Pronto il piano Macron-Sanchez contro l’Italia

di  Luciano Lago

Gli esponenti della finanza mondialista preparano un piano per contrastare l’ascesa dei governi populisti in Europa.
In queste settimane sembra certo che i maggiori esponenti del mondo finanziario stiano pianificando le loro mosse per contrastare l’ascesa dei movimenti populisti in Europa ed in particolare per erodere il consenso del nuovo governo italiano Conte/Salvini e del governo austriaco, che sono quelli di recente saliti alla ribalta in Europa grazie all’ondata populista/sovranista che ha scosso le acque ferme della sinistra egemone, ribaltando la situazione politica europea.

La stessa Germania corre il rischio di tornare alle elezioni e vedere una ascesa della AfD che ricalca i temi sovranisti ed anti immigrazione del partito dell’Austria e della Lega in Italia. Una situazione di “allarme rosso” per le centrali mondialiste.
L’idea è quella di correre ai ripari e utilizzare le grandi leve finanziarie e mediatiche di cui dispongono i sostenitori del gobalismo per rovesciare la situazione.

Non è un caso che si siano incontrati riservatamente il 27 Giugno  il nuovo primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, con il finanziere speculatore George Soros per discutere di questa situazione.  Vedi: Encuentro secreto: Para que se reuniò Pedro Sanchez…

Non è un mistero che sono allo studio misure  prese in sintonia fra i governi di Spagna e Francia  per mettere in minoranza il Governo Italiano ed evitare che venga fermato il piano di migrazioni accuratamente seguito e finanziato da Soros e dalle sue organizzazioni. Emmanuel Macron è il perno di questo piano, l’uomo dei Rothshild vuole essere al centro dell’attenzione, il solerte esecutore.
In questo momento le navi delle ONG stanno predisponendo una raccolta straordinaria di profughi sulle coste libiche per mettere in difficoltà le guardia coste della Marina Libica ed obbligare le navi della Marina Militare italiana ad intervenire.

Non è escluso che si vada predisponendo un apposito naufragio di qualche barcone, con relativo bilancio di affogati, per responsabilizzare il governo italiano del mancato intervento e gettare una campagna di discredito sul governo e sul minstro Salvini, facendo appello alla violazione dei diritti umanitari.

Il controllo dei media di cui dispongono le centrali mondialiste permette loro di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica e distorcere i fatti. Si preparano gruppi di giornalisti da imbarcare per documentare la inumanità del governo italiano ed creare la campagna di accuse. Saranno in prima fila Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa e gli inviati della RAI. Mentana farà una trasmissione straordinaria sulla 7 ed in TV appariranno Roberto Saviano, ospite di “Che Tempo Fa” di Fabio Fazio, per lanciare le sue invettive contro Salvini. Non mancheranno Formigli, la Gruber, Furio Colombo, Vittorio Zucconi e altri “prestigiosi” opinionisti nel partecipare al coro di accuse contro Salvini ed il Governo.

Il ministro Matteo Salvini dovrà andare in Parlamento per giustificarsi di fronte agli attacchi concentrici di tutte le oppposizioni e non mancherà anche un “alto” messaggio di Papa Bergoglio incentrato su necessità di accoglienza ed integrazione delle masse dei migranti.
Tutto sarà come da copione per mettere il nuovo governo sulla graticola delle accuse e si cercherà di creare un cuneo fra la Lega ed i 5 Stelle, facendo affidamento sull’anima mondialista del movimento. Possiamo scommetterci che questo sarà il prossimo sviluppo degli avvenimenti.

Naturalmente sembra escluso che, nel dibattito e nelle analisi, qualcuno voglia realmente fare luce su chi muove queste masse di migranti dall’Africa incentivando gli spostamenti, perchè lo fa e quali siano le sue finalità.
Non si tratta soltanto di business e della catena di interessi che lega le varie mafie, le ONG, gli scafisti e le Cooperative allo sfruttamento del fenomeno.

Macron con Attali

Parlare solo di questo aspetto è riduttivo e non offre un quadro completo della situazione. Non si spiegherebbe perchè personaggi come Soros o come Attali (gruppo Rothshild) siano interessati di per se stessi a favorire il fenomento del business delle migrazioni, vista la enorme disponibilità finanziaria di cui dispongono.

Lo abbiamo scritto altre volte: le migrazioni sono un’arma di utilizzo per finalità geopolitiche che consentono una destabilizzazione silenziosa e graduale dell’assetto sociale di alcuni paesi. Le migrazioni permettono di sradicare le culture autoctone, sostituire popolazioni originarie, creare una società multiculturale, abolire il sentimento identitario e di appartenenza di una popolazione. In prospettiva di deve andare verso una abolizione degli Stati Nazionali e la creazione di un nuovo Ordine Mondiale gestito da acumi organismi sovranazionali.

Gli esponenti dell’ideologia mondialista come Macron e come Attali, come Soros, sono ben consapevoli di questo e lo hanno anche dichiarato in vari discorsi pubblici, il superamento della cultura francese, di quella italiana o spagnola, l’avvento di una nuova morale relativista, l’obiettivo della società multiculturale, lo sradicamento della famiglia e dei valori tradizionali. Vedi: Jacques Attali e il Nuovo Ordine Mondiale

Le oligarchie mondialiste non nascondono i loro obiettivi, i discorsi sono chiari ed evidenti basta andare a leggerseli.

14 Commenti

  • Brancaleone
    28 giugno 2018

    Tutto dipende dal grado di attenzione e reattivita’ dei popoli. Se vi e’ coscienza sociale di quanto descritto dall’articolo, le possibilita’ di concretizzare i piani sono molto poche. Se la paura prendera’ il sopravvento (vedi grecia) avranno vinto. Varoufakis e Tsipras erano lupi travestiti da agnelli, il popolo greco pecora.

  • Fabio Franceschini
    28 giugno 2018

    Abbiamo anche noi dei servizi segreti.e possibile che i servizi francesi di cui molte ong sono una filiazione organizzino un naufragio ma sta a noi non farsi cogliere impreparati e denunciare per tempo i piani francesi.

    • atlas
      1 luglio 2018

      aisi e aise sarebbero ‘cosa nostra’ ? Consiglio di interrompere per un attimo la tua visione sul canale boing e guardarti intorno: scoprirai che ci sono 113 basi militari ameri cane sul territorio e che questo paese bastardo e nella nato. Naturalmente

  • Stefano radi
    28 giugno 2018

    Bene fa la redazione a mettere le mani avanti e proporre al’attenzione dei lettori uno scenario molto possibile. Credo di cogliere l’oggetto della preoccupazione della redazione nel fatto che Il problema principale della questione non e’ dato dalla scaltrezza, dall’abilita’ politica e giornalistica degli oppositori del governo Conte, tutti soggetti ampiamente noti alla cittadinanza informata sugli eventi del momento e adusa ad informarsi e scambiare opinioni e commenti sui siti di controinformazione e approfondimento, disponibili in varie lingue, ma dalla parte meno informata o, se mi e’ consentito dire, subinformata della popolazione. Questa situazione che un tempo annoverava i componenti del ceto sociale meno istruito, oggi accomuna soggetti di diversa eta’, livello d’istruzione e classe sociale. Al fondo ritengo vi sia un denominatore comune, non palesato,che oltre all’insufficiente o scorretta informazione trae fondamento dalla considerazione che lo status quo politico economico attuale sia funzionale al loro benessere. Mi soffermo solo su due esempi: lavoratori con impiego fisso, reddito soddisfacente e tutele sindacali, professionisti con attivita’ avviate producenti rendite di posizione, imprenditori che fruiscono a vario titolo di agevolazioni. L’ambito puo’ essere ulteriormente allargato a soggetti che beneficiano di redditi da rendite e da giovani della generazione erasmus. Costoro costituiscono, salvo le ovvie eccezioni, i soggetti sui quali l’attivita’ di controinformazione mediatica svolta dai vettori indicati nell articolo, svolgono una fattiva presa. Voglio illudermi, positivamente, che questo governo, nato grazie ad una positiva congiuntura politica internazionale, (siamo per Trump il piede di porco per scalzare il potere neocon in Europa),abbia gia’ rivitalizzato due importanti aspetti della societa’ italiana: l’attenzione alla politica e l’orgoglio patrio. Se questi due elementi sono stati smossi, nel caso di una campagna denigratoria contro il governo, potrebbe avviarsi una reazione attiva che avra’ come protagonisti principali gli elementi migliori della nostra societa’ civile: gli onesti, troppo a lungo compressi e torteggiati dalla miriade di opportunisti e ipocriti posti loro innanzi. Ma non basta, vi sono ulteriori ragioni di carattere etico e morale che interverranno a sostenere una reazione che potrebbe anche tradursi in una decisa presa di posizione, tale da superare nei fatti anche le posizioni dell’attuale governo. In sintesi: se porteranno la pentola a pressione eccessiva attraverso i soliti argomenti ricattatori,pietisti o terroristi il risultato potrebbe esserne lo scoppio.

    • Mardunolbo
      29 giugno 2018

      Interessante l’idea della pentola in ebollizione che può scoppiare, ma argomento fondamentale dell’era della comunicazione , è la COMUNICAZIONE.
      Woityla detto papa Giovanni Paolo 2 , da furbone com’era, nominò uno spagnolo come gestore della comunicazione. Questi fu abilissimo nel saper offrire i migliori “piatti” al palato cattolico ed io stesso ci cascai fino alla tristezza della morte di Woityla. Soltanto una starana serie di circostanze casuali mi costrinse a rivedere la storia della Chiesa dal Concilio Vat.2 in poi, per rendermi conto, finalmente , della modifica sostanziale sia della teologia, sia delle formule dogmatiche.
      Questo rincitrullimento fu causato dal gestore della comunicazione papale !
      Quindi suggerisco che se il governo non agisce gestendo al meglio la comunicazione al popolo, assolutamente imprescindibile dati i tempi drammatici, non otterrà il risultato sperato di muovere coscienza nazionale e popolo italiano.
      Il potere sulla tv , è fondamentale per avere la presa di attenzione. Berlusconi, che aveva tv ma era troppo dedito agli incontri galanti, trascurò alquanto le sue possibilità che ,invece, i suoi avversari vedevano benissimo e , nemmeno i “suggerimenti” avversari lo smossero dalla sua ostinazione a mantenere tv “commerciali” . E la sua carriera fu stroncata da magistratura e tv , tra cui le sue, non avendo avuto la sensibilità ed intelligenza di scegliere persone intelligenti e fedeli.
      Così questo governo ultimo, maturato dopo decenni di governi traditori, è in bilico essendo martirizzato in patria e fuori , salvo qualche eccezione straordinaria. Necessita quindi di riottenere la potestà totale di tv , eliminare le sovvenzioni ai giornalucoli sinistri ed espandersi in dichiarazioni pubbliche di ampia diffusione su quanto viene fatto ogni giorno.
      Senza questa comunicazione pensata, mirata e sistematica la reazione popolare si perderà ancora una volta, la prossima, distrutta dai colpi di scure giornalmente inviati dai media asserviti al potere straniero: finanza apolide che controlla il mondo, di cui Soros è elemento visibile.

    • Geometrio
      29 giugno 2018

      Byongiorno , interessanti osservazioni trovo, però io farei un passo concreto alla volta. Togliere la Rai ai mondialmente sti è di vitale importanza. Trasformare la Rai di maio , salvini. Io però nn mi fido , ricordiamo fuco vigilanza Rai e le notizie erano sempre e solo monopolizzate. Ricordate la ministra del of beccata che faceva gli intermezzi della total in Basilicata? La tizia si è dimessa, ma del problema idrocarburi in Basilicata? E la luce aumenta dell 8%e pure il gas. Salvini che fai? Incominciamo a nazionalizzare? Spacchiamo il culo agli imperialisti francesi belgi spagnoli britanni

  • Mardunolbo
    29 giugno 2018

    E’ interessante notare come, nel caso di Spagna e Francia così come era successo per l’Italia, venga inviati ai posti di governo figure insulse di nessuno spessore e ricattabili per varie sorta di vizi, per far loro eseguire ogni comando dettato dalle centrali di potere economico.
    Infatti quali personaggi se non figure di alcun rilievo si potrebbero mettere in alto ? Berlusconi conferma perchè pur essendo burattino di altri era un personaggio sui generis con capacità sue che amava mostrare e quindi, come tale, pericoloso poichè non interamente gestibile .
    Infatti si tentò in varie maniere fino ad ottenere il risultato di bloccarlo per anni fori dalla politica. Ma forse fu un bene per gli italiani per rinnovare idee e personaggi fino ad arrivare ad un premier che fa una bella figura e di cui possiamo andare, finalmente, fieri.

  • Mardunolbo
    29 giugno 2018

    Intanto ecco già pronta una notizia succulenta per le iene della sinistra:
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/28/roma-intascava-la-tassa-di-soggiorno-del-plaza-sequestrati-2-milioni-di-euro-al-padre-della-fidanzata-del-premier-conte/4458852/

    In questo caso ,come dicevo pocanzi, ecco che le debolezze degli uomini di potere sono il grimaldello usato dai poteri internazional, per scalzare i poteri scomodi.
    Fini, l’ex segretario di Alleanza nazionale, l’uomo che detestava Bossi , divorziò dalla moglie e si legò con una donna (compagna si dice ora) che aveva il padre in odore di massoneria. Fini spergiurò che nulla sapeva dell’appartamento a Montecarlo ed arrivò a dire che si sarebbe dimesso se si dimostrava che era di qualcuno legato alla sua nuova famiglia. Si dimostrò tutto ma non si dimise mai…Ora il Tulliani è indagato per reati vari ma è irreperibile in Italia essendosi trasferito negli Emirati arabi.
    Mi chiedo: perchè il premier Conte ha una compagna e non è sposato ?
    Altra considerazione.
    Chissà perchè gli uomini di potere italiani regolarmente sposati sono i più inaffidabili e traditori della nazione, mentre i più “mariuoli” sono i più corretti alla guida della nazione, a cominciare da Benito Mussolini.

  • @LucianoLago
    te lo dico francamente, questo è uno dei pochi siti degni di nota nell’intera rete, in particolar modo ci sono ottimi commentatori,però non capisco perché dobbiamo prenderci in giro con questa patetica manfrina del governo sovranista.
    salviiiniii e compagnucci a 5s sono pro immigrazione quanto o addirittura peggio dei vecchi, il primo è favorevolissimo a tenere gli immigrati se questi hanno un lavoro (magari gentilmente offerto dall’Italia stessa che poteva darlo ad un Italiano) e i secondi vogliono dar loro un sussidio per RESIDENTI DA 24 MESI (reddito di cittadinanza un paio di palle). A questo bel quadretto aggiungiamo un pdr del pd, un pdc de sinistra, un fico anche lui vicinissimo all’ambiente dei precedenti ecc ecc ecc fino all’infinito.
    Smettiamola di illuderci per favore, perché così possiamo solo andare indietro

    • Jack
      29 giugno 2018

      Mi ricordo di te ai tempi di “Stampa Libera” era ora che ti facessi vivo..o forse no, comunque io non sopporto più
      un c.zzo, come dicevano questi..

    • kirby
      29 giugno 2018

      Allora chi bisognava votare? La melona?

  • Eugenio Orso
    29 giugno 2018

    Una mia idea …
    L’attenzione quasi esclusiva delle presstitute/media servi e dello stesso governo, guidato nei fatti da Salvini agli interni, per le varie Aquarius e Lifeline, per le diatribe-scaricabarile fra Malta e Italia, per i disperati in mare gestiti da scafisti e ong, mette in ombra quelli che sono temi essenziali per la sopravvivenza degli italiani (e della nazione!).
    Le cose di cui non si parla, pelosamente, o si parla poco, oppure “di sfuggita”, sono:
    1) il sussidio per i più poveri, ridotti alla fame dal “sogno europeo”, “accogliente e globalista.
    2) Il salario minimo per contrastare il fenomeno dei “lavoratori poveri” particolarmente virulento e in rapida espansione particolarmente in Italia.
    3) L’abbassamento dell’età pensionabile con il ripristino dei celebri “cento punti” (questo punto mi riguarda direttamente, in quanto neo sessantenne).
    Cui prodest?
    Giova ai globalisti/europoidi/mercatisti per far sì che l’attenzione del parco buoi mediatico e elettorale, particolarmente in Italia, si focalizzi solo sui migranti/clandestini/profughi e non sulle questioni drammatiche questioni sociali dell’epoca, mentre i poveri assoluti, in Italia, superano i cinque milioni e l’infame Fornero è ancora pienamente in vigore.
    Giova allo stesso governo – guidato da Salvini, lo ribadisco un’altra volta – per evitare di dover mantenere le “rivoluzionarie” promesse elettorali Lega+5s, di cui ai tre punti precedenti.
    Ergo per cui, lo prenderemo in culo per l’ennesima volta.
    Le cose certe sono che risolvendo qualche problema agli sfruttatissimi “riders”, come vuol fare Di Maio al lavoro, non si risolvono i problemi di tutti (gli altri) lavoratori: sarà un intervento marginale che non disturberà la troika e l’applicazione delle “regole europee” …
    Per quanto riguarda le pensioni e l’età pensionabile, la sola cosa certa è che dal 1/1/2019 scatteranno i cinque mesi in più di lavoro e la pensione si allontanerà ancora …

    Cari saluti

  • Mardunolbo
    29 giugno 2018

    Concordo ,Eugenio Orso ! Non capisco se la mediaticità della faccenda migranti sia un mezzo per spacciare fumo o solamente una parte delle azioni che il governo sta facendo. Il fatto è che sono talmente tante le situazioni da risolvere che , mi auguro, stiano cercando di risolvere quelle relative alla sicurezza nazionale che incide parecchio sulla psicologia del popolo. Quando la gente sarà più tranquilla in casa propria, si può procedere con il resto. Io farei così…
    Vero però che , non avendo i governanti uno spessore culturale, come non l’avevano i precedenti (è una pecca genetica dei politici italiani) dubito che comprendano quali giochi internazionali siano sotto per “gestire” l’Italia.
    Ma, anche lo sapessero, quantomeno Salvini, non è che possa domani urlare dalla tv che Soros fa parte di una combutta di finanzieri apolidi che gestiscono i governi…Nemmeno Orban lo fa ! E sì che Orban è scampato ad alcuni tentativi di eliminazione….
    Quindi ,vedremo un po’ più avanti.

Inserisci un Commento

*

code