Perché a Davos le Elites amano Greta


Sta dicendo loro di prendere più potere per se stessi e di mantenere il controllo su di noi e per il resto ancora di più.
di Nikos Sotirakopoulos
Questa settimana il cosiddetto “1%”, alcune delle persone più influenti del mondo, si riunisce a Davos in Svizzera per l’incontro annuale del World Economic Forum.

Politici, grandi società, opinionisti e attivisti discuteranno di come il governo, la società civile e gli attori privati ​​possano cooperare per affrontare questioni come la disparità di reddito e i cambiamenti climatici. Per il secondo anno consecutivo, ci sarà Greta Thunberg . E quest’anno anche Micah White , attivista sociale e co-fondatrice di Occupy Wall Street.
La presenza di White ha fatto sollevare alcune sopracciglia. Attivisti radicali seduti allo stesso tavolo di potenti governi e persone delle grandi imprese? Sicuramente questo li rende malvagi? Sicuramente dimostra che si stanno impegnando per l’imbiancatura dell’1% dei gravi problemi sociali ed economici? Questo è ciò che dicono molti, specialmente a sinistra. Ma questa critica è fuorviante. Trascura il vero carattere sia di Davos che dei movimenti moderni come Occupy e ambientalismo radicale .

Molte persone pensano che Davos sia un caso di avidi capitalisti e politici corrotti che si incontrano in stanze buie piene di fumo di sigaro – o, più realisticamente, con il profumo delllo chmpagne – e parlano tra loro di come diventare più ricchi. Certo, le grandi imprese e i potenti politici potrebbero benissimo complottare a Davos, e probabilmente alcuni accordi folli saranno all’ordine del giorno. Ma la vera sfida in cui sono impegnati è piuttosto diversa: stanno cercando un senso di scopo, di legittimità morale.

La maggior parte dei capitalisti è convinta che fare soldi e produrre cose non sia abbastanza intenzionale. Apparentemente, è cosa troppo egoista e materialista. Pertanto, sono costantemente alla ricerca di un significato più profondo nel loro lavoro, come andare più verso produzioni più verdi, eliminare la povertà o salvarci da “notizie false” e “discorsi di odio” online.
I politici, nel frattempo, si sentono sempre più alienati dalla gente comune che dovrebbero rappresentare. Sanno che il mr.Joe medio non condivide i propri valori culturali o obiettivi di ingegneria sociale. Ecco perché finiscono per sentirsi più a proprio agio con attivisti come Greta Thunberg: condivide molte delle loro opinioni e celebrarla fornisce loro un senso di legittimità che non possono ottenere da persone come noi. Il suo costante rimprovero , su un palcoscenico che le offrono felicemente, è un prezzo che vale la pena pagare per il loro desiderio di apparire importanti e motivati.
Gli “attivisti radicali” di oggi, tra cui Greta, non dicono ai politici di uscire dalle nostre vite. Invece, li invitano a svolgere un ruolo più importante nelle nostre vite , sia modificando il nostro eco-comportamento, censurando i discorsi odiosi o gestendo la nostra salute . E questa è musica per le orecchie della classe politica. L ‘”1%” ha bisogno di questi attivisti.

E gli attivisti hanno bisogno dell’1%. I movimenti sociali sono stati una forza per il bene quando hanno richiesto più libertà e meno discriminazione dai poteri del futuro. Ma tendono a non farlo più. Ora, molti attivisti sociali chiedono allo stato di togliere la libertà dalla gente comune.

Il movimento anti-globalizzazione , Occupy e l’ambientalismo moderno rientrano tutti in questa categoria. Hanno alcune preoccupazioni legittime, come le lotte delle persone nei paesi in via di sviluppo o le sfide di un clima che cambia. Ma dietro queste preoccupazioni, possiamo vedere un programma in base al quale questi presunti rappresentanti del “99%” passano all’1% per chiedere loro di assicurarsi che il resto di noi cambi il modo di vivere.
Che si tratti di consumare meno, andare a livello locale, ridurre la carne cotta , non volare con le compagnie aeree a basso costo o sostituire le fonti di energia economiche e affidabili con fonti costose e inaffidabili, quelle che sono iniziate come campagne di “sensibilizzazione” sono diventate richieste dalla forza potente per la gente comune per cambiare.

Greta con il principe Carlo a Davos

Gli attivisti di Davos sono davvero lobbisti . Solo laddove il lobbista medio delle aziende cerca di ottenere una riduzione delle tasse o una regolamentazione favorevole, questi attivisti-lobbisti stanno facendo una campagna per i cambiamenti che avranno effetti negativi su tutti noi, specialmente sui meno abbienti nel sud globale del mondo. Alienati dalle masse, questi attivisti si sentono più a loro agio con i tecnocrati, i burocrati e gli amministratori che sono felici di ordinarli come rappresentanti legittimi della “società civile”.
Il mondo sta davvero affrontando molte sfide critiche. Tuttavia la soluzione non sta nelle élite che si incontrano negli chalet di montagna e decidono cosa è buono per il resto di noi.

La soluzione sta nella fiducia nell’agire umano e nell’ingegno e nel dargli lo spazio di respiro della libertà per prosperare. Possiamo essere certi che questa è una cosa per cui Greta e gli altri attivisti di Davos non faranno una campagna.


Fonte: Spiked

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code