Porre fine alla NATO e correggere l’errore di Stalin


di Batiushka

” Al diavolo Washington ” ( colonnello Douglas Macgregor)

Introduzione: L’Atlantico e l’Europa
A giudicare dal suo nome, NATO, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico ha sempre e solo coinvolto gli Stati Uniti e il Regno Unito, un accordo tra gli americani e il mezzo americano Churchill. Dopotutto, quanto è importante il ” Nord Atlantico ” per la Germania baltica o l’Italia mediterranea, per non parlare della Grecia egea e della Turchia del Mar Nero? Anche la Spagna e il Portogallo guardano ai Caraibi e al Sud Atlantico, non al Nord Atlantico.
La NATO è chiaramente un’organizzazione che discende direttamente dalla Carta Atlantica, confezionata da Roosevelt e Churchill in una baia al largo di Terranova nel 1941 (neanche nell’Atlantico), poi imposta a tutti.

La fine della NATO
Allora cosa ci faceva il Nord Atlantico ai piedi dell’Himalaya in Afghanistan? Oltre ad essere la sua più grande sconfitta (finora), cosa ci faceva lì? E cosa ci fa il Nord Atlantico, o almeno una parte di esso, nel Mar Cinese Meridionale? Sicuramente c’è un indizio nel nome: Cina? Questo mare appartiene alla Cina. Cosa stanno facendo la Marina degli Stati Uniti e altri in questa regione?

Sicuramente anche la geograficamente carente Liz Truss, che voleva che il mondo intero fosse governato dalla NATO, deve aver pensato che fosse giunto il momento di rinominare la NATO? Forse l’Organizzazione nazista-americana della tirannia? In questo modo potremmo mantenere le stesse iniziali. Come ha sottolineato Saker, il primo segretario generale della NATO, il colonnello generale Hastings Ismay, nato in India, ha ammesso senza mezzi termini che l’obiettivo della NATO era ” tenere fuori l’Unione Sovietica, gli americani dentro e i tedeschi a terra “.

E come spiegò il Saker : ” Tenere sotto controllo i tedeschi ” significa schiacciare tutti gli europei che potrebbero essere rivali per il controllo dell’Europa occidentale da parte dell’Anglosfera, che ora controlla tutta l’Europa eccetto le libere terre russe. “ Tenere dentro gli americani ” significa schiacciare tutti i movimenti di liberazione europei, quelli di De Gaulle o altri. ” Tenete fuori l’Unione Sovietica significa distruggere la Russia, in modo che non liberi l’Europa dalla tirannia dell’Anglosfera. Quest’ultimo è simboleggiato dalle bandiere americana e britannica che sono onnipresenti, anche su capi di moda, magliette e jeans, dagli anni 60. Ecco perché i veri europei si rifiutano di indossare tali capi.

In realtà, è ovvio che la NATO sarebbe dovuta scomparire il 1° luglio 1991, il giorno in cui è scomparso il Patto di Varsavia. Se lo avesse fatto nel 1991, la disfatta della NATO sarebbe stata evitata trent’anni dopo in Afghanistan. In effetti, il fatto che non sia stato eliminato in quel momento è una tragedia che è costata milioni di vite, in particolare in tutto il tragico Medio Oriente, e oggi in tutta la tragica Ucraina.

È interessante notare che la risposta all’aggressione e all’intimidazione della NATO (l’élite americana è ancora prepotente), il Patto di Varsavia, prende il nome dalla capitale della Polonia. Ironia della sorte – e non c’è niente di più ironico della storia – è oggi nelle Varsavia della “ nuova Europa ”, lontane dal Nord Atlantico, che troviamo il più fanatico dei seguaci della NATO. Qual è il significato della NATO?

La Repubblica americana di Polonia
Il nome “ Polonia ” è legato alla parola inglese “ plain ”, così che “ Polonia ” significa letteralmente “ campi ”. In altre parole, non esiste alcuna barriera geografica tra le terre tedesche e le terre russe, che iniziano con l’attuale Bielorussia e Ucraina. In altre parole, non esiste alcuna barriera geografica tra Berlino e Mosca. C’è solo una barriera politica puramente artificiale. I due popoli, polacchi e russi, sono fratelli genetici. Il loro confronto, come quello tra i fratelli genetici, i croati ei serbi, è puramente artificiale.

Fa parte del gigantesco complesso di inferiorità dei polacchi (immagina di vivere in mezzo a tanti campi tra Germania e Russia) immaginare che la Russia sia interessata a conquistare la Polonia. La Russia non è davvero interessata alla Polonia. Quindi, ti sento dire, perché la Russia imperiale partecipò alle tre partizioni prussiane e austriache della Polonia alla fine del XVIII secolo? Perché Molotov e Ribbentrop lo hanno condiviso? Perché Stalin l’ha occupata?

La risposta è sempre la stessa. Quando sei stato invaso dall’Europa occidentale tanto spesso quanto la Russia, devi creare una zona cuscinetto per proteggerti. Poiché la geografia non cambia, gli zar ei bolscevichi furono costretti dalla stessa aggressività e gelosia occidentali a fare lo stesso: proteggersi e questo significava l’est o tutta la Polonia. In questo, lo zar Nicola II ebbe molto più successo dei bolscevichi. Così, durante la prima guerra mondiale, tedeschi e austriaci non entrarono mai in Russia, rimanendo principalmente bloccati nella Polonia orientale e in Lituania e causando meno di 670.000 vittime russe in due anni e mezzo di guerra. Fu diverso durante la seconda guerra mondiale, quando i tedeschi raggiunsero il Volga e fecero quaranta volte più vittime,

È una spiegazione, non una giustificazione. Alcuni dei miei migliori amici sono polacchi: appartengono alla piccola minoranza di polacchi che sanno tutto quanto sopra e sanno che la Polonia di oggi è solo un vassallo americano. Penso che probabilmente sappiano anche che se un polacco dovesse mai ricevere il premio Nobel per la pace, sarebbe per chi ha portato la Polonia a fare la pace con la Russia, piuttosto che andare in guerra. Sarebbe stato un polacco a staccare la spina agli americani, cacciarli dalla Polonia e dichiarare l’indipendenza. E farebbe lo stesso con l’Ue, gli Stati Uniti d’Europa, guidati dagli Stati Uniti. Questo è il tipo di patriottismo polacco (totalmente diverso dal nazionalismo polacco) che approvo, perché si tratta di affermare l’identità nazionale polacca e non di distruggerla.

Sfortunatamente, alcuni membri dell’odierna élite politica e militare polacca sognano di cancellare la Russia dalla carta geografica, come i crociati cattolici del Medioevo. Sono deliranti quanto lo erano quei crociati. I polacchi non si rendono conto che gli americani (e gli inglesi) li lasceranno cadere (e gli ucraini) come mattoni roventi, quando si tratterà di schiacciarli. Come fecero nel 1945, anche se gli inglesi affermarono di essere entrati in guerra nel 1939 al solo scopo di difendere la Polonia. Anche quella era una bugia. Quando mai i polacchi sapranno chi sono i loro veri amici? Come disse Saker : Gli Stati Uniti e la NATO non hanno la forza lavoro e la potenza di fuoco per affrontare la Russia in una guerra convenzionale combinata. Qualsiasi utilizzo di armi nucleari comporterà ritorsioni immediate ”. Oggi, in Polonia, almeno 1 persona su 33 è un “ rifugiato ” ucraino . Molti polacchi sono stufi di questa invasione. Mette alla prova il Paese.

Il futuro
In questo momento la NATO sta smilitarizzando l’Ucraina. Ironia della sorte, l’Ucraina è ufficialmente un paese non NATO, sede di alcune delle persone che odiano maggiormente i polacchi al mondo. Gli ucraini che vivono al confine polacco (i galiziani) hanno addirittura inventato una nuova religione per non essere cattolici come i polacchi (o ortodossi come i russi). Si chiama “ cattolicesimo greco ”. Non troverai un mix più strano e artificioso di questo. Come dicono i russi: ” Né pesce né carne “. Quindi cosa accadrà quando la NATO crollerà? Torniamo alla storia del secolo scorso, gran parte della quale riguarda la Polonia, da Varsavia devastata dai nazisti ad Auschwitz liberata dai sovietici, da Breslavia (Breslavia) a Danzica (Danzica).

All’inizio del 1917, la prima guerra mondiale era durata due anni e mezzo e la Russia era a pochi mesi dalla vittoria totale e dalla liberazione di Vienna, Berlino e Istanbul. Tuttavia, la rivoluzione di febbraio organizzata dagli inglesi (l’allora ambasciatore britannico, Sir George Buchanan, era la Victoria Nuland di quella successiva) pose fine a tutto ciò. E gli aristocratici assolutamente incompetenti ma anglofili che gli inglesi avevano scelto per governare la Russia aprirono le porte alla Rivoluzione d’Ottobre. Senza l’interferenza britannica non ci sarebbe stata la Polonia, che tra il 1919 e il 1920 occupò gran parte della Bielorussia e dell’Ucraina occidentale e vi rimase fino al 1939. E se le truppe russe fossero entrate a Vienna, Berlino e Istanbul, non ci sarebbe stato nessun caporale austriaco che , nel 1939, ha lanciato la seconda parte della prima guerra mondiale. E quindi nessuna invasione americana dell’Europa occidentale nel 1944. E quindi nessuna truppa sovietica che entra violentemente a Vienna e a Berlino nel 1945. E quindi nessuna guerra per la liberazione dell’Ucraina oggi.

Gli intrighi austriaci che contribuirono alla prima guerra mondiale fecero il gioco dei francesi e degli inglesi e distrussero l’asse San Pietroburgo-Berlino. È stato tragico perché Berlino è il vero centro dell’Europa occidentale e centrale e tutto il resto dell’Europa sta andando a sistemarsi dietro di quello, compresa Parigi. (Tutto ciò che i tedeschi devono fare per assicurarsi la loro leadership de facto è lusingare la vanità dell’élite francese e dire loro quanto sono importanti, questo è abbastanza). Perché armonia tra Berlino e San Pietroburgo significa armonia in tutta l’Europa occidentale, centrale e settentrionale dell’Europa orientale. Lasciando da parte l’Europa occidentale, ci sono anche intere parti dell’Europa centrale e orientale a cui la Russia non è interessata, perché queste culture dell’Europa centrale e orientale sono estranee alla mentalità russa e più vicine alla storia e alla cultura tedesca. Si tratta ovviamente dell’ex Germania orientale protestante, così come dell’ex Polonia cattolica (compresa parte di quella che oggi è l’estremo ovest dell’Ucraina), Slovacchia, Austria, Ungheria, Slovenia, Croazia e Bosnia-Erzegovina settentrionale, oltre all’atea Cechia .

Una volta rimossi questi paesi dall’equazione, arriviamo alle parti dell’Europa orientale a cui la Russia è interessata e si sente vicina. Questi sono: Bielorussia, Ucraina (russa), Paesi baltici, Moldavia, Romania, Bulgaria, Serbia, Bosnia ed Erzegovina meridionale, Montenegro, Macedonia del Nord, Albania, Grecia, Cipro. Capirai perché appartengono al mondo culturale russo consultando la mappa di Samuel Huntington intitolata ” The Eastern Boundary of Western Civilization ” (sic). Come diceva il professore etnocentrico: ” L’Europa finisce dove finisce il cristianesimo occidentale. “. Qui, la Russia non avrà bisogno di costruire un muro, installare filo spinato e sifoni di cemento. Ha amici oltre confine.

Questo è stato l’errore di Stalin: creare una zona cuscinetto russa che includesse paesi la cui cultura maggioritaria era estranea ai russi, come mostrato sopra, invece di essere limitata ai paesi del sud e dell’est, come mostrato sopra. In quanto ateo, Stalin non aveva più tempo o comprensione per le distinzioni religiose e culturali degli americani moderni. È un peccato. L’Europa sud-orientale, l’elenco dei paesi sopra, entrerà ancora una volta nella sfera di influenza russa, ma quelli del nord e dell’ovest appartengono a un’altra sfera, quella tedesca e quindi occidentale-europea.

Conclusione: dopo la NATO
Mentre la NATO continua il suo crollo, iniziato a Kabul nell’agosto 2021, sarà chiaro che gli Stati Uniti non possono aggrapparsi all’Europa, così come non possono aggrapparsi all’Asia.
Le guerre della NATO finiranno presto. La NATO verrà smilitarizzata e denazificata. Di fatto, verrà abolita. Ripristinato l’asse Berlino-Mosca, seguirà il resto dell’Europa, non in una sfera di influenza russa, ma in un’area che vuole allacciare buoni rapporti con la Russia, anche le ex repubbliche americane da Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e la Gran Bretagna americana. Infatti, dietro Mosca, c’è Pechino e tutta l’Eurasia. E tutta l’Europa ha bisogno sia di Pechino che di Mosca, Pechino per i manufatti, Mosca per l’energia. L’Europa deve tornare alle sue radici, voltando le spalle all’insignificanza e all’ingerenza transatlantica. Presto sarà il suo passato. Come disse il buon colonnello: Al diavolo Washington ”.

Fonte: Il Saker

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • Nicholas
    Inserito alle 18:23h, 24 Dicembre Rispondi

    Speriamo che l’occidente collettivo e la Nato, crollino al più presto per il bene dell’umanità

  • enzo russo
    Inserito alle 18:53h, 24 Dicembre Rispondi

    Balle quelli che parlano di pace , fra un po inizia la campagna di inverno con l’arrivo di 200k soldati e si denazifica la nato gli usa e uk che sono in effetti le truppe schierate sul campo . a meno che uno crede alle stronzate dei media di massa fake italioti che dicono che la ukro vince sempre , in questi ci mettiamo anche la reuters , assocaited press e yahoo insomma lo stato maggiore della disinformazione nato.

  • eusebio
    Inserito alle 21:21h, 24 Dicembre Rispondi

    Lungi dallo spezzare una lancia a favore degli Amerighi, forse perchè portano il nome di un italiano e perchè decine di milioni di loro hanno sangue italiano e spagnolo, mentre dei britannici storicamente pirati e predatori discendenti dei vichinghi non frega niente a nessuno, però non bisogna dimenticare che in parte sono stati strumentalizzati, hanno subito attentati falsa bandiera eclatanti come l’11 settembre o il 6 gennaio, e prova ne è il fatto che in questi giorni in Libano è detenuto un libanese di nome Ali Al-Jarrah, accusato di essere, assieme ad un fratello, una spia dei sionisti, e guarda caso un loro primo cugino, Ziad Samir Jarrah, è nell’elenco degli attentatori dell’11 settembre, anzi è considerato il pilota dirottatore del volo 93 della United Airlines , che fece schiantare l’ aereo in un campo in un’area rurale vicino a Shanksville, in Pennsylvania, dopo una rivolta dei passeggeri.
    Chi vuole può trarre le debite conclusioni su chi abbia organizzato l’attentato dell’11 settembre, certamente non pochi arabi che avevano preso poche lezioni di volo in quale aeroclub di provincia.
    In una intervista ad un giornalista italiano il presidente egiziano Mubarak, ex valoroso pilota di caccia, disse che un pilota di un grande aereo passeggeri che si voleva schiantare contro un grattacielo pochi secondi prima dell’urto lo avrebbe visto grande come una matita, quindi solo un piota esperto lo poteva colpire.
    Alcuni specialisti del settore hanno affermato che all’epoca era già possibile pilotare un grande aereo da remoto come un drone.
    Il punto è dove sono finiti i passeggeri che si pretende fossero sull’aereo, forse sono stati eliminati oppure hanno cambiato identità, o forse erano fittizi.
    Sull’aereo schiantato in Pennsylvania guarda caso c’era pure un eroe di guerra israeliano, diventato ricco imprenditore..

    • Giorgio
      Inserito alle 10:12h, 25 Dicembre Rispondi

      Sulla messa in scena hollywoodiana dell’11 settembre ormai molte pubblicazioni la hanno smascherata in pieno, come i libri di Thierry Meissan, L’incredibile menzogna, Il Pentagate, o i video di Michael Monroe e Giulietto Chiesa visibili su you tube ….
      Un altro crimine contro l’umanità made in usa …

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:17h, 25 Dicembre Rispondi

    E cosa ci facevano cannoniere americane in Mar della Cina nel 1841… si avete letto bene 1841!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • fictionary
    Inserito alle 03:06h, 26 Dicembre Rispondi

    L’imperialismo egemonico Nato USA è ai ferri corti ,sono alla disperazione. Faranno la fine come quella della caduta dell’Impero Romano del 476 d.C. , anno in cui Flavio Odoacre depose l’ultimo imperatore romano.

Inserisci un Commento