Pechino accusa gli Stati Uniti di “coprire le organizzazioni terroristiche” e la esorta a “correggere i propri errori”


La forte dichiarazione arriva dopo che Washington ha revocato la designazione del Movimento islamico del Turkestan orientale (Xinjiang) , che opera in Cina, come “organizzazione terroristica”.
Nel corso di una conferenza stampa a Pechino il 6 novembre, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha fortemente criticato la decisione degli Stati Uniti di revocare la designazione del Movimento islamico del Turkestan orientale come “organizzazione terroristica”. (ETIM).

Wenbin ha osservato che ETIM “è un’organizzazione terroristica elencata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ed è riconosciuta come tale dalla comunità internazionale”. “È stato a lungo coinvolto in attività terroristiche e violente, causando numerose vittime e perdite materiali e ponendo serie minacce alla sicurezza e alla stabilità in Cina, nella regione e oltre”, ha sottolineato.

“Gli Stati Uniti hanno annullato la loro designazione di ETIM come organizzazione terroristica, esponendo ancora una volta i doppi standard dell’attuale amministrazione statunitense nella lotta al terrorismo e la loro pratica ripugnante di tollerare i gruppi terroristici come meglio vogliono e come loro sembra “, ha denunciato il portavoce.

“Il terrorismo è terrorismo. Gli Stati Uniti devono correggere immediatamente i propri errori, astenersi dal coprire le organizzazioni terroristiche e smettere di fare marcia indietro sulla cooperazione internazionale contro il terrorismo”, ha riassunto Wenbin. Ha sottolineato che “la lotta contro ETIM è un consenso della comunità internazionale e una parte importante dello sforzo internazionale contro il terrorismo”.

Il 5 novembre, il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha revocato la designazione di “organizzazione terroristica” al Movimento islamico del Turkestan orientale.

Terroristi cinesi Uiguri, fanatici jihadisti, considerati da Washington “ribelli democratici”.

Nota: Ci sono molti sospetti e quasi una certezza che le agenzie di intelligence statunitensi come la CIA e le ONG come la “National Endowment for Democracy” (NED) stiano operando per utilizzare elementi uiguri cinesi del Xinjiang per operazioni di sabotaggio e terrorismo all’interno della regione cinese del Xinjiang, in forma simile alle attività di destabilizzazione svolte dagli USA in Siria. Ancora una volta gli USA sono intenzionati a utilizzare elementi islamici fanatizzati e radicali per le loro finalità di destabilizzazione e indebolimento della Repubblica Popolare Cinese. Tutta l’operazione viene coperta dai media occidentali come “difesa dei diritti umani”.

Fonti: Asia Times – RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

14 Commenti

  • atlas
    8 Novembre 2020

    MMAH…ma quanta cazzo diggente che non sa dire altro che ‘per favore finitela di fare così…gentilmente smettetela di fare colà’ …… io non sono così

    Adolf Hitler nel 1936 iniziò a stampare moneta propria e si fece la guerra contro tutti i giudeizzati che lo combatterono, FINO ALLA FINE

    c’avete le armi per combatterli ? Partite. Anche per primi. La zanzara ferma sul muro si deve eliminarla, non si deve aspettare che ci si addormenti per farsi pungere e succhiare il sangue. Così sono i giudei, dei succhiasangue. Si prevarrà o si morirà sino all’ultimo, con Onore, ma mai schiavi

    se no si sta zitti, ci si abbassa i pantaloni e ci si mette alla pecorina, che si fa più bella figura. Non ci sono mezze misure, il diritto sta nella forza

  • giulio
    8 Novembre 2020

    Se c’è una cosa che mi fa contento della sconfitta (brogli o non brogli) di Trump è che almeno per un po’ non vedremo in televisione quel maiale mafioso e sionista del suo segretario di stato Pompeo.

    • atlas
      8 Novembre 2020

      vedrai il sangue mescolato della Kamala Devi Harris sei contento ? E poi Soros, Obama, i Clinton … ce n’è da stare allegri …

      • giulio
        8 Novembre 2020

        tutto il sangue versato da obama in medio oriente e altrove non è stato certo fermato da Trump…non c’è stata una sola guerra di obama o di bush che sia stata fermata!
        In compenso, di suo, trump ha stracciato accordi con l’iran, accordi con la russia riguardo ai missili a medio raggio, accordi sul clima (anche se si tratta solo di chiacchiere).
        La situazione in bielorussia l’ha iniziata trump …idem riguardo al caucaso e il kirghizistan , non parliamo del riarmo dei golpisti ucraini.
        E’ difficile capire la propensione di alcuni a stracciarsi le veste per la sconfitta di Trump paventando che da domani ci saranno fiumi di sangue per colpa di biden e della clinton.
        La realtà è che sono uno peggiore dell’altro e tutti sono degli schifosi imperialisti … la differenza è che trump e pompeo sono anche dei gangster manifesti e dichiarati.
        Non si capisce neppure come si fa a dichiararsi anti giudei e poi preferire un trump che si è dimostrato il migliore alleato dei giudei (vedi questione gerusalemme, alture del golan occupate dai giudei col suo consenso, distruzione di case palestinesi e via dicendo)

        • atlas
          8 Novembre 2020

          ma cos’è che c’hai in kirghizistan, una ragazza ? E com’è, è bella ?

          (io preferisco le donne Giulio)

          • giulio
            8 Novembre 2020

            solo te potevi dare una risposta del genere! comunque, si la kirghisa è bellissima , scopa che è una meraviglia e non è una puttana.

          • atlas
            8 Novembre 2020

            solita trasgressione sinistra in una triste dialettica delle opinioni … cmq era per significarti che non è il kirghizistan la ragione primaria della mia vita. Tu invece ce lo metti a quasi ogni commento, mi sono indispettito

            auguri (il problema è dei figli…)

          • giulio
            8 Novembre 2020

            nel mio commento avevo citato anche il caucaso e la bielorussia…non solo il kirghizistan che, comunque, guarda caso, confina con quella parte della cina su cui l’imperialismo punta per creare disordini in cina…non mi sembra che sia una cosa poi tanto secondaria…ma sei libero di dedicare le tue attenzioni alla sicilia e al regno borbonico!

          • atlas
            9 Novembre 2020

            ce li ho tutti in testa i tuoi commenti, anche dove c’è scritto del Kirghizistan, tanti

            sono tutti ‘perle’ incommensurabili, mica roba da dare ai porci…

            li ho stampati e ne sto facendo dei quadretti da appendere, sono ‘massime’

          • atlas
            9 Novembre 2020

            e dimmi, ti piace la mia ironia ? E’ scurrile ? Non ti piace ? E chi se ne frega

            epporca puttana bastarda!!! …

            ha ragione monk

            quì a Milano hanno chiuso tutto, chissà dov’è quella mia cinese che mi faceva i massaggi, nemmeno il tempo di mangiarci assieme…

            e mi tocca leggere cristi morti…

        • Monk
          8 Novembre 2020

          Il deep state lo conosci o ti piace solo farneticare? Trump non è il massimo ma vedrai adesso i tuoi amici sionisti come ci cuoceranno bene; guarda caso Trump è stato distrutto dopo un mandato, tutte le altre merde globaliste due mandati. riflettiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii porca puittana bastarda!!!

  • Monk
    8 Novembre 2020

    I cinesi dovrebbero essere polverizzati, maledetti musi gialli

  • eusebio
    9 Novembre 2020

    Se i cinesi pensavano che con Biden potevano stare tranquilli si sono illusi, Biden vuol dire il ritorno delle guerre per esportare la democrazia e il bersaglio grosso è la Cina, hanno una breve finestra di tempo per poter rovesciare il regime comunista, il PIL cinese aggregato a quello di Hong Kong e Macao è circa 16 trilioni di dollari in ascesa, mentre quello USA è di circa 20 in caduta, se non c’era stato il covid ancora un paio di anni e era pari, le forze armate cinesi ormai sono superiori in molti campi, i cinesi hanno tralasciato le portaerei perchè obsolete ma per il resto gli USA sono indietro.
    Anche nelle tecnologie spaziali e TLC i cinesi sono avanti, gli USA negli anni novanta in questo campo hanno ammazzato l’industria europea per evitare la concorrenza ma loro erano già indietro a noi e adesso sono dietro alla Cina che ha fatto retroingegneria sui nostri prodotti.
    La Cina ha rimodulato gli scambi commerciali riducendo quelli con USA e UE e incrementando quelli con i paesi ASEAN, ovvero l’Indocina e vicini che sono i loro attuali maggiori partner, con un traffico complessivo di 500 miliardi di dollari, e con la Russia, con cui ha un’interscambio commerciale di 120 miliardi.
    Insomma Shangai è il nuovo centro dell’economia mondiale questo l’oligarchia anglosionista non lo sopporta, il dollaro sta tramontando e gli oligarchi che lo usano vogliono la guerra alla Cina e alla Russia, gli elettori di Trump erano stufi di combattere le guerre anglosioniste con le tasse e il sangue e ora Biden gli è stato imposto con la frode.
    L’impero si prepara ad attaccare l’Eurasia da tutte le parti, Cina e Russia facevano meglio ad attaccare per prime.

    • giulio
      9 Novembre 2020

      ma se cina e russia sono militarmente avanti agli Usa in quasi tutto, come potete pensare che gli usa di Biden presto li attaccheranno con missili e carri armati?
      In realtà l’attacco degli Usa è già iniziato fin dai tempi di Bush, è proseguito con obama ed è arrivato ai massimi livelli con Trump.
      Secondo voi le sanzioni strangolatrici, le chiusure di consolati, gli arresti di scienziati cinesi, il boicottaggio sono qualcosa di diverso da una guerra?
      Secondo voi l’attacco nel caucaso, in bielorussia e in kirghizistan sono solo movimenti interni spontanei e non la creazione di una cintura di paesi per circondare e minacciare russia e cina (e la stessa Iran)?
      Questi ultimi fronti di guerra non sono stati aperti da obama o biden ma proprio da quel Trump che esaltate o preferite come se davvero fosse una colomba di pace.
      L’impero, ancora per un po’, non credo che attaccherà direttamente nè la russia nè la cina proprio perchè militarmente abbastanza debole nei loro confronti ma cercherà di stringere ancora di più il cappio sia economico che politico e militare attorno a quei paesi e prima di ogni altro cosa dovranno attaccare l’iran! quest’ultimo è davvero nei loro programmi immediati di attacco anche grazie alla spinta che esercita in quella direzione lo stato sionista del medioriente.

Inserisci un Commento

*

code