganda di stato occidentale.

Una scheda informativa dell’Agenzia statunitense per i media globali del novembre 2019 sugli ” strumenti supportati da OTF ” dà la priorità a Psiphon.

“ L’OTF fornisce alle reti USAGM assistenza per proteggere i loro contenuti online e garantire che siano resistenti alla censura. Ad esempio, quando i siti di notizie USAGM sono stati improvvisamente bloccati in Pakistan, OTF ha creato siti mirror per garantire che i contenuti USAGM rimanessero disponibili per il pubblico chiave…OTF fornisce supporto di emergenza per media indipendenti e giornalisti che devono affrontare attacchi digitali in modo che possano tornare online e mitigare attacchi futuri , ” legge.

Un rapporto OTF di maggio 2020 sui ” punti salienti e le sfide ” dell’anno passato afferma inoltre che Psiphon, un ” fornitore esperto di strumenti di elusione “, garantisce che i contenuti pubblicati da USAGM, che include Voice of America Farsi , possano raggiungere il pubblico nei paesi dove è vietato.

Allo stesso modo, una sezione dedicata del sito web della BBC , a seguito del divieto dell’emittente pubblica britannica in Russia, ha offerto a marzo una guida esplicativa su come i residenti locali possono scaricare l’app tramite Android, Apple e Windows.

Se gli utenti hanno ” difficoltà ” ad accedere a Psiphon tramite app store consolidati, viene chiesto loro di inviare un messaggio vuoto a un indirizzo e-mail elencato per ricevere ” un collegamento per il download diretto e sicuro “.

In Iran, tale utilità è probabilmente altrettanto preziosa, dato che i media ostili come la BBC e Radio Free Asia dipingono un quadro totalmente distorto dei disordini in corso, descrivendo le azioni violente e incendiarie di elementi antigovernativi come pacifiche, ignorando completamente le molto più grandi proteste popolari filogovernative.

Un altro punto di forza di Psiphon, dal punto di vista del potere occidentale, è che tutti i dati degli utenti vengono instradati verso e attraverso i server centralizzati di proprietà dell’azienda stessa.

Mentre le attività degli individui sulla rete possono essere protette dagli occhi indiscreti del proprio governo, Psiphon può tenere traccia dei siti che visitano e delle loro comunicazioni in tempo reale.

Ciò consente agli attori stranieri di tenere d’occhio i manifestanti e i movimenti di protesta e reagire di conseguenza.

L’interferenza di Psiphon in Iran è ormai un affare pubblico di lunga data. Nel 2013, la società ha pubblicato un blog in cui elogiava “l’impatto particolarmente significativo ” che aveva avuto nel Paese, ” in coincidenza con le loro elezioni presidenziali (iraniane) “.

Pur riconoscendo che Teheran è ” sempre stata una grande sfida per noi “, Psiphon si è vantata che il suo software sia ” rimasto disponibile ” costantemente durante questo periodo, nonostante i ripetuti sforzi per ” limitarne gravemente ” il funzionamento.

Il fatto che nessuno di questi sia stato menzionato negli articoli popolari di Psiphon è scioccante, ma non sorprendente.

Dopotutto, i media occidentali hanno tutto da guadagnare da un racket di protezione guidato dagli Stati Uniti che proietta segretamente la sua propaganda a milioni di persone.

E diventando attivamente complici di un’operazione di ” cambio di regime ” degli Stati Uniti , è meno probabile che i giornalisti mainstream riconoscano la realtà di ciò che sta accadendo a Teheran, perché e chi beneficerà materialmente della cacciata del governo. Questo è il vecchio sogno delle potenze occidentali.

fonte: Press TV

traduzione di Gerard Trousson

3 Commenti
  • Zagaria
    Inserito alle 00:43h, 30 Novembre Rispondi

    Se un privato cittadino italiano tentasse di acquistare un videotelefono oppure un pc con sistema operativo 100% cento Iraniano o Cinese e programmi solo cinesi o solo iraniani al 100% cento qui in Italia verrebbe subito arrestato o sanzionato con migliaia di euro e denuncia penale oppure il suo videotelefono o PC cesserebbero di funzionare !
    Ho visto dei poliziotti italiani “democratici” che volevano sequestrare due ricetrasmettitori giocattolo a due bimbi mussulmani (fratelli ) che stavano giocando in piazza San Marco ed erano figli di qualche pezzo grosso Arabo poiché avevano pure due gorilla privati !
    Logicamente i due gorilla dello sceicco si sono fatti avanti minacciosi apparentemente tranquilli per difendere i due bimbi stranieri perciò i due balordi Poliziotti Italiani si sono subito dileguati senza fare nessun sequestro !
    Figuriamoci cosa accadrebbe ad un poveraccio di cittadino italiano che acquistasse un PC o videotelefono Iraniano con sistema operativo e programma iraniano !
    Se i preti mussulmani Iraniani sono cosi ignoranti è stolti da non vietare in Iran l” uso di apparati elettronici di fattura occidentale con sistemi operativi e programmi made in USA ben gli sta se accadono sommosse !

    • Giorgio
      Inserito alle 15:00h, 30 Novembre Rispondi

      Considerazioni totalmente condivisibili !

  • antonio
    Inserito alle 09:44h, 30 Novembre Rispondi

    Con i miiliiardi dati a strozzo ( susseguentemente si prendono tutte le fonti di produzione e il territorio … con gli interessi ) i Goldfingers ( Blackrock Vanguard e soci )
    comprano il consenso e le rivolte armate in Stati Sovrani esteri – sabotano le istituzioni infiiltrano ed armano le maffie sovvertono le economie e i Governi legittimi – impongono sanziioni economiche e criminii terroristi
    Una tattica moltepliici volte adottata nel mondo e impiegata in USA daii tempii di Chiicago ed esportata in Statii esteri come in Italia dagli anni 69 ad oggi – con esiti deleteri per la integrità delle economie e delle popolazioni

Inserisci un Commento