Prossimo incontro in programma tra Xi Jinping e Vladimir Putin


“Tra meno di 10 giorni si svolgerà un nuovo incontro dei nostri leader (Vladimir Putin e Xi Jinping) al vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai”, ha annunciato l’ambasciatore russo a Pechino.

I presidenti russo e cinese si incontreranno il 15 e 16 settembre a Samarcanda in Uzbekistan in occasione di un vertice regionale, ha affermato la diplomazia russa. Questo sarà il primo viaggio all’estero per Xi Jinping dall’inizio della pandemia.

Si incontreranno al vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, ha affermato l’ambasciatore russo a Pechino, Andrei Denissov, citato dalle agenzie russe Ria Novosti e Tass.

Questa organizzazione, costruita come contrappeso all’influenza occidentale, riunisce Cina, Russia, quattro stati dell’Asia centrale (Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan), nonché India e Pakistan.

“Questo vertice si preannuncia interessante, perché sarà il primo vero vertice dopo la pandemia “, ha osservato il diplomatico russo. La Cina non ha ancora annunciato il viaggio del presidente cinese, che non lascia il suo Paese dal 2020 e dall’inizio della pandemia di Covid-19.

Shangai cooperation

Xi Jinping e Vladimir Putin si erano visti all’inizio di febbraio 2022 in Cina, poche settimane prima dell’offensiva russa contro l’Ucraina. Mosca e Pechino hanno poi firmato una dichiarazione congiunta chiedendo una “nuova era” nelle relazioni internazionali , la fine dell’egemonia americana e denunciando il ruolo delle alleanze militari occidentali, NATO e AUKUS (Australia, Regno Unito e Stati Uniti).

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Pechino ha mostrato il suo sostegno alla Russia, colpita da tutte le parti dalle sanzioni occidentali. Mosca, in cerca di supporto, di nuovi mercati e fornitori, dice che si sta rivolgendo all’Asia.

Il presidente Vladimir Putin ha parlato del “ruolo crescente” della regione Asia-Pacifico negli affari mondiali di fronte a un Occidente in declino. Riteneva “impossibile” isolare la Russia nonostante la “febbre delle sanzioni” che attraversa l’Occidente.

fonte: Agenzie

Traduzione e nota: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento