Perché è necessario porre fine alla NATO nell’Interesse dei paesi Europei

L’unico modo per porre fine all’aspirazione americana a controllare il mondo intero è porre fine alla NATO, perché la NATO è stata costruita su quella malvagia aspirazione, scrive Eric Zuesse.

Il 24 febbraio, Medea Benjamin e Nicolas SJ Davies hanno intitolato “Su quale pianeta vive la NATO?” , e ha documentato che il governo degli Stati Uniti e la NATO si stanno preparando a invadere e conquistare sia la Russia che la Cina, e che questo obiettivo è contrastato da una vasta maggioranza di europei, il che significa che questa decisione della NATO non riflette la democrazia in Europa, ma riflette invece come l’Europa sia costituita da nazioni vassalli nell’impero degli Stati Uniti:

Come spiega Michael Klare in un rapporto della NATO Watch sulla NATO 2030, ogni passo che gli Stati Uniti stanno compiendo con la NATO è “destinato a integrarlo nei piani statunitensi per combattere e sconfiggere Cina e Russia in una guerra a tutto campo”.

Il piano dell’esercito americano per un’invasione della Russia, che è eufemisticamente chiamato “L’esercito degli Stati Uniti in operazioni multidominio”, inizia con bombardamenti missilistici e di artiglieria dei centri di comando e delle forze difensive russe, seguiti da un’invasione di forze corazzate per occupare aree chiave e siti fino alla resa della Russia.

Non sorprende che la strategia di difesa della Russia di fronte a una tale minaccia esistenziale non sarebbe quella di arrendersi, ma di vendicarsi contro gli Stati Uniti ei suoi alleati con armi nucleari.

I piani di guerra degli Stati Uniti per un assalto alla Cina sono simili, coinvolgendo missili lanciati da navi e basi nel Pacifico. La Cina non è stata così pubblica sui suoi piani di difesa, ma se la sua esistenza e indipendenza fosse minacciata, anche lei probabilmente userebbe armi nucleari, come del resto farebbero gli Stati Uniti se le posizioni fossero invertite. Ma non lo sono, dal momento che nessun altro paese ha la macchina da guerra offensiva di cui avrebbe bisogno per invadere gli Stati Uniti.

Michael Klare conclude che la NATO 2030 “impegna tutti i membri dell’alleanza in una costosa e divorante competizione militare con Russia e Cina che li esporrà a un rischio sempre crescente di guerra nucleare”.

Allora come si sentono gli europei riguardo al loro ruolo nei piani di guerra americani? L’ European Council on Foreign Relations ha recentemente condotto un sondaggio approfondito su 15.000 persone in dieci paesi della NATO e in Svezia, e ha pubblicato i risultati in un rapporto intitolato “The Crisis of American Power: How Europeans See Biden’s America”.

Il rapporto rivela che la grande maggioranza degli europei non vuole partecipare a una guerra degli Stati Uniti con la Russia o la Cina e vuole rimanere neutrale. Solo il 22% sosterrebbe la presa di posizione degli Stati Uniti in una guerra con la Cina, il 23% in una guerra con la Russia. Quindi l’opinione pubblica europea è in netto contrasto con il ruolo della NATO nei piani di guerra americani.

Truppe USA nei paesi del Baltico

Molti europei ora riconoscono che la NATO, inclusi gli Stati Uniti d’America, è tossica per la sicurezza della propria nazione perché il governo degli Stati Uniti è dipendente dalla guerra e dalla conquista internazionale che non ha nulla a che fare con la difesa ma la NATO è puramente aggressivo nelle sue intenzioni e realtà. Quella valutazione dell’opinione pubblica europea è, in effetti, realistica: l’alleanza militare con l’America è tossica per la sicurezza della propria nazione. L’unico modo per andare avanti per gli europei è porre fine a quell’alleanza il più velocemente possibile. Ecco perché:

Il 3 maggio 2017, avevo intitolato “I migliori scienziati americani confermano: l’obiettivo degli Stati Uniti ora è conquistare la Russia” e ho aperto:
Il Bulletin of the Atomic Scientists ha pubblicato uno studio, il 1 ° marzo 2017 , che ha aperto:

Il programma di modernizzazione delle forze nucleari degli Stati Uniti è stato presentato al pubblico come uno sforzo per garantire l’affidabilità e la sicurezza delle testate nell’arsenale nucleare degli Stati Uniti, piuttosto che per migliorare le loro capacità militari. In realtà, tuttavia, quel programma ha implementato nuove tecnologie rivoluzionarie che aumenteranno notevolmente la capacità di puntamento dell’arsenale di missili balistici statunitensi. Questo aumento della capacità è sorprendente – aumenta il potere di uccisione complessivo delle forze missilistiche balistiche statunitensi esistenti di un fattore di circa tre – e crea esattamente ciò che ci si aspetterebbe di vedere, se uno stato dotato di armi nucleari avesse intenzione di avere la capacità di combattere e vincere una guerra nucleare disarmando i nemici con un primo colpo a sorpresa.

Ho notato che il governo degli Stati Uniti aveva silenziosamente abbandonato la meta-strategia chiamata “Distruzione reciproca assicurata” o “MAD”, che aveva visto le armi nucleari come puramente da usare come armi difensive e solo quando e se gli Stati Uniti sono già sotto attacco da un’altra nazione con armi nucleari, in modo che qualsiasi aggressore del genere contro gli Stati Uniti venga decimato. La vittoria in qualsiasi guerra nucleare sarà impossibile, perché comporterebbe l’effettiva eliminazione di entrambe le parti, e quindi il nome era “Distruzione reciprocamente assicurata”.
Ma l’aristocrazia americana non vede più le armi nucleari in questo modo. Ecco come si è stabilito il cambio non ufficiale dell’America alle forze nucleari per un primo attacco lampo contro la Russia, in modo da prevenire ritorsioni da parte della Russia:

Un evento fondamentale nel processo di riconcettualizzazione di una guerra come “vincibile”, è stata la pubblicazione nel 2006 di due articoli nelle due più prestigiose riviste di relazioni internazionali, Affari esteri e Sicurezza internazionale, che hanno entrambi formalmente introdotto il concetto di “Nucleare”. Primato ”o la (presunta) desiderabilità per gli Stati Uniti di pianificare una conquista nucleare della Russia . Fino a quei due articoli (entrambi co-autori degli stessi due autori), qualsiasi idea del genere era considerata stravagante, ma da allora è stata invece mainstream. Come spiega l’ultimo collegamento sopra (l’articolo a cui è collegato immediatamente prima), la fonte, anche prima di George W. Bush, risale al 24 febbraio 1990 quando suo padre, allora anche presidente degli Stati Uniti, iniziò segretamente l’operazione per conquistare la Russia .

È stato un processo in due fasi, tra il padre e il figlio, e non solo ogni presidente americano di questo secolo ha partecipato a questa mostruosità (l’adozione del “primato nucleare” che sostituisce “MAD”), ma la NATO ha partecipato al 100%. – questa continuazione segreta della Guerra Fredda dopo che la Russia pose fine alla sua parte della Guerra Fredda nel 1991, e ora si dirige verso The Kill.

Forze USA in 900 basi intorno al mondo

Questa è la realtà. Mentre né la Russia né la Cina hanno abbandonato la meta-strategia MAD, gli Stati Uniti e la loro alleanza NATO l’hanno sicuramente fatto.

Ci si può aspettare che un paese così estremamente aggressivo sia aggressivo anche nei confronti di paesi target inferiori, e gli Stati Uniti lo sono, e questo fatto è visto di routine.

La NATO ora sta anche cercando di estendersi alle operazioni in Iraq e in altre nazioni che il regime statunitense già occupa militarmente. Il 24 febbraio, la NATO ha intitolato “Missione NATO in Iraq” e ha riferito basandosi solo sul fatto che l’Iraq aveva richiesto e ricevuto nell’ottobre 2018 ulteriore addestramento per sconfiggere l’ISIS. Quel rapporto della NATO ha ignorato la richiesta del governo iracheno nel gennaio 2020 per tutte le truppe statunitensi di lasciare immediatamente l’Iraq e i milioni di iracheni che successivamente hanno manifestato contro gli Stati Uniti e hanno chiesto agli Stati Uniti di andarsene immediatamente. (Trump ha risposto minacciando di distruggere l’Iraq se il governo iracheno continuasse la sua richiesta). Il 24 novembre 2020, la NATO ha titolato: “La Danimarca assume il comando della missione NATO in Iraq”. Ma gli iracheni non vogliono che nessuna forza militare aliena occupi il loro paese.

Ecco alcuni articoli sui media mainstream statunitensi e alleati che stanno incoraggiando le mosse del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a spingere ancora più lontano nella direzione di assistere – piuttosto che abbandonare – le conquiste del regime statunitense:
“La scomparsa dell’Iraq dall’agenda di Biden è un grosso errore” , Foreign Policy , 21 gennaio 2021
“L’attacco in Iraq evidenzia il problema saudita di Biden” , Politico, 16 febbraio 2021
“Perché Biden non può ignorare Iraq e Afghanistan, anche se potrebbe volerlo” Vox, 16 febbraio 2021

Al contrario, il 14 febbraio 2020 il Voltairenet non principale ha intitolato “La NATO per dispiegare truppe nel Grande Medio Oriente” e ha aperto riportando che:
In definitiva, sembra che la NATO prenderà il sopravvento nel mondo arabo dopo il ritiro del CentCom (Comando centrale degli Stati Uniti in Medio Oriente). La Germania potrebbe svolgere un ruolo di leadership nell’Alleanza.

NATO Secretary General Jens Stoltenberg addressing cadets at the Maritime Academy

Il segretario generale Jens Stoltenberg spera di:

schierare l’Alleanza in Tunisia e far durare per sempre la guerra in Libia;
schiera l’Alleanza in Iraq e Giordania e fai in modo che la guerra in Siria continui per sempre.
Gli aderenti all’impero statunitense non riescono a vedere quel tipo di rapporto. Gli stessi miliardari – miliardari statunitensi – che controllano i “media” e gli appaltatori della “difesa” americani e i politici, controllano indirettamente anche le nazioni vassalli dell’America; e se esiste una tale dittatura internazionale, allora una data nazione vassallo può effettivamente essere una democrazia? È questo ciò che stanno portando le corporazioni internazionali: una dittatura globale?

Il 4 marzo, il sito di critica dei media progressisti non mainstream, Fairness and Accuracy in Reporting, ha intitolato “Purging Inconvenient Facts in Coverage of Biden’s ‘First’ Air Attacks” e ha dimostrato che tutti i principali media americani stavano leggendo lo stesso copione bugie, che il bombardamento di Biden il 25 febbraio, che ha ucciso dozzine di siriani, è stata la sua “prima” operazione di bombardamento, sebbene in realtà anche il New York Times lo avesse riferito il 29 gennaio- nel nono giorno di Biden da presidente – che “gli attacchi aerei americani in una missione congiunta con le forze irachene hanno ucciso il massimo leader dello Stato Islamico in Iraq, un attacco volto a frenare la rinascita del gruppo e esigere la punizione per un mortale attentato suicida a Baghdad lo scorso settimana.” Quindi, l’attentato del 25 febbraio è stato in realtà il secondo di Biden bombardamento. Stava continuando le invasioni di Trump che hanno continuato le invasioni di Obama, che hanno continuato le invasioni di Bush; ei principali mezzi di informazione americani mentivano costantemente al riguardo.


Il rapporto FAIR osservava anche: “La pretesa che gli Stati Uniti si siano difesi eseguendo gli attacchi aerei della scorsa settimana richiede anche di sorvolare sul fatto che il paese effettivamente bombardato da Washington, la Siria, non è accusato di sponsorizzare né portare a termine gli attacchi missilistici sulle basi americane in L’Iraq che non dovrebbe esserci in primo luogo. Gli articoli che ho esaminato riconoscono tutti che gli attacchi aerei statunitensi hanno colpito la Siria, ma è notevole la poca attenzione che [questi rapporti di “notizie” statunitensi] prestano al paese “.

Tutti i media mainstream dell’impero presentano le opinioni pro- impero e mentono costantemente, anche per far sparire eventi che loro stessi avevano precedentemente segnalato. Se gli europei combatteranno e moriranno per la propria aristocrazia, è già abbastanza brutto, ma farlo per l’aristocrazia bugiarda americana – i miliardari che controllano le multinazionali con sede negli Stati Uniti – è ancora peggio. La NATO deve finire ora, non solo perché è un pericolo reale e attuale della terza guerra mondiale , ma perché è una truffa mega-corporativa e alleata degli Stati Uniti, che distrugge i paesi, anche se non metterà fine al mondo. Accettare la NATO significa accettare il male.

Crimea, missili russi anti aerei

Se la Russia non avesse ereditato le armi nucleari prodotte dall’URSS, forse il regime statunitense avrebbe già preso il sopravvento in Russia.
(……………………..)
Dopo Truman, e poi ogni successivo presidente degli Stati Uniti, ha continuato il mega-crimine di Bush di cercare un impero globale degli Stati Uniti, invece di porre fine alla NATO e porre fine all’aspirazione del regime statunitense di diventare il primo impero globale del mondo. Dopo la fine dell’Unione Sovietica, del suo comunismo e del Patto di Varsavia nel 1991, la NATO non ha avuto alcuna giustificazione valida per la sua continua esistenza.

La NATO è interamente una truffa, per estendere ulteriormente l’impero statunitense. Se l’ONU viene riformato in modo da adottare quello che era stato il piano FDR, allora tutte le alleanze militari internazionali finiranno, ma anche se l’ONU continuerà così com’è, che è poco più di un forum globale in cui ogni nazione trasmette le sue opinioni ufficiali, La NATO è malvagia e non ha una vera giustificazione. Non ha una buona funzione. Sarebbe dovuta finire nel 1991.

Ma ora, la sua pronta cessazione è diventata una necessità urgente, perché il regime statunitense ha pubblicamente dichiarato che il suo scopo è conquistare sia la Russia che la Cina. L’unico modo per porre fine all’aspirazione americana di controllare il mondo intero è porre fine alla NATO, perché la NATO è stata costruita su quella malvagia aspirazione.

Eric ZUESSE

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

12 Commenti

  • antonio
    9 Marzo 2021

    USA GB e Usraele, son governati da Lobbies di pazzi guerrafondai predoni

  • Robi
    10 Marzo 2021

    La NATO venne costituita sei anni prima del Patto di Varsavia.

  • Renato
    10 Marzo 2021

    Quando penso agli americani, che credono di essere Dio sulla terra pensando di potersi impadronire del mondo, mi viene da ridere, per non deprimermi. Credono forse che il vero Dio li lasci fare nella loro forsennata pazzia? Poveri illusi.

    • atlas
      10 Marzo 2021

      LA PROSSIMA ‘REGOLA’ SARA’ CHE SOLO LA RELIGIONE UNICA SARA’ APPROVATA DAL CTS NATO E UE. CRISTIANESIMO E ISLAM SARANNO VIETATI PER DPCM

  • antonio
    10 Marzo 2021

    se provi a dire no alla NATO, salti in aria come Carrero Blanco

  • Eugenio Orso
    10 Marzo 2021

    La nato finirà soltanto con la fine degli usa, o se lélite abbandonerà gli usa “per altri lidi” …
    Cosa che oggi è improbabile, purtroppo, anche se ci sono già più di dieci governatori di stati federati che rigettano le nuove disposizioni di biden, anche e soprattutto in merito al covid. Si spera che (lentamente) la guerra civile e il disfacimento si insinuino negli usa, ma è solo una speranza …

    Cari saluti

    • atlas
      10 Marzo 2021

      scrivere nel titolo dell’articolo di ‘paesi’ (democratici) anzichè di “Nazioni” è già una disfatta ideale o pessimismo incarnato (?)

  • Hannibal7
    10 Marzo 2021

    La scissione della Nato è pura utopia…prima di essa arriverà la guerra con la Russia…che ovviamente ci devastera’

    • atlas
      11 Marzo 2021

      e non sei contento

      io non vedo l’ora

      quì danno i numeri, i colori. Sindaci che chiudono tutto, presidenti di regione, di provincia……chi si alza al mattino decide le cose che più gli passano per la mente. C’è solo da distruggere tutto

      • atlas
        11 Marzo 2021

        poi i miei, cristiani e democratici, si sono già vaccinati (Pfizer). Tra un pò rimarrò solo. Mi godo l’ultimo fine settimana a Gallipoli dove ci è ancora permesso di sedersi a un tavolo da caffè a guardare il mare. Poi da Lunedì gente armata per le strade la farà da padrona. Io cmq devo tornare a Milano per pasqua in Famiglia. Poi chi lo sa…se andrò in Tunisia. E anche lì, probabilmente sarà l’ultima puntata

        non si può vivere così. Io non mi ci abituerò mai. Io coi democratici avevo fatto un patto: fate quello che volete ma non rompetemi i coglioni. E non lo stanno rispettando

  • giorgio
    11 Marzo 2021

    Oltrechè i numeri governatori, sindaci e virologi stanno dando anche i colori …… bianco, giallo, arancio, rosso ….. non bastano. Ora c’è anche arancio scuro, giallo intenso, rosso ancora più rosso ….. una patetica farsa …….

    • atlas
      11 Marzo 2021

      e di che ti lamenti, tu vai in bianco

Inserisci un Commento