Passi finali della rivoluzione multipolare: Contenere gli Stati Uniti in Europa


di Federico Pieraccini

Negli ultimi trent’anni gli Stati Uniti hanno portato il caos e la distruzione in vaste regioni d’Europa, nonostante il mito comune che il vecchio continente si sia crogiolato nella pace post-seconda guerra mondiale dell’ordine mondiale guidato dall’America. Questa falsità è alimentata da politici europei devoti all’Unione europea e desiderosi di giustificare e lodare il progetto europeo. Ma la storia dimostra che gli Stati Uniti hanno alimentato o diretto guerre devastanti nel continente europeo in Jugoslavia negli anni ’90, con il conflitto tra Georgia e Ossezia all’inizio degli anni ’90, con la guerra in Georgia nel 2008 e il colpo di stato in Ucraina nel 2014, con la conseguente aggressione contro il Donbass.

Il principale problema per gli alleati europei di Washington è sempre stato quello di contenere l’imperialismo statunitense. Per molti anni, specialmente dopo la fine della Guerra Fredda, i paesi europei hanno preferito rimettersi alle posizioni di Washington, confermando il loro status di colonie piuttosto che di alleati. È fondamentale riconoscere che i politici europei sono sempre stati al servizio di Washington, desiderosi di prostrarsi davanti all’eccezionalismo americano, favorendo gli interessi statunitensi rispetto a quelli europei.

Le guerre nel continente europeo sono una chiara dimostrazione di come Washington abbia usato l’Europa per promuovere i propri interessi. L’obiettivo costante dei neocon e dell’establishment di Washington è stato quello di negare qualsiasi possibilità di un riavvicinamento tra Germania e Russia, qualcosa che potrebbe potenzialmente portare a un pericoloso asse che minaccia gli interessi di Washington. La guerra di aggressione contro la Jugoslavia ha rappresentato il colpo di grazia alle repubbliche sovietiche, uno sforzo per bandire l’influenza di Mosca sul continente. La successiva guerra in Ossezia, Georgia e Ucraina ebbe il duplice obiettivo di attaccare e indebolire la Federazione Russa, oltre a creare un clima ostile per Mosca in Europa, limitando i contatti economici e diplomatici tra Est e Ovest.

Negli ultimi anni, specialmente dopo il colpo di stato in Ucraina, il ritorno della Crimea nella Federazione Russa e l’azione terroristica di Kiev contro il Donbass, le relazioni tra Russia e Occidente sono peggiorate a livelli storicamente bassi.

L’elezione di Trump ha inviato segnali confusi agli europei nei confronti della Russia. Inizialmente Trump sembrava intenzionato a stabilire buoni rapporti con Putin di fronte alla forte opposizione degli alleati europei come Francia, Germania e Regno Unito. Ma la possibilità di un riavvicinamento USA-Russia è stata gravemente minata da una combinazione data dall’inesperienza di Trump, degli scaltri consiglieri neocon che ha nominato e dell’influenza dello stato profondo (“deep State”) degli Stati Uniti. Questo sconvolgimento geopolitico ha avuto due conseguenze primarie. Per i tedeschi, in primo luogo, ha approfondito lo scambio di energia e la cooperazione economica con Mosca, soprattutto in relazione al Nord Stream 2. Ma d’altra parte, Trump ha trovato amici in paesi europei ostili alla Russia come la Polonia.

Le divergenze tra Stati Uniti ed Europa si sono ampliate con il ritiro di Washington da una serie di trattati importanti come il trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (trattato INF) e il piano d’azione globale congiunto (JCPOA), o l’accordo nucleare iraniano, che hanno entrambi un impatto diretto sull’Europa in termini di sicurezza ed economia. Donald Trump e il suo atteggiamento “America First” hanno quindi offerto agli europei uno spazio di manovra e un certo livello di autonomia, con il risultato di aumentare le sinergie con Mosca e soprattutto con Pechino.

In termini economici, la Cina ha offerto l’Europa (con la Grecia come primo esempio) piena integrazione nella Belt and Road Initiative (BRI), un progetto con vaste possibilità di incrementare il commercio tra dozzine di paesi. L’Europa diventerà il mercato principale per le merci cinesi, ma al momento uno dei maggiori ostacoli da superare può essere visto nei treni merci, che spesso iniziano il loro viaggio verso l’Europa, ma sono semivuoti nel loro viaggio di ritorno in Cina. Pechino e le principali capitali europee sono ben consapevoli del fatto che per rendere il progetto BRI economicamente sostenibile, questo scambio deve andare in entrambe le direzioni in modo che entrambe le parti guadagnino.

L’interconnessione tecnologica tra Cina ed Europa si sta già verificando grazie ai dispositivi Huawei che vengono acquistati dalle aziende europee in numero crescente. L’assenza di backdoor nei sistemi Huawei, in contrasto con quello che Snowden ha dimostrato con altri sistemi occidentali, è la vera ragione per cui Washington ha dichiarato guerra a questa società cinese. Lo spionaggio industriale è un vantaggio inestimabile apprezzato dagli Stati Uniti e la presenza di backdoor sui sistemi occidentali, a cui hanno accesso la CIA e la NSA, garantisce un vantaggio competitivo che consente a Washington di eccellere in termini di tecnologia. Con la diffusione dei sistemi Huawei questo vantaggio è perso, con dispiacere dell’apparato spia di Washington. Gli alleati europei comprendono il potenziale vantaggio che si può ottenere e si proteggono con i sistemi cinesi.

In termini tecnologici, gli sforzi di Pechino stanno dimostrando un grande successo in Europa e stanno aprendo la strada per la futura integrazione fisica nel BRI. In questo senso, la partecipazione di tali paesi europei come Regno Unito, Francia, Germania e Italia nella Banca d’investimento asiatica (AIIB) guidata dalla Cina mostra anche come la prospettiva degli investimenti di capitale cinesi sia di grande interesse per le economie europee in difficoltà.

In campo militare, il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF minaccia la sicurezza dei paesi europei a causa delle misure adottate dalla Federazione Russa per garantire la necessaria protezione dai sistemi statunitensi schierati in Europa. Un proverbio afferma che quando gli elefanti combattono, è l’erba che soffre. L’Europa, in quanto potenziale campo di battaglia in ogni confronto di grande potenza, ha il massimo da perdere da una nuova guerra fredda che potrebbe diventare rovente. La rivelazione di Mosca della sua nuova generazione di armi ha causato ansietà tra gli europei che temono che le loro vite possano essere sacrificate per soddisfare gli americani che si trovano a migliaia di chilometri di distanza. Allo stesso tempo, gli americani vogliono sbarazzarsi della NATO mentre chiedono che gli europei spendono di più per le armi americane e limitano anche gli investimenti sino-russi in Europa. È probabile che la rottura del trattato INF, combinata con le capacità convenzionali e nucleari di Mosca, aumenterà i colloqui diplomatici tra la Russia e l’Europa senza che gli Stati Uniti possano sabotare gli accordi futuri. Alcuni paesi europei sono desiderosi di liberarsi della politica di subordinazione dei loro interessi a quella di Washington, in particolare per quanto riguarda la sicurezza.

Gasdotto nord Stream 2

La Russia usa abilmente due strumenti decisivi per limitare l’influenza di Washington sull’Europa e contenere il caos prodotto dal suo establishment di politica estera.In primo luogo, ha la forza del suo arsenale convenzionale e nucleare che funge da deterrente contro le provocazioni eccessive. In secondo luogo, ha enormi giacimenti di petrolio e GNL che esporta in quantità considerevoli sul mercato europeo. La combinazione di questi due fattori consente a Mosca di contenere il caos scatenato dagli Stati Uniti in luoghi come la Georgia o l’Ucraina, oltre a limitare l’influenza degli Stati Uniti sugli affari interni europei, come si può vedere nel caso della Germania e del progetto Nord Stream 2. La Merkel è costretta a riconoscere che nonostante la sua demonizzazione di Mosca, Berlino non può farla finita con la fornitura di energia della Russia. Ciò ha aumentato le tensioni tra Berlino e Washington, con gli Stati Uniti desiderosi di sostituire il gas russo con il proprio LNG molto più costoso spedito attraverso l’Atlantico.

Il potere economico cinese, combinato con la deterrenza militare della Russia e la dipendenza europea dalla Russia per il suo approvvigionamento energetico, mostra che l’Europa non può permettersi di seguire il suo alleato americano nel comportarsi provocatoriamente contro l’asse sino-russo.

L’Europa ha inoltre sofferto di guerre americane in Medio Oriente e delle ondate di migranti causate da questo. Piccoli scatti di autonomia strategica possono essere visti nella creazione dello strumento a sostegno degli scambi commerciali (INSTEX), un sistema di pagamento alternativo al dollaro per aggirare le sanzioni contro l’Iran. Il poco o nessun supporto diplomatico esteso alla posizione anti-russa dell’Ucraina da parte della Francia e della Germania potrebbe essere visto come un altro segno di una maggiore indipendenza degli europei. La recente Conferenza sulla sicurezza di Monaco, con Poroshenko presente, ha ulteriormente confermato che la Merkel intende fare affidamento sull’approvvigionamento di gas russo nell’interesse della diversificazione energetica.

Le azioni combinate diplomatiche, militari ed economiche della Russia e della Cina in Europa sono decisamente più limitate ed efficaci in Europa rispetto ad altre parti del mondo come il Medio Oriente e l’Asia. La retorica politica, amplificata dai media, cioè contro la cooperazione tra Europa, Russia e Cina, serve solo gli interessi degli Stati Uniti. La Russia e la Cina stanno riuscendo a proporre valide alternative all’ordine mondiale unipolare di Washington, estendendo ai paesi europei una libertà strategica che altrimenti non sarebbe loro disponibile in un ordine mondiale unipolare diretto da Washington.

Merkel con Putin

Non è ancora chiaro se le capitali europee si stiano rivolgendo a Mosca al di fuori del sentimento anti-Trump piuttosto che anti-americano. Resta da vedere se questi cambiamenti sono temporanei e attendono il ritorno alla presidenza degli Stati Uniti di qualcuno che crede nell’egemonia liberale, o se i cambiamenti in corso sono i primi di una serie di sconvolgimenti che rimodelleranno progressivamente l’ordine mondiale da unipolare a multipolare , con l’Europa che sarà chiaramente uno dei poli principali.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • atlas
    2 Marzo 2019

    indebolire la Russia ? Quando questa si muove oggi non è mai a caso e manifesta solo efficienza. Agli usa serviva per valutare il tipo e il grado di capacità nella mobilitazione militare strategica del nemico ? Il risultato fu che Ossezia del sud e l’Abkhazia diventarono Stati indipendenti dalla Georgia e con accordi per la difesa militare con la Russia, il tutto tenendo ben nascosto cosa si cela del potenziale militare sotto le unghie da parte di Putin e Medvedev

Inserisci un Commento

*

code