Proiettili e sangue; Il copione anti-Iraniano entra nella sua fase più pericolosa


Il progetto di destabilizzazione dell’Iran entra nella fase della realizzazione degli attentati terroristici, l’ultima, ma anche la più pericolosa fase del copione dei nemici dell’Iran.

Melhem Ria, direttore dell’ufficio della catena libanese Al-Mayadeen a Teheran (capitale persiana), durante un programma andato in onda giovedì sera che ha affrontato gli attentati terroristici avvenuti mercoledì nelle due province iraniane di Khuzestan e Isfahan, ha affermato che ” quello che è successo è l’ultima tappa del complotto pianificato contro l’Iran che è anche entrato nella sua fase più pericolosa ”.A questo proposito, ha spiegato che i rivoltosi, gli agitatori e i loro sostenitori all’interno e all’esterno dell’Iran hanno fallito nei loro tentativi di attirare l’opinione pubblica e convincere la gente a unirsi a loro nel creare il caos in tutto il paese, a causa dell’unità nazionale dimostrata dagli iraniani e alla prudenza delle loro autorità. Per tale motivo gli agenti sobillatori sono già ricorsi alla messa in pratica della fase più pericolosa del loro piano, cioè l’azione armata.

“In questa fase, i gruppi terroristici e takfiri sono usati come leva di pressione contro l’Iran per seminare il caos. Dopo l’attacco di Shiraz, è stata la volta di Izeh in Khuzestan e poi di Isfahan. Il piano è sparare in modo brutale alle persone, alle forze di sicurezza e persino ai bambini”, si è lamentato l’esperto di affari dell’Asia occidentale.

Melhem ha sostenuto che il fatto che i nemici dell’Iran si stiano ora rivolgendo a gruppi terroristici e questo tipo di azione non solo rivela il fallimento del loro piano, ma mostra anche la loro disperazione per convincere le persone a unirsi a loro e resistere al sistema politico della Repubblica Islamica.

L’Occidente vuole ripetere il copione siriano in Iran, come rilevato da vari osservatori.
Uomini armati in motocicletta hanno sparato contro la folla nella città di Malek Shahr , un sobborgo della città centrale di Isfahan, mercoledì notte . Due membri delle forze di sicurezza popolari (una forza nota in Iran come Basich) e un agente di polizia hanno perso la vita nell’attacco, e la stampa locale ha riportato più di cinque feriti, tra cui civili e forze dell’ordine.

All’inizio dello stesso giorno, un altro attacco contro poliziotti e civili nel mercato centrale della città di Izeh, nella provincia del Khuzestan (sud-ovest dell’Iran), ha finora provocato la morte di sette persone e diversi feriti.

Attacco al santuario sciita, Shiraz, vittime

Questi atti terroristici, che si aggiungono a quanto avvenuto il 26 ottobre al santuario di Shah Cheraq a Shiraz (sud-ovest), sono avvenuti dopo che i gruppi anti-Iran avevano indetto per tre giorni disordini nel paese, a partire da martedì. Nonostante l’ampia propaganda nei media anti-Iran – canali televisivi finanziati direttamente da Arabia Saudita, Regno Unito e Stati Uniti e i loro account sui social media – nessuna congregazione antigovernativa si era egistrata nel paese persiano.

Le autorità iraniane denunciano il ruolo diretto degli Stati Uniti, di Israele e di alcuni dei loro alleati occidentali e regionali nelle rivolte e avvertono che la sicurezza e la protezione della vita e della proprietà dei cittadini è la loro linea rossa, giurando di agire con fermezza contro coloro che cercano di minare la pace nazionale.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 18:11h, 18 Novembre Rispondi

    sembra la strage della Banca dell’ Agricoltura del 1969 in Italia – dette avvio a centinaia di bombe omicidi rapimenti e stragi – dai treni alle piazze aerei funivie traghetti ponti – fino agli anni 1992 – anno in cui l’ Italia cadde del tutto in mano delle potenze del male

    • Ubaldo Croce
      Inserito alle 01:35h, 19 Novembre Rispondi

      Ben detto Antonio. Proprio così.

  • Andrea Vannini
    Inserito alle 19:44h, 18 Novembre Rispondi

    C’ è la complicità dei curdi

  • Lorenza Z
    Inserito alle 02:15h, 19 Novembre Rispondi

    Chi sono i mandanti di questi atti Terroristici ?
    USA-UK-UE-ISRAELE !

  • eusebio
    Inserito alle 08:18h, 19 Novembre Rispondi

    Sui social girano video di provocatori che sparano ai poliziotti e ai manifestanti a sangue freddo, la situazione volge al peggio, gli agenti NATO cercano di replicare gli scenari del golpe di Maydan, pare che usino gli apparati satellitari Starlink per coordinare gli attentati ma hackers forse anche russi e cinesi oltre che iraniani hanno attaccato il sito di Starlink per mettere fuori uso il servizio.
    In Kazakhstan il governo per spegnere i disordini usò tecnologie di disabilitazione di internet fornite dai cinesi, apposta ora gli agenti occidentali usano Starlink, strumento imperialistico di un impero ormai in declino, in dissolvimento e in disuso, militarmente inesistente, l’aviazione cinese da sola è superiore a quelle americana e russa messe insieme e la marina USA per tonnellaggio è pari o inferiore a quella cinese ma solo contando vecchie portaerei di quarant’anni in bacino in fase di pre-disarmo, la ridicola base industriale USA e UK non può ripristinare le armi in demolizione e quindi usano i sobillatori organizzati dalla NED per combattere disperatamente gli avversari.

  • Giorgio
    Inserito alle 11:21h, 19 Novembre Rispondi

    Perfettamente d’accordo con tutti i commenti qua sopra di ANTONIO – UBALDO – ANDREA – LORENZA Z …

Inserisci un Commento