Paesi Baschi. Migliaia di manifestanti hanno marciato per le strade di Bilbao contro la NATO, l’Unione Europea e il nuovo nazismo

Convocata da varie organizzazioni, una manifestazione ha percorso le strade di Bilbao con lo slogan: ‘NATO e UE no! Euskal Herria antimperialista! Hanno proclamato la necessità di riorganizzare il movimento proletario europeo e la lotta dei lavoratori d’Europa.

Migliaia di persone hanno aderito questo sabato sera alla mobilitazione anti-NATO e anti-UE organizzata dai gruppi Askapena, Herri Ekimena e Bardenas, Ja Bilbao, per proclamare un “Euskal Herria antimperialista».
In queste settimane la mobilitazione ha avuto anche il sostegno di decine di altre organizzazioni.

I manifestnti hanno sottolineato che la grave crisi economica, energetica, politica e militare creata intorno alla guerra in Ucraina è “il risultato della strategia dell’imperialismo”, e che il contesto attuale richiede “urgentemente” “il grido di una lotta antimperialista e anti globalista” del Popolo Basco e spagnolo». La mobilitazione di questo sabato è il primo passo in quella direzione.

Proteste anti NATO in Spagna


Siamo in un momento in cui l’egemonia economica, politica e militare degli Stati Uniti sta cambiando. La Cina e, in misura minore, la Russia, stanno aumentando la loro influenza economica e politica nel mondo, motivo per cui le potenze atlantiste stanno sviluppando un’offensiva verso Est, proprio per mantenerne il controllo. In questo contesto dobbiamo situare i movimenti dell’imperialismo atlantista e della sua organizzazione criminale Nato e, ovviamente, l’Unione Europea, collegata ad essa”, hanno spiegato gli organizzatori della manifestazione.


Inoltre, la NATO è stata chiamata “l’esercito della borghesia dominante”. “È un ramo militarista con un obiettivo: schiacciare chiunque si opponga alle politiche del grande capitale e delle multinazionali. Oggi i risultati che l’accompagnano sono molteplici: il sovrasfruttamento e la precarietà della classe operaia, dei giovani e della classe media, soprattutto donne e persone di colore; cambiamenti nei diritti del lavoro per creare precarietà e rimuovere le concessioni materiali ottenute attraverso le lotte sociali; privatizzazioni dei servizi pubblici, cambiamenti nella legge, per aumentare la repressione di queste lotte”, ha detto.
Tra gli altri slogan, “Zelensky nazista, sei un terrorista”, “No, no, no, alla NATO”, “La guerra della NATO è la nostra miseria” e “La NATO è l’unico terrorista” ,sono stati gli slogan più ascoltati durante la manifestazione. . Sono state viste bandiere, simboli antifascisti e bandiere di Donetsk, oltre a due o tre bandiere russe e cubane.
Inoltre, durante la marcia è stata bruciata una bandiera della NATO. «È sempre più chiaro che, né come popolo né come classe, non abbiamo futuro all’interno della Nato e dell’Ue. È necessario distruggere gli strumenti di dominio della borghesia, così come degli stati spagnolo e francese”, hanno dichiarato.

Il capitalismo sta attraversando una crisi sistemica. Ci parlano di un “periodo speciale”, ma la verità è che ci troviamo piuttosto in una crisi permanente. Quando presumibilmente ne abbiamo superata una, ci hanno già imbottigliato in un’altra. Dal 2020, inoltre, siamo entrati in una fase di eccezionalità in cui gli Stati approfittano per imporre politiche economiche, sociali e disciplinari che puntano a uno scenario di guerra. Pertanto, non possiamo separare la decomposizione capitalista dall’aumento della repressione e della censura. L’ascesa del nuovo totalitarismo che sta avvenendo in tutta Europa è una diretta conseguenza della paura delle elite dominanti di perdere il controllo che esercitano su una popolazione sempre più sfruttata e arrabbiata.

Praga protesta acontro la NATO e la Guerra


Contemporaneamente in altre città europee da Praga a Parigi, Sofia e Berlino, si sono svolte altre manifestazioni contro la NATO, l’invio delle armi in Ucraina e contro il dominio degli Stati Uniti sull’Europa.
I media mainstram in grande maggioranza occultano queste manifestazioni e cerano di nascondere il malcontento delle popolazioni europee contro la partecipazione alla guerra e le misure di austerità sociale varate dai governi su indicazione dei grandi potentati finanziari sovra nazionali. In molti hanno colpreso la deriva anti popolare e pro imperialista che i governi europei hanno intrapreso sotto la direzione di Washington e Bruxelles.

Fonte: Resumen Latinoamericano

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM