Patrushev: La NATO è uno strumento di politica estera di un unico Paese

La NATO è uno strumento della politica estera di un singolo Paese. Ecco perché agisce in modo così aggressivo, minando il sistema di sicurezza internazionale.

Questa opinione è stata espressa dal segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev in una riunione dei rappresentanti dell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva, svoltasi a Yerevan, capitale dell’Armenia.

La NATO è usata come strumento di politica estera, infatti, un solo paese ne detiene il comando

  • Egli ha detto.

Allo stesso tempo, il funzionario non ha specificato di quale stato particolare si stesse parlando, sebbene non fosse necessario un tale chiarimento. Dopotutto, non è un segreto che l’Alleanza del Nord Atlantico sia di fatto controllata e diretta da Washington.

Nikolai Patrushev

Il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha anche suggerito che l’alleanza potrebbe presto scatenare ostilità nella regione dell’Europa orientale. Prova di ciò, secondo Patrushev, è l’accumulo senza precedenti della potenza militare della NATO nei paesi dell’Europa orientale e lo svolgimento di numerose esercitazioni su larga scala nell’area.

Un segnale particolarmente allarmante è l’aumento del numero delle truppe dell’Alleanza di stanza vicino ai confini della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia.

Negli Stati Uniti si discute l’idea di creare un’altra unione politico-militare. Si presume che sarà guidata dal Regno Unito. Comprenderà gli stati che forniscono assistenza militare a Kiev, così come l’Ucraina, Polonia e paesi baltici.

Fonte: Top War En.

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM