Pensa Africa, pensa!


di Oleg Pavlov
Dal 13 al 15 dicembre, Washington ha ospitato il vertice dei leader USA-Africa, un evento pomposo pieno di offerte molto redditizie con la partecipazione di capi di stato africani.

Le iniziative portate avanti dagli Stati Uniti in ambito politico ed economico mirano inizialmente a impressionare e persino accecare i leader africani: c’è l’offerta di un seggio permanente al Consiglio di sicurezza dell’Onu per uno degli stati africani, il posto presumibilmente garantito per l’Unione africana nel G20, la promessa visita di Joe Biden in Africa nel 2023 e considerevoli pacchetti di assistenza finanziaria agli stati africani in varie aree che vanno dall’assistenza sanitaria allo spazio.

E tutto questo dopo quasi otto anni di oblio del continente africano, dove i presidenti americani, come si suol dire, “non metterebbero piede”.
Cosa è successo agli Stati Uniti e da dove è arrivata questa ondata di incredibile generosità da parte dell’America gretta e pragmatica? È davvero perché Washington, come si suol dire, ha finalmente capito il significato del “continente oscuro” (l’enfasi principale è stata posta sulle proposte rivolte agli stati africani a sud del Sahara, cioè la sua parte non araba)? E fino a che punto le promesse fatte corrisponderanno alle azioni dell’amministrazione americana?

Partiamo dal fatto che le promesse agli africani, condite con una buona dose di retorica a favore dell’instaurazione della democrazia e dei suoi vantaggi rispetto all’“autocrazia”, vengono dalla stessa amministrazione democratica che nel lontano 2009 preannunciava, attraverso l’eloquenza del primo afroamericano presidente, prosperità e benessere in Medio Oriente. Nel caso qualcuno non lo ricordasse, questo è stato il brillante discorso di Barack Obama all’Università del Cairo il 4 giugno 2009 in termini di influenza sulle menti arabe. C’erano ottime promesse sull’instaurazione della pace in Medio Oriente, su una giusta soluzione del problema palestinese e sulla creazione di uno stato palestinese.
Come allora gli arabi erano affascinati da questi discorsi esuberanti e dalle promesse di Obama, che semplicemente trasudava fiducia!

Allora l’intera politica dell’amministrazione americana si basava sul fatto che se gli arabi avessero giurato fedeltà al modello americano di democrazia, allora tutto sarebbe andato meglio molto rapidamente. Il segretario di Stato americano Hillary Clinton e Condoleezza Rice, che in quel momento stavano viaggiando nei paesi arabi, convinsero gli arabi che avrebbero dovuto avviare un esperimento democratico il prima possibile, sviluppare il pluralismo e dare alle donne più diritti. E immediatamente tutto sarebbe andato meglio e, cosa più importante, l’ambiente competitivo nella politica avrebbe dato luogo istantaneamente a dinamiche positive nell’economia e molte crisi nel mondo arabo si sarebbero risolte.

Come si sono evolute le cose in pratica? Non appena gli arabi, che credevano nei bellissimi slogan dei politici americani, si sono mossi verso la cosiddetta democrazia pluralistica, si è scoperto che non sono stati i “regimi autoritari” a crollare e hanno cominciato a crollare, ma interi paesi e stati. Per distruggerli, gli Stati Uniti hanno fatto ricorso a tutta una serie di misure. Dalla creazione di ONG presumibilmente innocenti che in realtà hanno effettuato gravi interferenze negli affari interni degli stati arabi al sostegno a movimenti apertamente terroristici, come i “Fratelli Musulmani” , vestiti con la toga dei “difensori della democrazia ” e l’uso sporco di social network e canali televisivi, come Al Jazeera, per rompere la stabilità in una vasta regione dalle montagne dell’Atlante ai deserti dell’Arabia.

Come risultato di generose promesse di “costruire la democrazia“, ​​molti paesi del Medio Oriente sono stati completamente distrutti o gravemente compromessi. Nello Yemen continua un’estenuante guerra civile con intrusione degli anglo USA, la Libia è stata sconfitta e distrutta, la Siria è quasi completamente distrutta da una guerra istigata dall’occidente e durata 11 anni, Egitto e Tunisia non riescono ad uscire da profonde crisi economiche e politiche.

Special forces USA nello Yemen

In risposta a domande legittime: perché era necessario, dicono negli Stati Uniti con finta sorpresa che loro volevano qualcosa di completamente diverso, ma è successo e presumibilmente non ricorreranno più a nessun esperimento sul cambio di regime.
Va bene, diciamo! Crediamoci pure! Dopotutto, tutti hanno il diritto di sbagliare. “Ci siamo battuti per il meglio, ma qualcosa è andato storto lungo la strada! (con enorme sangue arabo versato ).

Ma guardiamo all’Europa! Dopotutto, l’Europa è un “giardino fiorito”, nelle parole del capo diplomatico dell’UE Josep Borrell, e in generale è il migliore amico e alleato di Washington. L’America non può augurare loro del male! E cosa vediamo? Gli Stati Uniti, con il sostegno attivo dei loro protetti nell’attuale establishment europeo e con gli stessi slogan di promozione della democrazia del mondo arabo, hanno portato al potere un regime neonazista a Kiev nel 2014, hanno inondato l’Ucraina di armi, l’hanno spinta più vicino alla NATO, l’hanno incoraggiata a uccidere i russi nel Donbass, hanno interrotto l’attuazione degli accordi di Minsk (fatto ammesso dagli stessi Stati Uniti) e hanno costretto la Russia, come misura per proteggere se stessa e i russi nel Donbass, a innescare un’operazione militare speciale. Inoltre, hanno forzato i satelliti europei, questo ormai lo sappiamo direttamente, a pagare per questa politica ed supportare le autorità di Kiev in ogni modo possibile, e sono ossessionati dall’odio verso la Russia e verso la storia la cultura e la lingua russa.

Ma questo modo di drenare risorse dall’Ue e di indebolirla sembrava insufficiente agli Stati Uniti. Ovviamente, non senza la loro influenza e, molto probabilmente, su loro ordine, il gasdotto Nord Stream 2 è stato fatto saltare in aria e l’Europa ha perso il “carburante blu” russo a buon mercato, che è stato sostituito dal “gas democratico” dagli Stati Uniti, dopodiché l’elettricità i prezzi sono aumentati vertiginosamente in Europa essendo stati moltiplicati per un fattore sei o sette, e la produzione in un certo numero di industrie – chimica, metallurgica e altre aree ad alta intensità energetica – è diventata semplicemente non redditizia. Così che il capitale dall’Europa si trasferisce rapidamente negli Stati Uniti.

Quali sono le ragioni della politica ipocrita e ambigua di Washington, sia in Medio Oriente che in Europa?

I motivi sono gli stessi. L’obiettivo, accompagnato da promesse generose, il fragore dei tamburi e discorsi sulla democrazia, è quello di soffocare i concorrenti, siano essi russi o cinesi in Medio Oriente, lasciando dietro di loro regioni devastate. O gli europei, che fino a tempi recenti avevano una chiara competitività con gli americani, e ora l’hanno persa insieme alle risorse energetiche russe a buon mercato.

Istruttori USA in Somalia

L’Africa crederà davvero alle false assicurazioni degli americani, che prima portavano via gli schiavi dal continente, e ora le risorse, che il predatore è improvvisamente diventato amico dei popoli africani? Che l’America ha bisogno di democrazia, e non di petrolio o cobalto o diamanti o litio per la sua industria, né di metalli delle terre rare per il suo complesso militare-industriale? Gli africani crederanno davvero che l’obiettivo degli Stati Uniti sia la prosperità dei popoli africani e non la loro schiavitù e rapina attraverso i meccanismi del FMI e della Banca mondiale? E se questo non funziona, allora il continente sarà trattato come il Medio Oriente, agitato e poi distrutto per non cederlo ai concorrenti?

Pensateci Africani, pensateci!

Oleg Pavlov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook“.

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Giorgio
    Inserito alle 12:38h, 29 Dicembre Rispondi

    Via gli usa da Europa, Africa, Asia, Ameria latina …
    Via gli anglo sassoni anche dal Nord America … i legittimi proprietari di quel continente sono i nativi pellerossa !
    Un bel virus etnicamente selettivo (Russia e Cina ne sono capaci) e ci liberiamo dagli anglo sionisti in tutto il pianeta !

Inserisci un Commento