Politico: Gli Stati Uniti sono preoccupati per gli attacchi contro le loro forze in Medio Oriente

Secondo Politico, i funzionari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti temono che i gruppi alleati con l’Iran in Iraq e Siria, o le forze iraniane nel Golfo, possano sfruttare l’instabilità nella regione per attaccare le forze statunitensi.
Un rapporto apparso sul sito americano “Politico” rivela che il Pentagono “è preoccupato per la possibilità di nuovi attacchi contro le forze americane di stanza in Medio Oriente da parte dell’Iran e delle sue forze affiliate”, con l’escalation del conflitto israelo-palestinese “in un contesto della regione già turbolenta”, secondo i funzionari del Ministero della Difesa.

I funzionari del Dipartimento della Difesa sono “particolarmente preoccupati che i gruppi alleati con l’Iran in Iraq e Siria, o le forze iraniane nel Golfo, possano sfruttare l’instabilità nella regione per attaccare le forze statunitensi o le forze dei loro partner che operano in questi paesi, come hanno fatto in passato, “, hanno detto i funzionari del Ministero della Difesa.

Il maggiore Jeffrey Carmichael, portavoce dell’operazione militare statunitense per affrontare l’Isis in Siria e Iraq, ha confermato che “le forze militari statunitensi in Medio Oriente sono consapevoli degli attori che potrebbero cercare di trarre vantaggio dai conflitti e dall’instabilità nella regione”.
Carmichael ha affermato che Washington “non permetterà agli attori locali di trascinarci in impegni che sminuiscono la nostra missione”. Non ha menzionato l’Iran per nome, ma ha inviato un messaggio dicendo: “Non commettere errori, ci riserviamo il nostro diritto difesa quando affrontiamo minacce che mettono in pericolo le nostre forze”.
Secondo Politico, i funzionari del Pentagono si sono rifiutati di verificare se fossero state adottate ulteriori misure per proteggere le forze americane in Iraq e Siria.

Portaerei USA nel Mediterraneo

In un contesto correlato, Hezbollah ha annunciato che l’invio di portaerei americane nella regione, con l’obiettivo di sollevare il morale dell’occupazione israeliana e dei suoi soldati frustrati, rivela la debolezza della macchina militare sionista, nonostante i crimini e i massacri che sta commettendo.

Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha accusato gli Stati Uniti di aver infiammato la situazione in Medio Oriente inviando la portaerei nel Mar Mediterraneo.
Putin si è chiesto perché è stata inviata e ha detto: “Non capisco perché Washington invia portaerei nel Mediterraneo. Vogliono bombardare il Libano o spaventare qualcuno? C’è gente che non teme più nulla”.

Putin ritiene che “lo scoppio della violenza tra Israele e palestinesi sia un vivido esempio del fallimento della politica americana in Medio Oriente”.

Ha detto: “Washington ha trascurato i meccanismi nell’area del conflitto arabo-israeliano e ha fatto affidamento sui bisogni materiali delle persone nei territori palestinesi”, sottolineando che “la posizione della Russia sulla Palestina e su Israele è ben nota a tutte le parti, poiché noi difendiamo l’attuazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite e la creazione di uno Stato palestinese sovrano”.
Ieri, martedì, il presidente degli Stati Uniti ha annunciato di “aver diretto il movimento della portaerei Gerald Ford”, con l’obiettivo di “sostenere la nostra presenza navale nella regione”.

Nota: Ci sono molte perplessità sui reali obiettivi che Washington si prefigge nell’inviare una tale colossale forza aeronavale nel Mediterraneo in prossimità delle coste di Israele e dei paesi del Medio Oriente.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione e nota: Fadi Haddad

6 commenti su “Politico: Gli Stati Uniti sono preoccupati per gli attacchi contro le loro forze in Medio Oriente

  1. il copione è un po’ cambiato ma la storia è sempre la stessa: era l’enorme risonanza data alle azioni violente di Saddam contro i curdi, poi la balla delle armi di distruzione di massa e, voilà, si sono bevuti il petrolio iracheno lasciando un cimitero di decine di migliaia di morti.

  2. Il mondo unipolare americano si restringe ogni giorno che passa, molti commentatori anche sionisti affermano che l’attacco di Hamas sia stato quantomeno “facilitato” dal mossad forse per dare al moribondo regime sionista il pretesto per sterminare oltre 2 milioni di arabi a Gaza, infatti la portaerei USA Gerald Ford, quasi l’unica che riesca a tenere il mare, le altre hanno 30-40 anni e sono in attesa di dismissione, era già nel Mediterraneo, però ciò ha già indebolito il sostegno NATO all’Ucraina permettendo alla Russia di cominciare a recuperare terreno a causa della dissoluzione graduale dell’esercito e del regime di Kiev.
    Cinesi e sauditi stanno tenendo manovre militari congiunte, i cinesi hanno ottenuto l’appalto per costruire la prima centrale nucleare saudita, i russi ne stanno costruendo una in Egitto, insomma il mondo attorno all’entità sionista cambia, e non in meglio per la stessa.

  3. “non permetterà agli attori locali di trascinarci in impegni che sminuiscono la nostra missione”, “…ci riserviamo il nostro diritto difesa quando affrontiamo minacce che mettono in pericolo le nostre forze”.
    Di cosa parla questo criminale, le forze statunitensi, ovunque si trovino fuori dagli Stati Uniti, sono comunque un esercito invasore. “missione”, “diritto alla difesa”? Il mondo arabo tutto dovrebbe unirsi e cacciare dal medio oriente gli invasori, questa e’la soluzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM