"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Petroldollaro contro Yuan cinese

Scritto da Alasdair Macleod tramite GoldMoney.com,

“Non ci sono pochi dubbi sul fatto che l’introduzione sui mercati del “oil future” denominato in yuan sia stato un importante passo strategico per la Cina”.
I lettori abituali sapranno che siamo stati tra i primi ad allertare i mercati finanziari occidentali che la Cina avrebbe introdotto un nuovo contratto future sul petrolio con un prezzo in yuan, mesi prima che fosse ufficialmente riconosciuto che i piani per la nuova emissione erano in via di definizione e una data per il trading era in programma.

Lo scorso lunedì è iniziato a Shanghai il trading sulla nuova emissione valutaria sul petrolio , e nei primi tre giorni di negoziazione sono stati scambiati 151.804 contratti con un valore di fatturato di 65 miliardi di yuan (10,328 mil. Us. $). È il primo contratto futures quotato sulla terraferma della Cina a disposizione degli utenti stranieri, mettendoli sullo stesso piano degli investitori nazionali. Esistono 15 contratti di riferimento per date di consegna diverse tra settembre e date successive fino al marzo 2019.


Non vi sono dubbi sul fatto che il governo cinese consideri questo contratto un importante sviluppo, con le case di scambio internazionali di merci, come Glencore e Trafigura, incoraggiate a partecipare. Inoltre, le banche di proprietà statale sarebbero state a disposizione per garantire la necessaria moneta e la liquidità finanziaria disponibile.

È probabile che le autorità cinesi garantiscano che si continui a costruire la liquidità commerciale nei loro nuovi contratti petroliferi prima che i fornitori abituali di petrolio della Cina li utilizzino ordinariamente a fronte delle consegne di petrolio fisico. Presumibilmente, questo è uno dei motivi per cui la prima data di consegna è a settembre, mentre la spedizione effettiva non è mai a distanza di più di un mese circa.

Questo contratto future è diretto a contrastare l’egemonia del petrodollaro USA ed è la prima seria sfida da quando è stato creato a metà degli anni ’70. Il petrodollaro nacque dal caos monetario che portò alla fine dell’accordo di Bretton Woods, quando i dollari in eccesso in mani straniere furono riscattati in valore rapportato all’oro. In questo senso, essendo questa la prima minaccia significativa al petrodollaro, questo contratto potrebbe segnare la fine di un’era monetaria.

La Cina non intende sostituire il petrodollaro con la propria valuta, se non per le proprie importazioni di energia e materie prime. Per dirla in un contesto, la Cina importa circa 8 milioni di barili di petrolio al giorno, principalmente dal continente euroasiatico, che si confronta con la domanda giornaliera globale di circa 100 milioni di barili. La Cina produce anche il suo petrolio per un valore di circa 3,7 mb, quindi se tutti i fornitori della Cina accettano yuan in pagamento, si tralascia ancora circa l’88% della domanda globale che viene ancora valutata in dollari.

Pertanto, per il momento non vi è alcun allarme nei mercati finanziari occidentali riguardo a questo sviluppo. Tuttavia, allo stesso tempo, la produzione petrolifera statunitense è in aumento e le sue importazioni sono in calo, quindi anche se il mondo dell’energia è dominato dai dollari, l’importanza relativa tra gli Stati Uniti e la Cina rispetto al commercio internazionale di petrolio si sta rapidamente allontanando dall’America .

Fattori valutari e il dilemma di Triffin.

L’indebolimento dello status del petrodollaro, anche se inizialmente è solo al margine, fornisce uno sfondo di debolezza per il dollaro. Si prevede che il surplus commerciale della Cina, unitamente al deficit commerciale degli Stati Uniti, continui a esercitare pressioni al ribasso sul dollaro rispetto allo yuan. In una certa misura, questa relativa debolezza del dollaro dovrebbe essere compensata dalla vendita cinese di yuan per dollari al fine di mantenere una copertura sul tasso di cambio.

In questo frangente vale la pena notare che il dilemma spesso citato di Triffin rischia di ritorcersi contro il dollaro. In breve, Robert Triffin ha affermato che il paese che emette una valuta di riserva deve gestire i disavanzi commerciali per garantire che vi sia una fornitura soddisfacente della valuta di riserva affinché funzioni come tale. C’è un’assunzione compiacente che questo è un processo continuo, che garantirà sempre la domanda per la valuta di riserva. Non è così: come ha sottolineato il professor Triffin, è un espediente a breve termine che crea un problema a più lungo termine. Questo è il dilemma.

Ad un certo punto in futuro, ci sarà una moneta sufficiente in mani straniere per soddisfare tutti i requisiti di valuta di riserva. Ciò potrebbe verificarsi perché è stata esportata una quantità sufficiente di valuta per esigenze di regolamento degli scambi commerciali. In alternativa, se l’economia globale entra in una recessione commerciale o emerge una valuta rivale per un accordo commerciale, ci sarà un surplus della valuta di riserva. Il paese che emette la valuta di riserva deve quindi riportare il saldo commerciale in pareggio, o persino in eccedenza, se la valuta vuole preservare il suo potere d’acquisto.

Ora passiamo alle circostanze affrontate dal dollaro. Proprio nel momento in cui il ruolo del petrodollaro viene indebolito dal nuovo contratto di yuan, e il mondo non americano è ancora inondato di dollari dopo l’ultima crisi finanziaria, il presidente Trump sta aumentando il deficit di bilancio, e di conseguenza possiamo aspettarci che il deficit commerciale vada ad  aumentare ulteriormente.

Non può esserci un solo risultato, e questa è una vendita sostanziale e sostenuta del dollaro negli scambi. Ricorda la situazione a metà degli anni ’60, quando il ritorno dei dollari ha portato a tre distinti fallimenti: un fallito tentativo di assorbire le vendite in dollari per oro creando il pool di oro di Londra, una fallita svalutazione del dollaro da $ 35 a $ 42,22, e infine il crollo dell’accordo di Bretton Woods nell’agosto del 1971. Quella fu l’ultima grande Triffin a rilassarsi, e ora la prossima è in prospettiva.

Dollari USA e Yuan cinesi

I detentori stranieri di dollari, inclusa la Cina, si sveglieranno di fronte alla minaccia, se non l’hanno già fatto. Finora, la Cina è stata riluttante a indebolire il dollaro minacciando il suo status di riserva. Dopotutto, la Cina stessa è un grande detentore sia di dollari sia di titoli del Tesoro USA. Ma le priorità della Cina stanno cambiando e le prospettive per il dollaro sono diventate improvvisamente una priorità meno urgente.
L’ortica che la Cina deve cogliere è che i suoi piani mercantilisti per il continente asiatico stanno portando al declino dell’influenza americana. Arriva un punto in cui non è in grado di perseguire i propri obiettivi senza indebolire il dollaro e, con l’introduzione del future sul petrolio nominato in yuan, il Rubicone è stato ora attraversato.

Questa è una prima considerazione. La Cina prevede inoltre di aumentare le sue importazioni di materie prime industriali per lo sviluppo di infrastrutture nazionali e asiatiche. A seguito del petrolio, non ha altra alternativa che sviluppare altri  contratti futures su yuan liquidi a disposizione di attori nazionali e internazionali su una gamma di queste materie prime. Il livello di dislocamento per il dollaro aumenterà di conseguenza, ei prezzi in dollari delle materie prime sono destinati a salire, a causa sia della domanda cinese di materie prime, oltre che  per il potere d’acquisto in calo del dollaro in termini più generali. Dal punto di vista della Cina, questa  vorrebbe compensare tali aumenti di prezzo permettendo allo yuan di aumentare la sua oscillazione rispetto al dollaro.

La priorità per la Cina, man mano che allontana la sua economia dalla sua dipendenza dalle esportazioni passate, sarà quella di gestire l’inflazione dei prezzi interni. Sembra probabile che perseguirà un approccio equilibrato, con aumenti dello yuan rispetto al dollaro moderati attraverso l’intervento valutario, insieme a modesti aumenti dei tassi di interesse dello yuan. Ma c’è un rischio significativo che la vendita del dollaro e dei titoli del Tesoro USA da parte della più ampia comunità internazionale acceleri in un momento in cui gli americani stanno aumentando il loro budget e il deficit commerciale.

Non c’è dubbio che l’introduzione del future sul petrolio denominato yuan è stato un importante passo strategico per la Cina. La Cina si sarebbe preoccupata di indebolire il dollaro e i mercati finanziari globali. Non è il suo stile ad agire nel modo di un elefante in una fabbrica di porcellana. Per lo stato cinese, la priorità è il controllo dei risultati, ma a un certo punto ha dovuto iniziare a sviluppare i propri mercati finanziari affinché fossero un’alternativa efficace al dollaro. L’intento era sempre lì, ma i tempi degli sviluppi non erano mai completamente sotto il suo controllo.

Conseguenze per l’oro

Questa ortica è stata ora colta, e ha avuto seguito un clamore commerciale, indubbiamente connesso, con l’America . Una nuova era per il dollaro è in prospettiva e il prezzo del dollaro misurato in moneta reale, l’oro, sembra destinato a declinare. È stato messo in questo modo qui, piuttosto che l’approccio convenzionale di considerare l’oro prezzato in dollari in rialzo, perché è così che i cinesi e i russi lo guarderanno. E si accorda con la teoria e la storia economica del denaro sonante.

Prossima caduta del petroldollaro ?

La fonte iniziale del declino del dollaro misurato in oro sembra probabilmente un’accelerazione della domanda da parte della banca centrale di metallo fisico da parte delle nazioni esportatrici di petrolio che trattano con la Cina. Alcune nazioni si accontentano di costruire le loro riserve di yuan, o forse venderne alcune per altre valute, incluso il dollaro. Ma altri, in particolare la Russia, l’Iran e forse il Qatar, potrebbero aumentare le loro riserve di oro fisico vendendo alcuni dei loro yuan.

L’introduzione del contratto futures oil-for-yuan offre a queste nazioni l’opportunità di abbinare una vendita di petrolio per yuan con un acquisto corrispondente di oro per yuan su due borse, Hong Kong e Dubai. Ufficialmente, il governo cinese si è schierato da un lato rispetto a questo problema, ma lo scambio d’oro di Hong Kong è in trattativa con Singapore, Dubai e Myanmar per istituire una struttura migliorata per la gestione, la consegna e lo stoccaggio dell’oro, con deposito a volta nel libero scambio di Qianhai zona sulla terraferma cinese.

Si può presumere che l’accordo del governo cinese sia stato una precondizione per il proseguimento di questi colloqui, anche se si tratta di una questione del settore privato, perché riguarda l’oro, i mercati dell’oro, il volteggio sulla terraferma e le autorità di regolamentazione estere. Si prevede che l’impianto di volteggio sarà disponibile tra due o tre mesi, ben prima della prima data di consegna del contratto petrolifero.

Pertanto, non ci sono dubbi che gli scambi di oro nella regione siano dell’opinione che il futuro del nuovo petrolio porterà alla richiesta di contratti future a termine da Hong Kong e Dubai. Ciò rappresenterà una nuova fonte di domanda fisica, per la quale non si stanno preparando solo gli scambi dell’Asia orientale, ma per i quali le banche di lingotti in tutto il mondo devono iniziare ad accogliere.

Pertanto, i prezzi dell’oro fisico sembrano per lo meno essere saldamente sottoscritti, poiché è probabile che le principali banche di lingotti accumulino lingotti da consegnare in questo nuovo corridoio d’oro. Ma è probabile che il vero divertimento e i giochi inizino quando il dollaro comincia a perdere il suo esorbitante privilegio , l’altro lato innominabile del dilemma di Triffin.

Il potenziale impatto sul potere d’acquisto del dollaro, misurato in grani d’oro, può essere solo indovinato in questa fase. Ma l’analista diligente vorrebbe rastrellare la storia del caos monetario l’ultima volta che è successo, tra gli anni ’60 e i primi anni ’70, per indizi sulla sua scala potenziale.

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Animaligebbia 4 mesi fa

    E’ l’inizio della fine; ecco perche’ gli americani schiumano di rabbia e provocano ogni giorno di piu’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. atlas 4 mesi fa

    bene,
    Socialismo Nazional Popolare-democrazia capitalista ‘fascista’ 1-0

    si falcia e si martellano gli usa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Brancaleone 4 mesi fa

    Questo potrebbe essere il de profundis degli usa. I privilegi volgono al termine, se tutta la carta straccia con cui hanno inondato il mondo torna indietro pretendendo beni e servizi tornano a pascolare le vacche, non basterebbe il gran canyon per stivare i verdoni. Credo che ai deliranti rimanga la guerra come ultimo tentativo di mantenere l’egemonia del mondo: piccolo dettaglio hanno a che fare con potenze nucleari e non con i soliti disgraziati con cui se la sono sempre presa (quello che fanno i vili), del resto aldila’ dei film lo sono sempre stati e cio’ non li agevola a prendere decisioni drastiche. Il futuro non e’ roseo per nessuno. Mal comune…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 4 mesi fa

      i ‘fascisti’ del 2000 (che non hanno nulla a che fare con i Fascisti di 70anni fa), cioè la peggio destra capitalista giudaico massone, tra i tanti mali assoluti che hanno è proprio quello di essere dei gran VILI, anche perché truffano i veri nazionalisti, falsi come … giuda. Solo da manganellare, nemmeno l’onore di avere una mia sputata in faccia

      Rispondi Mi piace Non mi piace