Poroshenko: l’Ucraina potrebbe ripetere lo scenario del Venezuela


Il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko, intervenuto al “World Economic Forum di Davos”, ha messo in guardia contro i pericoli delle dichiarazioni populiste, sottolineando che i cittadini del Venezuela sono stati maltrattati dal presidente venezuelano Nicolas Maduro, la cui legittimità viene ora messa in discussione dall’opposizione del paese. I media hanno visto in questa affermazione un confronto tra Maduro e la candidata alla presidenza Yulia Tymoshenko, che promette di ridurre il prezzo del gas di una metà del suo costo, se vincerà .

Il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko, notoriamente un burattino di Washington, ha confrontato le politiche del presidente venezuelano Nicolas Maduro con dichiarazioni populiste di alcuni deputati e politici ucraini. Secondo il capo della repubblica ucraina, le proteste di massa nei giorni scorsi in Venezuela, la reazione delle autorità e l’opposizione nelle strade sono il risultato delle politiche populiste del presidente di questo paese, Nicolas Maduro.

“Abbiamo un grande pericolo di populismo. Quelli che non capiscono cosa significhi, dicendo che avremo un prezzo fisso al di sotto del mercato per determinati prodotti destinati alle persone (…) – questo è quello che Maduro ha fatto in Venezuela “, ha detto Poroshenko alla colazione ucraina nel corso del forum economico a Davos.

Secondo i sondaggi, la leader del rating nei sondaggi, negli ultimi mesi, rimane il capo del partito Batkivshchyna, Yulia Tymoshenko , che è stata nominata come candidata per la presidenza del paese. Ha promesso, in caso di vincere le elezioni, di ridurre della metà il prezzo del gas per la popolazione che oggi muore dal freddo nel suo paese.

Così, i media hanno riferito che Poroshenko ha paragonato le promesse elettorali di Tymoshenko con l’inefficace politica di Maduro.

Allo stesso tempo, il presidente dell’Ucraina ha osservato che “milioni di venezuelani hanno detto:” No a Maduro, niente populismo “.

“La forza dell’Ucraina è nell’irreversibilità delle riforme. Rimaniamo impegnati a riformare e attirare investimenti esteri. Qualsiasi esperimento con misure populiste non apparirà nella nostra guida economica “, ha aggiunto.

Poroshenko ha anche detto che lo scopo dell’attuale governo in Ucraina è quello di costruire una sana economia di tipo occidentale basata sull’imprenditorialità, sulle piccole e medie imprese e sulle leggi di mercato.

“Non vogliamo tornare a un’economia centralizzata. Gli standard di vita occidentali richiedono un’economia con regole occidentale. Il governo di Maduro porta i risultati come quelli di Maduro “, ha detto.

A sua volta, Tymoshenko non crede che le parole di Poroshenko sul populismo si riferiscano a lei. Se il presidente dell’Ucraina volesse confrontarla con qualcuno, “Io paragonerei lui a un pupazzo”, ha sottolineato la leader di “Batkivschyna”.

Il 23 gennaio sono iniziate le proteste di massa in Venezuela, in coincidenza con il 61 ° anniversario della rivolta di gennaio a Caracas, quella del rovesciamento del generale Marcos Perez Jimenez, che ha istituito una dittatura militare nel paese. Secondo gli ultimi dati, 16 persone sono state uccise a causa delle proteste di massa.

Durante una manifestazione nella capitale del Venezuela, il leader dell’opposizione e presidente del parlamento del paese, Juan Guaydo, si è proclamato presidente ad interim e ha prestato giuramento. Ha dichiarato che avrebbe adempiuto ai doveri del capo dello stato con l’appoggio delle forze armate per tenere libere elezioni. Il nuovo presidente è già stato riconosciuto da 12 paesi: Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina, Cile, Colombia, Costa Rica, Guatemala, Honduras, Panama, Paraguay e Perù. La Russia ha rifiutato di farlo e ha espresso il proprio sostegno a Maduro.

In precedenza, Bloomberg ha paragonato i punti di forza dei due presidenti del Venezuela, osservando che Guaydo ha il sostegno di migliaia di persone che hanno partecipato a manifestazioni, così come il sostegno di molti governi stranieri, guidati da Stati Uniti, Canada e Brasile. Tuttavia, Maduro controlla le forze di sicurezza, l’esercito, i tribunali, il tesoro e la compagnia petrolifera statale, spiegano gli autori. Al momento, le dichiarazioni di Guaydo e le rivendicazioni di potere sono più che altro simboliche, ha detto l’agenzia.

Ucraina, gente al freddo in fila per cibo

Le azioni dell’opposizione sono un tentativo di aumentare la pressione su Maduro e costringerlo a dimettersi. Gli USA hanno investito parecchi milioni di dollari sulle forze di opposizione e hanno sobillato rivolte di piazza e disordini, come a suo tempo realizzarono a Kiev in Ucraina per ottenere il cambio di regime. La tecnica dei nordamericani rimane sempre la stessa.

La domanda ora è se i militari passeranno dalla parte dell’opposizione e se chiederanno un trasferimento di potere. Il trentacinquenne leader dell’opposizione, Guaydo, sta attualmente cercando di ottenere il sostegno degli ufficiali delle forze armate, offrendo l’amnistia a coloro che disertino, aggiunge l’agenzia.

“La parola” presidente “non conta nulla finché non si hanno le redini del governo”, ha affermato Gregory Weeks, professore di scienze politiche all’Università della Carolina del Nord.

Il presidente venezuelano Maduro ha accusato gli Stati Uniti di aver tentato di effettuare un colpo di stato nel paese. Ha interrotto tutte le relazioni diplomatiche con Washington e ha dato ai rappresentanti statunitensi 72 ore per lasciare il Venezuela.

Fonte: Gazeta.ru

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • Andrea
    24 Gennaio 2019

    la cosa subdola è vedere l’apparato di Bruxelles tuonare contro i nuovi sovranisti, razzisti, xenofobi, fascisti (ho dimenticato qualcuno?),
    per poi appoggiare e sostenere anche finanziariamente un vero Regime Nazista come quello Ucraino,

    e per cosa?

    ufficialmente per la Crimea,
    una penisola storicamente russa, con i suoi cittadini che VOGLIONO essere russi,
    però per loro non vale il principio dell’autodeterminazione, quello tanto caro alla UE-NATO per il Kosovo….

  • eusebio
    24 Gennaio 2019

    Cioè, Poroshenko che da del populista a Maduro, questa è la prova che la balla mediatica del populismo è stata inventata da Israele.

Inserisci un Commento

*

code