PREPARATIVI PRE-BELLICI DEGLI USA: RITIRO DAI TRATTATI

Gli Stati Uniti stanno lavorando attivamente per ritirarsi dai trattati militari con la Russia, creando una situazione prebellica nelle relazioni diplomatiche tra Washington e Mosca .

Il 20 ottobre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha confermato che gli Stati Uniti stanno decidendo di abbandonare il Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF). Dopo una manifestazione a Elko, in Nevada, il presidente ha affermato che la Russia ha “violato questo per molti anni”.

“Dovremo sviluppare quelle armi”, ha detto Trump. “Stiamo andando a rescindere l’accordo e stiamo andando a tirarci fuori.”

Inoltre, Washington si ritirerà per un altro trattato di riduzione delle armi nucleari con la Russia Nuovo START (Trattato di riduzione delle armi strategiche). Sotto New START firmato l’8 aprile 2010, per cui il numero di lanciatori di missili nucleari strategici sarebbe ridotto della metà. Le notizie che l’amministrazione Trump si sarebbe ritirata da tale trattato hanno iniziato a comparire attivamente nei media citando alti funzionari della Casa Bianca il 21 ottobre.

La posizione degli Stati Uniti su questi accordi chiave ha avuto una forte risposta da parte di Mosca. Il viceministro degli esteri russo Sergey Ryabkov ha dichiarato che il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF sarebbe un passo molto pericoloso, che sarebbe sicuramente condannato dalla comunità internazionale.

“La questione è troppo seria per essere affrontata attraverso un dibattito pubblico. Se gli Stati Uniti continuano a comportarsi in modo così maldestro e duro, come possiamo vederlo fare in numerose occasioni, se continuano a ritirarsi unilateralmente da accordi, diversi tipi di accordi e meccanismi, e gli esempi si stanno accumulando – dal JCPOA sull’Iran , agli accordi di Parigi, a quelli sull’unione postale universale e tanti altri – allora non avremo più nulla da fare se non prendere misure di rappresaglia, comprese quelle di natura militare e tecnologica. Ma vorremmo evitarlo. La politica goffa e dura degli Stati Uniti vede sempre più il rifiuto in molti paesi e ampi ambienti della comunità internazionale. Washington non dovrebbe sottovalutare questi cambiamenti nel sentimento “, ha detto Ryabkov.

Lo stesso Ryabkov ha anche affermato che la Russia condanna i tentativi degli Stati Uniti di ottenere le concessioni di Mosca in materia di sicurezza internazionale attraverso il ricatto.

“Condanniamo i continui tentativi di ottenere le concessioni dalla Russia attraverso il ricatto, per di più in una questione che ha importanza per la sicurezza e la sicurezza internazionale nella sfera delle armi nucleari, per il mantenimento della stabilità strategica”, ha detto.

Già nei giorni scorsi, la continua escalation di provocazioni, di minacce e di sanzioni da parte di Washington e della NATO, aveva costretto il ministro degli Esteri Russo Sergej Lavrov a rispondere a tono.
Lavrov ha avvertito che la Russia era pronta a rispondere agli attacchi dei media occidentali ed a tutte le provocazioni , inoltre ha ridicolizzato l’Occidente, chiedendo davvero se gli USA fossero effettivamente propensi ad essere così sciocchi da iniziare la terza guerra mondiale.

Il ministro degli Esteri russo Lavrov

Cambio di paradigma

È importante meditare sul significato di questa affermazione. Lavrov ha appena sollevato lo spettro della terza guerra mondiale, per la seconda o terza volta negli ultimi due mesi. Questo linguaggio è molto diverso dalla linea standard “i nostri partner”, anche se tale espressione è ancora utilizzata. È importante ricordare che Putin ha dichiarato che i “partner statunitensi” potrebbero essere anche “oppositori geostrategici” della Federazione Russa.

Sembra che stiamo vivendo in un periodo in cui la stupidità della massa del pubblico manipolato dai media è cresciuta fino a proporzioni tali, che l’eccezionalismo americano e il culto cancerogeno dell’invincibilità si sono metastatizzati a un livello fuori dell’ordinario. Risulta che molti in Occidente non sono consapevoli che la Federazione Russa ha la più grande riserva nucleare funzionante al mondo, e qualsiasi serio attacco alla Russia che la minacciasse esistenzialmente, porterebbe alla fine della vita umana sul pianeta.

Successivamente abbiamo avuto le notevoli affermazioni di Putin, di proporzioni tali da mutare il paradigma. Due giorni fa, alla conferenza di Valdai, Putin ha rafforzato le dichiarazioni di Lavrov e ha aggiunto una dimensione molto seria relativa alla fede, alla religione, all’anima e al destino dell’uomo, al concetto e alla pratica della katechon, e alla visione rigida del bene e del male, paradiso e inferno e pentimento.Questo richiede anche una considerazione più profonda della dichiarazione di Lavrov anche potente, ma rigorosamente laica. La lettura di questo è critica, perché sposta i confini del “discorso civile” in una maniera di parità con quella dell’Occidente. Ma è tremendamente diverso. In realtà, rispecchia esattamente le affermazioni di Lavrov.

Putin a Valdai

Quello che Putin ha detto, per la cronaca è stato :

“Qualsiasi aggressore dovrebbe sapere che la nostra ritorsione sarà inevitabile e sarà distrutto. E poiché saremo le vittime della sua aggressione, andremo in paradiso come martiri. Loro cadranno semplicemente inceneriti, non avranno nemmeno il tempo di pentirsi ”

Mentre per Putin era chiaro che le forze nucleari della Russia non sono predisposte su misura per un attacco preventivo ed esiste come una capacità di secondo attacco volta a scoraggiare un primo attacco da parte di una nazione straniera, la Russia ha cambiato la sua dottrina per permettere un attacco nucleare anche in caso di una aggressione fatta con forze convenzionali contro il proprio territorio. La dottrina nucleare russa prevede infatti l’uso di armi nucleari nei conflitti convenzionali, a condizione che sia in gioco l’esistenza della Russia.

Tale dottrina segna un cambiamento significativo rispetto al precedente impegno autoimposto di “non primo uso”, a cui Mosca era stata costretta dalle pressioni statunitensi a dichiarare nel 1993.

Tutto questo rende il contesto attuale estremamente pericoloso e soltanto degli psicopatici fuori controllo possono pensare che gli Stati Uniti possano ottenere la loro agognata egemonia unilaterale e ritornare al mondo dei primi anni ’90 utilizzando il loro apparato militare ed un attacco preventivo contro la Russia e la Cina.
Tuttavia sembra che la razionalità ed il senso della realtà non siano di casa nel gruppo dei neocon di Washington che costituiscono l’elite di potere dominante.

Fonti: South Front  FRN

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

8 Commenti

  • atlas
    21 ottobre 2018

    ho avuto tante donne nella mia vita, alcune le ho ancora, ho girato un po’ per il mondo, ho mangiato bene, non ho mai aggredito nessuno, ma per difendermi non ho mai fatto del male a chiunque non se lo sia meritato. Prego 5 volte al giorno Il Dio e osservo l’astinenza di Ramadhan dal 1993 (anche in carcere, 7 ne ho passati e il cibo era veramente scarso e schifoso, gli ultimi 15gg di Ramadhan lo stomaco duoleva forte, ma tutto passa). E tutto ha un inizio e una fine come tutte le cose terrene e se Il Creatore ha decretato che ciò sia vicino chi può fermarlo ? Importante è farsi trovare dagli Angeli incaricati di ritirare l’anima puri e puliti nel corpo e nel cuore. Con Dio e Putin fino alla fine.

  • Manente
    21 ottobre 2018

    Se i governanti di Russia e Cina hanno ormai raggiunto la certezza che i trozkisti neo-con Usa e la perfida Inghilterra hanno deciso di sferrare un “primo colpo” nucleare contro di loro, la Cina che detiene buona parte dell’enorme debito pubblico americano, dovrebbe provare insieme alla Russia ad eliminare una volta per tutte il “potere finanziario” della lobby neo-con anche a costo di provocare il crollo del dollaro e dell’economia Usa. In caso contrario sarà difficile evitare un conflitto nucleare, a prescindere da chi sarà a sferrare “il primo colpo”. Nonostante lo stato di occupazione militare in cui si trova l’Italia, ci auguriamo che l’attuale governo faccia di tutto per evitare che il nostro Paese diventi ancora una volta il “campo di battaglia” per le armate anglo-sioniste.

  • amas
    22 ottobre 2018

    Chi attenta continuamente alla pace dei popoli e non da respiro a coloro che amano la pace, se si dovesse arrivare a un conflitto globale, dal momento che ne é stato la causa, deve essere annientato e distrutto, nemmeno una cellula deve restare, affinché le future generazioni non abbiano il rischio di incontrare eventuali eredi di questi esseri malefici.

  • Idea3online
    22 ottobre 2018

    Ancora due Guerre, la Terza Guerra Mondiale……….dopo la Quarta…….dopo il crollo di Babilonia…settima coppa. Ancora decenni di effetti speciali. Certo che l’Apocalisse racchiude l’Inferno, il Purgatorio ed il Paradiso. Tre fasi intense anche se le prime due le percorriamo continuamente noi esseri umani. L’Apocalisse altro non è che il Purgatorio prima del Paradiso.

  • Sed Vaste
    22 ottobre 2018

    Che bravo un musulmano con le presine da forno in testa non l’avevo mai visto e magari che da le testate contro il muro e che festeggia Ester e il Purim proprio un bel musulmano

    • atlas
      23 ottobre 2018

      un falso fascista che sta con i suprematisti bianchi creati dagli usa cioè dai giudei. Questo sei. Non raggiri nessuno

  • contadino
    22 ottobre 2018

    Il vangelo (egemonia mondiale), redatto dai neocon con il colpo di stato USA dell’ 11/09/2001, non deve subire intralci! Anche se questo criminale progetto ci dovesse portare alla III guerra mondiale, Sion e Company, da quel giorno hanno preso quel treno. E se deraglierà, è solo per innescare la miccia!

    • Idea3online
      23 ottobre 2018

      Codice Genesi (The Book of Eli)…….Il vangelo (egemonia mondiale), secondo Sion e Company…..per capire il Futuro Nucleare….

Inserisci un Commento

*

code