Provocazioni statunitensi in Siria


Le forze statunitensi avevano intercettato un generale russo non identificato nella Siria settentrionale durante le operazioni di deconflitto, ha riferito giovedì l’inviato speciale del Dipartimento di Stato USA per l’impegno in Siria e per la coalizione dei paesi anti-ISIS (denominata).
L’arresto del generale russo è stato anche annunciato da un rappresentante degli Stati Uniti, il quale ha affermato che l’ufficiale russo anziano aveva apertamente attraversato un’area sotto il controllo degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti stanno cercando di espellere la Russia dalla sua base aerea strategica a Qamishli? Ovviamente sembra di si.
Il fatto che la Russia abbia deciso di schierare batterie missilistiche S-400 in questa base, a pochi chilometri dal nord dell’Iraq e dalla Turchia, pone di fatto gran parte del cielo iracheno sotto il controllo della Russia e questo aiuterà l’Iraq a recuperare la sovranità sul proprio spazio aereo. L’Iraq ora sta cercando, a tal fine, di distribuire sul suo territorio i sistemi antiaerei russi S-300 e S-400, e forse anche quelli cinesi.

Nel contesto delle provocazioni statunitensi, l’Iran, la Siria e la Russia hanno istituito una rete di missili antiaerei in grado di neutralizzare l’aviazione americana. Giovedì, gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di dispiegare batterie Patriot in Iraq.
Fox News riferisce che la decisione è stata presa dopo lo spettacolare attacco con missili balistici iraniani contro la base americana ad Ain al Asad che, per la sua precisione e per l’impatto devastante ha creato il panico nel comando USA. L’Iraq, tuttavia, rifiuta questo dispiegamento di missili statunitensi. Fonti russe, nel frattempo, vedono in questo annuncio un tentativo da parte degli Stati Uniti di bloccare le prestazioni dei sistemi S-300 e S-400 che probabilmente arriveranno presto in Iraq.

Per il resto, è stato appena segnalato un primo scontro tra forze russe e americane in Siria. Secondo Al Masdar News, “c’è stato un violento scambio di spari tra le forze russe e statunitensi venerdì 24 gennaio”. Al momento, non ci sono foto o video della scena, tuttavia, il Pentagono ha confermato l ‘”incidente”: “Lavoriamo attraverso canali di prevenzione dei conflitti per garantire che non ci siano malintesi o collisioni accidentali. Continuiamo a farlo “, ha detto un portavoce del Pentagono, rispondendo alla domanda se fosse in grado di confermare il fatto della sparatoria presumibilmente avvenuta tra l’esercito russo e quello statunitense.

Truppe russe in Siria

“Non ho informazioni su quello che tu chiami uno” scontro a fuoco “. Posso solo dire che siamo situati dove eravamo e che i russi sanno dove siamo ”, ha aggiunto il rappresentante statunitense citato da RIA Novosti.
La Russia ha deciso di porre fine alla “pazienza strategica” e contrastare le azioni illegali degli Stati Uniti?

La tregua promossa da Russia e Turchia ha cessato di esistere e i media riportano la ripresa dell’offensiva da parte delle forze siriane, sostenuta dall’aviazione Russa, a Idlib.

https://www.themoscowtimes.com/2020/01/24/us-intercepted-russian-general-in-syria-state-dept-a69030

Fonti: Press Al Manar – Moscow Times

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

1 commento

  • eusebio
    26 Gennaio 2020

    Probabilmente i russi hanno perfino il via libera di Trump, forse stufo di essere scavalcato dagli uomini della Clinton al Dipartimento di Stato e al Pentagono, lui le truppe USA le avrebbe già ritirate, aveva promesso ai suoi elettori che non sarebbe morto nessun altro soldato USA in medio oriente per gli interessi giudaici e invece pare che l’attacco missilistico iraniano ha provocato perdite USA, adesso l’esercito siriano sta cercando di eliminare la sacca di Islib e l’Iran sta ridispiegando le sue milizie lungo l’Eufrate pronte a balzare sui pozzi di petrolio controllati dai soldati USA per eliminarli e recuperare i pozzi, e nello stesso tempo le milizie sciite irakene si preparano probabilmente per fare la festa ai pochi soldati USA rimasti in Irak.
    Comunque pure il Kurdistan irakeno dovrebbe esere occupato dato che è pieno di spie del mossad.

Inserisci un Commento

*

code