PROTESTE DI BARCELLONA: SIMILI A HONG KONG, MA QUESTA VOLTA I MANIFESTANTI SONO “CATTIVI”, SECONDO I MEDIA

Le proteste hanno inghiottito Barcellona, Spagna per il 5 ° giorno di fila il 18 ottobre ° , dopo nove leader separatisti catalani sono stati condannati al carcere.

Le proteste hanno avuto luogo in tutta la Catalogna, ma sono state più intense nella capitale della Catalogna. Una folla di manifestanti ha lanciato pietre e lattine contro la polizia in tenuta antisommossa e ha trascinato grandi bidoni della spazzatura nel mezzo di un viale principale della città, e li ha dato alle fiamme. I furgoni della polizia hanno provato ma non sono riusciti a respingere le persone sui marciapiedi.

Il quotidiano spagnolo El Pais ha riferito che 17 persone sono state arrestate in quel giorno.
Le autorità sanitarie hanno riferito che 62 persone, 41 delle quali a Barcellona, ​​sono state ferite nelle proteste in tutta la Catalogna. Il ministero degli Interni spagnolo ha dichiarato che nella regione sono rimasti feriti oltre 200 agenti delle forze di sicurezza.

I manifestanti hanno bloccato tutti gli ingressi principali di Barcellona e della Catalogna. I principali punti di accesso all’autostrada per Barcellona sono stati tagliati fuori dai manifestanti, che avevano camminato per tre giorni per raggiungere la capitale catalana nelle cosiddette “Marcie della libertà”.

Alle 09:30 il 18 ottobre ° l’autostrada AP-7 è stato bloccato in un punto vicino Università Autonoma della città, e nel comune di La Jonquera, al confine con la Francia. Gli automobilisti stavano inoltre riscontrando problemi sulle autostrade nazionali N-II, N-240, N-340 e N-420.

Alle 18 le cinque marce separate si erano unite nel centro di Barcellona, ​​dando vita a una grande manifestazione.

La polizia locale ha stimato che erano presenti circa mezzo milione di persone.
Su 17 ottobre ° , la violenza dilagato come un gruppo di manifestanti ha rotto le vetrate della banca La Caixa e fuochi d’artificio sono stati sparati contro la polizia, mentre tentavano di raggiungere l’edificio che ospita la delegazione del governo spagnolo a Barcellona.

Secondo quanto riferito, ci sono manifestanti di estrema destra e gruppi di sostenitori nazionalisti che tentano di scontrarsi.

Un attivista per l’indipendenza è stato picchiato e preso a calci mentre giaceva a terra, mentre i “separatisti radicali” hanno messo all’angolo un manifestante di estrema destra che aveva un coltello e lo hanno lasciato ferito alla testa dopo averlo disarmato.
Nel tentativo di fermare l’organizzazione delle proteste, un giudice spagnolo ha ordinato la chiusura del sito Web di un gruppo di protesta catalano segreto. “Democratic Tsunami”, un nuovo gruppo che è emerso a settembre e ha rapidamente guadagnato un enorme seguito di social media.

La sua azione principale è stata una massiccia protesta all’aeroporto di Barcellona il 14 ottobre ° , che ha causato decine di cancellazioni di voli.

“L’autorità giudiziaria ha detto agli operatori di smettere di servire i domini in cui ha sede la piattaforma democratica #Tsunamid … poiché potrebbero favorire la commissione di reati”, ha detto la polizia su Twitter.

Inoltre, i sindacati hanno organizzato uno sciopero generale, che è stato previsto per il 11 ottobre ° , ma poi spostato al 18 ottobre ° in concomitanza con la decisione della Corte Suprema.

I sindacati Intersindical-CSC e Intersindical Alternativa de Catalunya, che hanno chiamato lo sciopero, affermano che il loro obiettivo è chiedere l’aumento del salario minimo e denunciare le recenti riforme legislative del lavoro, percepite come dannose per i lavoratori.

“Vogliamo denunciare i diritti che i lavoratori hanno visto svanire negli ultimi anni e chiedere che vengano restituiti”, ha spiegato la portavoce Assumpta Barbens dell’IAC.

Secondo il Consiglio consultivo per la sicurezza all’estero degli Stati Uniti, che ha monitorato la situazione , “è probabile che le dimostrazioni interrompano le strade che portano a Barcellona da varie città della regione, comprese le marce sulle principali autostrade di Tarragona, Tarrega, Berga, Vic e Girona. Oltre a scontrarsi con le forze dell’ordine, in alcune aree i manifestanti hanno interrotto i trasporti pubblici, danneggiato i semafori, ostruito le linee ferroviarie e l’accesso stradale all’aeroporto di Barcellona ”.

Le ampie proteste sono state causate dalla condanna di 12 ex politici catalani che sono stati processati per le loro azioni nel tentativo del 2017 di staccarsi dalla Spagna dopo un referendum sull’indipendenza che è stato dichiarato illegale.

Tutti e 12 sono stati giudicati colpevoli, ma solo 9 sono stati mandati in prigione.

Barcelona dimostranti incendiano strade

La Corte suprema spagnola ha imposto pene detentive che vanno dai nove ai 13 anni. Le pene detentive erano inferiori a quelle richieste dall’accusa, che aveva richiesto fino a 25 anni di ritardo per l’ex vicepresidente catalano Oriol Junqueras.

La Corte suprema spagnola ha inoltre emesso un mandato di arresto internazionale per l’ex capo del governo regionale della Catalogna Carles Puigdemont.

Piugdemont attualmente risiede in Belgio, il 18 ottobre ° è comparso dinanzi alle autorità giudiziarie in compagnia dei suoi avvocati, in risposta al mandato, che vuole provare lui per sedizione e l’uso improprio di fondi pubblici.

Puigdemont ha dichiarato di essere contrario all’estradizione in Spagna e di essere stato rilasciato senza condizioni da un giudice belga, avrebbe dovuto tornare in tribunale per un’altra udienza entro la fine di ottobre 2019.

Parlando alla rete radio catalana RAC1, il ministro degli interni spagnolo, Fernando Grande-Marlaska, ha detto che spera che Puigdemont venga estradato in Spagna. “Siamo nell’UE e siamo cresciuti con gli stessi valori che ci rendono società democratiche: lo stato di diritto, la libertà e l’uguaglianza. Ciò significa che una decisione di un giudice a Marsiglia vale lo stesso di una decisione di un giudice a Barcellona, ​​perché tutti lavoriamo con gli stessi valori. Puigdemont può e deve essere consegnato in Spagna. “

Naturalmente, poiché il governo spagnolo è alleato degli Stati Uniti, i manifestanti dell’indipendenza catalani, che svolgono attività simili a quelle di Hong Kong, ad esempio, stanno soltanto destabilizzando la situazione, che deve essere risolta.

https://www.youtube.com/watch?v=84dgeNOOkiw

Lanciare pietre e accendere fuochi per strada è improvvisamente diventato un fatto inaccettabile. I manifestanti catalani non hanno nemmeno lanciato cocktail Molotov alle autorità. Quelli di Hong Kong ricevono invece il sostegno di tutti i media e governi occidentali-

Fonte: South Front

Traduzione: Lisandro Alvarado

2 Commenti

  • eusebio
    19 Ottobre 2019

    I manifestanti catalani, espressione di una regione che produce il 20% del PIL spagnolo e quindi mantiene gran parte del resto della Spagna, sono molto simili ai gilet gialli francesi quindi i globalisti mainstream li disprezzano, mentre i manifestanti di Hong Kong sono solo dei mercenari pagati dai globalisti mainstream i quali vogliono staccare la città dalla Cina per crearvi una repubblica parlamentare di tipo occidentale, esempio e trampolino delle elites occidentali per ridurre la Cina ad un regime falso parlamentare del tipo indiano per mettere la Cina, la sua industria, la sua solidamoneta e le sue potenti forze armate al servizio del potere sionista.
    Allo scopo i Rothshild e affini, coadiuvati dagli azionisti ebrei e wahabiti di Google e Facebook, vogliono creare un internet globale privato stendendo un cavo enorme di TLC da Los Angeles fino ad Hong Kong per poi collegarsi alla già consolidata rete 5G cinese e usarla per controllare le masse cinesi, una volta abbattuto il governo di Xi Jin Ping con le rivoluzioni colorate.

  • SEPP
    20 Ottobre 2019

    manifestazioni spontanee? e’ vero l’italiano oltre la sacra gazzetta dello sport e delle baruffe chiozzote non va oltre.
    qualcuno ricorda che in egitto la rivoluzione colorata e’ stata fatta sui canali social? nessuno ricorda che in serbia l’open society addestra i fuorisciti per poi mandarli a casa ed inscenare i sollevamenti? nessuno ricorda che la fida nzata fotomodella ucraina di regeni lavorava per uno di questi uffici? di spontaneo nel mondo c’e’ ben poco, basta andare a vedere chi ha avuto l’idea dell’ambientalismo per capire che all’uomo della strada certe finezze non sono insegnate neanche a scuola, l’ambientalismo per schiacciare gli stati e riccattarli con la finanza.
    La cina e’ vicina: a voi un video dalla cina: https://twitter.com/LPLdirect/status/1184410212691841025
    Secondo voi i nostri governanti che hanno sempre copiato e mai inventato non faranno loro quello che sta accadendo nel piu’ grande paese comunista? La vostra coscienza di uomini liberi non vi porta a riflettere che il comunismo e’ gia’realizzato?

Inserisci un Commento

*

code