PERCHÉ GLI STATI UNITI HANNO SEGUITO BAGHDADI DELL’ISIS FINO A QUANDO NON È ENTRATO IN IDLIB?


Domenica sera, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che il terrorista più ricercato al mondo, il leader di Daesh, Abu Bakr al-Baghdadi, era stato ucciso in una operazione speciale americana in Siria.

Parlando alla Casa Bianca, Trump ha fornito dettagli sulla morte di al-Baghdadi, dicendo che è morto “piagnucolando e urlando”.

Il raid americano ha avuto luogo sabato sera nella città di Barisha, nella provincia di Idlib, nella Siria nord-occidentale, un’area ancora controllata dai terroristi e dove al-Baghdadi si nascondeva in una delle sue case sicure.

Dopo che le forze speciali statunitensi hanno fatto irruzione nell’edificio, il leader Daesh sarebbe fuggito in un tunnel con tre dei suoi figli e ha fatto esplodere il giubbotto suicida, uccidendoli tutti e quattro.

«Baghdadi ha raggiunto la fine del tunnel quando i nostri cani lo inseguivano. Ha fatto detonare il suo giubbotto, uccidendo se stesso ei suoi tre figli. Il suo corpo è stato mutilato dalle esplosioni. Il tunnel era crollato su di lui “, ha detto Trump in un discorso televisivo.

Il presidente degli Stati Uniti ha anche ringraziato la Russia, l’Iraq, la Turchia, la Siria e i curdi siriani per il loro aiuto nell’operazione.

«[I russi] erano molto cooperativi, erano davvero bravi. E abbiamo detto che sarebbe una missione che vorrebbero anche loro, perché odiano anche loro l’ISIS [Daesh] ”, ha dichiarato Trump durante la conferenza stampa della Casa Bianca.
Ma il Ministero della Difesa russo ha messo in dubbio il resoconto del capo di stato degli Stati Uniti.

Il suo portavoce, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha affermato che il ministero non ha “informazioni affidabili sull’esercito americano che opera nella zona controllata dalla Turchia nella zona di de-escalation di Idlib, un’operazione per un’altra” eliminazione “dell’ex leader del Daesh Abu Bakr al-Baghdadi «.

Il momento della morte di Abu Bakr al-Baghdadi
Hasan Unal, professore di scienze politiche e relazioni internazionali all’Università Maltepe di Istanbul, ha dichiarato che la notizia che il leader Daesh sarebbe stato ucciso in un raid militare USA è a favore di Trump dopo che questi aveva affrontato una forte reazione violenta a Washington a seguito della sua decisione di ritirare le forze USA all’inizio di questo mese.

“Il momento è della massima importanza quando l’omicidio è avvenuto in un momento in cui la Turchia in particolare e, forse, la Russia e, di conseguenza, la Siria stavano cercando di dare a Trump qualcosa come una carta vincente nella sua lotta contro il Congresso “, ha detto.

“Questa può essere usata come una buona notizia inviata da Dio che il presidente degli Stati Uniti potrebbe utilizzare per conquistare il pubblico degli Stati Uniti, così come i repubblicani al Congresso al suo fianco, dicendo che gli Stati Uniti sono riusciti a schiacciare l’ISIS, lo stesso pretesto spesso ribadito dalla presenza militare americana in Siria “, ha aggiunto il professor Unal.

Un giornalista e attivista siriano nella provincia di Idlib, che ha chiesto di non essere identificato, ha dichiarato che Washington voleva dimostrare agli altri giocatori in Siria che gli Stati Uniti sono ancora presenti nel paese:

“Questa operazione arriva in un momento delicato per gli Stati Uniti quando stanno per ritirare le loro truppe dalla Siria e nell’avvicinarsi delle elezioni USA. Gli Stati Uniti hanno voluto inviare un messaggio ai russi e ad altri che sono ancora in Siria e che possono attaccare coloro che desiderano nel momento prescelto senza la partecipazione di nessuno. Ma sorge la domanda: perché gli Stati Uniti hanno seguito Baghdadi fino a quando non è entrato in Idlib? ha detto il giornalista, mettendo in discussione le azioni degli Stati Uniti.
Il giornalista e attivista ha anche messo in dubbio la notizia della morte di al-Baghdadi.

“Non posso confermare o negare che Baghdadi sia stato ucciso in questa operazione sotto copertura, [l’unica] unica [notizia] confermata è la morte di diversi leader di organizzazioni terroristiche”, ha detto.
A sua volta, Orhan Gafarli, politologo e dottorando in relazioni internazionali all’Università di Ankara, ha affermato che il Daesh non ha confermato questa notizia.

«Penso che Daesh sia un’organizzazione terroristica molto specifica e non tradizionale. La struttura di questa organizzazione è molto ideologica e ci sono leader in due tipi, “studiosi religiosi” e leader politici e militari. Per Daesh, le informazioni sull’omicidio del leader di Baghdadi significano “dobbiamo scegliere un nuovo elemento catalizzatore” «.
Gafarli ha anche osservato che per combattere contro Daesh non è sufficiente uccidere i loro leader: la lotta contro l’ideologia terroristica è altrettanto importante.

Trump “lascia” la Siria ma mantiene il controllo sul petrolio
Oltre a Trump che annuncia la morte di al-Baghdadi, il presidente degli Stati Uniti ha anche fatto riferimento ai piani statunitensi per proteggere i giacimenti petroliferi nella Siria orientale. “L’abbiamo preso e assicurato”, ha detto il presidente degli Stati Uniti durante la sua conferenza stampa, aggiungendo che ha intenzione di fare un accordo con un gigante dell’energia degli Stati Uniti per sfruttare le riserve petrolifere siriane.

“Quello che intendo fare, forse, è quello di raggiungere un accordo con una ExxonMobil o una delle nostre grandi aziende per entrare e farlo correttamente … e distribuire la ricchezza”, ha detto.
Il dottor Ahmad Merei, un deputato e professore siriano all’Università di Damasco, ha sostenuto che gli Stati Uniti vogliono solo prendere il petrolio e che tutte le conversazioni sulla necessità di proteggerlo dai terroristi sono solo un altro pretesto:

«Penso che ora vogliano rubare petrolio, petrolio siriano. Per questo motivo, hanno voluto dire che Daesh * tornerà contro di noi … Ma la ragione nascosta qui è di rubare questo petrolio e dire a Israele che siamo al loro fianco, non temere, soprattutto perché l’Iran ora ha un grande ruolo nella regione « , ha sottolineato il legislatore.

Pozzi Petrolio in siria

Venerdì, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha dichiarato che Washington invierà truppe da combattimento e veicoli corazzati nella Siria orientale per proteggere i campi petroliferi.

Alcuni esperti hanno messo in dubbio la legalità di questo movimento da parte dell’amministrazione Trump.

Mosca ha criticato la decisione degli Stati Uniti di inviare truppe nella Siria orientale per proteggere i giacimenti petroliferi, definendola un atto di “banditismo statale internazionale”.

Fonte: Sputnik News

Traduzione: Lisandro Alvarado

1 commento

  • atlas
    29 Ottobre 2019

    beato il giudeo Shimon Elliott ‘al baghdadi’ che ha 14 vite come i cani. Se lo scrive Rita Katz è una katzata

Inserisci un Commento

*

code