Palestina occupata – Smettila di paragonare Israele all’apartheid del Sud Africa; È molto peggio

di Thembisa Fakude (*)

È comune in questi giorni confrontare il razzismo istituzionale di Israele e la sua occupazione della Palestina con quella che era l’apartheid sudafricano. Fino a un certo punto, è un confronto ragionevole. Soltanto fino a un certo punto.
Nonostante tutti i suoi orrori e la sua brutalità, il regime dell’apartheid in Sud Africa non ha mai usato aerei da combattimento e artiglieria per bombardare le persone oppresse che vivono nelle township. Israele l’ha fatto e continua a farlo. Ormai è diventata quasi una routine, e quindi “accettabile” per la comunità internazionale, che permette a Israele di agire impunemente. Gli effetti sono spaventosi.

Secondo il ministro per l’ edilizia abitativa e i lavori pubblici di Gaza Naji Sarhan, 1.800 unità abitative sono state completamente distrutte da Israele nel suo ultimo assalto ai civili nel territorio bloccato, inclusi cinque grattacieli nel centro della città di Gaza , un’area densamente popolata. . Quasi 17.000 altre case sono state parzialmente danneggiate e più di 120.000 palestinesi sono stati sfollati con la forza dalle loro case.

Le infrastrutture civili sono state deliberatamente prese di mira da Israele . Poco più di settanta edifici governativi sono stati distrutti, inclusi il quartier generale della polizia e altre strutture di servizio pubblico. Almeno 66 scuole sono state danneggiate dai bombardamenti israeliani; tre moschee sono state completamente distrutte; Altre 40 moschee e una chiesa cristiana sono state danneggiate.

Gli israeliani hanno dato poco o nessun avvertimento sugli imminenti attacchi, lasciando ai malati e agli anziani pochissimo tempo di evacuare le loro case. Il New York Times ha riferito che un attacco aereo israeliano su un edificio residenziale a Deir Al-Balah lo scorso mercoledì sera ha ucciso una coppia sposata e la loro figlia di 2 anni, e ferito molti altri. La donna uccisa era incinta e suo marito era disabile. In che modo questa famiglia ha rappresentato una minaccia per lo Stato di Israele dotato di armi nucleari?

Questa distruzione di vite e proprietà è avvenuta in soli 11 giorni di intensi bombardamenti israeliani sui civili nella Striscia di Gaza . Si sono conclusi – per ora – con un cessate il fuoco entrato in vigore alle 2 del mattino di venerdì scorso.

La maggior parte degli attivisti e dei commentatori palestinesi cerca di evitare di dire o fare qualsiasi cosa che possa dar luogo ad accuse di antisemitismo. Il razzismo in tutte le sue forme è abominevole, quindi hanno ragione a farlo. Tuttavia, è spesso difficile trovare la terminologia corretta per descrivere e definire il conflitto israelo-palestinese. Alcuni dei risultati di questa ricerca di un lessico appropriato, tuttavia, sono così ridicoli che potrebbero finire per mettere a repentaglio la lotta palestinese per la liberazione dall’occupazione israeliana.

Di recente ho assistito a un dibattito sull’opportunità di chiamare “regime” il governo di Israele . È stato sorprendente quante persone della sinistra politica fossero contrarie all’uso del termine. Un dizionario definisce il termine “regime” come “un governo, in particolare un governo autoritario”. Questo, mi sembra, è del tutto applicabile a Israele, dove i leader politici e militari prendono di mira donne, bambini, disabili e anziani con le loro bombe e missili. Non una, non due, ma diverse volte in 11 giorni e 11 notti, in quella che è stata l’ultima di molte occasioni.
Israele si maschera da stato democratico con un regime di governo estremamente brutale. Non solo mostra un aperto disprezzo per il diritto internazionale, ma impone anche un’occupazione militare ai palestinesi e li terrorizza.

Questo stato combina nel suo modus operandi fascismo, razzismo, estremismo di estrema destra, apartheid e supremazia razziale. Capisco appieno il ragionamento dietro la descrizione di Israele come uno stato di apartheid , davvero; ha perfettamente senso per la maggior parte delle persone paragonare il regime israeliano al peggiore che sia mai esistito.

Il muro di Israele nella west bank (Palestina occupata)

Tuttavia, un simile confronto riduce effettivamente la gravità della crudeltà che Israele continua a infliggere ai palestinesi, il che non ha precedenti. Le persone ragionevoli in tutto il mondo dovrebbero quindi cercare un’altra descrizione che sia comunque rilevante. Questo potrebbe essere importante se e quando la questione sarà discussa nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove l’esistenza di veti da parte di sostenitori di Israele che non fanno domande a Washington, Parigi e Londra significa che le argomentazioni, e quindi le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, dipendono maggiormente da chi ti sostiene per quello che puoi dimostrare. Il Consiglio sostiene Israele .

Quindi potrebbero esserci disaccordi sul fatto che Israele sia o meno un regime. La definizione di apartheid non si adatta allo stato occupante, ed ecco il motivo: l’ apartheid del Sud Africa era un regime brutale che discriminava i suoi cittadini “non bianchi”; naturalmente, a molti di loro è stata concessa la “cittadinanza” dei Bantustan creati da Pretoria per allontanare i “non bianchi” dalla propria popolazione. Questo regime è stato condannato dalla comunità internazionale e decine di risoluzioni critiche sono state adottate dalle Nazioni Unite.

Sono nato e cresciuto a Soweto, probabilmente una delle zone del Sud Africa più colpite dall’apartheid . Soweto era un laboratorio per l’ apartheid ; incarnava i peggiori eccessi del regime dell’apartheid .

Ciò a cui abbiamo assistito nelle ultime due settimane a Gaza, tuttavia, non si è mai visto a Soweto, nemmeno al culmine dell’apartheid . Sono stato a Gaza , in Cisgiordania e in Israele , e ho trascorso del tempo nei campi profughi palestinesi in Medio Oriente, compresi Sabra e Shatila in Libano. L’apartheid del Sudafrica non è mai stato osservato, violazioni dei diritti umani, condizioni di vita disumane, posti di blocco militari, strade riservate ai coloni e persino vari siti di immatricolazione delle auto che facilitano le sparatorie e le molestie ai palestinesi. È importante notare che né Soweto né nessun’altra cittadina “nera” è mai stata bombardata da terra, aria e mare come Gaza .

Inoltre, nonostante i privilegi di cui godono i sudafricani bianchi, un numero significativo di loro si è opposto all’apartheid . Molti si sono rifiutati di servire nell’esercito dell’apartheid , scegliendo invece di lasciare il paese e vivere all’estero. Sebbene ci sia un piccolo numero di dissidenti israeliani, la maggioranza sostiene l’occupazione e le offensive militari statali contro il popolo di Gaza e sono quindi complici delle atrocità e dell’oppressione.
Secondo The Guardian , durante l’offensiva israeliana del 2014, il sostegno degli ebrei israeliani è stato travolgente durante l’operazione di 24 giorni, con sondaggi che mostrano che il 95% degli intervistati credeva che l’assalto fosse travolgente.

Bambini palestinesi arrestati dagli Israeliani

Per quanto cattivo possa essere stato il regime nel mio paese natale, ” apartheid ” non è un termine abbastanza forte per descrivere Israele . Dovremmo smettere di paragonare questo stato canaglia all’apartheid sudafricano perché è molto peggio. Dobbiamo trovare un’altra etichetta e rapidamente.

*
Nota ISM-Francia : sebbene il termine apartheid possa applicarsi al trattamento imposto dal regime coloniale ai palestinesi in 48 anni, è del tutto inappropriato descrivere la situazione dei palestinesi nella Cisgiordania occupata, a Gerusalemme e a Gaza . Il regime dell’apartheid in Sudafrica non ha cercato di sbarazzarsi della popolazione nera indigena di cui aveva bisogno per tutto il lavoro sporco. Il regime sionista ha invece attuato una lenta ma costante pulizia etnica, una lenta ma costante espropriazione di terra, proprietà, cultura, tutti gli aspetti della vita palestinese.

Avremmo immaginato che gli algerini sotto l’occupazione francese descrivessero la loro situazione come apartheid ? No di certo.
Non perdiamo di vista il fatto che anche se l’ apartheid fosse abolito in Palestina nel 48, la questione palestinese sarebbe risolta? No di certo.

Negli ultimi quindici anni, gli “occidentali” hanno imposto questa nozione riduttiva e imprecisa sulla vera pulizia etnica e sul colonialismo dei coloni subiti dai palestinesi e si teme che la lotta palestinese sia stata di conseguenza indebolita. .

*Thembisa Fakude, Johannesburg, Sud Africa.
Editorialista e analista geopolitico.
Vice Presidente Common Action Forum, Madrid, Spagna. Editorialista Middle East Monitor Londra, Regno Unito. Membro del consiglio di amministrazione di Mail and Guardian, Johannesburg, Sud Africa.

Fonte: https://www.middleeastmonitor.com/

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 21:30h, 28 Maggio Rispondi

    siccome è Palestina okkupata ‘israele non esiste

  • But Renato
    Inserito alle 07:35h, 29 Maggio Rispondi

    Israeliani un popolo che non a nessuna differenza dai suoi aguzzini tedeschi pertanto tutti gli stati che si proclamano democratici e appoggiano stato ebraico dovrebbero vergognarsi e imporre un Norimberga 2

  • Giorgio
    Inserito alle 19:04h, 29 Maggio Rispondi

    Le democrazie liberali hanno favorito la nascita e proteggono l’entità sionista ….. una nuova Norimberga la vorrebbero imporre contro gli avversari dei sionisti …..
    di ieri …. Saddam, Gheddafi, Nasser ….. e di oggi ….. Assad, Hezbollah, Iran ecc.

Inserisci un Commento