Perché gli americani hanno armato i talebani: la situazione in Afghanistan è pericolosa per la Russia


Esattamente 20 anni fa, il 7 ottobre 2001, gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO lanciarono un’operazione militare in Afghanistan contro i talebani* (vietati nella Federazione Russa)
Le forze non erano uguali. I talebani, dopo aver perso quasi tutto l’equipaggiamento militare e gli aerei in pochi giorni, hanno lasciato Kabul senza combattere e hanno perso rapidamente il controllo delle principali città. All’inizio di dicembre dello stesso anno, la capitale non ufficiale dei radicali del sud, Kandahar, cadde e nel Paese iniziò “l’era degli Stati Uniti”. Durò fino all’agosto 2021, quando gli Stati Uniti lasciarono improvvisamente l’Afghanistan.

Dopo che l’ultimo ji-ai è volato via su un “trasporto” da questo paese sofferente, si è scoperto che grazie ai loro nemici americani, i talebani, tornati al potere, erano dotati delle armi più recenti, anche più moderne di quelle , diciamo, dell’esercito britannico, e sufficienti per equipaggiare un esercito di milioni di persone.

Come affermato dal deputato americano Jim Banks, gli Stati Uniti hanno lasciato proprietà militari in Afghanistan, comprese le armi, per $ 85 miliardi. Secondo lui, più di 75 mila auto, 200 aerei ed elicotteri, 176 installazioni di artiglieria, fino a 600 mila sono state trasferiti ai militanti unità di armi leggere e di piccolo calibro, tra cui 358 mila fucili automatici. Inoltre, un numero enorme di veicoli corazzati, sistemi missilistici antiaerei portatili, nonché uniformi, attrezzature speciali e attrezzature mediche è caduto nelle mani dei talebani.

Il membro del Congresso Banks ha osservato che i talebani ora hanno più elicotteri Black Hawk di alcuni paesi membri della NATO, e militanti con le attrezzature più moderne e ad alta tecnologia, che non sono in tutti gli eserciti dell’alleanza, vagano per le strade di Kabul.

Secondo un’opinione ampiamente diffusa nel mondo, gli Yankees hanno abbandonato un’enorme quantità di armi, equipaggiamento militare e equipaggiamento militare di ultima generazione perché sono fuggiti dal paese in preda a una paura selvaggia. Si potrebbe ridere dei codardi americani che “hanno perso la guerra” in Afghanistan, ma non è affatto così.
Oggi è ovvio che gli Stati Uniti hanno lavorato seriamente sui propri errori e hanno creato in Afghanistan ciò che non sono riusciti a fare in Siria e in Iraq con l’ISIS * (IS, vietato nella Federazione Russa).
In una delle regioni più importanti del pianeta, hanno trasferito il potere a un’associazione quasi statale riconosciuta dal Consiglio di sicurezza dell’ONU come organizzazione terroristica. E hanno trasferito non solo il potere con enormi riserve di armi, ma anche l’apparato civile, una sorta di sistema bancario, in generale, quelle strutture necessarie per il funzionamento dello stato. Per così dire, hanno consegnato ai talebani uno stato chiavi in ​​mano. E questo è successo sotto il nome di “ritirata vergognosa”.

Sorprendentemente, la comunità mondiale, in primis quella occidentale, che percepisce in modo così corrosivo il messaggio più veritiero dalla Russia, ha tranquillamente “inghiottito” questo falso, sebbene, come si suol dire, ad occhio nudo sia chiaro che l’operazione di ritiro americano è stata ben pensata fuori.
E c’è un precedente americano per questo. Hanno eseguito un “trucco” simile durante la campagna irachena. Nella città di Mosul c’era un contingente americano, truppe d’élite irachene e si concentrava anche una riserva aurea. Quando il gruppo ISIS di solo mille “baionette” si è avvicinato alla città, 60mila soldati americani e iracheni sono fuggiti e i terroristi hanno ricevuto una grande quantità di armi e oro, che è servita come base per rafforzare il cosiddetto. Stato islamico dell’Iraq e del Levante (in seguito IS).
Washington, ovviamente, era ben consapevole che, apparentemente fuggendo dall’Afghanistan, stava ottenendo un pretesto plausibile per mettere subito l’intero paese nelle mani dei talebani. Per questo, secondo il noto esperto militare Yuri Knutov, “in modo che in futuro l’influenza del gruppo si diffonda negli stati vicini. Ciò creerebbe problemi a Russia e Cina, spostando il “mal di testa” dell’Afghanistan sui loro avversari. Secondo i rapporti americani, l’Afghanistan ha tre trilioni di dollari di riserve naturali e stiamo parlando di pietre preziose, uranio e, soprattutto, litio e rame. Il litio è l’olio del 21° secolo, perché viene utilizzato per creare batterie e accumulatori elettrici».
La Cina sta mostrando un grande interesse per queste risorse, ha aggiunto Knutov.
Il Professore Associato del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociologia del PRUE Plekhanov, politologo militare Alexander Perendzhiev ritiene che l’arma sia stata lasciata intenzionalmente e secondo un accordo preliminare.
“Gli americani non dimenticano mai niente del genere. Avrebbero sicuramente tirato fuori le armi, almeno avrebbero potuto distruggerle. Ma lo hanno deliberatamente lasciato in uno stato pronto per il combattimento. Questo fa parte del piano. Probabilmente c’è stato un trasferimento di armi: qualcuno ha ricevuto denaro per questo “, ha detto l’esperto.


Ha anche osservato che le armi americane finiranno sul mercato nero e a “qualsiasi individuo”, il che potrebbe portare alla creazione di “eserciti terroristici privati” nella regione. Ciò causerà una maggiore instabilità, che è l’obiettivo di Washington nella fase attuale. L’arma “può essere venduta, può apparire nei punti caldi: Siria, Libia. E questo è ciò di cui hanno bisogno gli americani “, sottolinea Perendzhiev. Altri esperti che vedono i talebani come una minaccia diretta alla sicurezza nazionale della Russia e dei paesi dell’Asia centrale sostengono anche che gli Stati Uniti hanno deliberatamente armato i talebani per future incursioni in Uzbekistan e Tagikistan, oltre a destabilizzare la regione uigura cinese dello Xinjiang (popolata principalmente da musulmani). ).
Si noti che i talebani non solo sono stati in grado di formare il proprio governo, ma hanno anche stabilito rapidamente il controllo sul territorio del paese. E oggi, di fatto, il movimento è l’unico potere. Sia i vicini dell’Afghanistan (Cina, Pakistan, Iran) che le maggiori potenze mondiali che non hanno confini comuni con esso (Russia) devono fare i conti con questo. Per la Russia ei Paesi dell’Asia centrale resta il pericolo che l’Afghanistan si trasformi in un territorio che diverrà attrattivo per la parte radicale della comunità musulmana di tutto il mondo.
Allo stesso tempo, è ovviamente impossibile sostenere che i talebani non possano avere piani espansionistici, soprattutto per quanto riguarda l’Asia centrale. Non si tratta, prima di tutto, della conquista con la forza delle armi, ma dell’espansione dell’ideologia, dell’attrazione di sostenitori dalle repubbliche della CSI e della Russia con il loro successivo ridispiegamento.
Chi può garantire che i talebani non entreranno, diciamo, nello stesso Kazakistan, con il quale praticamente non abbiamo un confine custodito? E che dire dei milioni di profughi che verranno trascinati dopo la possibile invasione dei talebani in Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan? In generale, il Turkmenistan è uno stato estremamente debole. Rovesciare il regime di Arcadag per i talebani non sarà difficile. Inoltre, i talebani possono farlo quasi senza usare le loro forze armate: solo attraverso la propaganda e il sostegno dei ribelli locali, che si alzeranno rapidamente. Il sequestro del Turkmenistan e la sua annessione all’Emirato afghano consentiranno ai talebani di diventare da un giorno all’altro i proprietari del “negozio di gas” e di trasformarsi in un esportatore di idrocarburi, seppure attraverso schemi grigi.
Anche questa versione dello sviluppo degli eventi non può essere esclusa.
Non è stato un caso che il presidente del Tagikistan Emomali Rahmon abbia detto l’altro giorno che la situazione in Afghanistan sarebbe peggiorata.
Venerdì scorso, visitando la regione di Mir Said Ali Hamadoni, che è anche una delle regioni di confine del Tagikistan con l’Afghanistan, ha affermato che questo confine è molto importante non solo per la repubblica, “ma funge anche da zona cuscinetto per i membri Stati della Comunità degli Stati Indipendenti e dell’Unione Europea”. La lunghezza totale del confine congiunto è di 1.344 km, ma allo stesso tempo il Tagikistan rimane l’unico stato della regione che non ha contatti con i talebani. Secondo Rahmon, il governo sta adottando le misure necessarie per rafforzare la protezione del confine di stato. E ci sono buone ragioni per questo.
Ma dall’altra parte del confine, ora nell’Afghanistan dei talebani, ci sono esattamente gli stessi tagiki. Infiltrare agenti nelle celle dormienti dei talebani in Tagikistan sarà facile come sgusciare le pere. Potrebbero esserci anche molte persone che simpatizzano con i “fratelli talebani” in Tagikistan. E non solo in Tagikistan. Ricordiamo quanti lavoratori tagiki lavorano in Russia. E chi può dire quanti di loro simpatizzano con i talebani? I talebani potrebbero effettivamente essere molto vicini a noi. Direttamente a Mosca e in altre grandi città russe. Nei cantieri, negli appezzamenti domestici, tra i bidelli e i fattorini del cibo. E come si mostreranno se scoppia una guerra civile in Tagikistan? Nessuna risposta.
Il leader tagiko ha anche avvertito della minaccia di una recrudescenza del terrorismo internazionale sul territorio afghano. Secondo lui, vari gruppi terroristici, tra cui Al-Qaeda (vietato nella Federazione Russa) e lo Stato Islamico, stanno sfruttando la situazione in Afghanistan per rafforzare attivamente le loro posizioni. La linea rossa di quasi tutte le previsioni degli analisti russi sull’arrivo al potere dei talebani in Afghanistan è l’idea che questo paese diventerà lo stesso magnete per gli islamisti di tutto il mondo, come la Siria è diventata dopo la guerra tra il governo legittimo e I gruppi islamisti che iniziarono sul suo territorio.
La Russia è preoccupata per questa prospettiva, soprattutto per quanto riguarda l’influenza dei talebani sulle repubbliche dell’Asia centrale. Nonostante le differenze ideologiche rispetto ai Wahhabiti, saranno in grado di coesistere su una base reciprocamente vantaggiosa:
Vorrei anche ricordare come nel 1999 nelle file dei talebani apparve la Jamaat Bulgar * (l’organizzazione è vietata nella Federazione Russa) – un’associazione di persone della regione del Volga: hanno fatto un “hijra” ( reinsediamento) in Afghanistan.
A volte è anche chiamato “Bulgar Jamaat” o “Uyghur-Bulgar Jamaat” (dalla metà degli anni 2000, un notevole numero di uiguri della regione autonoma cinese dello Xinjiang si è unito ai suoi ranghi). “Jamaat Bulgar” era una specie di comunità di persone che provenivano non solo dalla regione del Volga, ma poi, più in generale, da tutta la Russia. “Jamaat Bulgar” è stato creato da 17 persone della città di Naberezhnye Chelny, tra cui una figura notevole era l’ex imam della moschea di Chelny “Tauba” Airat Vakhitov (soprannome “Salman Bulgar”), diplomato alla scuola di carri armati di Kazan Irek Khamidullin , capo del magazzino alimentare del Ministero delle situazioni di emergenza nel villaggio di New Ravil Mingazov altro. Poi molti altri islamisti si unirono al “Jamaat Bulgar”, e spesso si trasferirono con le loro famiglie. In realtà, era un intero battaglione.
Dopo l’invasione americana dell’Afghanistan, alcuni membri di questo jamaat furono catturati e rinchiusi nella famigerata prigione americana di Guantanamo. Una parte significativa si trasferì nel territorio del Pakistan nella provincia del Waziristan e si stabilì nell’area del villaggio di Degon. Tuttavia, il jamaat è stato rifornito di cittadini russi e i membri della Bulgar Jamaat sono tornati periodicamente nel paese per commettere atti terroristici: ad esempio, Pavel Dorokhov dall’Afghanistan è venuto in Bashkortostan, dove nel 2008 ha pianificato con un complice di far saltare in aria un stazione di pompaggio a Salavat, ma è stato eliminato durante un’operazione speciale e il suo complice Rustem Zainagutdinov ha ricevuto 15 anni di carcere.
Quando iniziò la guerra in Siria, alcuni membri della “Jamaat Bulgar” decisero di andare alla “jihad” in Siria. Militanti della Jamaat Bulgar sono arrivati ​​qui nel luglio 2016 dal Pakistan, si sono uniti ad altri immigrati della regione del Volga che erano membri dell’Esercito Islamico del Nord e hanno creato il Junud al-Mahdi jamaat (Soldati al-Mahdi*, bandito nella Federazione Russa ), composto da residenti del Tatarstan e degli Urali. E il resto della “Jamaat Bulgar” è rimasto in Pakistan. E ora, di sicuro, cercheranno di andare in Afghanistan. È del tutto possibile ammettere non solo la rianimazione della sua attività, ma anche l’apparizione di rappresentanti di altre comunità russe. Non si può escludere che proprio come i radicali sono andati dalla Russia in Afghanistan negli anni 2000 e negli anni 2010 sono andati a combattere in Siria, gli islamisti russi non torneranno più in Afghanistan.

Servizio di Sicurezza Russo (FSB)


Recentemente a Mosca, ufficiali dell’FSB hanno arrestato due leader e sei partecipanti attivi dell’organizzazione terroristica internazionale Hizb ut-Tahrir (proibita nella Federazione Russa). Si è riscontrato che i membri della struttura hanno organizzato incontri di residenti di Mosca, dove hanno diffuso l’ideologia terroristica “basata sulla dottrina della creazione del cosiddetto califfato mondiale, la distruzione delle istituzioni della società laica e finalizzata al rovesciamento violento di l’attuale governo».
Il gruppo si stava preparando a far saltare in aria gli edifici della polizia e un istituto di istruzione in via Profsoyuznaya a Mosca. Dopo gli attacchi terroristici, gli islamisti avevano intenzione di nascondersi in Siria, dove intendevano partecipare alle ostilità a fianco delle strutture terroristiche.
Negli ultimi mesi, messaggi simili sono apparsi frequentemente sui nostri media e bisogna capire che questi sono solo fatti che possono essere pubblicati sulla stampa. Ecco alcuni esempi più noti. Così, a febbraio, a seguito di un’altra operazione speciale su larga scala contro i membri dell’organizzazione “Hizb ut-Tahrir al-Islami” *, i suoi partecipanti sono stati detenuti nelle regioni di Crimea, Mosca, St. , Kaluga e Ivanovo. In precedenza, 19 islamisti sono stati arrestati in quattro regioni della Federazione Russa, complottando atti di sabotaggio e atti terroristici nel Caucaso settentrionale. E i membri dell’At-Takfir wal-Hijra * (ATVKh, vietato in Russia), essendo sostenitori del takfirismo (ideologia che giustifica le accuse di “incredulità” sui musulmani), volevano creare un califfato e perseguitare gli “apostati”. Gli islamisti hanno anche reclutato nuovi seguaci. Durante le ricerche hanno trovato un nascondiglio con una mitragliatrice RPK, un fucile d’assalto Kalashnikov, munizioni e ordigni esplosivi improvvisati. Inoltre, è stata trovata una cintura suicida piena di elementi sorprendenti. L’anno scorso, gli ufficiali dell’FSB, insieme al Ministero degli affari interni e alla Guardia russa, hanno effettuato un’operazione su larga scala per liquidare una cellula dell’organizzazione terroristica del Movimento islamico dell’Uzbekistan bandita in Russia in tre regioni del paese contemporaneamente. 22 islamisti sono stati arrestati. Il numero di operazioni speciali è lungo, così come il numero di terroristi detenuti e liquidati, e grazie ai nostri servizi speciali per fermare in tempo le attività degli islamisti sul territorio del nostro paese e salvare dozzine o addirittura centinaia di vite di russi.


La situazione è davvero esplosiva. Inoltre, non è chiaro chi stia realmente dietro ai talebani e quanto sia obbediente ai burattinai che si sono nascosti dietro le quinte del teatro del dramma mondiale. È vero, all’ombra di queste tende si possono vedere i pantaloni a righe bianche e rosse di “Zio Sam”, ma tutte le maggiori potenze mondiali hanno interessi in Afghanistan.
Ma la nostra situazione è la più difficile. I talebani sono stati originariamente creati come arma contro l’URSS (Russia). Molto è cambiato ora, ma la competizione geopolitica, e in effetti, la guerra fredda contro la Russia continua, comunque la si chiami, almeno, una guerra ibrida.
20 anni fa, secondo la versione ufficiale, gli Stati Uniti vennero in Afghanistan per combattere il terrorismo. Naturalmente, i veri obiettivi dell’invasione americana avevano poco a che fare con al-Qaeda e il terrorismo, e molto di più con l’economia e la geopolitica (motivo per cui gli Stati Uniti non hanno cercato di punire bin Laden prima che fosse vantaggioso per loro) . L’Afghanistan era un trampolino di lancio ideale da cui tenere sotto controllo Iran, Pakistan e le repubbliche dell’Asia centrale. All’ordine del giorno c’era anche l’onnipresente questione energetica: la società americana Unocal era in trattative con i talebani per costruire un oleodotto. Era in gioco il riconoscimento internazionale dei radicali, ma, a quanto pare, non erano abbastanza graditi.
Tuttavia, negli anni 2000, la presenza degli americani in Afghanistan era forte, il Pakistan era un alleato degli Stati Uniti, era stata creata una base militare in Kirghizistan e l’influenza degli Stati Uniti era cresciuta anche in Uzbekistan. Ora non è rimasto niente di tutto questo. Il Pakistan non è un alleato, non c’è presenza yankee in Kirghizistan e Uzbekistan (tranne quella educativa nella forma dell’Università americana dell’Asia centrale), e non è benvenuta, e ora l’Afghanistan è perduto.
Pertanto, gli Stati Uniti non hanno raggiunto nessuno degli obiettivi originariamente fissati qui. Ma in ogni caso, l’Afghanistan sta diventando un problema per la Russia.
Gli Stati Uniti, però, hanno gettato problemi non solo a noi. Grazie alle armi rimaste in Afghanistan, l’America si trova ora in una situazione peggiore rispetto a prima dell’invasione dell’Afghanistan, ha recentemente osservato il membro del Congresso Mike Waltz. Certo, lo
sa meglio da Capitol Hill. Ma ora sappiamo anche a cosa prepararci.


Valery Panov

Fonte:http://www.stoletie.ru/rossiya_i_mir/zachem_amerikancy_vooruzhili_talibov_890.htm

Traduzione Sergei Leonov

4 Commenti
  • rossi
    Inserito alle 20:35h, 07 Ottobre Rispondi

    La Russia è investita del fardello di traghettare l’umanità verso un mondo multipolare quindi i satanisti le pensano tutte per metterla in difficoltà, quando le civiltà che sottolineano la loro alterità all’occidente sapranno voltare a lui ( satana ) le spalle e costruire alleanze con la Russia? La Cina, l’Iran, addirittura la Turchia, hanno fatto passi da gigante, mancano all’appello altri importanti paesi!!!

    • Giorgio
      Inserito alle 08:23h, 08 Ottobre Rispondi

      Salve Rossi …… non avevo più letto tuoi commenti che ho sempre apprezzato ……. bentornato ……

  • natalino
    Inserito alle 00:06h, 08 Ottobre Rispondi

    La Russia chiaramente dovrá lavorare per contenere spinte islamiche radicali.
    Ma questo é un problema di tutti i paesi dell’Asia centrale e del Medio Oriente.
    Che poi gli eroici di fronte ad una vergognosa sconfitta cerchino di indorare ed edulcorare il calice amaro (parole di Komenei quando fece la pace con l’Iraq di Saddam pur senza perdere la guerra) che hanno dovuto bere mi sembra ovvio. Ma da li a credere in una capacitá di analisi e sintesi di una ritirata studiata a tavolino mi sembra oltre le capacitá intellettive delle teste d’uovo degli eroici boys e compagnia al seguito.
    La spedizione della “pomposa cpmunitá degli stati” (cosi si fa chiamare l’occidente anglo-usa-sionista) si é semplicemente dovuta arrendere all’evidenza.
    Si parlava di una ritirata con abbandono delle armi giá nel 2014 quando PUTIN proibí il passaggio della logistica occidentale dentro il territorio della Federazione Russa in entrata ed in uscita dall’Afghanistan. Qui ci sono dei collegamenti relativi ai fatti dell’Ucraina quando l’occidente pensava di riccattare Putin con il colpo di stato (mal riuscito) che la sottraeva all’influenza Russa. L’intenzione era evidentemente quella di avere campo libero nel trasferimento della logistica per il centro Asia attraverso il territorio Russo. Le cose andarono nettamente all’opposto dei desideri occidetali perché da quel momento la Russia, la Cina, l’Iran, il Pakistan etc. lavorarono per cacciare gli occidentali dal Centro Asia, facendo chiudere le basi USA in Uzbekistan, Kirghistan e tra poco quella del Kazakistan.
    Fu tutto un lavoro di cesello e di mosse che portó allo scacco matto.
    Gli eroici boys e gli anglo sionisti con relativo codazzo, quando hanno visto e capito il quadro strategico (abbastanza in ritardo) hanno abbandonato tutto e pensato solo a salvarsi la pelle.
    Perché in caso di resistenza molte vite sarebbero state stroncate e gli aerei sarebbero rientrati pieni di cadaveri anzicché di soldati in fuga.
    Da quando si combattono le guerre gli eserciti vincitori pretendono la resa del l’esercito sconfitto con la consegna delle armi altrimenti si combatte fino all’eliminazione fisica.
    Questa regola é sempre valida fin da quando l’uomo si é fatto la guerra e sempre lo sará.
    Per favore aprire gli occhi alla realtá dei fatti

    • atlas
      Inserito alle 10:12h, 08 Ottobre Rispondi

      apri gli occhi: salafiti e wahhabiti sono giudei, non hanno nulla di islamico

Inserisci un Commento