Politico ucraino propone come soluzione nell’est Ucraina la Pulizia Etnica Del Donbass


di Paul Antonopoulos
MOSCA – Forti reazioni a Mosca alle dichiarazioni fatte da un esponente politico ucraino : “La proposta fatta dal politico ucraino, Semion Semenchenko, di “spopolare il Donbas” è una manifestazione di nuovo nazismo, ha detto Ruslan Balbek in una dichiarazione rilasciata nella Duma di stato (Camera bassa del parlamento russo a Mosca).

Semenchenko, deputato del Supremo Rada (Legislativo ucraino), in un’intervista con il canale Politeka di YouTube ha esortato le autorità ucraine a “spopolare il Donbass” della sua popolazione di lingua russa per risolvere il problema dell’Est Ucraina.

“L’idea geniale di Semenchenko è un’interpretazione delle opere di un individuo che fu chiamato Führer 80 anni fa … È anche il risultato della Maidanizzazione dell’Ucraina, è un nuovo nazismo non dissimulato che non presta attenzione ai mezzi per raggiungere i suoi obiettivi “, Ha detto Balbek.

Lo stesso Balbek ha proseguito dicendo che “i nuovi eroi” dell’Ucraina stanno proponendo lo sterminio della popolazione di un’intera regione e allo stesso tempo loro parlano di diritti umani, come di “aggressione” e “annessione”.

“Non puoi fare a meno di preoccuparti che alcuni personaggi come Semenchenko camminino liberamente per le strade e intervengano in questo modo, perché sono adepti di un’ideologia che ha provocato la più sanguinosa guerra nella storia dell’umanità”, ha riassunto il parlamentare russo.

Semion Semenchenko, deputato Rda Ucraina

La crisi ucraina aveva avuto origine alla fine di novembre 2013, i sostenitori dell’integrazione europea dell’Ucraina avevano invaso Independence Square a Kiev, Maidan, per protestare contro la decisione di sospendere la firma dell’accordo di associazione tra l’Ucraina e l’Unione europea.

Nelle settimane successive la piazza divenne l’epicentro dello scontro tra i dimostranti e la polizia, con un bilancio di oltre 100 morti da entrambe le parti. Seguì un colpo di Stato pilotato da USA e Occidente per far deporre il governo di Kiev e sostituirlo con un “quisling” di Washington.

Dall’aprile 2014, le truppe ucraine hanno bombardato la parte orientale del paese, il Donbas, dove le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk sono state proclamate in risposta al violento cambio di governo avvenuto nel febbraio dello stesso anno.

Consiglieri USA in Ucraina


Nuovo attacchi dell’Esercito Ucraino: L’esercito Ucraino Apre Il Fuoco Sugli Operai Addetti Al Trattamento Delle Acque Di Donbass


DONBASS – Le truppe governative ucraine hanno sparato su un autobus che trasportava operai dall’impianto di trattamento delle acque di Donetsk.

“Questo martedì [7 maggio] alle 9:17 [ora locale] di mattina un autobus con i dipendenti dell’impianto di trattamento delle acque di Donetsk è stato attaccato con lanciagranate da formazioni armate ucraine”, il rappresentante delle milizie di Donetsk nel Centro comune per Controllo e coordinamento dei giornalisti informati sul cessate il fuoco.

Il rappresentante del Centro comune ha affermato che gli operai della centrale sono rimasti illesi dopo questo attacco.

L’impianto di trattamento delle acque fornisce acqua a circa 400.000 abitanti nelle città di Donetsk, Avdeevka, Yasinovataya e in altre città su entrambi i lati della linea che separa le truppe governative ucraine e le milizie indipendentiste.

Dall’aprile 2014, le truppe ucraine stanno portando avanti un’operazione militare nell’est del paese, dove sono state proclamate le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk in risposta al violento cambio di governo avvenuto nel febbraio dello stesso anno.
Gli accordi di Minsk, firmati nel settembre 2014 e nel febbraio 2015, hanno gettato le basi per una soluzione politica del conflitto, ma non hanno ancora portato alla cessazione della violenza.

Le ostilità hanno finora lasciato oltre 13.000 morti, secondo le stime dell’ONU.

Fonte: FRN

Traduzione e sintesi: Segei Leonov

4 Commenti

  • Kaius
    7 Maggio 2019

    Beh l idea della “pulizia” non è sbagliata in se,basta saperla usare e sapere a chi mirare.
    A mio parere infatti “ripulire “l Italia da negrieri,buonisti,immigrati,comunisti,pedo/omofili+il restante della feccia lgbtqp,femministe,abortiste+il resto della feccia sinistroide può essere solo un opera di bene.Avrei voluto dire “eroica”ma non c’è nulla di eroico nel spazzare via tale feccia..
    Come non c’è nulla di eroico e favoloso nel ripulire un cesso intasato di sterco ….

  • eusebio
    7 Maggio 2019

    Naftogaz, l’azienda del gas ucraina, ha fatto ricorso presso l’antitrust UE contro Gazprom per il Northstream 2, in quanto il gas russo DEVE arrivare alla UE solo attraverso l’Ucraina.
    Questi sono scemi, ammazzano i russi e poi pretendono che i russi gli passino il gas sottocosto.
    A fine 2019 scade il contratto di transito del gas tra Gazprom e Naftgaz, e gli ucraini resteranno senza gas, e già spno senza petrolio tagliato dai russi.
    Per adesso i russi hanno sopportato ma ora probabilmente potrebbero usare la forza.

  • namelda
    8 Maggio 2019

    il tribunale internazionale,finanziato dall’EU,darà sicuramente ragione a naftogas per creare ulteriore difficoltà alla Russia e per risparmiare più € uro possibile in aiuti a una nazione abbondantemente mantenuta dalle sue badanti , dall’europa ;nazione fallita.
    l’ukraina verrà smembrata e sparirà ;resterà solo un “Kossovo ukraino” con base amerikana:,Fort Bandera.

    • Guido C.
      8 Maggio 2019

      Verosimile…

Inserisci un Commento

*

code