Professionisti veterani dell’intelligence per la sanità mentale su come evitare la guerra in Ucraina


OGGETTO: Evitare la guerra in Ucraina

Gentile Presidente Biden,

Abbiamo comunicato con voi l’ultima volta il 20 dicembre 2020, quando eravate presidente eletto.

A quel tempo, ti abbiamo avvertito dei pericoli inerenti alla formulazione di una politica nei confronti della Russia costruita su una base di attacco alla Russia. Mentre continuiamo a sostenere l’analisi contenuta in quel memorandum, questo nuovo memo ha uno scopo molto più urgente. Desideriamo attirare la vostra attenzione sulla situazione pericolosa che esiste oggi in Ucraina, dove il rischio di guerra è crescente a meno che non prendiate provvedimenti per prevenire un tale conflitto.

In questo frangente, richiamiamo alla mente due realtà fondamentali che richiedono un’enfasi particolare tra le crescenti tensioni tra Ucraina e Russia.

In primo luogo, poiché l’Ucraina non è un membro della NATO, l’articolo 5 del Trattato NATO ovviamente non si applicherebbe in caso di conflitto armato tra Ucraina e Russia.

In secondo luogo, l’attuale flessione militare dell’Ucraina, se consentita di passare all’azione militare effettiva, potrebbe portare a ostilità con la Russia.

Riteniamo cruciale che la vostra amministrazione cerchi immediatamente di rimuovere dal tavolo, per così dire, ogni “soluzione” all’attuale impasse che ha una componente militare. In breve, c’è e non potrà mai essere una soluzione militare a questo problema.

La tua guida provvisoria sulla strategia di sicurezza nazionale indicava che la tua amministrazione avrebbe “fatto scelte intelligenti e disciplinate per quanto riguarda la nostra difesa nazionale e l’uso responsabile delle nostre forze armate, elevando al contempo la diplomazia come nostro strumento di prima scelta”. In questo momento è il momento perfetto per mettere in pratica queste parole in modo che tutti possano vederle.

Crediamo fortemente:

  1. Deve essere chiarito al presidente ucraino Zelensky che non ci sarà assistenza militare né dagli Stati Uniti né dalla NATO se non frenerà i falchi ucraini desiderosi di dare un naso sanguinante alla Russia – falchi che potrebbero aspettarsi che l’Occidente venga dall’Ucraina aiuti in qualsiasi conflitto con la Russia. (Non deve esserci ripetizione del fiasco dell’agosto 2008, quando la Repubblica di Georgia ha avviato operazioni militari offensive contro l’Ossezia del Sud nell’errata convinzione che gli Stati Uniti sarebbero venuti in suo aiuto se la Russia avesse risposto militarmente.)
  2. Ti consigliamo di tornare rapidamente in contatto con Zelenskyj e insistere affinché Kiev interrompa l’attuale rafforzamento militare nell’Ucraina orientale. Le forze russe si sono schierate al confine pronte a reagire se le chiacchiere di guerra di Zelenskyj diventassero più che spavalderia. Washington dovrebbe anche sospendere tutte le attività di addestramento militare che coinvolgono le truppe USA e NATO nella regione. Ciò ridurrebbe la possibilità che l’Ucraina interpreti erroneamente queste missioni di addestramento come un segno de facto di sostegno alle operazioni militari ucraine per riprendere il controllo del Donbas o della Crimea.
  3. È altrettanto imperativo che gli Stati Uniti si impegnino in colloqui diplomatici ad alto livello con la Russia per ridurre le tensioni nella regione e allentare l’attuale corsa verso il conflitto militare. Districare la complessa rete di problemi che attualmente gravano sulle relazioni USA-Russia è un compito formidabile che non sarà portato a termine dall’oggi al domani. Questo sarebbe il momento opportuno per lavorare verso un obiettivo comune di prevenire le ostilità armate in Ucraina e una guerra più ampia.

Ci sono opportunità oltre che rischi nell’attuale attrito sull’Ucraina. Questa crisi offre alla vostra amministrazione l’opportunità di elevare l’autorità morale degli Stati Uniti agli occhi della comunità internazionale. Guidare con la diplomazia aumenterà notevolmente la statura dell’America nel mondo.

Per il gruppo direttivo, Veteran Intelligence Professionals for Sanity

William Binney , ex direttore tecnico, World Geopolitical & Military Analysis, NSA; co-fondatore, SIGINT Automation Research Center (in pensione)
Marshall Carter-Tripp , funzionario dei servizi esteri ed ex direttore di divisione presso l’Ufficio di intelligence e ricerca del Dipartimento di Stato (in pensione)
Bogdan Dzakovic , ex Team Leader di Federal Air Marshals e Red Team, FAA Security (in pensione) (associato VIPS)
Graham E. Fuller , vicepresidente, National Intelligence Council (in pensione)
Robert M. Furukawa , Capitano, Corpo degli ingegneri civili, USNR (in pensione)
Philip Giraldi, CIA, Operations Officer (in pensione)
Mike Gravel, ex aiutante, addetto al controllo top secret, Communications Intelligence Service; agente speciale del Counter Intelligence Corps ed ex senatore degli Stati Uniti
John Kiriakou, ex funzionario antiterrorismo della CIA ed ex investigatore senior, commissione per le relazioni estere del Senato
Karen Kwiatkowski , ex tenente colonnello, US Air Force (in pensione), presso l’Ufficio del Segretario della Difesa a guardare la fabbricazione di menzogne ​​sull’Iraq, 2001-2003
Edward Loomis, NSA Cryptologic Computer Scientist (in pensione)
Ray McGovern, ex ufficiale di fanteria / intelligence dell’esercito americano e incaricato presidenziale della CIA (in pensione)
Elizabeth Murray, ex vice ufficiale dell’intelligence nazionale per il Vicino Oriente e analista politico della CIA (in pensione)
Pedro Israel Orta , funzionario e analista delle operazioni della CIA; Ispettore con IG per la comunità dell’intelligence (in pensione)
Todd E. Pierce , MAJ, avvocato del giudice dell’esercito americano (in pensione)
Scott Ritter , ex MAJ., USMC, ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite, Iraq
Coleen Rowley , agente speciale dell’FBI ed ex consulente legale della divisione di Minneapolis (in pensione)
Kirk Wiebe , ex analista senior, Centro di ricerca sull’automazione SIGINT, NSA
Sarah G. Wilton , CDR, USNR, (in pensione); Defense Intelligence Agency (in pensione)
Robert Wing, Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, funzionario dei servizi esteri (ex) (associato VIPS)
Ann Wright, colonnello della riserva dell’esercito degli Stati Uniti (in pensione) ed ex diplomatico degli Stati Uniti che si è dimesso nel 2003 in opposizione alla guerra in Iraq
*

