Patto strategico – Iran e Cina cambiano le regole del gioco in Medio Oriente

di Alexandre Lemoine

La firma di un nuovo accordo di cooperazione strategica di 25 anni tra l’Iran ricco di petrolio e la Cina che rivendicano lo status di potenza mondiale sta cambiando le regole del gioco non solo in Medio Oriente, ma anche in Asia.
La Cina sta creando un nuovo “tentacolo strategico” per gli Stati Uniti e i suoi alleati nella regione, affermano gli osservatori della rivista analitica australiana The Strategist .

L’accordo segna il culmine dei crescenti legami economici, commerciali e militari tra i due paesi dalla rivoluzione islamica del 1979 in Iran. Sebbene il contenuto dell’accordo non sia completamente divulgato, implicherà necessariamente investimenti cinesi su larga scala nelle infrastrutture e nei settori industriale e petrolchimico dell’Iran. Rafforzerà inoltre la cooperazione militare, di intelligence e antiterrorismo e collegherà strettamente l’Iran alla Belt and Road Initiative cinese come strumento di influenza globale, afferma la rivista.

Secondo alcune fonti, l’accordo prevede investimenti cinesi per 400 miliardi di dollari, in particolare nel mercato iraniano del petrolio e del gas entro 25 anni.

Gli scambi sino-iraniani nel 2016 sono ammontati a 31 miliardi di dollari dopo la firma un anno prima del Piano d’azione globale congiunto sul nucleare iraniano. Tuttavia, hanno rallentato dopo la cessazione unilaterale dell’accordo nucleare da parte di Donald Trump nel maggio 2018, nonostante l’opposizione di altri firmatari del piano d’azione, Russia, Cina, Regno Unito, Francia e Germania, che a quel punto avevano decretato severe sanzioni contro l’Iran. Tuttavia, ora il commercio sino-iraniano è pronto a raggiungere nuove vette.

Questo sviluppo esponenziale delle relazioni si basa sull’interesse reciproco dei paesi ad affrontare gli Stati Uniti ei loro alleati. Una più ampia e profonda cooperazione tra Cina e Iran, soprattutto nel contesto dei loro stretti legami con la Russia e le relazioni ostili di questo “trio” con gli Stati Uniti, ha un potente potenziale per cambiare il panorama strategico regionale., Osserva The Strategist .

Fino ad allora, la Cina si era sforzata di non cooperare con l’Iran al punto da poter minacciare le sue relazioni redditizie con l’Arabia Saudita ricca di petrolio, uno dei principali rivali regionali dell’Iran, così come altri partner tra le monarchie arabe. Nel 2019, la Cina ha importato quasi il 17% del suo fabbisogno di petrolio dall’Arabia Saudita, oltre a quantità minori da Kuwait, Emirati Arabi Uniti e Oman. La seconda potenza economica al mondo ha coperto solo il 3% del fabbisogno interno di questo idrocarburo strategico grazie alle forniture dall’Iran, posto sotto l’embargo petrolifero americano dal novembre 2018.

La Cina mantiene anche la cooperazione militare e di intelligence a un livello ragionevole con Israele, un altro grande avversario dell’Iran in Medio Oriente.

La firma da parte di Pechino di questo importantissimo accordo con Teheran suscita grave preoccupazione per i Paesi del Golfo Arabo, Israele e Stati Uniti. Erano già preoccupati per la “minaccia” iraniana nella regione, data la crescente influenza di Teheran in Iraq, Siria, Libano e Yemen, così come il suo sostegno ai palestinesi. Gli Stati Uniti sono anche preoccupati per l’influenza dell’Iran in Afghanistan, dove gli americani ei loro alleati hanno combattuto senza successo per due decenni contro il movimento radicale talebano, dal quale Washington vuole ritirarsi il più rapidamente possibile adottando determinate misure per salvare la faccia, continua il media.

Esercitazioni militari cinesi

E ora, dopo diversi anni di politica statunitense di massima pressione degli Stati Uniti sull’Iran volta a distruggere l’economia iraniana e destabilizzare il suo sistema politico dall’interno, Pechino mostra la sua disponibilità a investire centinaia di miliardi di dollari in questa economia e quindi dare una mano a Teheran.

Dati gli stretti legami tra Iran e Russia, l’accordo Cina-Iran crea potenzialmente un potente asse che rafforzerebbe solo la posizione regionale di Teheran e le sue posizioni negoziali con l’amministrazione di Joe Biden riguardo al ritorno degli Stati Uniti al Piano d’Azione.

Gli iraniani tradizionalmente temevano un’alleanza con qualsiasi potenza mondiale, anche se durante il periodo dello Scià il loro paese entrò nell’orbita americana, il che contribuì notevolmente alle premesse per i movimenti rivoluzionari in Iran a cavallo tra gli anni ’70 e il 1980. Ma i continui tentativi Gli Stati Uniti per fare pressione e isolare l’Iran, soprattutto sotto Donald Trump, hanno spinto sistematicamente Teheran a guardare ad est e ad andare verso la firma di un accordo con la Cina.

Poiché anche la Turchia si sta allontanando dagli Stati Uniti raggiungendo Cina e Iran, nonostante le controversie tra Ankara e Teheran in Siria, le alleanze concrete che si formano in questa regione strategicamente ed economicamente vitale rappresentano un problema molto più grande per l’amministrazione Biden di quanto ci si potrebbe aspettare. Se fino ad ora Joe Biden pensava che Russia e Cina sarebbero stati i suoi principali obiettivi di politica estera, ora dopo il rivoluzionario accordo sino-iraniano, il Medio Oriente potrebbe diventare altrettanto difficile per gli americani., Conclude The Strategist .

Missili iraniani in parata

Il 27 marzo il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e il suo omologo cinese Wang Yi hanno firmato un patto di cooperazione strategica tra i due paesi. La cerimonia della firma si è svolta a Teheran. Secondo le autorità iraniane, il documento è programmato per 25 anni e contiene elementi politici, strategici ed economici.

Ora gli Stati Uniti ei loro alleati potrebbero perdere gran parte della loro influenza, così come la possibilità di fare pressione su Teheran che, con l’appoggio di Pechino, potrebbe ripristinare la sua influenza di un tempo, se non andare oltre, il tutto attirando la Cina tra i giocatori centrali in questa arena.

fonte: https://www.observateurcontinental.fr

Traduzione: Gerard Trousson

4 Commenti
  • BillGames
    Inserito alle 22:43h, 31 Marzo Rispondi

    La spazzatura, se la raccogli differenziandola, è sempre un vantaggio. Se diventi un rifiuto hai sempre la possibilità di diventare riciclabile. Quello che diventerete è già scritto.

  • atlas
    Inserito alle 22:55h, 31 Marzo Rispondi

    legami addirittura dal 1979 ? Non si finisce mai d’imparare. Io ho sempre saputo che una delle prime cose che fece Khomeiny fu di massacrare il partito comunista iraniano

  • Mario
    Inserito alle 08:53h, 01 Aprile Rispondi

    CINA RUSSIA ULTIMA SPERANZA…….

    .

  • Giorgio
    Inserito alle 09:18h, 01 Aprile Rispondi

    Verissimo Atlas ….. i comunisti furono scaricati e perseguiti da Khomeiny nonostante avessero preso parte attivamente alle manifestazioni antimperialiste contro il regime filo usa di Reza Palhavi, durante le quali molti di loro furono vittime della repressione …..

Inserisci un Commento