Perché i media hanno deluso con le loro bugie su Gaza

Il compito dei media è creare l’impressione di incertezza, dubbio e confusione. Il nostro compito è far esplodere quella menzogna, negando un alibi a loro e alla classe politica che proteggono

di JONATHAN COOK
[ Questa è la trascrizione del mio discorso completo per la Marcia contro i pregiudizi dei media della Bristol Palestine Alliance al College Green, Bristol, sabato 4 maggio. ]

Ieri è stata la Giornata mondiale della libertà di stampa ed è giusto celebrarla sottolineando due cose.

In primo luogo, dovremmo onorare i coraggiosi giornalisti di Gaza che hanno pagato un prezzo spaventoso per aver reso visibile al pubblico occidentale l’esperienza palestinese del genocidio negli ultimi sette mesi.

Israele ha ucciso un decimo di loro – circa 100 giornalisti – mentre cercava di impedire che la verità sulle sue atrocità venisse fuori. L’esplosione di violenza contro i giornalisti in Israele è stata la più mortale mai registrata.

In secondo luogo, dobbiamo svergognare i media occidentali – non ultima la BBC – che hanno tradito in modo così totale i loro colleghi palestinesi non riuscendo a denunciare adeguatamente la distruzione di Gaza, o a definirla un genocidio.

La BBC ha trasmesso solo una breve copertura del devastante caso del Sud Africa contro Israele davanti alla Corte Internazionale di Giustizia a gennaio – un caso così potente che la corte ha messo Israele sotto processo per genocidio. Un fatto che a malapena sapresti dai resoconti della BBC.

Giornalista palestinese/americana, Shireen Abu Akleh, assassinata dagli israeliani in Cisgiordania

Al contrario, la società ha cancellato i tempi per presentare integralmente la vuota risposta legale di Israele.

I doppi standard della BBC sono ancora più evidenti se ricordiamo come ha denunciato l’Ucraina, anch’essa invasa da un esercito ostile, quello russo.

Solo due anni fa la BBC dedicava i titoli principali ai cittadini di Kiev che producevano in massa bottiglie molotov con cui salutavano i soldati russi che si avvicinavano alla loro città.

Il redattore della BBC Middle East, Jeremy Bowen, si è sentito incoraggiato a pubblicare – apparentemente con approvazione – un diagramma che mostra i punti deboli in cui gli esplosivi improvvisati potevano causare il maggior danno ai carri armati russi e ai soldati all’interno.

Due anni dopo, nella sua copertura dell’assalto israeliano a Gaza, la stessa BBC ha compiuto una svolta di 180 gradi.

È del tutto impossibile immaginare Bowen o qualsiasi altro giornalista britannico pubblicare istruzioni su come i palestinesi potrebbero bruciare vivi i soldati israeliani nei loro carri armati – anche se quei soldati, a differenza di quelli russi, occupano e rubano terre palestinesi da decenni, non da due anni.

I soldati israeliani, a differenza dei soldati russi, stanno ora attuando attivamente una politica genocida di fame.

Ma i doppi standard dei media istituzionali come la BBC non sono diretti solo verso la popolazione di Gaza. Sono diretti anche a noi, al pubblico.

Gli stessi media che hanno celebrato le famiglie che accolgono i rifugiati ucraini hanno volontariamente cospirato per diffamare coloro il cui unico crimine è quello di voler fermare il massacro di oltre 15.000 bambini palestinesi a Gaza.

Apparentemente non c’è nulla di eroico nell’opporsi al genocidio di Israele, anche se l’opposizione all’invasione russa è ancora considerata un distintivo d’onore.

I media danno ai politici carta bianca per diffamare come antisemita chiunque sia indignato per il fatto che le armi del Regno Unito vengono utilizzate per aiutare a uccidere, mutilare e rendere orfani molte, molte decine di migliaia di bambini palestinesi. Questa accusa presuppone che ogni ebreo sostenga questo massacro e cancella tutti quegli ebrei che oggi sono al nostro fianco in questa protesta.

Negli Stati Uniti, le forze di polizia picchiano e arrestano gli studenti che hanno chiesto pacificamente alle loro università di smettere di investire nella lotta contro il genocidio di Israele. Quando la polizia si è ritirata dall’UCLA, è stato solo per consentire a delinquenti filo-israeliani di aggredire gli studenti, anche in questo caso molti dei quali erano ebrei.

È in corso una guerra evidente contro il diritto di protestare contro un genocidio. E parallelamente, i media hanno dichiarato guerra alla lingua inglese.

I ruoli di aggressore e vittima sono stati invertiti. La BBC ha accusato gli studenti, accampati nell’area universitaria, di “scontrarsi” con gruppi filo-israeliani che hanno invaso il campus per attaccarli violentemente.

Ciò che spiega queste evidenti incoerenze, questo gigantesco fallimento da parte di un media che dovrebbe fungere da cane da guardia sull’abuso di potere?

Parte della risposta è il razzismo della vecchia scuola. Gli ucraini ci assomigliano, come hanno lasciato intendere alcuni giornalisti, e quindi meritano la nostra solidarietà. I palestinesi, a quanto pare, no.

Funerale di giornalista palestinese assassianto

Ma c’è un’altra risposta, più importante. I media dell’establishment non sono realmente un cane da guardia sull’abuso di potere. Non lo è mai stato. È una fabbrica narrativa, lì per creare storie che rendano possibili quegli abusi di potere.

I media statali e di proprietà di miliardari raggiungono questo obiettivo attraverso vari giochi di prestigio.

Innanzitutto, omettono storie che potrebbero interrompere la narrazione principale.

La sceneggiatura dei media è semplice:

Ciò che fanno l’Occidente e i suoi alleati è sempre ben intenzionato, per quanto orribili possano essere i risultati.

E ciò che fa l’Occidente, per quanto provocatorio o sconsiderato, non potrà mai essere citato come spiegazione di quello che fanno i nostri “nemici”.

Nessuna causa e nessun effetto. Loro , chiunque selezioniamo, sono semplicemente selvaggi. Sono malvagi. Vogliono distruggere la civiltà. Devono essere fermati.

Ogni sera, per settimane, ho guardato le notizie della BBC. Se fosse tutto ciò su cui faccio affidamento, saprei a malapena che Israele bombarda quotidianamente i campi profughi di Rafah, presumibilmente una “zona sicura”.

O che Israele continui a provocare una carestia bloccando gli aiuti, e che i palestinesi continuino a morire di fame.

O che il Regno Unito abbia contribuito attivamente alla creazione di quella carestia negando i finanziamenti dell’UNRWA.

O che le proteste per porre fine al genocidio di Gaza – dipinte come sostenitrici del terrorismo e antisemite – siano sostenute da molti, molti ebrei, alcuni dei quali sono qui oggi.

E, naturalmente, non avrei idea che l’incarcerazione e il massacro dei palestinesi da parte di Israele non siano iniziati il ​​7 ottobre con l’attacco di Hamas.

Questo perché la BBC continua a ignorare l’assedio di Gaza come contesto per il 7 ottobre – proprio come quella emittente e il resto dei media hanno ampiamente ignorato l’assedio di 17 anni nel corso degli anni in cui Israele lo ha imposto.

Se mi affidassi alla BBC, non capirei che quella che sta facendo Israele non può essere né una “ritorsione”, né una “guerra”. Non puoi andare in guerra, o vendicarti, contro un popolo di cui hai occupato e derubato belligerantemente il territorio per decenni.

E quando i media non possono più omettere, distraggono – attraverso strategie di deviazione, depistaggio e minimizzazione.

Quindi, quando Gaza fa notizia, come raramente accade adesso, viene invariabilmente filtrata attraverso altre lenti.

L’attenzione è sui negoziati interminabili, sui piani di Israele per il “giorno dopo”, sulle sofferenze delle famiglie degli ostaggi, sulle paure evocate dai canti di protesta, su dove tracciare il limite alla libertà di parola.

Tutto pur di evitare di affrontare un genocidio che si consuma in pieno giorno da sette mesi.

In loro difesa, i giornalisti dell’establishment ci dicono che hanno il dovere di essere imparziali. I loro critici, dicono, non capiscono come funzionano le operazioni di informazione.

Come giornalista che ha trascorso anni lavorando nelle principali redazioni, posso assicurarti che questa è una bugia egoistica.

Proprio questa settimana, è diventata virale un’intervista della Norwegian Broadcasting Corporation che intervistava il portavoce del governo israeliano David Mencer. A differenza della BBC, le bugie di Mencer non sono passate incontestate.

Il giornalista norvegese ha trascorso 25 minuti a svelare le sue falsità e i suoi inganni, uno per uno. È stato rivelatore vedere le affermazioni di un portavoce israeliano strappate via, strato dopo strato, fino a quando è rimasto lì nudo, con le sue bugie esposte.

Si può fare – se c’è la volontà di farlo.

I giornalisti della BBC e il resto dei media dell’establishment comprendono, anche se implicitamente, che il loro compito è fallire. Significa non indagare sul genocidio di Gaza. Significa non dare voce a chi non ha potere. Significa non riuscire a fornire il contesto e aiutare la comprensione. Significa non mostrare solidarietà con i loro colleghi di Gaza uccisi per il loro giornalismo.

Piuttosto, il ruolo della BBC è quello di proteggere l’establishment politico dall’essere mai chiamato a rispondere della sua complicità nel genocidio.

Il compito dei media dell’establishment è quello di creare l’impressione di incertezza, di dubbio, di confusione – anche quando quello che sta accadendo è cristallino.

Quando un giorno la Corte Mondiale riuscirà finalmente a emettere una sentenza sul genocidio di Israele, i nostri politici e i nostri media affermeranno che non potevano sapere, che erano stati ingannati, che non potevano vedere chiaramente perché gli eventi erano avvolti dalla “nebbia del guerra”.

Il nostro compito è far esplodere quella menzogna, negare loro un alibi. È necessario continuare a sottolineare che l’informazione era lì fin dall’inizio. Lo sapevano, se non altro perché glielo avevamo detto.

E un giorno, se ci sarà giustizia, si ritroveranno sul banco degli imputati – all’Aia – senza alcuna scusa.

Fonte: Jonathan Cook

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Perché i media hanno deluso con le loro bugie su Gaza

  1. Ho sempre disprezzato l’America. Ci ha bombardato le città, io odio questi banditi. Un regime comandato da una classe di falsoni ignobili immondi schifosi. La Verità è tutto l’opposto di quello che in occidente i padroni e c. raccontano. La propaganda dei mezzi d’informazione occidentali ha perso colpi …………………… brutto segno per l’ovest malato e perdente. La Tendenza Storica conferma l’avvizzire del Sistema usuraio.

  2. Il titolo dice ” perchè i media hanno deluso…” Dico io, i media avranno deluso il loro pubblico ma certamente non hanno deluso i loro padroni…

  3. Il Pifferaio di Hamelin suonando il suo magico strumento indusse topi e poi bambini a seguirlo gioiosamente fino ad un esito fatale che li vide tutti morti. Sappiamo che era stato il borgomastro a chiamarlo promettendo lauto pagamento. Il potere ha bisogno dei servigi di chi può indurre il popolo ad inoltrarsi docile nella sua rovina. Non dice la favola le motivazioni dell’avarizia del borgomastro e a noi popolo non viene detto perché i potenti d’Occidente sono così determinati a far scoppiare una guerra: possiamo congetturarlo. Il piffero della nostra stampa e media vari deve essere un po’ stonato perché siamo in tanti a non poterne più e a tapparci le orecchie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM