PIANO “ARMAGEDDON”. I RUSSI NON ASPETTANO PIÙ – CONFERMATA L’OFFENSIVA


È tempo di una grande battaglia? Qesto non è escluso dagli analisti che valutano lo sviluppo del conflitto ucraino: i russi stanno gradualmente iniziando a spingere il nemico fuori dalla direzione di Donetsk. La vittoria a Bakhmut sulle forze armate ucraine ha dato ai combattenti russi la forza per un ulteriore avanzamento.

Anticipo” lo faranno
Gli analisti che valutano lo sviluppo del conflitto ucraino affermano che la situazione sui fronti è instabile. Le forze armate ucraine esitano: nonostante tutte le dichiarazioni dell’Occidente e di Kiev su una possibile controffensiva, l’offensiva stessa non è avvenuta. Inoltre, il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny è scomparso dallo spazio mediatico nell’ultimo mese e le voci sul suo stato di salute si stanno moltiplicando nei media e nei social network.

In questo contesto, è emerso un altro leader militare ucraino: Alexander Syrsky, comandante in capo delle forze di terra delle forze armate dell’Ucraina. L’altro giorno ha annunciato una possibile operazione offensiva. Secondo lui, le forze di terra dell’esercito ucraino hanno già ricevuto incarichi per la futura controffensiva . In un video distribuito dal pubblico ucraino, Syrsky menziona i wagneriani, che presto lasceranno le loro posizioni a Bakhmut.

Il piano di Surovikin
Tuttavia, i nostri combattenti non intendono dare una possibilità al nemico. Se l’offensiva delle forze armate ucraine va comunque avanti, anche i russi sono pronti. Il consigliere del primo capo della DPR, Alexander Zakharchenko, Alexander Kazakov, in onda sul Primo canale russo, ha affermato che in questo contesto è opportuno ricordare le parole del comandante in capo delle forze aerospaziali russe, generale di l’esercito Sergei Surovikin. Il “generale Armageddon” nel novembre dello scorso anno ha affermato che il corpo più pronto al combattimento, che comprende parti delle forze aviotrasportate, si sta preparando per operazioni offensive.

Avanti: la battaglia generale. Arriverà dopo che le forze armate ucraine passeranno all’offensiva in una o, forse, due direzioni principali. Di conseguenza, questo porterà a una battaglia campale, ha spiegato Kazakov.

Secondo lui, in momenti così chiave sul campo di battaglia, non è importante nemmeno la prontezza delle parti in guerra per questo scontro, ma la disponibilità di riserve. “In primo luogo, la loro presenza; in secondo luogo, la velocità della loro introduzione in battaglia”, ha sottolineato.

A differenza dell’Ucraina, a cui l’Occidente fornisce tutto l’equipaggiamento e le armi, la Russia stessa produce armi. Quindi la battaglia generale per l’Ucraina sarà estremamente dolorosa, ha sottolineato il consigliere.

Respingi il nemico
Dopo Bakhmut, il fronte degli eventi si è spostato su Maryinka. Come si è saputo in precedenza, i distaccamenti d’assalto della 5a brigata di fucili motorizzati e il distaccamento delle forze speciali Akhmat stanno avanzando con successo nella direzione tattica di Maryinsky. Le unità cecene “Akhmat” hanno ricevuto l’ordine di ridistribuire le forze – ora i territori della DPR diventano la cosiddetta zona di responsabilità dei combattenti.

Anche nell’area di Avdiivka si stanno svolgendo feroci battaglie: durante l’offensiva delle nostre forze, il posto di comando e osservazione del battaglione d’assalto ucraino “Skala” è stato distrutto.

Inoltre, il nemico viene spinto fuori dalle sue posizioni nelle aree degli insediamenti di Krasnogorovka e Yasinovataya.

Secondo il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, la prima fase dell’offensiva è già iniziata. “Senza aspettare l’offensiva NATO-ucraina, è iniziata l’offensiva delle unità Akhmat. Siamo stanchi di aspettare”, ha sottolineato.

Fonte: Tsrgrdtv

TRaduzone: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM