Per affrontare Pechino e Mosca… Washington sta trasportando aerei moderni in Asia e in Europa


Il Wall Street Journal rivela che gli Stati Uniti trasferiranno aerei moderni dal Medio Oriente all’Asia e all’Europa e sostituiranno quelli vecchi

Il Wall Street Journal ha riferito che “gli Stati Uniti trasferiranno aerei moderni dal Medio Oriente all’Asia e all’Europa e li sostituiranno con A-10 obsoleti”.

Il giornale ha aggiunto, citando funzionari statunitensi, che questo passo è “parte degli sforzi del Pentagono per trasferire aerei da combattimento più moderni nell’Oceano Pacifico e in Europa per affrontare Cina e Russia”.

Il “Wall Street Journal” ha indicato che “il dispiegamento di velivoli A-10, previsto per il prossimo aprile, fa parte di un piano più ampio che prevede anche il mantenimento di modeste forze navali e di terra nella regione mediorientale”.

Secondo i critici di questo velivolo “A-10”, “tale tipo di velivolo, che ha 4 decenni, è molto debole e lento nel trattare con l’esercito cinese”, mentre alcuni esperti affermano che “ha ancora utilità nel Medio Oriente.”

Gli schieramenti dell’Air Force fanno parte di un piano segreto più completo che vedrebbe complessivamente da due a tre navi in ​​Medio Oriente, ma non una portaerei, secondo i funzionari che hanno familiarità con il piano.

Alcuni ufficiali americani in pensione temono che “questi livelli di forza siano insufficienti per affrontare l’intera gamma di minacce in Medio Oriente”.

A questo proposito, il Wall Street Journal ha riferito in precedenza che gli Stati Uniti non sono ancora pronti ad affrontare una nuova era di grande competizione di potere contro Cina e Russia, sottolineando che ci sono grossi ostacoli sulla strada.

US.Air force Germania

Il giornale ha citato il resoconto di un ufficiale dell’aeronautica americana, che ha detto in risposta a una simulazione di precedenti manovre condotte segretamente dal Pentagono per controllare il Mar Cinese Meridionale: “Santa follia. Perderemo se combattiamo in questo modo”.

Dopo decenni di guerre in Medio Oriente e in Asia centrale, gli Stati Uniti hanno iniziato una nuova era nella competizione con grandi potenze come Cina e Russia, secondo il “Wall Street Journal”.

E nonostante un budget annuale per la difesa che è salito a più di 800 miliardi di dollari, questo cambiamento è stato ritardato dalla preoccupazione per le guerre in Iraq e Afghanistan, la ricerca di grandi armi che non hanno funzionato, i dibattiti interni del governo degli Stati Uniti sui budget e disaccordo sull’urgenza della minaccia di Pechino.

Inoltre, le preoccupazioni in corso in Medio Oriente, in particolare per l’Iran, e la guerra della Russia in Ucraina hanno raccolto attenzione e risorse, secondo gli attuali ed ex funzionari e comandanti della difesa degli Stati Uniti.

E il “Wall Street Journal” aveva sottolineato, in un articolo del ricercatore dell’Hudson Institute, Walter Russell Mead, che l’amministrazione del presidente Usa Joe Biden sta ora affrontando possibili scontri simultanei in Europa e Medio Oriente, osservando che “gli Stati Uniti non possono costringere l’Iran e la Russia a evitare misure.” portando a una nuova guerra in Medio Oriente.
” Gli Stati Uniti sono più vicini a impegnarsi in un’altra guerra in Medio Oriente di quanto molti a Washington capiscano”, ha aggiunto lo scrittore.

Allo stesso modo, un articolo del quotidiano “Washington Post”, intitolato “How China Heralds the Beginnings of a Multipolar Middle East”, ha parlato del crescente ruolo cinese nella politica globale , che sta ora spiazzando il ruolo americano centrato sulla mentalità di un unico polo globale .

“A lungo termine, l’emergere di Pechino come operatore di pace cambia il riferimento per la diplomazia internazionale”, ha aggiunto, in quanto “gli Stati Uniti non sono più la potenza indispensabile nella regione, o l’unico paese abbastanza forte o flessibile per mediare le offerte di pace .”
L’articolo concludeva che “il futuro Medio Oriente multipolare, con la sua continua copertura ed equilibrio, avrà i suoi rischi e ci sarà un nuovo gioco politico con nuove regole”.

Fonte: al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM