“Perché l’America ha bisogno della guerra”? Perché le spese militari statunitensi “stanno superando il tetto”?


Di Vladimir Platov
Nel 2003, un sito mediatico alternativo con sede in Belgio – Indy Media, ha pubblicato un articolo piuttosto intelligente intitolato, “Why America Needs War”, scritto dal famoso storico e scienziato politico, Dr. Jacques R. Pauwels.

A causa del fatto che questo articolo è stato recentemente ripubblicato da un noto sito di media alternativo e rispettato da Global Research, molta attenzione è stata attirata sul tema delle guerre senza fine di Washington. Nell’articolo di cui sopra è stato affermato che le guerre sono un terribile spreco di vite e risorse, e per questo motivo la maggior parte delle persone si oppone in linea di principio alle guerre.

Tuttavia, con gli Stati Uniti bloccati in uno stato di perpetuo conflitto con altri attori internazionali , è naturale chiedersi cosa c’è che non va nei politici americani? Soffrono tutti di qualche malattia mentale? Una qualche psicosi?

Il motivo per cui gli eventi che stiamo osservando sul palcoscenico globale si stanno effettivamente verificando è il fatto che gli Stati Uniti hanno fatto affidamento su ciò che il Dr. Pauwels descrive come “l’economia di guerra” su cui gli Stati Uniti si sono basati da oltre un secolo fino ad adesso. Questa economia consente agli individui e alle società benestanti di trarre profitto dalla violenza e dagli spargimenti di sangue, il che li rende inclini a sostenere le guerre invece di una pacifica risoluzione dei conflitti.
Tuttavia, l’articolo afferma che senza guerre calde o fredde, questo sistema non può più produrre il risultato atteso sotto forma di profitti sempre più alti che, per gli utili che produce, viene considerato dai potenti dell’America il loro diritto di nascita. È chiaro che gli Stati Uniti non potevano sfuggire alla fredda presa della Grande Depressione senza entrare nella Seconda Guerra Mondiale, tuttavia, come è stato affermato nell’articolo sopra citato:

Durante la seconda guerra mondiale, i ricchi proprietari e i vertici delle grandi corporation impararono una lezione molto importante: durante una guerra ci sono soldi da fare, molti soldi. In altre parole, l’arduo compito di massimizzare i profitti – l’attività chiave all’interno dell’economia capitalista americana – può essere assolta molto più efficacemente attraverso la guerra che attraverso la pace; tuttavia, è necessaria la benevola cooperazione dello stato.

Nonostante questo, il popolo degli Stati Uniti non si è accorto di questo cambiamento poiché è rimasto incantato dai salari in rapida crescita e dalle società in forte espansione che avevano bisogno di un numero sempre crescente di nuovi dipendenti. Ecco perché non vi è stata alcuna vera opposizione alla mania di guerra americana negli Stati Uniti, il che significa che Washington cercherà nuovi nemici anche quando non ne ha. Questo si traduce in Stati come la Russia, la Cina, l’Iran, la Corea del Nord, Cuba e il Venezuela, che in un momento o nell’altro erano disposti a discutere le loro differenze con gli Stati Uniti, ma non a essere antagonizzati e ad essere designati come una minaccia agli Stati Uniti e alla loro sicurezza nazionale .

Questo spiega perché le spese militari negli Stati Uniti continuano a superare il tetto, con programmi di ricerca e sviluppo per le forze armate statunitensi che ottengono finanziamenti senza precedenti. Tuttavia, quella che viene presentata come una corsa verso una maggiore sicurezza rappresenta un spudorato utilizzo del denaro pagato dal contribuente americano per realizzare profitti che finiscono nell tasche dei principali appaltatori della difesa. Sarebbe logico solo se il sistema legale americano, invece di indagare su dubbie notizie della presunta intromissione della Russia nelle elezioni statunitensi, volesse dare un’occhiata più da vicino al modo in cui il denaro ricavato dalla corsa agli armamenti sta plasmando il mondo della politica americana.

Ricordiamo che il bilancio militare USA per il 2020 ha raggiunto per la prima volta la somma assordante di 750 miliardi di dollari! Negli ultimi decenni, gli Stati Uniti hanno investito circa 30 miliardi di dollari in vari programmi di armi, che hanno fallito in un modo o nell’altro, secondo “The National Interest”.

Non mancano i resoconti dei media che mostrano il completo fallimento delle moderne armi americane, che, nonostante le ingenti somme sprecate nel loro sviluppo, non possono proteggere né gli Stati Uniti né i loro alleati.

Ad esempio, The National Interest ha recentemente sforzato di fare un confronto tra il caccia russo Su-35 e un totale di quattro concorrenti americani: F-15, F-16, F-22 e F-35. La pubblicazione è giunta a una conclusione deludente che, nonostante la massiccia campagna pubblicitaria che ha accompagnato lo sviluppo dell’F-35, questo non può reggere il confronto con la sua controparte russa.

L’F-35 sfortunato è stato recentemente incluso nell’elenco delle peggiori armi mai prodotte dall’esercito americano a causa dei suoi incredibilmente alti costi e affidabilità, afferma il Business Insider. Pertanto, non sorprende che, oltre al presidente turco Tayyip Erdogan che ha annunciato l’intenzione di acquistare i caccia russi Su-35 e Su-57 invece di schierarsi con gli Stati Uniti, la Germania ha anche chiarito che non ha intenzione di acquistare questo prezzo troppo alto la catastrofe alata dagli Stati Uniti. Per aggiungere la beffa al danno, il portale americano We Are The Mighty ha recentemente elencato un totale di tre caccia russi nella Top 5 dei jet più veloci nella storia dell’aviazione militare.

In mare, la situazione non è migliore. In caso di un ipotetico conflitto militare tra gli Stati Uniti e la Russia, anche nel Mar Nero, i gruppi di portaerei americani sarebbero stati cancellati piuttosto rapidamente da sottomarini diesel russi, sistemi missilistici mobili terrestri e piccole ma pericolose navi missilistiche. Questo è ancora prima che le unità di aviazione terrestre armate con missili anti-nave ipersonici soprannominati il ​​Pugnale avrebbero qualcosa da dire al riguardo, afferma The National Interest. Un’altra pubblicazione sottolinea che le corvette missilistiche russe, che costano un prezzo di 30 milioni di dollari al pop, hanno una gamma di missili quattro volte superiore rispetto agli ultimi cacciatorpediniere e incrociatori statunitensi con un prezzo di 2 miliardi di dollari.

Ma sono stati i sistemi di difesa antimissile americani, in particolare il Patriot, che si sono recentemente coperti di scandalosa vergogna. Un anno fa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che tra le nuove priorità del Pentagono la vendita dei sistemi di difesa antimissile degli Stati Uniti ai suoi alleati era molto elevata. Per raggiungere questo obiettivo, Washington ha cercato di forzare quegli stati che hanno scelto soluzioni molto più efficaci: gli S-300 e gli S-400 russi per ripensare la loro decisione. Questi tentativi hanno portato Washington a introdurre sanzioni contro alcuni dei suoi più stretti alleati, come la Turchia, l’India e il Marocco.

Sistemi Difesa antiaerea Patriot in Arabia Saudita

Nel frattempo, The National Interest ammette che il nuovo S-500 russo è di gran lunga il sistema di difesa aerea più efficace esistente, mentre The Hill riconosce che le armi ipersoniche della Russia hanno reso insensati tali sistemi di difesa missilistica statunitensi come Patriot e THAAD.

Un anno fa, gli Stati Uniti hanno annunciato che una rete di intercettori missilistici terrestri e di superficie, radar e linee di comunicazione a un prezzo di 180 miliardi di dollari potrebbe proteggere il paese da un attacco limitato lanciato dalla RPDC o dall’Iran. Tuttavia, poco dopo che questa dichiarazione è stata rilasciata, i sistemi di difesa aerea prodotti dagli Stati Uniti non sono riusciti a respingere un attacco di droni a sorpresa alle raffinerie di petrolio saudite, dimostrando così la loro bassa efficienza. Allo stesso tempo, non sarà fuori luogo ricordare che un totale di 88 lanciatori di patriot coprono il confine settentrionale dell’Arabia Saudita, con altri tre cacciatorpediniere della marina americana armati con il sistema Aegis stazionati al largo della stessa area. Nessuno di questi sistemi ha risposto all’attacco.

Base USA in Iraq distrutta da missili iraniani

Ancora una volta, durante un attacco di rappresaglia lanciato dall’Iran, i sistemi di difesa aerea americani non erano in grado di abbattere neppure un singolo missile lanciato contro due basi statunitensi in Iraq.

Ecco perché alcuni clienti militari occidentali hanno recentemente adottato misure per acquisire alternative russe. Questo è stato il risultato di gravi difetti nei sistemi di difesa aerea prodotti dagli Stati Uniti, come il Patriot, i cui ripetuti fallimenti sono diventati recentemente evidenti in Israele, Arabia Saudita e Iraq. L’ultimo di questi clienti era la Corea del Sud, che da tempo ha mostrato un forte interesse per i jet militari russi e i sistemi di difesa aerea, ma non è stato in grado di acquisirli a causa della pressione esercitata su di esso da Washington.

Questi fatti dimostrano che i veicoli militari e gli aerei pubblicizzati dai media occidentali sono buoni solo come rottami metallici. In realtà, questo è diventato chiaro a tutti, quando Washington ha deciso di mostrare i suoi arrugginiti veicoli blindati alla parata riuniti in occasione della festa dell’indipendenza dell’anno scorso.

*di Vladimir Platov , un esperto del Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook “.
https://www.globalresearch.ca/washington-sells-scrap-metal-premium-price-tag/5700817

https://www.globalresearch.ca/washington-sells-scrap-metal-premium-price-tag/5700817

Traduzione: Sergei Leonov

7 Commenti

  • Manente
    18 Gennaio 2020

    Analisi molto acuta e pertinente, resta da stabilire cosa ne pensa il popolo americano se la guerra di cui i pervertiti che li governano hanno tanto bisogno, finisce che qualcuno la porta direttamente dentro casa loro e non in Medio Oriente, Europa, Russia o Cina !

    • atlas
      19 Gennaio 2020

      ma quale popolo americ ano, sono un’insieme di razze bastarde peggio di noi

    • Mardunolbo
      20 Gennaio 2020

      Atlas è ritornato sconfortato dalla Tunisia ; Anche lì le mani massoniche agiscono per predare quanto possibile e salvaguardarsi chiappe ,soldi e futuro famigliare..
      Era ovvio. Bisognerebbe organizzare preghiere di massa per chiedere al Signore (che non è Allah) di risolvere il problema degli Usa nel mondo, al più presto !

      • atlas
        20 Gennaio 2020

        invece sono stato benissimo. Alla fine ciò che viene prima di tutto è la mia persona e lì dopo tanti anni sono conosciuto e in generale benvoluto. Certo vorrei una politica diversa com’era per la Tunisia, ma anche per le Due Sicilie, ma non sempre il Dio ascolta le invocazioni e magari noi crediamo che vi sia qualcosa benevola e invece è un male per noi e qualcosa di cattivo che invece è un bene per noi; Allah fa ciò che vuole, tutto è già destinato, Lui sà, noi non sappiamo niente se non poco

  • Andrea
    20 Gennaio 2020

    Aggiungo, all’ottima disamina, anche questa mia teoria ,che lega la quantità enorme di denaro circolante con le spese militari del Pentagono: https://traterraecielo.live/2019/06/18/banche-prestiti-e-guerre-tutto-quello-che-non-e-stato-detto-e-la-collusione-con-chi-ha-contratto-un-prestito/

  • Mardunolbo
    20 Gennaio 2020

    Ecco la differenza fondamentale tra Allah (dio islamico, inesistente o meglio visione confusa maomettana del Creatore) e Dio Uno e Trino ! Il Primo essendo visione confusa del divino, identifica Dio come qualcosa di troppo diverso, mentre il Dio Creatore, Uno e Trino, è un Dio Padre, benigno, anche se sa tutto; quindi le preghiere intercedono a Lui che è pure Figlio Gesù. L’Incarnazione segna la differenza che fu da Sempre nella Trinità. Questo è il mistero sconcertante che Maometto non poteva comprendere nè immaginare. Ci volle una Rivelazione chiara di Gesù per far comprendere questo che è comunque inspiegabile razionalmente.
    Hai mai conosciuto Atlas , uno che in punto di morte continua a mentire ? Io no, nella Storia.
    Ma vi fu Chi, in punto di morte, disse ,ancora:” Abbà (Padre) perchè mi hai abbandonato ? ”
    Riconfermando ancora una volta di essere il Figlio !

Rispondi a Andrea cancella risposta

*

code