Prigionieri palestinesi in 6 sono fuggiti dalla prigione ultra fortificata di Gilboa, Israele

Uno smacco per le forze di occupazione isreliane.
Il comando delle forze di occupazione israeliana ha annunciato la fuga di 6 prigionieri palestinesi dalla prigione di Gilboa, che è sotto stretta sorveglianza, all’alba di oggi, lunedì, attraverso un tunnel scavato sotto la prigione
.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha confermato che 6 prigionieri palestinesi sono riusciti a fuggire dalla prigione di Gilboa vicino alla città occupata di Beit She’an, all’alba di oggi, lunedì, e questa prigione è considerata una delle prigioni israeliane più fortificate, secondo il quotidiano .

L’occupazione israeliana ha annunciato che è iniziata “una vigilanza generale tra le forze di polizia alla ricerca dei prigionieri in fuga, e ha iniziato un’operazione di ricerca su larga scala nell’area affollata di villaggi e città e vicino al confine con la Cisgiordania settentrionale, come così come presso la Giordania.”

Si ritiene che i sei palestinesi detenuti abbiano scavato un tunnel che hanno usato per liberarsi e fuggire dalla prigione di Gilboa e che siano scomparsi intorno alle 4 del mattino.
I siti web dei media israeliani hanno pubblicato immagini del tunnel che hanno detto di aver scavato e attraverso il quale sono riusciti a fuggire, e immagini delle identità dei sei prigionieri palestinesi che sono riusciti a fuggire.
Una fonte del movimento di resistenza della Jihad islamica ha riferito ad Al- Mayadeen che “Mahmoud Abdullah Al-Ardah è l’emiro dei prigionieri della jihad nella prigione di Gilboa, ed è il capo del gruppo in fuga dei prigionieri”.
Il corrispondente di Al- Mayadeen a Gaza ha dichiarato che Arida (46 anni), che ha guidato l’operazione di liberazione, era stato condannato all’ergastolo.

La fonte ha aggiunto che “la fuga dei prigionieri costituirà un duro colpo per l’esercito israeliano e per l’intero sistema in Israele”, descrivendo l’azione come “eroica”, e che “causerà un grave shock al sistema di sicurezza israeliano. “

Da parte sua, il portavoce di Hamas Fawzi Barhoum ha affermato che “estrarre un certo numero di prigionieri dalla loro prigionia, nonostante tutte le complicazioni per la sicurezza, è un atto eroico e coraggioso”, aggiungendo che “un certo numero di prigionieri che sono riusciti a fuggire è una vittoria per la volontà e determinazione dei nostri eroici prigionieri”.

Barhoum ha sottolineato che “questa grande vittoria dimostra che la volontà e la determinazione della guerriglia, della resistenza e dei combattenti non possono essere sconfitte o piegate”, dichiarando che “il successo dei prigionieri è una vera sfida al sistema di sicurezza dell’occupazione, che vanta Israele come ‘il migliore al mondo.”

Ha anche affermato che “questa grande vittoria dimostra che il nemico non ha mai vinto e non vincerà mai, non importa quanto potenziale e potere possiede”, aggiungendo: “La lotta per la libertà con l’occupante continua e si estende dentro e fuori dalle carceri per strappare questo diritto”.

Secondo i media israeliani, i prigionieri che sono riusciti a fuggire dalla prigione attraverso un tunnel sono Zakaria al-Zubaidi, Munadil Yaqoub Nafi’at, Muhammad Qassem Aardeh, Yaqoub Mahmoud Qadri, Ayham Fouad Kammaji, Mahmoud Abdullah Aardeh e gli ultimi cinque appartengono al movimento della Jihad islamica.

Le autorità di occupazione israeliane detengono attualmente circa 4.850 prigionieri nelle loro carceri, tra cui 41 detenute, 225 bambini e 540 detenuti amministrativi, secondo istituzioni specializzate negli affari dei prigionieri.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM