PRIMA DI FARE LE “RIVOLUZIONI COLORATE”, LEGGERE I TEORICI

di Daniil Bogatyryov

L’ex capo della BERS, Jacques Attali, ideologo del globalismo senza frontiere, nel suo primo libro “Sulla soglia di un nuovo millennio”, ha scritto che la globalizzazione sta creando una nuova “élite nomade” strappata dalle sue radici nazionali e in grado di svolgere funzioni amministrative in tutti i paesi della “periferia”. La “Società del futuro” gli sembrava lontana dall’utopia.
Attali ha sostenuto che la povertà continuerebbe ad essere combinata con la ricchezza, ma su scala globale.
Secondo il teorico francese, una persona nell’era della globalizzazione non dovrebbe essere altro che un’appendice a una carta di credito e di dati di registrazione, un nomade nella divisione globale delle specialità e delle professioni. Un individuo omologato, senza famiglia e senza patria. Di conseguenza, alla pari con le “élite nomadi”, predisse la formazione di “classi inferiori nomadi”. Inoltre, tutti questi processi previsti da Attali sono stati calorosamente accolti dalle masse che hanno partecipato ai movimenti per il “cambiamento”.

Negli ultimi 5 anni, l’Ucraina, come paese, è diventata forse l’incarnazione perfetta delle sue previsioni e dei suoi modelli sociali. I rappresentanti delle “élite nomadi” vengono periodicamente per correggerci, guadagnare soldi e poi volare verso altre destinazioni come Puerto Rico per governare gli altri poveri, classi inferiori, nativi allo stesso modo (ricorda Yaresko). Purtroppo, con il cambio di potere, questa tendenza è continuata.


L’Aivaras Abromavicius, banchiere, una volta dimenticato è stato nominato capo della Ukroboronprom, David Arahamia, politico, siede nella Rada e Ulyana Suprun, fino a poco tempo fa, era a capo del Ministero della Salute. I nuovi ministri, sebbene non immigrati dall’estero, non sono meno globalisti di Attali. È possibile che alla scadenza dei loro poteri, saranno inviati a “attuare riforme” in un altro paese del terzo mondo.

Allo stesso tempo, milioni di cittadini ucraini si inseriscono anche nel “mondo globalizzato”, trasformandosi in “classi nomadi inferiori”. Vanno a raccogliere pomodori e fragole in Polonia, lavare i bagni in Italia o posare piastrelle nelle dacie in generale vicino a Mosca. Privati della Patria e costretti a vagare per sopravvivere.

Rivoluzione di Maidan a Kiev

Si è verificato tutto questo per cosa? E inoltre, la prossima volta prima di andare a manifestare al Maidan per il cambiamento, leggi i teorici. Hanno scritto in chiaro nel loro testo in quale vergognoso stallo vogliono spingerci tutti. Dovevamo prevederlo.

Fonte: New Front

Traduzione: Sergei Leonov

13 Commenti

  • Sed Vaste
    5 Settembre 2019

    Va beh ma l’Ebreo Attali E’ LA personificazione del Male ,e’ un Demone incarnato tra l’altro e’ I’ll Tutor I’ll pigmalione di Quel gay isterico assassino Di Macron altro personaggio che dice tutto NeL Suo cognome macro in francese significa Pappone Protettore ,da gente simile ci si deve solo difendere sono dei ministri di. satana dei flagelli del Mondo come LA tribu’ Ebrea alla quale Appartengono

  • Enriquelosroques
    5 Settembre 2019

    andate a spiegarlo alle zecche antifa sinistriode in mano all’elite dominante. Prima si dichiaravano no global ma sono più globalisti di Attali &co. che bevono cocacola e mangiano al mc. La coerenza e la stupidità sono il loro forte!

  • Stefano
    5 Settembre 2019

    I guru del globalismo di cui Attali è uno fra i massimi rappresentanti hanno lanciato la loro offensiva a livello globale, già qualche mese fa il padrino di Macron aveva delineato al strategia per soffocare qualsiasi seppur fragile e confusa spinta “sovranista” ed a oggi a quanto pare il suo disegno ha funzionato in Europa perlomeno, anche se pure la questione Hong Kong va inserita in questo contesto di guerra ibrida e “rivoluzioni colorate” teleguidate… Gli unici a rimanere saldamente in piedi nonostante gli svariati tentativi di destabilizzazione sono sempre la Russia di Putin e l’Iran con al fianco la mezzaluna sciita, questi gli ultimi veri avamposti di libertà e lotta all’imperialismo USraeliano ed ai burocrati di Bruxelles. loro servitori, per il resto assistiamo ad uno scontro interno fra globalisti sorosiani e finti “sovranisti” al servizio di Netanyahu, finchè non si uscirà da questa falsa dicotomia imbrigliante del liberalismo si “sinistra” e liberalismo di “destra” della società aperta non si avranno possibilità, solo un vero fronte post-ideologico di tutte le anime della “società chiusa” potrà rappresentare un nuovo paradigma rivoluzionario come formulato nella Quarta teoria politica, urge un salto di qualità che si potrà anche provare all’interno del “sovranismo” cercando di indirizzarlo, esso potrebbe anche rappresentare un contenitore che può essere riempito in modo adeguato…

  • MDA
    5 Settembre 2019

    e voi mongoli rossi prima di cercare di far rientrare in orbita russa l’UCRAINA, chiedete scusa per aver affamato e ammazzato milioni di contadini kulaki,.
    Magari, cri mongoli russi, risulterete un tantinello piu’ simpatici agli europeissimi ucraini…

  • MDA
    5 Settembre 2019

    non so se sia piu’ fastidiosa la propaganda dei bastardi americani sulla tv o quella dei mongoli russi su internet.
    unica differenza è il pil a disposizione: 30MLD da una parte, scarsi 2 dall’altra.

  • Sed Vaste
    5 Settembre 2019

    Ehi musulmano guarda che incensare una spia del KGB comunista come Putin non va mai bene sopratutto se c’e’ stato 16 anni a fare LA Spia , queste Spie non finiscono mai I’ll loro lavoro non vanno mai in pensione

    • atlas
      5 Settembre 2019

      senti pirla … a uno che a 33 anni era già nella Germania Est, a Dresda (dal 1985 al 1989), tu e i tuoi ameri cani potete solo reggergli il fazzoletto mentre si soffia il naso

      Putin conosce molto bene tutta Europa e con i suoi agenti del KGB era impegnato a raccogliere tutte le informazioni connesse con il suo avversario strategico, la Nato. E’ laureato in Giurisprudenza, specializzato in Diritto Internazionale, Maestro di arti marziali, Judo OTTAVO DAN ! Cos’è che non ti piace, che non digerisce i culattoni ? La sua priorità sono le coppie che generano FIGLI non i parassiti che se lo prendono in culo. Conosce alla perfezione il tedesco, l’inglese e lo svedese

      tu che cazzo fai, lo spaccone ? Ma non ci spaccare il cazzo …

      https://www.youtube.com/watch?v=WD3G4NVNA58

  • eusebio
    5 Settembre 2019

    I nasi adunchi hanno messo nel mirino il bersaglio grosso, la Cina, la rivoluzione colorata ad Hong Kong sponsorizzata dal neocon Marco Rubio mira addirittura all’indipendenza dell’isola, per farne un regime parlamentare fantoccio da usare come testa di ponte per rovesciare il regime comunista-sovranista cinese, e dopo aver imposto una pseudo-democrazia parlamentare tipo India consegnare la banca centrale cinese ai Rothshild.
    Non a caso i CEO di Google e Yahoo, ebrei come i Rothshild, vogliono stendere un enorme cavo per telecomunicazioni tra la California ed Hong Kong, in modo da poter controllare la rete tlc continentale cinese e i suoi enormi big data, in modo poi da poter gestire dai centri di potere ebraici la futura democrazia fantoccio cinese.
    Xi Jin Ping deve stare molto attento a questo estremamente subdolo potere, magari fornendo batterie antiaeree a Irak, Siria e Libano, per neutralizzare le scalcinate forze aeree sioniste e permettere alle enormi forze armate iraniane di distendersi fino al Golan.

  • Max Dewa
    6 Settembre 2019

    I Russi sono stati sotto il comunismo dal 1917 fino a dopo il 1990 praticamente 70 anni , I cinesi lo son ancora sotto I’ll comunismo materialista ateo ,ripeto se credete di trovare in questa gente LA vostra salvezza I vostri valori ecc avete preso un abbaglio una cantonata non da poco , ripeto ci vivo ci mangio assieme tutti I giorni con I Russi e I cinesi sono contadini non hanno il nostro retaggio emotivo hanno delle tare causate dal regime a cui sono stati sottomessi che li ha indottrinati non e’ colpa loro ma e’ cosi ‘

  • atlas
    6 Settembre 2019

    conosco (lui mi reputa un amico, m’invita sempre a casa sua, ma io ci vado con riluttanza, in realtà simulo civili rapporti pacifici di vicinato) un tipo ormai da anni nelle Due Sicilie: è un ex incursore, è maestro di 4 tipi di arti marziali letali, ha 3 lauree e infinite specializzazioni e brevetti, a 32 anni. Scrive un libro di psicologia dopo l’altro. Interviene a convegni dove insegna a polizia e carabinieri. Servizi di sicurezza vati cani ? (certe cose le so). Delle forze armate ? (pure). Massone. Lui e il fratello sono in procinto di andare in una Nazione Socialista del sud america, (partiranno a giorni) a fare cosa. A sposarsi per acquisire quella nazionalità. Ha molti soldi che però provengono, a fini di riciclaggio, da associazioni criminali; frutto di reati, estorsioni e spaccio fra tutti. Si aprirà un’attività alberghiera però si porta dietro materiale professionale di spionaggio che mimetizza in semplice fotografico avendo anche quel permesso. Ha frequentazioni in quel paese con bande di trafficanti di droga

    dovrei segnalarlo ? (ho anch’io i miei canali)

    verrebbero a prendere me

    così stanno le cose. Però Dio è Grande

Inserisci un Commento

*

code