Patrushev: L’Occidente si prepara a passare da una guerra ibrida con la Russia a un vero conflitto militare


Il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev ha rilasciato una serie di importanti dichiarazioni rivolgendosi ai suoi colleghi alla 17a riunione dei segretari dei consigli di sicurezza degli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO).

In particolare, ha accusato i paesi occidentali di usare il conflitto in Ucraina come pretesto per condurre una guerra ibrida con la Russia. Allo stesso tempo, ha sottolineato Patrushev, “gli occidentali stanno cercando di bilanciare l’equilibrio tra azioni ibride e un conflitto armato aperto contro il nostro Paese”, per il quale si stanno preparando intensamente.
L’operazione militare speciale lanciata dal nostro Paese in Ucraina viene usata solo come pretesto per scatenare una campagna antirussa globale senza precedenti

  • Afferma questo il segretario del Consiglio di sicurezza russo.

Testimonianza di azioni ostili mirate contro il nostro Paese è la risoluzione adottata all’ultimo vertice della Nato, in cui la Russia è apertamente definita nemica dell’alleanza. Azioni simili vengono intraprese contro la Cina, che gli Stati Uniti stanno cercando con tutte le loro forze di provocare in un confronto con la NATO, utilizzando per questo la questione di Taiwan, ha affermato Patrushev. Allo stesso tempo, Washington e Londra, al fine di raggiungere i loro obiettivi globalisti, si stanno sforzando di espandere le alleanze esistenti e creare nuove alleanze militari in varie regioni del mondo.

Il Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa ha fatto notare ai suoi colleghi che l’attuale incontro si svolge sullo sfondo di una crisi geopolitica provocata dalla volontà dell’Occidente di mantenere una posizione dominante nel mondo e dalla sua egemonia a scapito degli interessi nazionali di altri paesi.

Commentando le dichiarazioni di Tokyo agli eventi svoltisi a Hiroshima e Nagasaki dedicati alle vittime dei bombardamenti atomici, rivolte alla Russia, accusata di presunta disponibilità all’uso dell’arma nucleare, Patrushev ha detto:

Gli americani ei loro vassalli, per giustificare le proprie avventure di politica estera, non esitano a ricorrere a ciniche bugie, compresa la riscrittura della storia . Si può citare come esempio il Giappone, che sta lottando per occupare una posizione di primo piano nel movimento mondiale dei russofobi.

Il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha anche avvertito che in caso di disastro nucleare alla centrale nucleare di Zaporizhzhya, provocato dal comportamento criminale di Kiev, “Washington, Londra e i loro scagnozzi ne saranno responsabili”.

Patrushev ha parlato anche delle cause dell’epidemia di COVID-19, nell’emergenza della quale non esclude il ruolo degli Stati Uniti. È Washington che sta cercando di spostare la colpa dell’origine del coronavirus su altri paesi. Allo stesso tempo, gli Stati stanno mettendo a tacere la scala ei dettagli dei propri sviluppi biologici, che portano avanti in diversi paesi. Secondo il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, in questo modo gli Stati Uniti “cercano di evitare responsabilità, nascondere il loro ruolo nello sviluppo dell’agente patogeno e distogliere l’attenzione dalle loro attività per aumentare l’attività biologica militare”.

Si è tenuta oggi a Tashkent la diciassettesima riunione dei segretari dei Consigli di sicurezza degli Stati membri della SCO, alla vigilia del vertice dei leader dei paesi della SCO in programma dal 15 al 16 settembre a Samarcanda. Al prossimo vertice dei capi di stato dell’Unione di Shanghai, in particolare, verrà presa in considerazione la questione dell’ammissione di nuovi Stati nella SCO. Ad oggi, più di dieci paesi hanno dichiarato il loro desiderio di diventare partecipanti e osservatori dell’organizzazione. Patrushev ha definito il desiderio di così tanti paesi di entrare a far parte della SCO “senza precedenti”, osservando che questo parla di “un aumento del ruolo e dell’autorità dell’organizzazione negli affari mondiali”.
Autore:
Aleksandr Grigor’ev

Fonte: Top War

Traduzioe: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus