Pessime prospettive per Israele con la sconfitta di USA e terroristi in Siria

Amos Gilad, ex direttore dell’Ufficio degli affari politico-militari del Ministero degli affari militari di Israele, ha descritto la situazione del regime israeliano come “cattiva” prima di dichiarare: “L’Iran sarà sicuramente il vincitore degli sviluppi regionali”.

In un articolo, l’analista israeliano ha spiegato l’attuale atmosfera in cui si trova “Israele”, che testimonia il fallimento di questo regime. Gilad è il direttore della conferenza annuale di Herzliya, che si tiene da due decenni e definisce i principi delle future politiche del regime israeliano. Dirige anche il Center for Political and Strategic Studies, uno dei più noti di think tank di “Israele”.

Amos Gilad, citato dal sito web della Sadi Press, sottolinea alcuni punti che mostrano perché la situazione si sta deteriorando in “Israele”:

Questi sono i sintomi di un declino duraturo:

– Gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nucleare con l’Iran, dandogli l’opportunità di espandere le sue attività nucleari senza alcuna reazione dall’Occidente.

– Gli impianti petroliferi di Aramco in Arabia Saudita sono stati attaccati senza che gli americani reagissero.
– Le 12 condizioni del segretario di Stato americano, Mike Pompeo, per un dialogo con gli iraniani sono state infrante.- Gli Stati Uniti non attaccheranno mai l’Iran.

– Washington ha abbandonato l’idea di firmare un accordo di difesa comune con Tel Aviv.

– Gli Stati Uniti non saranno in grado di attuare l ‘”accordo del secolo”.

– L’opinione pubblica non si fida più di Donald Trump.

– L’Iran ha messo in imbarazzo i paesi alleati di Israele.

– Sotto la pressione dell’Iran, alcune correnti in Arabia Saudita cercano il dialogo con Teheran.

– La situazione interna in “Israele” è peggiorata.

Alla fine del suo articolo, l’amoseno Amos Gilad ha sottolineato: “Siamo abbandonati ed è molto serio. I prossimi anni saranno molto difficili per “Israele”, soprattutto perché l’Iran ha missili da crociera che nessuno dei radar statunitensi è in grado di rilevare. Il caso saudita e l’attacco ad Aramco ne sono la prova. “

Palestinesi in fuga

Nota: Gilad avverte l’ostilità dei paesi vicini ad Israele fra i quali la Siria, il Libano e l’eterno nemico, l’Iran. L’analista israeliano non si pone la domanda delle cause di questa ostilità che nel tempo è notevolmente aumentata in questi paesi e nella regione. Si dovrebbe dare da solo delle risposte e per esempio considerare quante volte Israele ha attaccato senza motivo la Siria con la sua aviazione, nel corso degli ultimi anni, con pretesti vari, per quanto tempo ha sostenuto i gruppi terroristi, approfittando dello stato di guerra in cui si trovava il paese arabo. Dovrebbe chiedersi quale fosse la legittimità della annessione proclamata da Netanyahu sulle alture del Golan, in violazione delle risoluzioni dell’ONU. Gilad dovrebbe considerare poi le tre volte che il Israele ha invaso il Libano bombardando il sud del paese e mantenendo l’occupazione di una zona del paese (fattorie di Sheb’a). Quanto all’Iran, il nemico eterno di Israele, Gilad dovrebbe tenere il conto degli scienziati iraniani fatti assassinare vigliaccamente dal Mossad e poi darsi una risposta da solo. Tutto questo senza contare i massacri della popolazione palestinese a Gaza e in Cisgiordania, nonché la pulizia etnica che Israele sta attuando con il continuo insediamento di colonie illegali e con l’abbattimento dei villaggi palestinesi. La misura oggi è colma è Israele oggi raccoglie l’odio che ha seminato per decenni.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

3 Commenti

  • La soluzione
    22 Ottobre 2019

    Per essere amati bisogna essere onesti e buoni, i guerrafondai per convenienza e cattiveria prima o poi saranno distrutti dalla loro stessa arroganza..

    • atlas
      23 Ottobre 2019

      SANTE parole

  • eusebio
    22 Ottobre 2019

    Gli USA sono sempre più impegnati ad arginare la superpotenza cinese, che sta avanzando anche sul piano tecnologico oltre che industriale e militare, e di conseguenza sono sempre meno in grado di aiutare Israele..
    La Cina si appresta a costruire portaerei nucleari, sta testando dei cosmoplani orbitali, invia robot sulla superficie lunare, e entro il 2025 avrà 600 milioni di abbonati al 5G.
    Gli USA nel giro di 4 o 5 anni saranno declassati a seconda o terza potenza mondiale, se la Russia recupererà l’Ucraina federarizzandola ed annettendola assieme alla Bielorussia, e sostituirà gli USA come potenza egemone sul piano economico e militare in Europa.

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code