Particelle di uranio provenienti dall’Ucraina rilevate in Europa che sollevano problemi di salute

Le élite occidentali, in tutta la loro stupidità, predicano il pericolo del cambiamento climatico e ignorano il pericolo dell’uranio impoverito.
Nel marzo 2023 il Regno Unito e nel settembre 2023 gli Stati Uniti hanno consegnato proiettili pieni di uranio impoverito all’Ucraina, o forse li hanno già consegnati prima, non lo sappiamo, di solito quando annunciano qualcosa è già successo!

L’uranio impoverito può essere utilizzato per rinforzare la corazza dei carri armati, ma è preferito per le armi a causa della sua estrema densità e capacità di perforare le armature dei carri armati convenzionali. Questi tipi di proiettili si affilano all’impatto, il che aumenta ulteriormente la loro capacità di perforare l’armatura, e si incendiano dopo il contatto.

Nel settembre 2023, dopo la consegna di questi proiettili pieni di uranio impoverito, il Ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver effettuato attacchi contro i magazzini in cui le truppe ucraine immagazzinavano questi proiettili all’uranio impoverito e i missili Storm-shadow a lungo raggio di fabbricazione britannica.

“La scorsa notte, le Forze Armate della Federazione Russa hanno lanciato un attacco di gruppo con armi aeree ad alta precisione a lungo raggio e veicoli aerei senza pilota nei siti di stoccaggio dei missili da crociera Storm-shadow e delle munizioni all’uranio impoverito”, ha detto il Ministero in una dichiarazione del settembre 2023 .

Sebbene il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, abbia affermato che non vi è alcun pericolo per la salute pubblica nell’uso dell’uranio impoverito, il Washington Post e altri giornali cosiddetti di qualità hanno invece affermato che esiste un pericolo reale per la salute pubblica. Il Regno Unito è stato il primo ad avviare le consegne di proiettili all’uranio impoverito e di missili Storm-shadow a lungo raggio all’Ucraina nel marzo 2023, nonché di munizioni all’uranio impoverito per il carro armato britannico Challenger 2. Gli Stati Uniti hanno annunciato il 6 settembre 2023 che avrebbero inviato munizioni all’uranio impoverito e bombe a grappolo all’Ucraina.

Nel maggio 2023 sono emerse informazioni su una potente esplosione in uno dei magazzini delle forze armate ucraine vicino alla città di Khmelnitsky, nell’Ucraina occidentale. Molto probabilmente a causa di un attacco missilistico da parte delle forze russe, è stato colpito un deposito di granate britanniche all’uranio. Secondo alcuni rapporti, anche un altro deposito contenente munizioni all’uranio impoverito è stato colpito dalla Russia nella regione di Ternopil.

Queste esplosioni hanno causato il panico tra i residenti dell’Ucraina occidentale, ma anche nelle zone di confine dell’Ucraina come la Polonia. Nei media ucraini è emersa la notizia di un aumento del livello di radiazioni gamma dopo la distruzione di entrambi i siti di stoccaggio. Gli scienziati hanno affermato che una dose piuttosto piccola di radiazioni gamma proveniva dall’uranio impoverito contenuto nelle munizioni; un forte aumento indica la distruzione di un gran numero di munizioni all’uranio impoverito, aumentando così il livello di materiale radioattivo nell’aria.

Nei giorni scorsi, lo scienziato britannico Dr. Christopher Busby , segretario scientifico del Comitato europeo per il rischio da radiazioni, ha fatto ulteriori rivelazioni, studi e ha segnalato un aumento della concentrazione di particelle di uranio nell’aria nel sud-est del Regno Unito. Ma in precedenza aveva pubblicato un abstract/documento intitolato: “Le armi all’uranio impiegate in Ucraina hanno aumentato significativamente i livelli di uranio nell’aria del Regno Unito”.

Inizia il suo articolo di ricerca con il seguente testo:

“I dati relativi al periodo da novembre 2017 a novembre 2022 sono stati ottenuti dall’Istituto per le armi atomiche, per scoprire se ci fosse un aumento dell’uranio associato alla guerra in Ucraina. I risultati di 9 campionatori d’aria ad alto volume distribuiti in loco e fuori sede da AWE hanno mostrato che c’erano livelli di uranio significativamente aumentati in tutti e 9 i campioni HVAS a partire dal febbraio 2022, quando iniziò la guerra. Il risultato ha implicazioni significative sulla salute pubblica per il Regno Unito e l’Europa”.

Numerosi documenti di ricerca sono inclusi nel database internazionale dell’energia atomica e, cosa interessante, si è già tenuta una conferenza nel 2001, a Praga, nella Repubblica Ceca, dove si possono leggere online diversi abstract di vari scienziati, sull’uranio impoverito e il risultato del suo utilizzo nella ex Jugoslavia e (nel sud)in Iraq.

La guerra della NATO contro la Jugoslavia è stata condotta con tutti i mezzi disponibili. La tecnologia militare più avanzata è stata impiegata senza la minima preoccupazione per le conseguenze sull’ambiente e sull’esistenza umana. I politici occidentali senza volto premevano i pulsanti. Gli scienziati hanno avvertito che tale volontà politica di utilizzare strumenti di distruzione di massa come l’uranio impoverito potrebbe portare conseguenze tragiche. I media mainstream occidentali, ma anche quelli serbi e jugoslavi, si sono particolarmente interessati al problema dell’uranio impoverito nel periodo novembre-marzo 2001. L’allora governo serbo dichiarò che il danno ecologico totale causato dai bombardamenti della NATO nel 1999 superava i 40 milioni di dollari americani. Il denaro necessario alla comunità internazionale per risanare i danni ammontava a 20 milioni di dollari e solo tra cinque anni si conosceranno gli effetti devastanti dell’uranio impoverito sull’uomo. Nel decennio successivo ai bombardamenti, circa 30.000 persone in Serbia soffrirono di cancro e più di 10.000 di loro morirono .

“I dati relativi al periodo da novembre 2017 a novembre 2022 sono stati ottenuti dall’Istituto per le armi atomiche, per scoprire se ci fosse un aumento dell’uranio associato alla guerra in Ucraina. I risultati di 9 campionatori d’aria ad alto volume distribuiti in loco e fuori sede da AWE hanno mostrato che c’erano livelli di uranio significativamente aumentati in tutti e 9 i campioni HVAS a partire dal febbraio 2022, quando iniziò la guerra. Il risultato ha implicazioni significative sulla salute pubblica per il Regno Unito e l’Europa”.Numerosi documenti di ricerca sono inclusi nel database internazionale dell’energia atomica e, cosa interessante, si è già tenuta una conferenza nel 2001, a Praga, nella Repubblica Ceca, dove si possono leggere online diversi abstract di vari scienziati, sull’uranio impoverito e il risultato del suo utilizzo nella ex Jugoslavia e (nel sud)in Iraq.La guerra della NATO contro la Jugoslavia è stata condotta con tutti i mezzi disponibili. La tecnologia militare più avanzata è stata impiegata senza la minima preoccupazione per le conseguenze sull’ambiente e sull’esistenza umana. I politici occidentali senza volto premevano i pulsanti. Gli scienziati hanno avvertito che tale volontà politica di utilizzare strumenti di distruzione di massa come l’uranio impoverito potrebbe portare conseguenze tragiche. I media mainstream occidentali, ma anche quelli serbi e jugoslavi, si sono particolarmente interessati al problema dell’uranio impoverito nel periodo novembre-marzo 2001. L’allora governo serbo dichiarò che il danno ecologico totale causato dai bombardamenti della NATO nel 1999 superava i 40 milioni di dollari americani. Il denaro necessario alla comunità internazionale per risanare i danni ammontava a 20 milioni di dollari e solo tra cinque anni si conosceranno gli effetti devastanti dell’uranio impoverito sull’uomo. Nel decennio successivo ai bombardamenti, circa 30.000 persone in Serbia soffrirono di cancro e più di 10.000 di loro morirono .

Ancora peggiori sono le conseguenze dei bombardamenti o dell’uso di munizioni all’uranio impoverito in Iraq, la lunga guerra iniziata ufficialmente nel 2003 dagli Usa e dai suoi alleati occidentali, ma prima c’era già la Guerra del Golfo e la guerra Iran-Iraq, che ha lasciato tracce di distruzione sulle persone e sull’ambiente, gli effetti sono visibili ancora oggi e sono così terribili! Come scrive Al-Jazeera , “si sospetta che la contaminazione da munizioni all’uranio impoverito e altri tipi di inquinamento di origine militare causi un forte aumento di difetti congeniti alla nascita, casi di cancro e altre malattie in gran parte dell’Iraq”. Nel corso del 2004, le forze armate statunitensi hanno effettuato due massicci assedi militari della città di Fallujah , utilizzando grandi quantità di munizioni all’uranio impoverito e al fosforo bianco.

Uranio impoverito proiettili

Non ci sono statistiche reali, né numeri, né cifre per monitorare la sofferenza disumana in Iraq. Un paese distrutto dall’Occidente con tutte le sue armi e con l’uranio impoverito e il fosforo bianco, che hanno devastato l’umanità e l’Occidente continua con queste terribili armi ora in Ucraina, con la differenza che probabilmente non la Russia o l’Ucraina sono le vittime ma l’Europa stessa perirà sotto la sua follia bellica.

Christopher Busby dice che questo significa che la Polonia, la Germania e altri paesi in Europa sono contaminati da particelle radioattive, i cosiddetti fact checker in Occidente hanno immediatamente confutato questa affermazione dello scienziato, senza realmente verificare i fatti e screditando lo scienziato e gli altri scienziati che hanno condotto ricerche in questo settore da anni. Così dice Christopher Busby;

La nostra ricerca in Iraq mostra chiaramente che gli effetti sulla salute delle particelle di uranio sono molto significativi. Potrebbero anche essere stati la principale causa di cancro tra i residenti di Hiroshima esposti all’uranio durante la cosiddetta pioggia nera”.

La cosa più inquietante è che non ci sono dati e nessuno, tranne gli Stati Uniti, il Regno Unito e la stessa Ucraina ovviamente, sa quante munizioni sono state sparate prima che la Russia distruggesse i magazzini, ma anche dopo la distruzione non si sa se ci siano eventuali altri magazzini o se questi carri armati con munizioni sono ancora attivi.

Non sappiamo, come nella ex Jugoslavia o in Iraq, quante vittime umane causerà questo uranio impoverito, non solo tra la popolazione civile, ma anche tra i soldati. Conosciamo tutti il ​​caso della “ sindrome della guerra del Golfo ” che, secondo gli Stati Uniti e tutti gli altri stati occidentali che hanno preso parte a questa guerra, aveva una causa sconosciuta, ma ovviamente potrebbe essere una questione di esaurimento. La maggior parte degli europei ricorda anche il disastro di Chernobyl , sempre in Ucraina (all’epoca ancora parte dell’Unione Sovietica). Il vento era nella direzione sbagliata e le particelle radioattive si sono diffuse in Europa, le autorità europee hanno avvertito la popolazione di allora di rimanere in casa e, ad esempio, di non mangiare spinaci freschi della terra, cosa che oggi non avviene più e così via, secondo lo scienziato Christopher Busby. L’Europa potrebbe essere sull’orlo di una pandemia di vari tipi di cancro.

In conclusione, possiamo dire che le élite europee e occidentali attualmente al potere, in tutta la loro stupidità, predicano il pericolo del cambiamento climatico e ignorano il pericolo dell’uranio impoverito, liquidandolo come non pericoloso per la salute pubblica, mentre gli scienziati dimostrano che può essere un rave pericolo. Inoltre, quelle che ora considero istituzioni orientate all’Occidente come le Nazioni Unite, vogliono attuare la loro agenda 2030, ma ignorano l’uranio impoverito che i paesi occidentali hanno inviato e continuano a inviare nelle zone di guerra in tutto il mondo, in altre parole, la follia climatica e tutti gli altri punti all’ordine del giorno si basano principalmente su un’ideologia occidentale, con la quale il resto dei due terzi del mondo non può identificarsi, finché lo stesso Occidente continua a inviare armi con uranio impoverito!

Sonja VAN DEN ENDE

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Particelle di uranio provenienti dall’Ucraina rilevate in Europa che sollevano problemi di salute

  1. Agli americani che gli frega la guerra sul loro territorio non la hanno mai avuto e la polvere radioattiva da liro non arriva

  2. Che peccato … le particelle radioattive non possono raggiungere Washington e Tel Aviv … Ma stanno arrivando verso Kiev, dai russofobi polacchi e nelle repubbliche baltiche, e soprattutto a Londra e nel sud dell’Inghilterra ! In questo caso è proprio il caso di dire che chi di URANIO FERISCE … DI URANIO PERISCE !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM