Perché Pence vola ad Erbil?

l vicepresidente americano Mike Pence ha fatto una visita senza preavviso in Iraq. L’Associated Press lo ha detto in modo intrigante. Si scopre che, al fine di mantenere tutto segreto, Pence è volato su un aereo cargo Boeing C-17, che è atterrato alla base militare americana Ain al-Assad, situata nel deserto nell’Iraq occidentale, ha parlato al telefono con il Primo Ministro iracheno Adel Abdul Mehdi, ma non si è incontrato.

Il portavoce della Casa Bianca ha spiegato questo dicendo che il vicepresidente non ha potuto incontrare i funzionari del governo locale “a causa della brutale dispersione di manifestanti nel sud dell’Iraq”.
Quindi Pence è andato nella capitale del Kurdistan iracheno – la città di Erbil, dove ha tenuto colloqui con il presidente dell’autonomia Nechirvan Barzani e il Primo Ministro Masrour Barzani. Secondo alcuni esperti americani, questo era l’obiettivo principale di Pence, “legato alla definizione del presidente americano Donald Trump e alla sua amministrazione della politica in Iraq e in Siria, incluso il ruolo che i curdi svolgono e vogliono svolgere in entrambi i paesi”.
Questo è in generale. In particolare, è stato presumibilmente compito del vicepresidente dissipare il giudizio secondo cui “gli americani stanno abbandonando i curdi”. Tuttavia, solo i siriani, ma non i curdi iracheni, hanno fatto simili accuse contro Washington contemporaneamente. Inoltre, gli americani sono tornati in Siria.
A questo proposito, l’esperto curdo Hemen Abdullah ritiene che Pence abbia deciso di informare Erbil sui “cambiamenti che avverranno in futuro e determinare il ruolo, che sarà assegnato ai curdi non solo in Iraq, ma anche nella regione “. E di che tipo di cambiamenti stiamo parlando?


La preparazione intensiva della Turchia all’operazione militare “Fonte della pace” nel nord della Siria e il suo inizio è stata associata alla necessità “di prevenire l’emergere dello stato kurdo nel territorio di questo paese”. È difficile valutare se una tale azione fosse davvero preparata dai curdi siriani. Ma non c’è fumo senza fuoco. Di recente, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo al secondo Forum di pace di Parigi, ha dichiarato che “Washington sta cercando di separare i territori sulla sponda orientale del fiume Eufrate e sta facendo di tutto per creare un quasi-stato lì“. E ora gli Stati Uniti affermano che i profitti del petrolio siriano vanno ai curdi, non agli americani.
Inoltre, i territori della Siria settentrionale, controllati dalle forze di autodifesa del popolo curdo (SNA), hanno da tempo proclamato la creazione della Federazione della Siria settentrionale, che viene valutato come un tentativo di dividere il paese in diverse parti che sono praticamente autonome da Damasco. Sarà possibile prevenire un simile corso di eventi con l’aiuto della cosiddetta zona di sicurezza creata sul confine turco-siriano, che era precedentemente pattugliato da turchi e americani, ora unità russe e turche, rimane aperto.

Quando la Turchia afferma di essere a favore dell’integrità territoriale della Siria, i curdi siriani rispondono di essere d’accordo anche con questo. Ma quando Ankara chiarisce che è contro la federalizzazione del paese, i curdi rispondono: si tratta esclusivamente di un affare interno della Siria. Inoltre, gli Stati Uniti non consentono la ripresa delle operazioni militari turche nel nord della Siria, minacciando la Turchia di varie sanzioni. Le offrono anche di avviare negoziati con i leader dei curdi siriani, che potrebbero conferire a quelli lo status di una certa soggettività.

Il “partito curdo” a Washington è guidato da Pence, che in precedenza fungeva da intermediario tra turchi e curdi. A Erbil, aveva una funzione diversa: mediare nel dialogo tra curdi iracheni e siriani, per ottenere coerenza nelle loro azioni.
Allo stesso tempo, i curdi siriani temono che la loro alleanza con Washington si spezzerà subito dopo la vittoria finale sull’ISIS (un’organizzazione le cui attività sono vietate nella Federazione Russa), che a un certo punto gli Stati Uniti torneranno a ristabilire relazioni instabili con Ankara. È in questo momento intermedio che si aspettano che Washington accetti di proclamare l’autonomia o lo statuto curdo nella Siria settentrionale, che gli americani e i loro partner occidentali possono riconoscerlo.
È possibile che Pence abbia discusso di tale scenario con la leadership del Kurdistan iracheno ai colloqui di Erbil. Non è un caso che il viceministro degli affari esteri della Russia Mikhail Bogdanov abbia dichiarato l’opportunità della rapida adesione delle unità della SDS curda all’esercito del governo siriano. Secondo lui, “il più veloce sia- il meglio per tutti”.

Nella stessa Turchia, il Partito democratico pro-curdo dei popoli ha chiesto elezioni anticipate, e nel sud-est del paese, dove questo partito ha posizioni forti, il governo ha sostituito 24 sindaci. A detta di tutti, nella regione in cui si svolgono alcuni ruoli importanti vengono assegnati ai curdi eventi importanti. Ma quali? Aspetteremo e vedremo.

Подробности: https://regnum.ru/news/polit/2789604.html
Любое использование материалов допускается только при наличии гиперссылки на ИА REGNUM.

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code