Perché Netanyahu non vuole il cessate il fuoco

di Salman Rafi Sheikh (*)

Anche dopo cinque visite in Medio Oriente dall’inizio della guerra israelo-palestinese il 7 ottobre, il segretario di Stato americano Antony Blinken non è stato in grado di garantire un accordo di cessate il fuoco che potrebbe porre fine a questa brutale guerra.
Uno dei motivi principali per cui l’amministrazione Biden sta investendo energia diplomatica nel cessate il fuoco è che il presidente statunitense si sta ora rendendo conto di come il suo incrollabile sostegno alla brutale uccisione dei palestinesi da parte di Israele potrebbe costargli le elezioni presidenziali previste entro la fine dell’anno. Quando la guerra è iniziata in ottobre, l’amministrazione Biden non l’ha necessariamente vista dal punto di vista elettorale (perché non credeva che la guerra sarebbe durata così a lungo). Il fatto che si sia già estesa fino a febbraio e che i funzionari israeliani stiano già indicando la loro intenzione di estenderlo ulteriormente significa che Israele ucciderà ancora i palestinesi quando gli americani voteranno a novembre. Questo potrebbe costare caro a Biden perché recenti sondaggi mostrano che circa il 76% degli elettori democratici sostiene un cessate il fuoco. Anche a livello internazionale, Biden sta sperimentando un isolamento , qualcosa che la campagna di Trump indicherebbe come un fallimento della politica estera statunitense sotto Biden.

Tuttavia, se gli imperativi interni di Biden ora richiedono una politica di cessate il fuoco, Netanyahu ha bisogno esattamente del contrario, ed è per questo che non solo ha respinto gli sforzi sostenuti dagli Stati Uniti per garantire un accordo di cessate il fuoco, ma sta anche cercando di espandere la sua offensiva a Rafah.
Per Netanyahu l’offensiva è la chiave per restare al potere. Come ha dimostrato un recente sondaggio , il leader del partito di Unità Nazionale, Benny Gantz, formerebbe facilmente una coalizione se si dovessero tenere nuove elezioni. La sua posizione non era così forte prima della guerra. Ma dal 7 ottobre la posizione di Netanyahu è crollata.

Benny Gantz con Netanyahu

Allo stesso tempo, gli attuali partner della coalizione di Netanyahu, che includono partiti di estrema destra come il partito Jewish Power, hanno già minacciato di lasciare la coalizione se il governo dovesse concludere un “accordo sconsiderato” con Hamas. A peggiorare ulteriormente le cose per Netanyahu , la maggior parte degli israeliani vuole elezioni anticipate, mostrando una crescente insoddisfazione nei confronti della coalizione di governo e rendendo imperativo per Netanyahu compiere solo quei passi che migliorerebbero la sua immagine politica e minimizzerebbero i costi.
Pertanto, mentre parlare di un accordo con Hamas che non raggiunga il rilascio immediato di tutti gli ostaggi è semplicemente inaccettabile, le proiezioni di una “vittoria totale” su Hamas hanno un senso politico.

Ma le opzioni di Netanyahu non sono semplici. Ognuno di questi comporta determinate conseguenze. Quindi, ad esempio, se l’estrema destra si oppone a qualsiasi accordo con Hamas che non sia la distruzione totale della Palestina e la fine permanente della soluzione dei “due Stati”, le famiglie dei 136 ostaggi israeliani tenuti da Hamas vogliono che lui ne garantisca il rilascio. e non fare affidamento solo sull’azione militare.
Le famiglie protestano regolarmente e Netanyahu capisce che queste manifestazioni potrebbero trasformarsi in un movimento politico molto più grande nel prossimo futuro, soprattutto data la sua scarsa popolarità al momento. Prima dello scoppio della guerra, il 7 ottobre, Israele ha assistito a massicce proteste anti-Netanyahu a causa della ristrutturazione del sistema giudiziario. Sebbene la guerra abbia creato una sorta di unità, ora si sta rivelando molto fragile e può crollare da un momento all’altro sul regime.

Il dilemma di Netanyahu è che non può continuare a condurre – ed espandere – la guerra e aspettarsi che la sua strategia funzioni, vale a dire infliggere il massimo danno ai palestinesi per mettere al sicuro gli ostaggi . Ci sono diverse ragioni per questo, ma la più importante è il fatto che la spietata operazione militare di Netanyahu non è riuscita a eliminare Hamas, né è chiaro se Hamas possa essere eliminato in questo modo. Per prima cosa, l’uccisione spietata di civili innocenti da parte di Israele, tra cui migliaia di bambini, potrebbe consentire ad Hamas di aumentare il suo sostegno popolare.
Come afferma un recente rapporto dell’intelligence statunitense, Israele, anche se la sua potente offensiva potrebbe aver danneggiato per ora la capacità militare di Hamas, Israele non è nemmeno vicino all’eliminazione del gruppo di per sé.

Questa è una delle ragioni principali per cui Netanyahu – che ha fissato la distruzione totale di Hamas come suo obiettivo strategico chiave – non accetterà alcun accordo che possa impedirgli di realizzare questo obiettivo. Questo è anche uno dei motivi principali per cui i partiti di estrema destra si oppongono a qualsiasi accordo con Hamas, e questo è un altro motivo per cui Netanyahu non può semplicemente allentare l’opzione militare e cercare modi per garantire il rilascio degli ostaggi. Ciò equivarrebbe a trattare Hamas da pari a pari dal punto di vista politico.

Soldati Israeliani portano via i loro feriti…La guerra contro la resistenza palestinese ha un costo sempre più alto per Israele.

È a causa dell’impatto combinato di queste ragioni che Netanyahu non è in grado di contemplare altro che una lunga guerra contro i palestinesi, il che gli consente persino di respingere la pressione degli Stati Uniti. Dopo aver fallito nel convincere Netanyahu di un accordo di medio livello, Blinken sperava ancora che da questo processo emergesse un accordo migliore. Non sa quando e come ciò potrebbe essere possibile.

Ma la pazienza – e il sostegno a Israele – potrebbero già uscire dalla Casa Bianca. Biden ha recentemente affermato che “sono del parere, come sapete, che la condotta della risposta a Gaza, nella Striscia di Gaza, sia stata esagerata”. Riguardo al piano di Netanyahu per Rafah, il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale John Kirby ha detto che “In assenza di una piena considerazione della protezione dei civili su quella scala a Gaza, le operazioni militari in questo momento sarebbero un disastro per quelle persone, e non è qualcosa che noi sosterremmo”.

Ma Netanyahu non è troppo turbato da queste osservazioni, dal momento che rimane principalmente interessato a mantenere la sua carica di primo ministro e a condurre la guerra in un modo che lo aiuti a rimanere al potere. Per questo, potrebbe essere pronto a sfidare Joe Biden.

*Salman Rafi Sheikh, analista ricercatore di Relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Perché Netanyahu non vuole il cessate il fuoco

  1. Il feroce dittatore Israerliano Nazista genocida di Netanyahu NON ha nessun interesse a finire la guerra troppo presto !
    Se la guerra contro il popolo Palestinese disarmato fosse già finita forse il dittatore Netanyahu e buona dei suoi gerarchi nazisti israeliani sarebbero forse in galera per aver assassinato -ferito e mutilato 120.000 mila civili palestinesi !
    Lo Stato Terrorista e Genocida Israeliano ha tutto da guadagnare in questa guerra facile facile dove a morire ogni giorno sono diverse centinaia di civili palestinesi !
    Massacrando e assassinando ogni giorno un numero di civili palestinesi pari alla strage nazista delle fosse Ardeatine e impendendo che i feriti e i mutilati palestinesi possano curarsi e sopravvivere si crea il terrore tra il popolo Palestinese !
    Distruggendo interi quartieri e attività Palestinesi si crea la futura fame è miseria !
    Molti palestinesi terrorizzati scapperanno via dalla loro terra e gli Israeliani gli ruberanno le terre !
    Nei paesi occidentali tra cui l” Italia sono vietate le proteste del popolo italiano contro Israele !

    1. non capisco cosa centrino le fosse ardeatine con il genocidio dei PALESTINESI .

      le fosse ardeatine si sarebbero evitate se i responsabili della strage di via rasella con 34 morti , saliti a 44 il giorno dopo si fossero consegnati , Bastava un solo responsabile per chiudere l’ incidente .

      ricordo che i vili attentati in zone di guerra sono poniti con la regola di ogni esercito : I TEDESCHI applicavano la regola 10 a 1.

      i francesi 20 a 1 … gli sporchi yankees 100 a 1 in Vietnam.

      gli sporchi yankees 100 a 1 . ( Vietnam )

      1. Il paragone con la strage delle fosse ardeatine calza a pennello ! Perchè i sionisti uccidono all’incirca lo stesso numero di civili indifesi e incolpevoli, ogni giorno, ogni 24 ore, da mesi e mesi, e naturalmente non c’è la stessa indignazione, nè si mette in moto la grancassa mediatica antifascista ! Per le liberal democrazie occidentali criticare i nazi fascisti si deve ! Criticare i crimini sionisti, anche se maggiori di quelli nazisti, non si può, loro campano di rendita sulla “shoa” e sono i “buoni” a prescindere !

  2. Il delinquente israeliano abbarbicandosi al potere senza pietà neanche per i suoi, sta formando per reazione qualche milione di terroristi ; si può prevedere che per il futuro gli ebrei non saranno più al sicuro in nessun posto.Perciò il delinquente ha condannato la sua gente alla sconfitta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM