PD-Draghi: l’asse italiano

Fonte: Antonio Catalano

Il Pd è in prima linea per sostenere l’intervento armato in Ucraina, in prima linea nella propaganda di guerra, in prima linea nella difesa della Nato, in prima linea per sostenere l’odio verso i russi, in prima linea per affamare il popolo al quale non può offrire di meglio che quello che ha promesso Biden: carenza di cibo. Un partito che domina in tutte le articolazioni dello stato nei suoi gangli vitali: magistratura, sanità, istruzione, cultura e spettacolo, editoria, rai e settore di produzione delle armi, dove ha suoi elementi di spicco piazzati nei posti chiave. Alessandro Profumo: amministratore delegato di Leonardo-Finmeccanica; Marco Minniti: Fondazione Med-Or; Luciano Violante: Fondazione Leonardo; Nicola Latorre: Agenzia Industria Difesa. Ricordo che Leonardo produce velivoli militari ed elettronica per la sicurezza e che la fondazione Med-Or è una costola di Leonardo. Alessandra Moretti, naturalmente del Pd, propone sanzioni penali per chi usa il segno “Z” (usata dall’esercito russo) nei luoghi pubblici. La “Stampa” di Torino pubblica un articolo in cui si scrive che «escluso l’intervento militare e amputata la soluzione diplomatica non resta che teorizzare l’uccisione dello Zar [Putin] per mano di un fedelissimo». Fatto gravissimo, tant’è che l’ambasciatore russo in Italia annuncia la decisione di querelare l’articolo. E invece che scusarsi per la gravissima affermazione, Enrico Letta scrive: «Con Massimo Giannini e La Stampa. Solidarietà, sostegno e avanti!». Seguiti da Di Maio, Fico, Brunetta, Bonaccini e Provenzano e Draghi. Quest’ultimo si associa a Letta nell’esprimere solidarietà al quotidiano torinese affermando, col sorrisetto sulle labbra, che da noi «la libertà di stampa è sancita dalla Costituzione. Non è una sorpresa che l’ambasciatore russo si sia così inquietato: nel suo paese non c’è libertà di stampa. Da noi c’è e si sta molto meglio». Bravo Draghi, sicuro che da noi c’è libertà di stampa? Sicuro che da noi c’è pluralità? Basti solo, per non farla lunga, vedere come la Rai ha stracciato il contratto con il prof. Orsini, reo soltanto di esprimere una lettura non in linea con la propaganda di regime. E che dice il nostro oligarca Draghi a proposito di Julian Assange, che si trova incarcerato nel penitenziario londinese di Belmarsh dall’11 aprile del 2019 e rischia negli Usa 175 anni di galera per aver svelato crimini di guerra che non doveva svelare? Fosse per Letta non basterebbero 350 di anni.

19 Commenti
  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 20:19h, 30 Marzo Rispondi

    draghi è di ad un livello imbarazzantissimo.

  • Gabriella
    Inserito alle 21:11h, 30 Marzo Rispondi

    L’uomo ha per natura l’esigenza di difendere la libertà ; dal momento che gli Italiani non possono o non vogliono più difendere la propria, difendono quella degli Ucraini .

    • Mauro
      Inserito alle 07:30h, 31 Marzo Rispondi

      Della libertà non frega niente a nessuno. Cosa hanno fatto tutti questi “difensori” nei confronti della Siria, dello Yemen, della Striscia di Gaza?!? Anche li muoiono (ancora) donne e bambini! L’uomo ha per sua natura l’esigenza di difendere i propri tornaconti personali e, mi permetta, in questo gli italiani sono bravissimi! Peccato si stiano difendendo tornaconti esclusivamente “Made in USA” in un mondo che sta cambiando e non sarà mai più come prima, proprio a causa di quello che gli USA hanno fatto e vogliono continuare a fare. Siamo dalla parte sbagliata delle barricate e ne pagheremo le conseguenze …….Non i nostri politici, però. Loro prendono le decisioni (suggerite degli USA) e a pagare siamo noi italiani. Mi perdoni il cinismo, ma la fiducia nelle persone l’ho persa ormai da molto tempo.

  • Alberto
    Inserito alle 21:26h, 30 Marzo Rispondi

    Lo stabilizzarsi del fronte rosa/ nero (democratici+ nazisti) struttura forte di potere che fa sorriderei sui carnevaleschi rosso/bruni e’ la porta per la solita tragedia italiana che ogni poche generazioni combina il disastro. Quando sara’ che gli uffici studi nei grattacieli potranno essere presi come il palazzo d’ inverno? Le e’lites possono diventare decadenti come le aristocrazie?

  • Manente
    Inserito alle 21:57h, 30 Marzo Rispondi

    Non sarà facile liberarsi di questa cabala criminale ma il “combinato disposto” della vittoria sempre più vicina di Putin in Ucraina con la scoperta dei laboratori segreti di guerra biologica che coinvolgono direttamente Hunter Biden che peraltro confermano tutti i peggiori sospetti sulla “finta pandemia”, unitamente allo scandalo della mazzetta di milioni di dollari che Biden padre ha ricevuto dalla moglie del sindaco di Mosca, potrebbe provocare il crollo del presidente Usa, del partito democratico con gravissime ripercussioni su tutto il Deep-state. La inaudita campagna di guerra di Draghi, Letta e della associazione a delinquere di cui fanno parte, si spiega benissimo con il terrore di costoro che, qualora Trump o chi per lui riuscisse a ritornare al potere, la loro sorte sarebbe segnata !

  • Natascia
    Inserito alle 05:36h, 31 Marzo Rispondi

    Anche se alle prossime elezioni fosse votato solo dal 5% dei votanti, notare votanti , non elettori, continuerà’ a reggere le disgraziate sorti di questo paese.. la vera classe dirigente sarà nuda e sola al comando. Finalmente liberi di vedere.

  • blackarrow
    Inserito alle 06:53h, 31 Marzo Rispondi

    Il comunismo non è altro che la deriva morale del fascismo, non a caso individui ambigui, come lo sono la maggior parte degli appartenenti alla classe politica del PD, veste le sue casacche una sopra l’altra e alla bisogna vestono quella giusta per non sispiacere il padrone.

    • Giorgio
      Inserito alle 10:58h, 31 Marzo Rispondi

      Padrone che è sempre lo stesso ….. ma che nonostante i servigi vergognosi della nostra classe politica è destinato a fare una brutta fine …. insieme naturalmente a noi stupidi autolesionisti …

  • Der einsamer Stein
    Inserito alle 06:55h, 31 Marzo Rispondi

    Draghi, quella mezza tacca che si crede un padreterno, che fra tutti gli europei si distingue per essere il più scodinzolante nei confronti dei padroni amerikani. Vorrei solo fargli una facile domandina: gli è mai venuto in mente che fornendo sottobanco armi al giullare di corte la guerra non può che prolungarsi con conseguente aumento dei morti?

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 09:39h, 31 Marzo Rispondi

    Merda si mischia a merda… in modo del tutto naturale!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Massimo Pellegrini
    Inserito alle 10:25h, 31 Marzo Rispondi

    Purtroppo siamo servi di uno stato succube a sua volta dell’America, Nato, OMS per colpa di una dirigenza politica corrotta e senza scrupoli!!.
    E il bello di tutto è che molti del popolino ITALIANO sono così ottusi e pure convinti che questi politici siano quelli bravi.
    CI DOBBIAMO SVEGLIARE PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI E RIVOLTARCI !!!!!!

  • Gianni togni
    Inserito alle 15:53h, 31 Marzo Rispondi

    Mia suocera diceva…. “finché nn arrivarono le bombe in testa (a lei gli sono arrivate veramente alla età di 20anni) il signor Mussolini non c’è lo toglieva nessuno…

    • natalino
      Inserito alle 16:38h, 31 Marzo Rispondi

      Visto i risultati, nel cambio, mi sembra che non ci abbiamo guadagnato.
      Prima avevamo un autoritarismo autoctono ed autonomo. Adesso ci comanda un senile e stizzoso personaggio triviale e scurrile che sta in Washington. Draghi é solo un esecutore di ordini.

  • natalino
    Inserito alle 17:11h, 31 Marzo Rispondi

    Draghi finalmente ieri, dopo una lunga attesa, ha ottenuto udienza alla corte di Putin.
    Con cipiglio perentorio ha richiesto un cessate il fuoco immetiato, salvo inanerrabili conseguenze. Gli avrá senz’altro comunicato l’allarmante notizia che stiamo mandando armi al commediante di nome Zelensky. Putin peró per niente impressionato da cotanta esternazione, gli ha risposto paga le bollette se no ti taglio gli allacci.
    Draghi, come un drago, vorrebbe incenerirlo con lingue di fuoco per essere stato costretto rivelarsi come un truffaldino oltre che incompetente in materia economico-finanziaria, ma gli manca l’energia per il fuoco e dalla sua bocca non puó uscire altro che un timido gracchiare in stile batrace..
    Intanto Putin firma il decreto per il pagamento in rubli e il rublo e quasi tornato a livello pre-crisi e pare che il trend positivo lo porterá a valorizzarsi significativamente oltre quei livello.
    Scusate il tentativo di satira. Ma di questi tempi é bene sdrammatizzare

    • Giorgio
      Inserito alle 09:45h, 01 Aprile Rispondi

      E’ un ottima descrizione Natalino ….. infatti la situazione è tragicomica ….

  • Halak
    Inserito alle 18:48h, 31 Marzo Rispondi

    Sfortunatamente l’Italia non è soltanto afflitta dal PD, ma anche dalla mancanza di una opposizione politica reale al PD. Quella che si spaccia per tale in realtà ha la stessa posizione politica, tanto è vero che votano tutti a favore del medesimo governo.

    • Giorgio
      Inserito alle 09:55h, 01 Aprile Rispondi

      Tutto il parlamento, tranne qualche singolo, su posizioni più oltranziste e atlantiste della stessa Cia e Pentagono ….
      più realisti del re ….. forse verremo rasi al suolo non da atomiche russo-cinesi …..
      ma dai nostri stessi “padroni” perchè il nostro ottuso oltranzismo atlantista si rivelerà dannoso anche per loro …..

  • Pippo
    Inserito alle 23:05h, 31 Marzo Rispondi

    Un po’ di ironia….per un governo ancora più al passo coi tempi : Draghi bis con partiti di maggioranza Letta + casa Pound . Riguardo alle nostre tasche non importa se tutto aumenta , il commercio va male il turismo peggio , la propensione alle spese zero etc ..tanto al governo qualcuno è contento : il PIL si rialzerà con Leonardo!

  • Gianni togni
    Inserito alle 09:40h, 01 Aprile Rispondi

    D’accordo con Pippo, aspettiamo le future bollette e nuovo catasto… Nel frattempo l’accoglienza dei profughi aumenta in modo esponenziale, così andremo noi italiani in paradiso…. Ma morti da fame….

Inserisci un Commento