Pessimismo sui media britannici circa le possibiità di successo di una controffensiva n Ucraina


di Gerard Trousson

In Gran Bretagna, diversi analisti sui media hanno riferito che Kiev non dispone di altra scelta se non di attaccare.
The Times: Kiev non è pronta per un’offensiva su larga scala, ma non ha scelta in questo momento, viste le pressioni da Washington.

L’Ucraina non è per nulla pronta per un’offensiva su larga scala, ma non ha scelta, hanno riferito i media britannici.

Secondo il quotidiano britannico The Times , l’intelligence americana non apprezza le possibilità dell’esercito ucraino di lanciare una controffensiva e riprendere il controllo dei territori occupati dai russi, pittosto ritiene che Kiev sarà in grado di ottenere solo “modeste acquisizioni territoriali” ma a costo di enormi perdite, riferisce RBC .

Il Times osserva che Kiev non ha altra scelta che passare all’offensiva per mantenere il sostegno occidentale mentre Zelensky deve dimostrare quello che Washington chiama “ritorno sull’investimento”.

Secondo la pubblicazione, l’Ucraina si prefiggerà l’obiettivo di riconquistare Melitopol, che taglierebbe la strada terrestre tra la Crimea e la Russia, o Donetsk, che ha un significato più simbolico.

La stessa CNN rileva le fortificazioni, il cui sfondamento sarà un “enorme test” per le forze armate, la mancanza di un fattore sorpresa e il vantaggio aereo della Russia. Le autorità russe si dicono pronte per una controffensiva ucraina.

Come osservano gli analisti militari, anche i funzionari ucraini ammettono che potrebbero non avere l’elemento sorpresa. Il Cremlino ha precedentemente riferito che Mosca sta monitorando attentamente tutte le dichiarazioni sulla controffensiva dell’esercito ucraino. All’inizio di questa settimana, Vladimir Rogov, membro del consiglio principale dell’amministrazione Zaporozhye , ha affermato che le forze armate ucraine hanno aumentato il numero delle loro unità nell’area della città di Gulyaipole, che si trova sulla linea di contatto, a 12.000 persone.

In precedenza, l’editorialista del New York Times Michael Schwirtz ha affermato nel suo articolo che è improbabile che la controffensiva dell’UAF finisca con un “successo”, poiché l’UAF è esausta dopo 14 mesi di combattimenti incessanti.

Fonti varie

Traduzione e sintesi: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM