Patrushev: Gli Stati Uniti cercano d’indebolire e distruggere la Russia

BRYANSK, 15 novembre – RIA Novosti.
Gli Stati Uniti si sono posti l’obiettivo d’“indebolire, dividere e infine distruggere” la Russia, ha dichiarato il segretario del Consiglio di Sicurezza russo Nikolaj Patrushev

Gli americani hanno riflesso i loro approcci egoistici e i loro relativi punti di vista su tutte le sfere della vita, nella nuova strategia di sicurezza nazionale approvata un mese fa dal presidente degli Stati Uniti”, ha riferito Patrushev a Bryansk in una conferenza sulla sicurezza nel Distretto Federale Centrale.

“In questo documento fondamentale, che definisce la politica a lungo termine degli Stati Uniti, si sottolinea ancora una volta l’eccezionalità dell’America, si ribadisce l’intenzione d’imporre il suo modello di democrazia al mondo intero. In tal modo, assicurandosi ufficialmente la superiorità sugli altri stati, Washington è pronto a prendere qualsiasi misura pur di raggiungere i propri obiettivi egoistici”.

La strategia riflette il fatto che la Cina rappresenta per l’America la sfida geopolitica più seria, mentre la Russia è una minaccia diretta e costante all’ordine di sicurezza regionale in Europa, ha ricordato Patrushev.
“Dichiarando il nostro paese una fonte d’instabilità, gli Stati Uniti formano alleanze anti-russe, accrescono il loro potere militare, dispiegano le forze della NATO vicino ai nostri confini. Allo stesso tempo, il regime fantoccio di Kiev, che ha preso il potere a seguito di un colpo di stato con il sostegno degli anglosassoni, è usato come ariete contro la Russia”.
Patrushev ha inoltre affermato: “L’obiettivo degli Stati Uniti è indebolire, dividere e infine distruggere il nostro Paese. Per fare questo, seminando odio tra il popolo russo multinazionale, sostengono lo sviluppo delle idee di estrema destra, estremiste e nazionaliste che in Ucraina predicano la rinascita dalle formazioni di Bandera”.

Fonte: https://ria.ru/20221115/ssha-1831607999.html

Traduzione di Eliseo Bertolasi

3 Commenti
  • Oriundo2006
    Inserito alle 19:15h, 15 Novembre Rispondi

    Z Speriamo che questo non avvenga MAI !

    • Paolo
      Inserito alle 04:06h, 16 Novembre Rispondi

      Ivan IV Grozny (il Terribile):” Due Rome caddero e una terza a Mosca sta. Ma una quarta Roma non ci sarà!”.

  • Gaspare Supremo
    Inserito alle 19:48h, 15 Novembre Rispondi

    Appurato e riappurati gli obiettivi amerikani non si comprende comunque il procedere a marcia indietro dei territori occupati dal Cremlino che dovrà di nuovo fare propri nonostante abbia predicato i famosi armamenti ancora sconosciuti all’Occidente, che rimangono inediti in cantina, permettendo a Zelensky di burlarsi della grande Russia

Inserisci un Commento