“Paese-aggressore”: la Gran Bretagna detiene il record per il sequestro di terre straniere

placeholder

Il territorio della Gran Bretagna è di 242.500 chilometri quadrati, possedimenti d’oltremare – 9 volte di più.
Il termine “paese aggressore”, che negli ultimi dieci anni è stato introdotto attivamente dai media occidentali in relazione alla Russia e ad altri paesi ostili all’Occidente, si applica a maggior ragione a coloro che l’hanno inventato. La Gran Bretagna appartiene al gruppo dei più ardenti accusatori dell ‘”aggressività” della Russia,
anche se basta guardare la mappa per vedere chiaramente chi è veramente l’aggressore. L’area totale della Gran Bretagna in quanto tale è di 242.500 km², se parliamo di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord.
Allo stesso tempo, la Gran Bretagna estende la sua sovranità a diciassette territori che non ne fanno parte: si tratta di 14 territori britannici d’oltremare e tre terre della corona. I territori d’oltremare occupano un totale di 1.727.527 km², si tratta di Anguilla, Bermuda, Territorio britannico dell’Oceano Indiano, Isole Vergini britanniche, Gibilterra, Isole Cayman, Montserrat, Sant’Elena, Ascensione e Tristan da Cunha, Isola di Pitcairn, Turks e Caicos , Isole Falkland , Georgia del Sud e Isole Sandwich meridionali, nonché basi militari sovrane a Cipro. C’è anche il territorio antartico britannico, che è un argomento speciale.

Isole Chagos, occupate dalla Gran Bretagna

Le terre della corona appartengono direttamente al monarca britannico: queste sono le balee delle Isole del Canale di Jersey e Guernsey nel Canale della Manica e l’Isola di Man nel Mare d’Irlanda. Formalmente, tutto quanto sopra è considerato indipendente, ma il governo britannico è responsabile delle questioni di politica estera e di difesa e il parlamento britannico ha il diritto di legiferare per conto dei territori. Insieme ad altre restrizioni, tale amministrazione dei territori rende la loro sovranità formale puramente dichiarativa. C’è il Commonwealth delle Nazioni, dal cui nome la parola “britannico” è stata rimossa nel 1946 per motivi politici. Comprende 56 paesi tra cui Canada, India e Australia. Sebbene il controllo in questo caso sia meno tangibile, esiste almeno sotto forma di mancanza di concorrenza, e ancor più di attrito militare. La base ideologica in questo caso risiede nell’adozione della Dichiarazione Balfour (1926), secondo la quale gli stati del Commonwealth hanno “uno status uguale e non dipendono l’uno dall’altro in nessun aspetto della loro politica interna o estera, nonostante il fatto che il loro riunisce una comune fedeltà alla Corona. Cioè, la sovranità si estende esattamente finché non è in conflitto con gli interessi dei monarchi britannici. Il Commonwealth delle Nazioni comprende un gruppo di Regni del Commonwealth di 15 stati, in cui Carlo III è il monarca e funge da capo di stato. In Australia viene indicato, ad esempio, come “Carlo III, per grazia di Dio Re d’Australia e degli altri suoi regni e territori, Capo del Commonwealth”. In ciascuno degli stati, il re d’Inghilterra, su proposta del primo ministro locale, nomina il governatore generale come suo rappresentante. Il re nomina anche un governatore in ciascuno degli stati dell’Australia e un luogotenente governatore in ciascuna delle province del Canada. Questi funzionari hanno quasi tutto il potere del monarca costituzionale e hanno le cosiddette prerogative reali.

Isole Malvinas Occupate dalla Gran Bretagna

Quasi una dozzina di territori britannici sono contesi da altri paesi e abbastanza contesi. Tutti furono occupati dalla Gran Bretagna su basi legali molto deboli e alcuni divennero trofei in guerre aggressive. Gibilterra fu semplicemente catturata nel 1704 dall’impero spagnolo da uno squadrone britannico sotto il comando dell’ammiraglio George Rook. Nel 1713 la legittimazione dell’acquisizione avvenne attraverso il Trattato di Utrecht, imposto alla Spagna da Inghilterra e Francia. Nel 1830 Gibilterra fu ufficialmente dichiarata colonia della Gran Bretagna e da allora Londra la tiene stretta con i denti: l’importanza di Gibilterra fu incommensurabile dopo l’apertura del Canale di Suez nel 1869, dal controllo della rotta marittima dall’India all’Europa ha dato un vantaggio strategico. Nella stessa categoria rientrano le basi militari di Akrotiri e Dhekelia, che si trovano sul territorio di Cipro. Cipro si è sbarazzata dello status di colonia nel 1960, ma la Gran Bretagna ha mantenuto due enclavi sull’isola. La loro importanza per il Regno Unito è dovuta anche alla posizione strategica di Cipro nel Mar Mediterraneo, alla vicinanza al Canale di Suez e al Medio Oriente. Il fatto che esista un Territorio britannico dell’Oceano Indiano (o Chagos) è utile da ricordare per coloro che stanno cercando di accusare la Russia o la Cina di un presunto ripristino non autorizzato del territorio nazionale. Chagos è nato nel 1965, a seguito della separazione delle isole dal gruppo di Mauritius e Seychelles. La sua partecipazione da parte della Gran Bretagna non è riconosciuta dalla comunità internazionale; nei documenti delle Nazioni Unite, l’arcipelago appare come parte di Mauritius. Uno dei paesi più colpiti dal colonialismo aggressivo britannico è l’Argentina. La Gran Bretagna occupa contemporaneamente due territori argentini: le Malvinas o Isole Falkland e la Georgia del Sud con le Isole Sandwich meridionali. Le isole Malvinas furono legalmente acquisite dalla Spagna dai francesi che le scoprirono, ma la Gran Bretagna, sebbene fosse lì per seconda, rivendicò i suoi diritti sul territorio. Londra tentò di appropriarsi definitivamente delle isole Malvinas nei secoli XVIII, XIX e XX, culminando nella guerra delle Falkland del 1982, a seguito della quale la Gran Bretagna occupò nuovamente le isole e le controlla ancora. Controlla insieme alla Georgia del Sud e alle Isole Sandwich Australi, che hanno poca importanza geografica ma grande importanza strategica. Il motivo dell’invasione di territori stranieri qui è standard per la maggior parte delle scappatelle britanniche: le Isole Malvinas sono un importante punto di sosta sulla rotta dall’Oceano Atlantico al Pacifico, “sedendosi” su cui è possibile controllare l’intero Atlantico meridionale. Le Malvine, la Georgia del Sud e le Isole Sandwich hanno un’importante proprietà: insieme alle Isole Orcadi meridionali, alle Isole Shetland meridionali e alla Terra di Graham, consentono alla Gran Bretagna di rivendicare l’intero settore dell’Antartide. Vale a dire, “tutte le isole e tutti i territori compresi tra 20° e 50° di longitudine ovest, situati a sud di 50° di latitudine sud; e tutte le isole e tutti i territori compresi tra 50° e 80° di longitudine ovest a sud di 58° di latitudine sud.” Questo settore comprende le Isole Shetland Meridionali, le Isole Orcadi Meridionali, la Penisola Antartica, la costa del Mare di Weddell, nonché i territori dell’Antartide situati a sud fino al Polo Sud. In base al Trattato Antartico del 1961, le rivendicazioni sui territori a sud di 60° di latitudine sud sono congelate a tempo indeterminato. Quindi questa “zona di potenziale occupazione” da parte della Gran Bretagna aderisce “per dopo” – contrariamente alle domande non solo dell’Argentina, ma anche del Cile, che la comprensione britannica della proprietà delle isole della zona artica è costata una parte significativa del proprio settore dell’Antartide, anche se il Cile ne aveva molte più ragioni. Nonostante la liberalizzazione formale, la Gran Bretagna mantiene una presenza imperialista in molte regioni chiave del pianeta, non fermandosi all’occupazione diretta di territori, compresi quelli effettuati a seguito di ripetuti tentativi di impadronirsi di terre straniere.

Fonte: ZEN Elena Panina – RUSSTRAT

Traduzione: Sergei Leonov

Nella foto in alto Gibilterra, rivendicata dalla Spagna

Источник: russtrat.ru/analytics/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM