Perché l’offensiva invernale di Putin provocherà l’entrata in guerra degli Stati Uniti


di Mike Whitney
“La guerra in Ucraina non è una fantasia di Call of Duty. È un ampliamento della tragedia umana creata dall’espansione verso est della NATO. Le vittime non vivono in Nord America. Vivono in una regione che la maggior parte degli americani non riesce a trovare su una mappa. Washington ha esortato gli ucraini a combattere. Ora Washington deve esortarli a fermarsi”. Il colonnello Douglas MacGregor , L’American Conservative.
Volodymyr Zelensky non ha attraversato l’Atlantico per poter tenere un discorso al Congresso degli Stati Uniti. Non era questo lo scopo del suo viaggio. Il vero obiettivo era produrre un evento galvanizzante che creasse l’illusione di un ampio sostegno pubblico alla guerra. Questo è il motivo per cui il discorso è stato trasmesso su tutti i principali canali dei media ed è per questo che il Congresso ha ripetutamente salutato Zelensky con rauchi applausi.
Ancora una volta, i quadri delle voraci élite che controllano le leve politiche del potere in America, sono determinati a trascinare il paese alla guerra, motivo per cui dipingono un “delinquente in tuta da ginnastica” travestito come una figura di Churchill dai principi incrollabili . Sono tutte pubbliche relazioni.

Il viaggio di Zelensky a Capitol Hill è stato programmato per coincidere con l’offensiva invernale di Putin, che dovrebbe schiacciare le forze armate ucraine e portare la guerra a una rapida fine. L’amministrazione Biden comprende la situazione ma non dispone di armi o manodopera per influire sul risultato. Ciò non significa, tuttavia, che Washington non abbia un piano per prolungare il conflitto o per rafforzare le proprie forze di combattimento. Ha un piano, lo si evince dal modo in cui l’amministrazione ha sempre respinto le trattative.
Quello che ci dice è che Washington è ancora impegnata a sconfiggere la Russia a qualunque costo. In termini pratici, ciò significa che gli Stati Uniti devono creare un incidente che servirà da giustificazione per l’escalation. L’incidente potrebbe essere collegato al viaggio inaspettato di Zelensky a Washington o, forse, potrebbe essere collegato alla detonazione di un ordigno nucleare da qualche parte in Ucraina.

Zelensky con Biden


I mezzi con cui viene effettuata una falsa bandiera, è del tutto irrilevante. Ciò che conta è che – secondo l’analista politico John Mearsheimer – “Gli Stati Uniti sono in questo per vincere” , cioè l’establishment della politica estera statunitense non è disposto a lasciare che l’esercito russo prevalga in Ucraina e imponga il proprio insediamento. Troveranno un modo per intensificare il conflitto e portare truppe straniere nel teatro. Questo è l’obiettivo, ed è quello che faranno una volta trovata una scusa per l’escalation. In conclusione: gli Stati Uniti non getteranno la spugna e chiameranno la chiusura. Questo è un progetto a lungo termine che potrebbe trascinarsi per anni se non decenni.
L’analista politico Kurt Nimmo pensa che la NATO potrebbe unirsi ai combattimenti. Ecco un breve riassunto delle ultime novità di Nimmo su Global Research:

Se si può credere a Olga Lebedeva e Pravda.ru, la NATO è sul punto di entrare in guerra in Ucraina .

“Tali annunci sono stati ascoltati da funzionari del Ministero della Difesa polacco, dello Stato Maggiore dell’alleanza NATO, ufficiali dell’esercito francese e (ovviamente) del Ministero della Difesa ucraino”, secondo Lebedeva.

“Il motivo principale sarebbe proprio la prossima offensiva generale russa che la NATO sta pianificando e che secondo essa decimerebbe l’esercito ucraino non solo nel Donbass ma anche dalla parte di Kiev (molte unità russe sono in situazione di combattimento in Bielorussia ai confini con l’Ucraina),” spiega Rusreinfo.ru, un sito web russo.

Ma la NATO è sempre stata molto chiara: l’Ucraina NON PUÒ PERDERE. Per Washington, l’unica soluzione sarebbe quindi che le forze Nato entrino in Ucraina, sperando che ciò metta fine all’offensiva russa. Il calcolo è che Vladimir Putin non vorrà affrontare direttamente la NATO con le possibili conseguenze (nucleari), e quindi si ritirerà. ” (“ La NATO decide di attaccare la Russia in Ucraina– L’Ucraina non è in grado di sconfiggere la Russia. Il passo successivo è il coinvolgimento diretto della NATO ”, Kurt Nimmo, Global Research).

Nimmo potrebbe avere ragione ma, forse no. Mi sembra che la NATO sia irrimediabilmente divisa sulla questione. Un certo numero di paesi della NATO non si uniranno a una guerra contro la Russia, indipendentemente dalle circostanze o dalla quantità di pressioni della Casa Bianca. Lo scenario più probabile è stato presentato dal colonnello Douglas MacGregor che lo ha presentato martedì in un articolo su The American Conservative. Ecco cosa ha detto: .

“Il sostegno incondizionato dell’amministrazione Biden al regime di Zelensky a Kiev sta raggiungendo un punto di svolta strategico non dissimile da quello raggiunto da LBJ nel 1965… Come il Vietnam del Sud negli anni ’60, l’Ucraina sta perdendo la sua guerra con la Russia… Il vero pericolo ora è che Biden presto appare in televisione per ripetere la performance di LBJ nel 1965, sostituendo la parola “Ucraina” con “Vietnam del Sud”:

“Stasera, miei compagni americani, voglio parlarvi della libertà, della democrazia e della lotta del popolo ucraino per la vittoria. Nessun’altra questione preoccupa così tanto la nostra gente. Nessun altro sogno assorbe così i milioni di persone che vivono in Ucraina e nell’Europa orientale… Tuttavia, non sto parlando di un attacco della NATO alla Russia. Piuttosto, propongo di inviare in Ucraina una coalizione dei volenterosi guidata dagli Stati Uniti, composta da forze armate americane, polacche e rumene, per stabilire l’equivalente terrestre di una “no-fly zone”. La missione che propongo è pacifica, per creare una zona sicura nella parte più occidentale dell’Ucraina per le forze ucraine e i rifugiati che lottano per sopravvivere ai devastanti attacchi della Russia…”

I governi della NATO sono divisi nel loro pensiero sulla guerra in Ucraina. Ad eccezione della Polonia e, forse, della Romania, nessuno dei membri della NATO ha fretta di mobilitare le proprie forze per una lunga ed estenuante guerra di logoramento con la Russia in Ucraina. Nessuno a Londra, Parigi o Berlino vuole correre il rischio di una guerra nucleare con Mosca . Gli americani non supportano la guerra con la Russia, e quei pochi che lo fanno sono ideologi, superficiali opportunisti politici o avidi appaltatori della difesa”. ( “Washington sta prolungando le sofferenze dell’Ucraina “, colonnello Douglas MacGregor, The American Conservative)

Questo, credo, è lo scenario molto più plausibile. L’amministrazione Biden arruolerà una manciata di paesi che accetteranno il dispiegamento di truppe nell’Ucraina occidentale apparentemente per motivi umanitari. Allo stesso tempo, consentiranno alle forze ucraine disparate di continuare il bombardamento casuale delle aree controllate dalla Russia e delle località sul suolo russo. Ci sarà senza dubbio uno sforzo per controllare i cieli sull’Ucraina occidentale (no-fly zone) e per condurre attacchi alle formazioni russe a est. Le linee di rifornimento più importanti e vitali dalla Polonia rimarranno aperte per accogliere il flusso di uomini, munizioni e armi letali verso il fronte. MacGregor sembra anticipare questi sviluppi visti i suoi commenti all’inizio dell’articolo. Ecco cosa ha detto:

Forze Nato in Ucraina

Durante un discorso tenuto il 29 novembre, il viceministro polacco della Difesa nazionale (MON) Marcin Ociepa ha dichiarato: “La probabilità di una guerra in cui saremo coinvolti è molto alta. Troppo alto per noi trattare questo scenario solo ipoteticamente. Il MON polacco avrebbe in programma di richiamare 200.000 riservisti nel 2023 per un addestramento di alcune settimane, ma gli osservatori a Varsavia sospettano che questa azione possa facilmente portare a una mobilitazione nazionale.

Nel frattempo, all’interno dell’amministrazione Biden, cresce la preoccupazione che lo sforzo bellico ucraino crolli sotto il peso di un’offensiva russa. E mentre il terreno nell’Ucraina meridionale finalmente si congela, i timori dell’amministrazione sono giustificati. In un’intervista pubblicata sull’Economist, il capo delle forze armate ucraine, il generale Valery Zaluzhny, ha ammesso che la mobilitazione e le tattiche russe stanno funzionando. Ha anche accennato al fatto che le forze ucraine potrebbero non essere in grado di resistere all’imminente assalto russo”. ( “Washington sta prolungando le sofferenze dell’Ucraina “, colonnello Douglas MacGregor, The American Conservative)

Il piano per attirare la Russia in una guerra in Ucraina risale ad almeno un decennio fa. E quello che sappiamo ora dai commenti dell’ex cancelliere tedesco Angela Merkel , è che Washington non ha mai cercato una soluzione pacifica al conflitto, ma ha lavorato instancabilmente per installare un regime che odia la Russia a Kiev che l’avrebbe aiutata a proseguire la sua guerra contro la Russia. Il raduno di quasi 600.000 truppe da combattimento russe in o intorno all’Ucraina minaccia di far deragliare la strategia di Washington e porre fine alla guerra alle condizioni della Russia. Washington non può permettere che accada. Non può permettere al mondo di vedere che è stato battuto dalla Russia. Pertanto, Washington deve perseguire l’unica opzione rimasta loro, il dispiegamento di truppe statunitensi in Ucraina.
Forse prevarranno le teste più fredde e l’amministrazione si ritirerà dall’orlo del baratro, ma riteniamo che sia altamente improbabile. Pensiamo che la decisione sia già stata presa: pensiamo che gli Stati Uniti entreranno in guerra con la Russia.

Fonte: www.unz.com/

Traduzione: Luciano Lago

14 Commenti
  • mondo falso
    Inserito alle 09:26h, 23 Dicembre Rispondi

    l articolo scrive : ………Il calcolo è che Vladimir Putin non vorrà affrontare direttamente la NATO con le possibili conseguenze (nucleari)…….
    e allora perche’ i russi si sono costruiti 7000 armi nucleari ?? per non usarle mai ??

  • Antonio
    Inserito alle 09:46h, 23 Dicembre Rispondi

    Perché gli Stati Uniti vogliono sempre avere il succeso e il dominio sugli altri? Questo dipenderà dalla Russia se accetterà di dare la vittoria agli Stati Uniti, se questo avverrà vuol dire che dovranno ritirarsi con l’umiliazione che hanno perso la battaglia contro l’Ucraina. Ma poi a l’interno della Russia la gente come la prenderà questa sconfitta? Il popolo russo come reaggirà? Il popolo russo sarà in grado di accettare questa sconfitta? Sarà la fine della sovranità e libertà dellla Russia…. E quindi sarà una svolta per il nuovo ordine mondiale? Sta alla Russia di scegliere se vogliono avere lo scontro diretto con gli Stati Uniti o pure di ritirarsi sconfitti.

  • Pavel
    Inserito alle 09:57h, 23 Dicembre Rispondi

    Ed eccoli qua …il ventriloquo demente e il suo pupazzo drogato.
    Ma Zelensky una giacca e una cravatta non le ha? Questa immagine di lui sempre in tenuta militare è veramente patetica .
    Dategli in mano un AK e mandatelo al fronte …vediamo quanto gli rimane quel sorrisino .

    Approfitto per fare gli auguri di buone feste alla redazione e a tutti quelli che scrivono qui (anche ai troll 🙂 ) e a tutta la forte popolazione della grande Russia .VINCERETE!!!!!
    Slava Rossiii !!!
    слава России !!!

  • franco
    Inserito alle 10:49h, 23 Dicembre Rispondi

    ma vala Russia ha vinto bakhamut , donbass fra un po siamo a kiev a pranzare in faccia ai nazi nato scam boys.
    vi fate condizionare dalle tv e dai giornali falsi gli stessi che vi hanno incarcerato per tre anni. sveglia!

  • antonio
    Inserito alle 10:50h, 23 Dicembre Rispondi

    Unternehmen Barbarossa 2.0

  • antonio
    Inserito alle 10:56h, 23 Dicembre Rispondi

    Artiomovsk – Stalingrad – Vladingrad

  • antonio
    Inserito alle 11:08h, 23 Dicembre Rispondi

    previista un’ Opzione Cia Flag di assassinio della coppia Zelensky e mogliera
    simil Sarajevo – per drogare le TV e le menti –
    teoria della relatività ristretta (o relatività speciale) asken – azov

  • antonio
    Inserito alle 11:13h, 23 Dicembre Rispondi

    vedi attentato flag plateale in eurovisione al Carol Polacco
    in giiubbotto antiproiettile
    per infammare i tifosii

  • Nicholas
    Inserito alle 13:03h, 23 Dicembre Rispondi

    Mentre gli Usa, si sono auto impantanati in Ukraina, la Cina scava loro la fossa.
    Sempre più nazioni, abbandonano il dollaro o per lo meno ne riducono l’utilizzo.
    Con l’aggravarsi della guerra aumenterà la crisi economica in Europa e Stati Uniti.
    Il che significa, che prima o poi l’occidente collettivo crollerà.
    Che geni questi neocon di oltre oceano!

  • Antonio
    Inserito alle 14:29h, 23 Dicembre Rispondi

    I poteri oscuri vengono dal parlamento europeo perche se andiamo in dietro nella storia europea questa Europa e nata dopo la sconfitta dei nazisti in Russia, e prima di Hitler tentarono con napoleone e fu sconfitto in Russia.
    come Hitler questi poteri oscuri non si sono mai arresi per poter conquistare la Russia.
    Adesso hanno cambiato strategia formando l’Europa dando il comando alla Germania come premio ma essendo che stavano perdendo sulla economia circolare perche il
    dollaro non sarebbe piu stato la moneta globale e hanno trovato la sponda dell’Ucraina per arrivare sul Donbass per poi poter invadere la Russia. Spero chi si è capito il male da dove viene.

  • luther
    Inserito alle 17:02h, 23 Dicembre Rispondi

    Sono quasi. certo che gli americani stiano pateticamente mentendo. La guerra è già persa, forse avranno anche un piano b per prolungare il conflitto ma, a cosa servirà? Del resto se avessero avuto anche una sola speranza di umiliare Putin sul campo di battaglia sarebbero entrati in Ucraina il giorno dopo l’inizio della SMO. Questo è certo. E non lo hanno fatto perché sanno di non poter vincere. Anche questo è certo. La visita del del pagliaccio in tutti a mimetica appena stirata altro non è che una trovata pubblicitaria finalizzata a galvanizzare l’esercito ucraino, o quel che ne rimane. Niente di più.

    • catalin
      Inserito alle 18:32h, 23 Dicembre Rispondi

      Ma gli americani non possono vincere nelle condizioni attuali principalmente perche sono cosi lontani con le trupe e materiali che sarebbe imposibile farcela prima di un anno intero

  • rossi
    Inserito alle 20:38h, 23 Dicembre Rispondi

    Dice il saggio: Se gli usa entrassero in banderastan vedremmo arrivare ai fianchi dei Russi 100000 truppe Nord Coreane e 100000 Cinesi sventolando la falce e il martello.

  • franco
    Inserito alle 10:11h, 24 Dicembre Rispondi

    Se le truppe del pazzo scoreggione entrano li si va a dama facile facile , north korea , cina iran , india formano un bacino di utenza di miliardi di genti , allora calera’ la cortina finale est ovest , il campo dice che sara lo scontro di civiltà di chi vuol rimanere libero forse anche povero e chi fa parte di una scarsa elite ultra potente di guerrafondai narco satan capitalisti pronti a scatenare follie.

Inserisci un Commento