Pericoloso”: gli attacchi statunitensi contro gli Houthi dello Yemen smentiscono la spinta alla riduzione della tensione

Gli Stati Uniti agiscono come “incendiari e pompieri”, dicono gli esperti, sollecitando la riduzione dell’escalation in Medio Oriente ma sostenendo la guerra israeliana a Gaza.
Di Jillian Kestler-D’Amours

Per mesi, i massimi funzionari degli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che il presidente Joe Biden non vuole vedere la guerra di Israele nella Striscia di Gaza degenerare in un conflitto più ampio in Medio Oriente.

Questo è stato il messaggio centrale che il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha trasmesso questa settimana durante la sua quarta visita nella regione dall’inizio della guerra. Il suo viaggio è avvenuto all’ombra degli attacchi israeliani in Libano e degli attacchi dei ribelli Houthi dello Yemen contro le navi nel Mar Rosso.
Il Mar Rosso – vogliamo evitare un’escalation lì”, ha detto Blinken giovedì al Cairo, quando gli è stato chiesto dei suoi sforzi per evitare che il conflitto degenerasse.

Ma solo poche ore dopo, gli Stati Uniti hanno confermato di aver collaborato con il Regno Unito per lanciare “attacchi contro una serie di obiettivi nello Yemen utilizzati dai ribelli Houthi”, in coordinamento con una manciata di altri paesi.

Esperti e difensori dei diritti avvertono che gli attacchi sono in contrasto con gli obiettivi dichiarati di allentamento dell’escalation dell’amministrazione Biden e non riescono ad affrontare la causa principale delle crescenti tensioni nella regione: l’assalto militare israeliano a Gaza.

“È contrario a quanto affermato dall’amministrazione, ma era anche inevitabile”, ha affermato Hassan El-Tayyab, direttore legislativo per la politica del Medio Oriente presso il Friends Committee on National Legislation, un gruppo di difesa dei quaccheri a Washington, DC.

“Tutti coloro che osservavano questa situazione sapevano che era questione di tempo prima che la guerra a Gaza si estendesse a tutta la regione. E lo stiamo vedendo non solo nel Mar Rosso, ma lo stiamo vedendo anche in Libano , Siria e Iraq”, ha detto ad Al Jazeera.

Mar Rosso, pattuglie

“Senza il cessate il fuoco a Gaza, è difficile vedere come la situazione possa migliorare. E penso che la pentola in ebollizione stia ormai traboccando, e la situazione peggiorerà sempre di più col passare del tempo. È davvero un momento molto pericoloso”. (……..)
L’amministrazione Biden ha fornito a Israele sostegno militare e diplomatico dall’inizio della guerra di Gaza, senza tracciare “linee rosse” su come tali risorse possano essere utilizzate. Ha anche bloccato le risoluzioni delle Nazioni Unite che sollecitavano un cessate il fuoco e respinto un caso presso la Corte internazionale di giustizia che accusava Israele di genocidio.

Anche Trita Parsi, vicepresidente esecutiva del Quincy Institute for Responsible Statecraft, un think tank di Washington, DC, ha detto ad Al Jazeera in un’intervista televisiva giovedì che gli attacchi in Yemen evidenziano il fallimento da parte degli Stati Uniti e del Regno Unito nello spingere Israele porre fine alla guerra a Gaza.
“La domanda che bisogna porsi è: ‘Perché i governi britannico e americano preferiscono intensificare l’escalation e entrare in guerra essenzialmente per impedire agli Houthi di attaccare le navi, piuttosto che [prendere] effettivamente la strada di un cessate il fuoco in Gaza?’”, Ha detto.

Un cessate il fuoco, ha spiegato Parsi, porrebbe fine alle uccisioni di palestinesi, contribuirebbe a garantire il rilascio dei prigionieri israeliani detenuti a Gaza e arginerebbe gli attacchi contro gli Stati Uniti e le forze alleate in Iraq e Siria, che si sono intensificati dall’inizio di ottobre.

“La strategia dell’amministrazione Biden è stata quella di cercare di ottenere una riduzione della tensione intensificando l’escalation”, ha affermato. “E chiaramente non sembra funzionare a lungo termine, perché gli Houthi probabilmente non si tireranno indietro”.

Fonte: Al Jazeera

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Pericoloso”: gli attacchi statunitensi contro gli Houthi dello Yemen smentiscono la spinta alla riduzione della tensione

  1. Sono inferiori, sono ignoranti, sono presuntuosi e perdono MOLTO BENE, gli anglosassoni sono proprio dei palloni gonfiati, basta uno spillo, e vanno a piangere dalla mamma. Mi sa che hanno perso qualche nave ….. e la portaerei ….. incolume. Ha ha ha ha ha ha!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM