Politica americana “mafiosa”, “racket” globale

di Gordon Duff.

Coloro che accettano le politiche dell’amministrazione Trump, non prestano attenzione ai fatti come la cancellazione del JCPOA (accordo nucleare) con l’Iran, il sequestro dei giacimenti petroliferi in Siria o le infinite sanzioni imposte a nazione dopo nazione, il ricatto sull’Europa, le continue minacce lanciate quasi ogni ora dall’iPhone di Trump come “politica nazionale” .

C’è un metodo e non è così folle come sembra. Trump e la sua compagnia hanno rimodellato “l’ambiente imprenditoriale del mondo” in un modo che gli stessi americani conoscono (soprattutto a Chicago e New York). Lo chiamiamo “crimine organizzato”.

Attualmente, i rappresentanti dei leader politici americani operano in oltre 60 nazioni. Non sono diplomatici, sebbene alcuni lo siano, almeno tecnicamente, ma la maggior parte sono semplicemente “agenti commerciali”, spesso con una lunga storia criminale.

Vendono l ‘”amicizia” degli Stati Uniti in cambio di tutto ciò che ha valore e gli acquirenti, provenienti da nazioni terrorizzate dagli Stati Uniti, sono pronti a firmare qualsiasi cosa, a rinunciare a tutto. Come dal film ” Il padrino “:

” Michael: Beh, quando Johnny era un giovane cantante, ha firmato un contratto di esclusiva con un grande direttore. Quando il suo nome divenne più noto, voleva recedere dal contratto. Mio padre sembra essere il padrino di Johnny. Quindi mio padre ha visto questo direttore e gli ha offerto $ 10.000 se avesse accettato di lasciar andare Johnny, ma il ragazzo ha detto di no. Il giorno dopo, mio ​​padre è tornato a trovarlo, ma questa volta ha portato Luca Brasi. In meno di un’ora, il ragazzo ha lasciato andare Johnny con un assegno certificato per $ 1.000.
Kay: E perché ha accettato?
Michael: Mio padre gli ha fatto un’offerta che non poteva rifiutare.
Kay: Cos’è stato?
Michael: Luca puntò una pistola contro la sua tempia e mio padre disse al ragazzo che era il suo cervello o la sua firma che avrebbe siglato il contratto .
Oggi, Luca Brasi (il killer) è stato sostituito da un assassinio di droni o, forse, da una rivoluzione del colore per mano di Google e Facebook.

Quello che stai leggendo è una conoscenza quasi comune. Nonostante la diffusa censura, è relativamente noto che le instabili finanze personali di Jared Kushner hanno beneficiato di un generoso salvataggio dall’Arabia Saudita, prestiti per la casa ma anche ampie collaborazioni per il suo patrigno, il primo dei quali dispone di un bordello ufficiale dell’Arabia Saudita.

C’è anche la palese questione della corruzione di Netanyahu, di cui solo gli aspetti minori sono oggetto della sua attuale accusa penale in Israele. In verità, Netanyahu ha guadagnato miliardi, ricevendo tangenti per contratti militari dagli Stati Uniti, dalla Germania e da altre nazioni, ma va anche molto oltre.

Mentre il primo ministro di Israele, Netanyahu era stato collaboratore con il gruppo operativo del proprietrio di casinò Sheldon Adelson (sionista finanziatore di Trump), presentando per loro conto presentazioni relative agli scambi di informazioni e tecnologia statunitensi rubate.

Sheldon Adelson, magnate dei casinò di Las Vegas

L’elenco dei leader politici mediorientali che traggono profitto dallo Stato islamico e da Al Qaeda sarebbe spaventoso, ma è iniziato molto prima. Il gasdotto Baku-Kirkuk-Ceyhan, che serve il 30% delle riserve mondiali di petrolio e attraversa diversi paesi, ha iniziato a pompare petrolio rubato un decennio prima dell’esistenza dello Stato islamico.

L’ISIS ha semplicemente preso il controllo, o più probabilmente “unificato”, gli occupanti statunitensi in Iraq, aggiungendo nuovi giocatori alle operazioni pirata esistenti che includevano Exxon e BP. L’Iraq stima le risorse rubate a trilioni di dollari.

Ci sono storie che vengono raccontate, almeno in parte, poi sepolte, allontanate dalla vista e considerate non importanti, poiché un flusso infinito di teorie della cospirazione selvaggia fabbricate da “fonti ufficiali” domina il flusso di informazioni false .

È impossibile per qualcuno che lavora nel settore bancario, petrolifero, della difesa o anche di ONG relativamente innocenti, anche se oggi ci sono poche cose che non sono dirottate o controllate da agenzie di intelligence , non per saccheggiare risorse in tutto il mondo.

Nei giorni scorsi, le azioni di Trump contro la Nigeria sono state direttamente collegate agli accordi petroliferi in cui sono richiesti grandi commissioni dai politici americani, in alcuni casi fino al 3% delle vendite lorde, in base ai prezzi di Plattscan Marketscan.

In Sudan, ad esempio, molti membri dell’attuale governo continuano ad affrontare accuse penali internazionali relative alle atrocità commesse nel Darfur. Inoltre, il Sudan è ancora considerato “terrorista” ed è soffocato finanziariamente dalle sanzioni americane. Dal Sudan arrivano i mercenari per sostenere la guerra saudita nello Yemen.

Più recentemente, i rappresentanti, sebbene “privati” della Casa Bianca, hanno chiesto e ricevuto 350 milioni di dollari in diamanti da questa povera nazione, in cambio di “sforzi” da parte dei leader perseguiti in tribunale per ottenere un intervento degli Stati Uniti.

In effetti, la divisione iniziale di questa nazione, la separazione del Sud Sudan, si basava sui negoziati tra Washington, Khartum e gli Emirati Arabi Uniti in merito alla “rimozione” dell’allora presidente, Omar al-Bashir, dall’elenco di criminali di guerra. Ho svolto il ruolo di intermediario in questi negoziati e continuo a consultare il governo di Khartum.

Estorsioni simili sono in corso in Malesia, Indonesia, Sri Lanka, Etiopia, Egitto, Libia, Algeria, Marocco, e l’elenco può continuare all’infinito. Quando si parla dell’emisfero occidentale, dell’America centrale e del Sud America, le parole di Smedley Butler ci servono di nuovo. Nulla di ciò che viene fatto oggi è senza contesto storico.

American Power

Estratto da un discorso tenuto nel 1933 dal maggiore generale Smedley Butler, USMC:

“La guerra non è altro che il racket. Il racket è meglio descritto, credo, come qualcosa che non è quello che la maggior parte della gente pensa che sia. Solo un piccolo gruppo interno sa di cosa si tratta. È condotto a beneficio di un piccolo numero di persone a spese delle masse.

Credo in un’adeguata difesa sulla costa e nient’altro. Se una nazione viene qui per combattere, allora combatteremo. Il problema con l’America è che quando il dollaro guadagna solo il 6% qui, si agita e va all’estero per ottenere il 100%. Quindi la bandiera segue il dollaro e i soldati seguono la bandiera.

Non andrei di nuovo in guerra come ho fatto per proteggere i pessimi investimenti dei banchieri. Ci sono solo due cose per cui dovremmo combattere. Uno è la difesa delle nostre case e l’altro è il Bill of Rights. La guerra per qualsiasi altra ragione non è altro che il racket.

Non c’è un singolo oggetto nella borsa della racchetta di cui la banda militare non si preoccupi. Ha il suo “dito puntato” per designare i nemici, i suoi “uomini forti” per distruggere i nemici, i suoi “uomini di spirito” per pianificare i preparativi per la guerra e un “Big Boss”, capitalismo super nazionalista.

A me, un soldato, può sembrare strano adottare un simile paragone. La verità mi costringe a farlo. Ho trascorso trentatré anni e quattro mesi in servizio militare attivo come membro della forza militare più agile di questo paese, il Corpo dei Marines. Ho prestato servizio in tutti i gradi di incarico, dal sottotenente al maggiore generale. E durante quel periodo, ho trascorso la maggior parte del mio tempo a diventare un grande scagnozzo – per Big Business, per Wall Street e per i banchieri. In breve, ero un complice del racket, un gangster per il capitalismo.

Sospettavo allora di essere solo una parte di un racket. Adesso sono sicuro. Come tutti i membri della professione militare, non ho mai pensato a me stesso fino a quando non ho lasciato il servizio. Le mie facoltà mentali rimasero in sospeso mentre obbedivo agli ordini dei miei superiori. È tipico di tutti i soldati.

Nel 1914, ho contribuito a rendere il Messico, e in particolare Tampico, sicuro per gli interessi petroliferi americani. Ho contribuito a rendere Haiti e Cuba un posto decente dove i ragazzi della National City Bank possono raccogliere fondi. Ho partecipato allo stupro di mezza dozzina di repubbliche centroamericane a beneficio di Wall Street. La storia del racket è lunga. Ho aiutato a purificare il Nicaragua per la casa bancaria internazionale dei Brown Brothers nel 1909-1912 (dove ho già sentito quel nome?). Ho puntato i riflettori sulla Repubblica Dominicana per gli interessi americani nel settore dello zucchero nel 1916. In Cina, ho contribuito a garantire che la Standard Oil non fosse preoccupata.

Durante quegli anni, ho praticato, come direbbero i ragazzi dietro le quinte, un’enorme racket. Vieni a pensarci, penso che avrei potuto dare alcuni consigli ad Al Capone. Il meglio che poteva fare era far correre il suo racket in tre distretti. Noi abbiamo portato il racket in tre continenti ”.

Più ci avviciniamo a Butler ultimamente, più si trova il generale Wesley Clark. Nel 2007 Clark, ex comandante supremo delle forze alleate della NATO, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

” Una decina di giorni dopo l’11 settembre, attraversai il Pentagono e vidi il segretario Rumsfeld e l’assistente segretario Wolfowitz. Sono sceso per salutare alcune persone dello staff congiunto che lavorava per me e uno dei generali mi ha chiamato. Disse: “Signore, devi venire a parlarmi per un secondo.” Ho detto: “Beh, sei troppo occupato.” Disse: “No, no”. Ha detto: “Abbiamo preso la decisione di andare in guerra con l’Iraq”. Era il 20 settembre o intorno. Dissi: “Faremo guerra all’Iraq? Perché? Disse: “Non lo so”. Disse: “Immagino che non sappiano cos’altro fare” Così ho detto: “Beh, hanno trovato qualche informazione che collega Saddam ad Al-Qaida? Disse: “No, no”. Ha detto: “Non c’è nulla di nuovo da questo lato. Hanno appena preso la decisione di andare in guerra con l’Iraq “. Ha detto: “Immagino sia come se non sapessimo cosa fare contro i terroristi, ma abbiamo un buon esercito e possiamo far cadere i governi”. E disse: “Immagino che se l’unico strumento che hai è un martello, ogni problema deve apparire come un chiodo “.

Quindi sono tornato a vederlo poche settimane dopo, e in quel momento stavamo bombardando l’Afghanistan. Dissi: “Intendiamo ancora fare la guerra all’Iraq? E disse: “Oh, è peggio di così.” Si chinò sulla sua scrivania. Prese un pezzo di carta. E disse: “L’ho appena portato di sotto” – cioè dall’ufficio del Segretario alla Difesa – “oggi”. E ha detto: “Questo è un promemoria che descrive come distruggeremo sette paesi in cinque anni, a cominciare dall’Iraq, quindi dalla Siria, dal Libano, dalla Libia, dalla Somalia, dal Sudan e, infine, , L’Iran ”. Ho detto: “È confidenziale? Lui rispose: “Sì, signore.” Ho detto: “Beh, non mostrarmelo”. L’ho visto circa un anno fa e ho detto: “Ti ricordi? Disse: “Signore, Non ti ho mostrato questo memo! Non te l’ho mostrato! “

conclusione
Non sono solo gli Stati Uniti o Israele, a praticare il “furto” o il “racket protettivo” come l’omicidio incorporato da Meyer Lansky o le operazioni di Al Capone con sede a Chicago negli anni ’20 Non sono solo gli Stati Uniti, ma sono soprattutto gli Stati Uniti.

Un piccolo esercito di “viaggiatori affamati”, che rappresentano gli interessi privati ​​della Casa Bianca, del Pentagono e del Congresso, pienamente supportati dalla CIA e dai giganti militarizzati dei social media e di Internet che possono e hanno messo migliaia di rivoltosi pagati (e cecchini per ucciderli) ripetutamente per le strade, nazione dopo nazione.

Armi, elenchi di terroristi, sanzioni, armi avanzate a vicini ostili o, ora in cima alla lista, lo schiacciamento del valore di una valuta nazionale come abbiamo visto in Libano, Siria, Iran ma anche in Pakistan.

Un elenco più lungo? Venezuela, Argentina, Turchia, Brasile, India e Filippine, ma le nazioni vulnerabili includono tutte quelle che sono fortemente indebitate. Rilascia la loro valuta, applica sanzioni, avvia una guerra orchestrata sui social media e quindi invia i pagliacci, le raccolte di fondi a Washington.

Che cosa è esattamente? Non esiste più alcuna politica estera americana, solo potere e influenza, riciclaggio di denaro, conti bancari nelle Isole Cayman e una nazione i cui leader politici e persino militari sono stanchi di lavorare per i gangster.

Hanno deciso di essere i gangster.

Fonte: “Mobbed up” American Policy, il Global Shakedown

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • La soluzione
    17 Febbraio 2020

    Sono alla frutta.

  • eusebio
    17 Febbraio 2020

    Questo discorso poteva valere quando gli USA erano ancora la prima potenza industriale del mondo, e quindi la superiorità militare aveva una base materiale solida.
    Siccome però adesso la maggiore potenza industriale è la Cina, che nel 2017 ha prodotto a livello di fabbriche 3,7 trilioni di dollari di valore, più di USA, Regno Unito, Germania e Corea del sud insieme, ecco che la pretesa degli USA di essere la maggiore potenza militare è diventata ridicola.
    La Cina è sta messa in ginocchio per qualche mese dal coronavirus ma la sua produzione di armi sta continuando e il suo riarmo la porterà ad essere la prima potenza militare in pochi anni, inoltre proprio il rischio di pandemie la obbligheranno a decongestionarsi demograficamente spostando milioni di persone verso il sud-est asiatico, l’Asia centrale e probabilmente anche l’America del Nord.
    Gli USA farebbero bene a reindustrializzarsi per ricostruire la filiera del complesso militare-industriale, ritirando poi le truppe che hanno in giro, specialmente in Europa dove stanno lavorando sopratutto per obbligare i paesi europei ad accogliere milioni di islamici, e concentrarsi nel settore del Pacifico, dove la marina cinese comincia a muovere decine di sottomarini e per ora due porterei verso le coste californiane.

  • Mardunolbo
    17 Febbraio 2020

    Quindi quando politici e militari sono stufi di lavorare per i gangster e vogliono diventarlo essi stessi, significa le la corruzione è diventata tale che non c’è più altra soluzione che quella di spazzarli via tutti…e ricominciare daccapo. Una delle realtà della corruzione diffusa lo si evidenzia nei famosi “patriot” : costano oro ma valgono una minchia. Auguriamoci che tutta la struttura di armi negli Usa sia a questo livello e lo spazzamento dei Serpenti Uniti raggiungerà ottimo livello di pulizia.

  • atlas
    17 Febbraio 2020

    cito un detto di Muhammad ” verrà il tempo in cui i giudei scapperanno da tutti, ma anche la pietra sotto la quale si nasconderanno parlerà: quì dietro c’è nascosto un giudeo, vieni e uccidilo “

  • Mardunolbo
    17 Febbraio 2020

    At-la squaw, come avrebbe detto se era analfabeta ed i suoi “detti” furono raccolti qualche secolo dopo ?
    Almeno i vangeli ufficiali furono scritti da persone che videro Gesù, ovvero contemporanei…

    • atlas
      18 Febbraio 2020

      come Marco e Luca ? Fatti buddhista, almeno ti ritroverò in giro re-incarnato in un pipistrello

Inserisci un Commento

*

code