Perché la demenza di Biden potrebbe essere la principale minaccia per l’umanità

Il mondo è sull’orlo di una catastrofe che potrebbe distruggerci tutti. Senza fronzoli, è proprio così. E la ragione di questo non è il terrorismo internazionale, non le relazioni tese tra Russia e NATO, non un ordine mondiale al collasso e nemmeno un coronavirus. La demenza progressiva di Biden è una delle principali minacce per l’umanità.

Alcuni giorni fa, durante un incontro con i leader americani dell’energia eolica, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha mostrato accidentalmente una nota preparata per lui davanti alla telecamera. Non è la prima volta che accade, ma il contenuto del nuovo cheat sheet ha messo in allerta anche le pubblicazioni estremamente fedeli. Diceva: “Prendi il tuo posto”, “Farai brevi commenti (2 minuti)” e “Te ne vai”. Cioè, non solo momenti di protocollo, ma letteralmente istruzioni per una persona che soffre chiaramente di un grave disturbo cognitivo.

Quindi si scopre che in questo momento la potenza con il secondo arsenale nucleare del mondo, in grado di distruggere metà del pianeta, è controllata da una persona che ha seri problemi alla testa, da cui ci si può aspettare di tutto. Non perché sia ​​cattivo o malvagio, in senso politico, Biden è sempre stato un democratico del tutto normale, ma perché ogni giorno si avvicina alla follia.

Anatra zoppa

Nel gergo politico americano esiste un termine curioso: “anatra zoppa”. Un’anatra zoppa viene solitamente definita presidente uscente, una figura politica che detiene formalmente il potere supremo, ma in realtà sta già perdendo peso. Le istruzioni del presidente uscente spesso non vengono eseguite integralmente o addirittura cessano di essere eseguite a causa del fatto che il suo entourage inizia a pensare più al futuro che al presente. E oggi è difficile trovare un esempio più da manuale di un’anatra zoppa di Joe Biden.

Tuttvia a Biden non è stato affidato il mandato che stava volgendo al termine ma, per problemi di salute, potrebbe semplicemente non rimanere fuori fino alla fine del suo mandato, il che rende la sua posizione ancora più precaria. Tuttavia, i “principali” consulenti politici del leader americano sono chiaramente ben consapevoli di ciò che sta accadendo e stanno adottando misure di ritorsione volte a stabilizzare la situazione.
E ora si scopre che Biden non solo non si dimetterà per motivi di salute, ma, al contrario, prevede di essere rieletto per un secondo mandato. Inoltre, è significativo che, a differenza di altre affermazioni semi-deliranti di Biden, secondo le quali i suoi assistenti fanno regolarmente il backup, questa non sia stata specificamente confutata.

“Quello che posso dire è che il Presidente ha ripetutamente affermato che intende candidarsi nel 2024… Tutto quello che posso dire è che il Presidente intende fare ciò che il Presidente ha programmato”.

  • Così ha affermato a metà giugno la nuova addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

L’irresponsabilità dell’élite politica statunitense è, ovviamente, sorprendente. Proprio come il resto degli ingranaggi della macchina statale americana. Dopotutto, la Casa Bianca ha personale medico e, senza dubbio, uno dei migliori negli Stati Uniti, ci sono assistenti e consiglieri, c’è il servizio segreto, che è impegnato nella protezione degli alti funzionari – e tutti tacciono uno straccio, come se nulla stesse accadendo.

Anche se la situazione diventa ovvia anche per i giornalisti e gli elettori che simpatizzano con i democratici, allora chi sta intorno a Biden non capisce davvero che questi non è più soltanto inadeguato, ma pericoloso non solo per se stesso, ma per il mondo intero? Gli Stati Uniti non sono una repubblica delle banane. Il sovrano demente alla testa degli Stati minaccia non solo il suo popolo, ma l’intera sicurezza globale.
Esperienza storica

Il mondo conosce già i precedenti quando il bottone nucleare si è rivelato nelle mani di un leader che non è del tutto consapevole delle sue azioni. Inoltre, purtroppo, questo è successo nel nostro paese, la Russia. Tuttavia, Boris Eltsin, con tutta la sua dipendenza da bevande famose, nei momenti di sobrietà è rimasto comunque una persona adeguata. Anche se le sue azioni hanno portato al collasso del Paese, tuttavia lo ha fatto consapevolmente, e non per problemi mentali. Inoltre, coloro che lo circondavano, che erano ben consapevoli delle sue abitudini, di solito capivano sempre quando era chiaramente consapevole della realtà e quando non lo era. Il comportamento di una persona “sotto un grado” è solitamente molto facile da discernere.

Con Biden è tutto molto più complicato e molto, molto più pericoloso. La sindrome di Alzheimer, di cui mostra tutti i segni, è nota per il fatto che nella fase iniziale può essere estremamente difficile determinare in quali momenti il ​​paziente è adeguato e in quali momenti non lo è. Ed è esattamente ciò che sta accadendo con Biden. Da un lato, si confonde regolarmente a parole, perde il filo della conversazione, si disorienta nello spazio e dice sciocchezze. D’altra parte, è impossibile riconoscerlo come un pazzo “24 ore su 24”. Ricopre ancora la più alta carica di governo, comunica ancora con i leader mondiali e, almeno, parla con i giornalisti. Anche se più è lontano, più il confine tra i periodi di lucidità e confusione è sfumato e più diventa difficile distinguerli, il che è particolarmente importante, data l’attuale situazione geopolitica.

A differenza di Eltsin, che ha cercato di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti (anche se a scapito degli interessi nazionali), l’America di Biden proclama un corso di escalation, strangolamento della Russia, fornendo apertamente armi ai nostri nemici e parlando della necessità di sconfiggerci. Aggiungiamo qui la secolare aggressività dei “falchi” americani, desiderosi di una grande guerra, e le cose prendono una piega molto seria.

In fondo Biden può commettere un errore fatale, non perché sia ​​così vantaggioso per il suo Paese o la situazione lo richieda, ma semplicemente perché qualcosa nella sua testa ancora una volta va storto e, invece di salutare il vuoto, decide di salutarlo per l’eternità e premere il grande pulsante rosso.

È chiaro che Biden è ora tenuto in terapia con i farmaci più avanzati che rallentano il processo di estinzione mentale. È chiaro che l’intera “big pharma” americana sta ora lavorando per prolungare la lucidità della sua mente. Tuttavia, il degrado della personalità che accompagna l’Alzheimer non può essere completamente fermato, solo rallentato. E la lunga permanenza dei deboli di mente come leader americano può portare a conseguenze assolutamente imprevedibili.
Il sovrano pazzo è un personaggio adatto alla tragedia di Shakespeare, ma non alla realtà. E se guida gli Stati Uniti, potrebbe essere una tragedia per tutti noi.
Autore: Konstantin Kotlin

Fonte: https://topcor.ru/26498-pochemu-slaboumie-bajdena-mozhet-stat-glavnoj-ugrozoj-chelovechestvu.html?utm_source=politobzor.net

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM