Per un movimento populista e sovranista


di Diego Fusaro – Francesco Toscano

Il fallimento repentino e inglorioso del governo gialloverde ci impone una riflessione sofferta, ma necessaria – spiega il Comitato promotore del movimento politico INTERESSE NAZIONALE –
Che fine faranno le aspettative dei tantissimi cittadini italiani che- votando in massa per le forze diffamate dal pensiero unico politicamente corretto (ed eticamente corrotto) come “populiste” e “sovraniste”-credevano di avere compiuto una rivoluzione pacifica in danno dei soliti usurai che da decenni depredano l’Italia? Saranno definitivamente frustrate le istanze di cambiamento radicale che provengono dalla parte più avveduta e sana del nostro Paese? Il rischio effettivamente esiste.


I signori della finanza apolide, i padroni cosmopoliti che dileggiano il popolo, bravi nel nascondere per mezzo della retorica sui “diritti civili” il progressivo e implacabile svuotamento dei diritti sociali ed economici, sono riusciti a disarticolare l’esperimento “gialloverde”, esperienza breve ma intensa che aveva dimostrato come fosse possibile costruire un nuovo e più giusto bipolarismo che vedeva finalmente alternarsi forze genuinamente democratiche contro forze palesemente elitarie ed oligarchiche, il basso contro l’alto per usare un’ immagine che semplifica.
Di Maio e Salvini avevano dato l’impressione di poter finalmente archiviare un ordine costituito iniquo e granitico, personificato dalla endemica presenza nei luoghi della decisione dei sedicenti “tecnici”, di uomini cioè che servono gli interessi dei più forti facendo finta di rispettare soltanto regole neutre e inaggirabili. Questa suggestione si è squagliata di fronte alla protervia delle forze della “reazione”.
Che fare, quindi? Limitarsi ad assistere passivamente al triste riproporsi di una dicotomia fasulla e artefatta, che alterna una finta destra ed una finta sinistra al fine di chiudere un equilibrio di sistema che tutela in definitiva la destra del denaro e la sinistra del costume non è più possibile. Abbiamo il dovere di offrire agli italiani una proposta politica che dia rappresentanza ai tanti che non vogliono tornare a vivere nel vecchio e fallimentare recinto che ha contraddistinto la seconda Repubblica.

Protesta contro il Dominio delle Banche in Europa


Diamo quindi vita ad nuovo partito politico, autenticamente sovranista e keynesiano, socialista, populista e democratico, che difenda i legittimi interessi nazionali senza ledere quelli di nessun altro; che riscopra il valore di una coerenza programmatica oggi umiliata da chi crede di poter dire all’infinito tutto e il suo contrario; che riconcili la cultura con la politica; che funga da cinghia di trasmissione tra il popolo e le istituzioni; che difenda i valori della nostra Costituzione continuamente disattesi da affaristi e globalisti di ogni risma; che riscopra con orgoglio la nostra identità e le nostre radici, senza per questo aizzare sentimenti sciovinisti o fanatici che non ci appartengono.
Vogliamo perciò ridare dignità alla politica, che non è necessariamente un luogo insalubre abitato per forza da malfattori professionali, ma il centro nevralgico che guida e indirizza la vita di qualsiasi comunità che vuole dirsi civile, ordinata ed improntata al rispetto della giustizia sociale. Il 14 settembre a Roma inizia un lungo viaggio, che ci vedrà protagonisti di questo delicato tornante storico. Tutti quelli che vogliono esercitare il loro diritto alla “sovranità” come base della democrazia e dei diritti sociali si uniscano a noi per combattere insieme una battaglia che merita di essere combattuta.

Fonte: Interesse Nazionale

N.B. L’opinione dell’autore può non coincidere con la posizione della redazione

17 Commenti

  • Monk
    26 Agosto 2019

    Fusaro, nasconditi, guru per molti e banale per altri, da quando hai asserito che i grullini sono stati eroici hai dimostrato di non capire nulla o fai finta.

    • atlas
      26 Agosto 2019

      beh, senza offesa, ma per cultura io e te possiamo forse solo allacciargli le scarpe

      • Monk
        26 Agosto 2019

        Tu che ne sai di me? Ecco un altro che mitizza uno dalle frasi e concetti fatti, gli incantatori delle masse, si chiamano e poi il Fusaro che dipinge i grullini come eroici non ha bisogno di altre prove per ridicolizzarlo, ma tu lo segui o scrivi tanto per fare qualcosa a muzzo? Lo ha sentito dire che i grulli so’ eroici? Sì? Allora cosa minchia scrivi? O anche tu li reputi eroici? Non lo hai sentito? Allora cosa minchia scrivi senza sapere? Senza offesa compà

      • Monk
        26 Agosto 2019

        Io non allaccio le scarpe a nessuno, mica so’ servile come te…ma pensa te ‘sto alas musulmano

    • sittingbull
      26 Agosto 2019

      I grillini non sono tutti come Di Maio e Fico, questo intende dire Fusaro.
      Il nuovo partito potrebbe contenere anche onesti sovranisti fuoriusciti dai 5S.
      Bisogna un po’ lavorare con quello che si ha.

    • sittingbull
      26 Agosto 2019

      I grillini non sono tutti come Di Maio e Fico, questo intende dire Fusaro.
      Il nuovo partito potrebbe contenere anche onesti sovranisti fuoriusciti dai 5S.
      Bisogna un po’ lavorare con quello che si ha.

  • amadeus
    26 Agosto 2019

    Per fare un governo populista e sovranista ma sopratutto gente coraggiosa che conosce la materia e non se la fa addosso alla prima minaccia, perché di minacce ce ne saranno tante, gente “perbene” merce rara in grado di fronteggiare la peggiore delinquenza politica e non, che abbia esperienza di vita e di sana politica e non di dilettanti allo sbaraglio come ne abbiamo avuti recentemente, ragazzini di primo pelo tanto cera chi li manovrava dietro le quinte, in parole povere gente con i coglioni, e dove li trovi ? E se li trovi questi non amano confrontarsi con la melma che gli stà intorno, quindi un probblema arduo da risolvere per formare una squadra di governo che operi nell’interesse dell’ Italia e del popolo italiano, e che una volta andato al potere non cambi faccia come é successo finora, perché siamo arcistufi da essere presi in giro da questi quaqueraquà, é ora di cambiare sul serio e non ritrovarci davanti a un ennesimo fallimento, questi rappresentanti li deve scegliere il popolo e niente infiltrati per cambiare il corso delle cose, se ci provano devono essere spazzati via e messi alla pubblica gogna, e nessun capo di governo che deve decidere un prof. Savona dove deve andare, se a questo o quel ministero, il prof. Savona deve andare nel posto giusto! Per il resto buon lavoro e speriamo bene, siamo all’ultima spiaggia,pertanto tutti i trattati firmati in precedenza che ledono gliinteressi devono essere annullati e fermare questa stramaledetta invasione per distruggere l’Italia.

  • La soluzione
    26 Agosto 2019

    Per salvare l’Italia ci vuole una vera dittatura che ripulisce tutta questa politica marcia e politici affaristi da 4 soldi. In Italia c’è tanto marcio per colpa dei nostri intelligenti papponi politici. Un presidente che non conta un cazzo, giusto per accusati di vilipendio ma in sostanza un manichino telecomandato, che permette questo schifo con le sue retoriche da strapazzo. Ecco dopo una sana ripulita si ridà la voce al popolo. Questa è la vera ricetta.

  • Russia for ever
    26 Agosto 2019

    Magari con l’aiuto della Russia che voleva fare di noi il suo polo manifatturiero e non invaderci con i nordafricani per destabilizzarci.

  • kaius
    26 Agosto 2019

    Se tutti i popoli del globo non si decidono a darsi una svegliata,americani in primis,penso che solo l intervento divino potra’ salvarci.

    • atlas
      26 Agosto 2019

      infatti il Fusaro non mi trova d’accordo sulla democrazia associata al sovranismo. Pare una contraddizione; fa bene la redazione a non condividere l’art.lo, di quello che è fondamentalmente un marxista, in toto

      sul populismo poi, ci sarebbe da vivisezionare molto: te l’immagini un ministro dell’interno omosessuale e a quello per la famiglia una lesbica ? Magari agli esteri un negro (se gli danno la cittadinanza non ufficialmente non sarà mai dei nostri, ma ufficiosamente si prende tutti i diritti e nessun dovere). E alle finanze un rumeno (sì, così ci pignora pure la pelle)

      stranieri a parte, che non avranno mai questi incarichi, non è che noi si ‘brilli’ … vedo tanti tatuati e con i capelli tagliati e pettinati in modo strano … ma a parte anche questo sento dai loro discorsi molte futilità. Credo che prima del popularismo debba essere sovrana la scure

  • Eugenio Orso
    26 Agosto 2019

    1) Populismo è un’espressione utilizzata dai media servi del sistema finanz-globalista-giudaico per creare un nuovo “nemico della democrazia” occidentale, espressione che ha avuto la sua effettività sociopolitica in altre epoche storiche, lontane ormai dalla nostra.
    2) 5stalle e sega (ex nord) sono “imbroglioni”, per usare un certo linguaggio, che si sono finti rivoluzionari ma che per 14 mesi si sono sostanzialmente mantenuti nel solco delle politiche ultraliberiste imposteci, delle “regole euopee” e delle “alleanze internazionali dell’Italia …
    3) Non credo che un nuovo partitello, che si muoverà nei recinti della liberaldemocrazia “avanzata” e asservita al mercato, potrà spostare qualcosa, in termini positivi. In genere, cose di questo tipo nascono, non acquisiscono consensi sufficienti e poi fanno la fine dei moscerini del mosto.
    4) Anche se ci fosse una forza politica determinata a cambiare, alameno a centoottanta gradi, politiche economiche applicate e alleanze del paese, lo farebbe solo con grande rischio di attacchi esterni. Nella migliore ipotesi, lo spread e gli interessi sul debito pubblico, nella peggiore la destabilizzazione con attentati, mercenari armati, provocatori, e forse addirittura un intervento diretto della nato criminale nel paese.

    Questo è quanto.

    Cari saluti

    • atlas
      26 Agosto 2019

      io vado al mare nelle Due Sicilie Eugenio. Finchè lo posso fare. Tra i miei concittadini ci sono molti ignoranti, delinquenti, provocatori, traditori, democratici, come da tutte le parti, ma è la mia gente, il mio sangue; e mi trovo naturalmente cmq bene con loro. Cosa che sempre naturalmente non mi riuscirà mai ad es. a Chiavari dove mi può un pò piacere solo il nome. Per me il Comune dove sto è il più bello e il più tranquillo del mondo, anche come persone. Populismo vuol dire anche vincolo razziale ? Per noi è Mediterraneo. Certo ci vorrebbero più donne straniere a mio avviso, ma rimedio subito, tra un mesetto o anche meno

      • Enrico
        27 Agosto 2019

        Gentile Eugenio le sue posizioni sono interesssnti e vorrei provare a dialogarci ribaltando una sua asserzione del punto 3.
        La mia interpretazione è che le oligarchie regnanti, giudaiche massone o comunque sovranazionali, siano non schiave del mercato, ma controllori del mercato. Il controllo o intervento sul mercato, da qui il termine politiche economiche interventiste, come i sistemi che abbiamo visto nel passato (comunista, fascista, nazista ma anche semplicemente progressista di destra o sinistra che siano/fossero) hanno sempre operato per direzionare il mercato favorendo alcuni interessi rispetto ad altri. Ogni controllo su prezzi, dazi, costi e politiche fiscali ad hoc ha ahimè sempre creato vantaggio a uno a discapito di altri. Bene se il vantaggio è a favore di noi popolo, non c’è alcun dubbio, sarebbe auspicabile, ma la mia personale opinione è che questo non possa strutturalmente avvenire. Provo a spiegarmi, qualunque oligarchia al potere, a qualunque livello, può essere pure il capofamiglia, inevitabilmente favorirà se stessa a danno del vicino. Lega e ms5 così come gli altri faranno sempre i loro interessi perché li devono restituire a qualcun altro (poi approfondirò) magari ci metteranno dentro anche qualcosa che torna comodo anche a noi ma solo e sempre per mantenere la loro posizione e il consenso popolare. Ci scontriamo e il mondo o meglio i popoli si sono sempre scontrati con oligarchie apolidi sovranazionali. Esse controllano la politica e i politici che a loro volta controllano i mercati che influenzano la società e via via fino a me a lei. La natura dell’uomo è preservare se stesso e tutto ciò che lo circonda (se stesso e il suo orticello) capisce quindi che qualunque rinuncia dovesse attuare un uomo di potere per favorire chi non gli è prossimo non solo è estremamente rara ma pare proprio innaturale, figuriamoci se l’intervento a favore del popolo sfavorisce chi gli ha concesso gli strumenti per ottenere quella carica. Qualunque sistema partitico e/o qualunque politico è infatti tale solo ed esclusivamente grazie ad una ricchezza che gli permette di mostrarsi pubblicizzarsi etc etc. Ci dimentichiamo sempre che chiunque lavora ha un datore di lavoro, magari questo lascia una certa libertà ma sempre un padrone è, non si scappa. Fondazioni tanto care alla sinistra nostrana, finanziamenti esteri o giochini vari che immettono nel sistema politico enormi capitali non agiscono gratuitamente, non sono onlus, ma sono i datori di lavoro dei politici. Qualcuno potrebbe dire che i politici sono pagati da noi, vero allora potremmo dire che un politico ha diversi datori di lavoro ma noi Popolo/Stato siamo quelli che paghiamo meno. Per diventare consigliere comunale di una città di media grandezza in Italia sono necessari soldi e capitali e appoggio che qualcuno deve scucire.
        Detto questo, spread, fondi monetari, agenzie di rating fino ai mercenari e attentatori da lei giustamente citati purtroppo temo siano sono la punta di un iceberg completamente inquinato. Se qualcuno finalmente (è argomento decisamente scomodo e poco trattato se non da qualche economista del passato considerato folle) temo ahimè non andremo avanti. Tradotto, il padrone non è il mercato, se lo fosse forse avremo una alternativa, non so quanto valida ma sarebbe un’alternativa, ma coloro che detengono il potere che influenzano i politici che modificano le “normali” dinamiche di mercato.

  • Mardunolbo
    27 Agosto 2019
    • atlas
      27 Agosto 2019

      ottimo sito quello, ci vado anch’io spesso anche se mette un art.lo al mese. Almeno Blondet uno al giorno

      non vedo però cosa c’entrino con me i video di prestazioni sessuali. Se a te interessano tanto se vuoi li faccio io di persona e poi te li mando

  • Max Dewa
    27 Agosto 2019

    Ahhh stavolta sono d’accordp con orso in Toto ! pero’ non dare un idea di soluzione a sta comica tragica italiana e’ in delitto , lo fanno tutti ! Pure l’automa Fusaro vuoto come un paio di mutande senza attributi di uno scoglionante ad ascoltarlo da distacco immediato dello Scroto LA pedanteria fatta ad uomo con lui l’effetto Bromuro e’ garantito , tra l’altro Fusaro e’ un venduto di prima categoria ci sta un video sull’olocausto dove Furaro srotola una lingua indecente ,un leccapiedi peggio Di Renzi al Knesset e dire che Li’ Renzi a dato il suo meglio strisciava

Inserisci un Commento

*

code