Pesante repressione britannica contro il dissenso reale

Le immagini inquietanti di manifestanti pacifici in tutto il Regno Unito che vengono arrestati dalla polizia per aver semplicemente criticato la monarchia britannica sono un altro promemoria di come il Regno Unito non sia una società democratica e la libertà di parola non sia rispettata nel paese, come affermano i suoi leader.

L’ironia è che a molte persone viene negato il diritto di parlare contro un’istituzione non eletta e non democratica, che rappresenta il volto delle atrocità e dei crimini di guerra praticati in tutto il mondo durante l’oscuro passato coloniale della Gran Bretagna.

La pesante repressione ha visto la polizia in Parliament Square minacciare di arresto un avvocato dell’East London per aver scritto “non è il mio re” sul pezzo di carta bianco che teneva in mano.

A Oxford un uomo è stato arrestato dopo aver gridato durante un evento di proclamazione dell’adesione di re Carlo: “Chi lo ha eletto?”

A Edimburgo, un uomo di 22 anni è stato violentemente trascinato a terra e arrestato dagli agenti di polizia dopo aver definito “disgustoso” il principe Andrea – in riferimento all’amicizia del principe con il pedofilo condannato Jeffrey Epstein e alle accuse di stupro mosse contro di lui da un minorenne – è stato accusato dalla polizia.

Un’altra persona arrestata era una donna di 22 anni che portava un cartello che chiedeva l’abolizione della monarchia.

Una donna che protestava arrestata dalla polizia britannica

La libertà di parola e di protesta sono assicurate nel Regno Unito a condizione che tu segua le regole su ciò di cui puoi parlare pubblicamente e quello per cui non ti è permesso protestare.

Joanna Cherry, una parlamentare del partito nazionale scozzese, ha dichiarato sui social media “Sono preoccupata per le notizie in Scozia e in Inghilterra di manifestanti apparentemente legittimi che sono stati arrestati”.

Gli attivisti contro la monarchia affermano che l’approccio intimidatorio della polizia è stato sostenuto da una campagna mediatica di 24 ore con propaganda ossessiva sulla famiglia reale.

La polizia ora ha nuovi poteri ai sensi del controverso “Police, Crime, Sentencing and Courts Act” che consente alla polizia di arrestare manifestanti anche se se gli agenti pensano soltanto che le loro azioni siano un’interruzione dell’ordine pubblico. I criteri sono molto ampi e in sostanza significa che chiunque organizzi una protesta ora corre il rischio di essere arrestato.

Gli attivisti affermano che sembra esserci un certo timore tra le autorità che la rabbia pubblica per l’adesione di re Carlo alla corona aumenterà se il dissenso sarà consentito durante i servizi funebri della regina Elisabetta, morta giovedì scorso all’età di 96 anni.

La campagna di arresti ha provocato una reazione da parte di gruppi per i diritti umani, movimenti repubblicani e politici.

“Se le persone vengono arrestate semplicemente per aver tenuto cartelli di protesta, allora è un affronto alla democrazia ed è altamente probabile che sia illegale”, ha affermato il Grande Fratello Watch in una nota.

“Gli agenti di polizia hanno il dovere di proteggere il diritto delle persone a protestare tanto quanto hanno il dovere di facilitare il diritto delle persone a esprimere sostegno, dolore o rendere omaggio”.

Jodie Beck, del gruppo della campagna Liberty, ha affermato che il diritto alla protesta è “una parte vitale di una democrazia sana e funzionante”.

“È molto preoccupante vedere la polizia far valere i propri ampi poteri in un modo così pesante e punitivo per reprimere la libertà di parola e di espressione”, ha affermato in una nota.

Graham Smith con il gruppo di campagna Republic ha detto “condanniamo questi arresti nei termini più forti possibili. La libertà di parola è fondamentale per qualsiasi democrazia. In un momento in cui i media sono saturi di adulazioni per un re nominato senza discussione o consenso, è ancora di più importante.”

“Scriveremo alle forze di polizia in tutto il paese, sollevando queste preoccupazioni. Intendiamo organizzare proteste per l’incoronazione e ci aspettiamo che queste proteste possano andare avanti pacificamente”.

Aggiunge che “nonostante la copertura da parete a parete da parte delle emittenti, in cui la monarchia è stata dibattuta senza che le voci repubblicane siano ascoltate, i repubblicani sono galvanizzati dall’ascesa al trono di Carlo”.

“Con il sostegno alla monarchia già in calo – e il sostegno all’abolizione ora superiore al 25% – ci aspettiamo che questo movimento cresca rapidamente nei prossimi anni”.

Gli arresti della polizia sembrano aver stimolato il sentimento anti-monarchico poiché diversi gruppi affermano che organizzeranno nuove proteste in vista del funerale di stato di Elisabetta lunedì prossimo e degli eventi di adesione di re Carlo. In risposta alla repressione delle proteste non violente, nelle nuove proteste sono stati visti striscioni bianchi o pezzi di carta bianca poiché crescono le preoccupazioni sul comportamento della polizia.

“Climate Camp Scotland”, che protesta contro i combustibili fossili e per la giustizia climatica, ha affermato che martedì si è tenuta una protesta a causa delle persone che erano state arrestate in Scozia per aver semplicemente tenuto un cartello.

Hanno detto che i sostenitori del gruppo “hanno tenuto in silenzio striscioni e cartelli in bianco in segno di solidarietà con le persone arrestate a Edimburgo e altrove nel Regno Unito per aver protestato contro la monarchia”.

Il gruppo antimperialista Global Majority VS, che sostiene uno dei manifestanti arrestati in Scozia, ha accusato la polizia di criminalizzare la libertà di parola, affermando che c’è stato uno “sforzo concertato per mettere a tacere le voci delle masse”.

In una dichiarazione tramite il gruppo antimperialista, uno studente messicano originario di Edimburgo ha dichiarato: “la mattina dell’11 settembre 2022, sono stato arrestato ingiustamente mentre esercitavo il mio diritto di protestare contro la proclamazione di re Carlo III a Edimburgo Tenendo in mano un cartello in silenzio… Condanno i secoli di ingiustizia coloniale, genocidio ed estrazione illegale che sono stati e continuano ad essere compiuti in nome della Corona britannica.

“Come persona messicana che vive nel Regno Unito, mi sono opposto fermamente alla continua estrazione di risorse e allo sfruttamento dei corpi razzializzati nel sud del mondo, reso possibile dai sistemi di oppressione imperiale. Tuttavia, non agisco da solo.

“L’arresto e la successiva accusa sono un sintomo del movimento in corso per criminalizzare la vera libertà di parola e tutti i diritti umani e delle persone.

“Questa è una lotta di tutti i popoli colonizzati contro la colonizzazione in corso delle nostre terre, risorse da parte delle classi dirigenti.

Inoltre, il gruppo sostiene che “chiedere l’abolizione del monarca è antico quanto la monarchia stessa e una pietra angolare della libertà di parola nel Regno Unito. Questa istituzione si impegna a reprimere il potere del nostro vero popolo di denunciare le continue violazioni dei diritti umani perpetrato dalla Corona e dall’establishment”.

Molti altri hanno espresso le loro critiche sui social media pubblicando materiale in cui si oppone al ruolo della monarchia sulla base del vergognoso passato coloniale della Gran Bretagna.

Molta attenzione dei media è stata rivolta al professore di linguistica nigeriano alla Carnegie Mellon University negli Stati Uniti, che ha usato un linguaggio forte in reazione alla morte della regina.

Il tumulto dei media occidentali è piuttosto interessante in quanto il post si riferisce a Elizabeth che supervisiona l’oppressione coloniale del paese del professore, la Nigeria, e l’istigazione alla guerra civile da parte del potere coloniale laggiù, che ha provocato l’omicidio di molti dei membri della famiglia del professore.

Sebbene il suo incarico sia stato rapidamente respinto, sembra che ci siano doppi standard nel modo in cui le persone sono autorizzate a discutere di altre violenze e violenze perpetrate o supervisionate dalla Gran Bretagna che è rappresentata dalla famiglia reale.

Molti hanno sottolineato che la regina non ha mai usato il suo ruolo per denunciare la violenza commessa durante il dominio coloniale britannico in Africa, Asia e altrove durante i suoi 70 anni di regno.

Sono stati utilizzati così tanto tempo ed energie su come il post del professore fosse di cattivo gusto, che nessun media o analista ha discusso del motivo per cui tanta rabbia è stata usata per fare tali osservazioni e quanto siano verificabili le reali accuse contro la monarchia britannica.

Posted by Eduard Tyler

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM