PROTESTE A HONG KONG: I GLOBALISTI STANNO ATTACCANDO LA CINA


Sembrerebbe che le rivolte di giugno si siano finalmente fermate ad Hong Kong, durante la quale hanno sofferto sia i manifestanti che la polizia. Secondo gli organizzatori, il 9 maggio, circa un milione di persone è uscito per protestare, secondo la polizia – 240.000, e pochi giorni dopo i residenti di Hong Kong hanno bloccato le strade fuori dal palazzo del governo che stava prendendo in considerazione la qestione..

Nascondere Cosa succede
Dopo la più forte pressione dell’opinione pubblica e dei media, il governo di Hong Kong ha sospeso le innovazioni nella legge sull’estradizione, promettendo di riconsiderarle nuovamente il 19 giugno.

Ma nonostante le concessioni fatte dalle autorità di Hong Kong, lo scorso fine settimana ci sono stati più disordini nelle strade – questa volta gli insorti chiedono una completa abrogazione del disegno di legge, definendolo una “violazione dei diritti democratici” e persino un “tentativo di togliere l’autonomia di Hong Kong” e “l’espansione cinese”. Nel frattempo, a Hong Kong, ovviamente, l’espansione occidentale sta andando avanti …

Dopo una settimana di proteste, il capo di Hong Kong, Carrie Lam, alla fine ha promesso di “ascoltare le diverse opinioni della società” e ha temporaneamente “sospeso” la decisione di adottare il disegno di legge.

Le proteste sono dirette contro la legge sull’estradizione dei criminali nella Cina continentale. Il governo locale (probabilmente, dopo il consenso di Pechino e degli stati confinanti, su una questione così importante) propose un’iniziativa per estradare elementi criminali al fine di “tappare” la legislazione, e Hong Kong autonoma smise di coprire i gangster.

Questo progetto copre accordi con Cina, Taiwan e Macao. Le autorità hanno citato molti esempi in cui questo “buco” ha permesso di nascondere criminali e assassini aperti a Hong Kong – ad esempio, un giovane ragazzo ha ucciso la sua fidanzata incinta a Taiwan, e non gli è stata data un’indagine locale.

Nel frattempo, gli oppositori del cambiamento stanno criticando il governo, affermando che in questo modo Kong va incontro alla Cina, che sta per “affrontare i suoi oppositori politici”.

In pratica, la legge è molto necessaria, specialmente da quando Hong Kong, sebbene sia in uno status speciale, con il suo sistema giudiziario, ma rimane parte della RPC.

Nascondere Un paese?
Hong Kong è stata per lungo tempo territorio britannico, e queste manifestazioni sono diventate le più grandi dal ritorno alla giurisdizione della RPC. Hong Kong ha autonomia con la sua economia, i suoi tribunali, i suoi organi legislativi. Pechino è responsabile della difesa e degli affari internazionali.

C’è un principio – “un paese – due sistemi”. Si può anche dire che questo è “un paese – due mentalità”. La prima è quella cinese, che assorbe le innovazioni tecnologiche, ma conserva la severità del management e della propria identità, la seconda è completamente globalista, per cui Hong Kong è diventato un rifugio per tecnocrati, cosmopoliti, miliardari e gangster . Data la diretta influenza occidentale sull’economia e lo sfondo informativo di Hong Kong, si può presumere che le proteste siano state alimentate anche dall’esterno. C’è qualche ragione per crederci?

Nascondere chi sta sobillando la situazione?
La stessa Cina ha accusato le forze esterne di sobillare la situazione ad Hong Kong. Secondo il vice ministro degli Esteri cinese, Le Yucheng, Pechino “invita la parte americana a trattare il governo di Hong Kong in modo obiettivo ed equo e rispettare il suo consueto processo legislativo”.

Hong Kong proteste

È interessante notare che alla vigilia dei “sentimenti di protesta” ha scaldato l’ex ministro degli Esteri britannico Malcolm Rifkind, che ha definito l’iniziativa del governo “assurda”.

Il gioco includeva l’ex governatore coloniale britannico Chris Patten (Chris Patten), che pubblicò uno speciale video messaggio. Secondo lui, l’iniziativa non ha senso.

Secondo lui, la dichiarazione del governo di Hong Kong secondo cui la controversa legge sull’estradizione avrebbe chiuso la scappatoia era “un’assurdità assoluta”.

L’amministrazione statunitense ha dichiarato che non intende modificare l’atto del 1992 con Hong Kong (relativo ai privilegi speciali nel commercio, ecc.), A meno che l’autonomia con la Cina non abbia un grave aggravamento (una formulazione molto soggettiva).

Allo stesso tempo, il ministero degli Stati Uniti ha affermato di essere “seriamente preoccupato” per la situazione attuale. Inoltre, gli Stati Uniti affermano che la situazione attuale rappresenta un rischio per lo status di Hong Kong. Questa iniziativa “influenzerà negativamente la difesa di lunga data del territorio dei diritti umani, delle libertà fondamentali e dei valori democratici”.

E, secondo il senatore Marco Rubio, il mondo deve “essere ispirato e sostenuto dal popolo di Hong Kong che sta pacificamente protestando”.

Immediatamente, il famigerato Human Rights Watch ha ricordato che la Cina regolarmente “viola i diritti umani”, ricordando la situazione con gli uiguri, le torture, le esecuzioni, la mancanza di elezioni e molto, molto altro, in cui a loro piace demonizzare la RPC.

Ovviamente, questa è una pressione sulla Cina, e tutti i problemi di Hong Kong stanno cercando di spostarsi precisamente su Pechino (in un ambiente in cui le politiche di Xi Jinping sono demonizzate come mai prima). Dato che la Cina è il principale rivale geopolitico ed economico degli Stati Uniti, una tale provocazione è diretta contro la RPC al fine di trasferire la colpa ai “disordini e alle vittime di Hong Kong” nel paese.

Allo stesso tempo, nonostante l’affiliazione formale di Hong Kong alla Cina, il peggior epiteto per i politici locali è il francobollo “pro-Pechino” (questo è attivamente replicato dai media, incluso il fatto che i residenti di Hong Kong sono “non cinesi, ma Hong Kong”).

Si tratta di una separazione deliberata e sistematica di un singolo popolo nei principi classici del “separatismo” e dei “confini nazionali” al fine di spezzare un potere importante (come nel caso degli Stati islamici, slavi, europei e altri).

Quindi, la battaglia per Hong Kong è una battaglia non solo per l’influenza economica (aziende registrate in autonomia e cooperazione tecnologica), ma anche per la mentalità dei cinesi (un tentativo di “spezzare” il sistema di unità), oltre che un comodo precedente per l’intervento straniero diretto in caso di caldo. situazione.

Pertanto, ovviamente, è nell’interesse degli Stati Uniti e dei partner influenzare la situazione a Hong Kong, ma chiaramente non nell’interesse della stessa Cina.

Fonte: Geopolitica.ru

Traduzione: Lisandro Alvarado

Inserisci un Commento

*

code