Fonte: Global Research

Traduzione: Gerard Trousson

13 Commenti

  • Farouq
    7 Aprile 2021

    Lettera sicuramente cestinata

    Il presidente americano non governa ma riceve ordini

    Gli ordini arrivano da Tel Aviv per fare pagare alla Russia il suo intervento in Siria, l’Ucraina è solo un mezzo insignificante come tanti

    • Niko
      7 Aprile 2021

      lettera cestinata perche e’ stata tradotta con il traduttore automatico di google, e pertanto fa cagare..
      La redazione E’ INVITATA ad aggiungere che si tratta di traduzione AUTOMATICA, cosi’ almeno il lettore si prende la briga di tradursela da se, visto che viene indicata la fonte.

      • mondo falso
        8 Aprile 2021

        Non penso , Semplicemente devo togliere di mezzo Putin come hanno fatto con Saddam Hussein e Gheddafi e che tentano da 10 anni di farlo con Assad

      • mondo falso
        8 Aprile 2021

        Non penso , Semplicemente devo togliere di mezzo Putin come hanno fatto con Saddam Hussein e Gheddafi e che tentano da 10 anni di farlo con Assad

    • Claudio
      7 Aprile 2021

      Purtroppo penso sia cosi

  • Savo
    7 Aprile 2021

    Sicuramente l’amministrazione americana guidata dall’acuto presidente Biden , prenderà in seria considerazione l’acccorato appello…certo come no

  • La soluzione
    7 Aprile 2021

    Dato che la Russia ha posizionato 5 sommergibili nucleari con 16 missili con 10 testate termo nucleari ciascuno, con capacità di inceneriri metà stati uniti, il cadente Biden ascolterà. Se lui il mandante sarà punito sul suo territorio. Come dicono a Napoli, Ca nisciun e fess.

  • michele
    7 Aprile 2021

    non accadrà nulla tra i 2 potenti………tranquilli..

  • Arditi, a difesa del confine
    8 Aprile 2021

    han sbagliato destinatario, dovevano mandarla alla kamala, non al vecchio rimbambito

    comunque ripensavo a questo su chi auspica (o teme, come sarebbe più giusto) un conflitto nucleare : negli anni 50 in Corea stati uniti e russi vennero alle mani, nel senso, ci fu guerra tra le due parti, il generale mc arthur mi pare suggerì di usare l’atomica non mi ricordo se su cinesi o nord coreani, venne stoppato dagli altri generali

    lettera come questa mi fa quindi sperare che non tutti i generali americani siano pazzi assatanati ma consci che una esacerbazione del (possibile? probabile?) conflitto porterebbe a notevoli danni anche sul suolo americano

    voglio pensarla positivo, l’Ucraina è uno stato fallito, non si può consegnare interamente alla Russia quindi se lo spartiranno i vari paesi limitrofi, del resto tolta la parte orientale che finirebbe ai russi, sia Polonia che Moldavia potrebbero rivendicare territori che in passato erano loro, Galizia ai primi e zona di Odessa ai secondi.

  • Hannibal7
    8 Aprile 2021

    Mmm questa lettera scritta da memorabili EX funzionari mi sa che non avrà un gran successo…altro che cestinata…sicuramente non sarà nemmeno arrivata agli occhi di Biden…qualche agente CIA l’avrà fatta sparire prima…e poi è vero…Biden governa ma NON COMANDA

  • giorgio
    8 Aprile 2021

    Ex criminali torturatori della Cia, ora pensionati in pantofole, che lanciano appelli pacifisti (?) …… che credibilità hanno ?
    Ci vuole ben altro per fermare la macchina distruttiva bellico-finanziaria anglo americana e sionista ……
    o l’implosione dall’interno (crac economico, enormi mobilitazione popolari, guerra civile) …… o una pioggia di atomiche …….

  • Riki
    8 Aprile 2021

    Sono 2 punti di vista diversi all’interno usa tra: chi si fa di crack – e chi no. E quindi é preoccupato (si caga addosso) di un eventuale (sicuro) conflitto con la russia in caso che…

  • Nessuno
    8 Aprile 2021

    Si è capito lontano un miglio che le intenzioni USA sono di far macellare gli ukronazi dai Russi per impedire il completamento del Nord stream. Lo zio Sam fa la scena ma non muoverà un mignolo quando i cannoni parleranno. D’altra parte, la storia è piena di guerre che non dovevano essere combattute.

Inserisci un Commento