Perché Netanyahu invoca la retorica di Amalek per giustificare il genocidio dei palestinesi?

Alcuni ebrei usano la leggenda di Amalek per giustificare il genocidio dei palestinesi, mentre la maggior parte dei leader religiosi ebrei non ci crede.

La notte del 28 ottobre, dopo tre settimane di campagna genocida contro la Striscia di Gaza, il primo ministro del regime israeliano, Benjamin Netanyahu, ha cercato spudoratamente di giustificare l’orrore definendo il Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (HAMAS) come la ripetizione di la retorica di Amalek, la tribù biblica che, secondo i libri ebraici, Dio ordina loro di annientare.

Ha descritto HAMAS come un nemico molto feroce, citando il passaggio biblico, Deuteronomio, 25:17: “Devi ricordare ciò che Amalek ti ha fatto” e aggiungendo “dobbiamo ricordare”.
Dei 23.145 versetti dell’Antico Testamento, Netanyahu ha scelto alcuni dei più violenti e hanno una lunga storia di strumentalizzazione da parte dei sionisti per giustificare il massacro dei palestinesi.

Il libro biblico Deuteronomio, quinto libro della Torah ebraica e quinto libro dell’Antico Testamento cristiano, dice: “Cancellerai la memoria di Amalek sotto il cielo. Non te ne dimenticherai.”

Inoltre, il testo prevede il massacro dell’intera nazione di Amalek. “Ora vai e attacca Amalek e distruggi completamente tutto ciò che ha e non risparmiarli. Ma uccidi l’uomo e la donna, il bambino e il lattante, il bue e la pecora, il cammello e l’asino”.

In questi versetti del primo libro di Samuele 15:13, Dio ordina al re Saul di uccidere ogni persona di Amalek, una nazione rivale degli antichi ebrei, e di distruggere completamente tutto ciò che appartiene a loro.

La retorica di Amalek è uno dei tanti commenti di ispirazione ideologica utilizzati dai funzionari israeliani per giustificare la campagna genocida nella fascia costiera assediata che conta 2,2 milioni di persone, e finora ha causato la morte di quasi 10.000 persone, la maggior parte dei quali bambini.

Secondo un sondaggio condotto lo scorso ottobre, metà degli ebrei israeliani ha dichiarato che il regime di Tel Aviv “non dovrebbe affatto” considerare la “sofferenza della popolazione civile palestinese a Gaza” nella prossima fase del conflitto, dimostrando che dal punto di vista degli israeliani, il nemico è come Amalek.

Anche se nella religione ebraica tra i rabbini (leader religiosi degli ebrei) esiste un consenso dominante sul fatto che Amalek non esiste più e non può essere un riferimento per giustificare un attacco a qualcuno, molti sionisti prima di Netanyahu usavano questa retorica contro i palestinesi.

Ad esempio, Israel Hess, un rabbino israeliano, nel 1980 pubblicò un articolo per l’Università Bar-Ilan in cui equiparava i palestinesi agli abitanti di Amalek e invocava esplicitamente il loro genocidio.
Anche Mordechai Eliyahu, ex rabbino di Israele dal 1983 al 1993, ha tracciato paralleli tra i palestinesi e gli Amalek, conferendo l’autorità di indottrinare i bambini sionisti nelle scuole religiose israeliane.

Illustrazione biblica Amalek

Anche Baruch Goldstein, il noto terrorista sionista che uccise 29 palestinesi durante la preghiera in una moschea nella città di Al-Jalil (Hebron) nel 1994, vedeva i palestinesi come Amalek e compì un attacco a Purim (festa ebraica annuale che celebra l’omicidio dei persiani per mano della minoranza ebraica durante l’impero persiano.)

L’ostilità dei testi ebraici verso Amalek deriva dalla leggenda secondo cui essi li attaccarono senza pietà mentre si dirigevano verso la “terra promessa”, dopo di che Dio disse a Mosè di sterminare Amalek.

Secondo queste leggende, alcune generazioni dopo il re Saul eseguì quest’ordine uccidendo tutti gli uomini, le donne e i bambini di Amalek, tranne il loro re, che continua la stirpe da cui nacquero gli Háman molte generazioni dopo.

Il malvagio Haman sviluppò un complotto per uccidere tutti gli ebrei che vivevano in esilio, sotto un sovrano iraniano, inviando un chiaro messaggio che il fallimento di Saul nell’uccidere tutta Amalek rappresentava una minaccia esistenziale per gli ebrei.

Gli ebrei tradizionalmente ascoltano la storia dell’imboscata di Amalek e del decreto di Dio di eliminarli durante il servizio di Shabbat prima della festa di Purim, che, a sua volta, celebra il fallimento del piano di Haman.

Sebbene gli storici neghino la storicità di queste favole su Amalek, Haman e la presunta minaccia di annientamento degli ebrei, sotto il dominio iraniano, la loro influenza sulla politica contemporanea del regime israeliano è più che evidente.

Il rabbino Yisrael Rosen, fondatore dell’ufficio per le conversioni all’ebraismo nel rabbinato capo di Israele, ha dichiarato nel 2012 che uno degli ex presidenti iraniani era Amalek e Israele “deve distruggerlo”.

“Se siamo onesti nell’identificare il nostro nemico per quello che è, dobbiamo agire chiudendo un occhio sulle nazioni del mondo. La nostra forza sta nella combinazione della nostra fede e delle nostre capacità sul campo di battaglia”, ha affermato il rabbino Rosen.

Nel 2017, durante una visita a Mosca, la capitale russa, Netanyahu ha presentato un libro su Haman al presidente russo Vladimir Putin, sostenendo che l’Iran nasconde un piano di tutti i tempi per distruggere gli ebrei.

In risposta, Putin ha risposto che questi sono miti superati e che oggi viviamo in un mondo diverso, suggerendo che i leader israeliani restino dalla parte della realtà.

Tuttavia, la realtà a cui stiamo assistendo in questi giorni è che i miti sul massacro sono, di fatto, la base per attuare un vero e proprio genocidio.

Ivan Kesic è giornalista e ricercatore indipendente.

Fonte: Press TV

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Perché Netanyahu invoca la retorica di Amalek per giustificare il genocidio dei palestinesi?

  1. Credetemi, fate vostre le considerazioni degli imperatori romani che ben conoscevano il problema della cultura ebraica. Non ci perdete altro tempo. Da quelle parti serve il sale come a Cartagine.

  2. I sionisti hanno ordinato l’evacuazione dell’ospedale pediatrico al Rantisi di Gaza perchè intendono bombardarlo, tanto per capire di che razza di belve si tratta.
    In realtà la religione per gli ebrei è più che altro una copertura per i loro interessi materiali, prima del 1939 gli ebrei europei facevano di tutto per smarcarsi dal controllo dei rabbini, asfissiante, soffocante e peraltro costoso sul piano economico, cercando nella laicità, divenuta possibile grazie alla raggiunta parità dei diritti civili e politici, ottenuta dai primi dell’Ottocento in poi, le propria realizzazione personale al di fuori di un ambito religioso arcaico, soffocante e paranoico.
    Oggi negli USA gli ebrei non ortodossi hanno per il 70-80% un partner non ebreo e questo sta facendo scendere molto rapidamente il numero di ebrei che possono essere accolti nell’entità sionista, anche se hanno un solo nonno ebreo.
    A parte lo zoccolo duro degli ebrei di estrema destra nella Palestina occupata nel resto del mondo gli ebrei si stanno rapidamente diluendo, gli israeliani che si oppongono al vecchio premier estremista e pazzo sono già emigrati o comunque lo faranno, e sarà molto difficile per l’entità sionista riuscire a sopravvivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM